Dal 12 al 17 marzo. La compagnia “hangar duchamp”, diretta da Andrea Martella, al suo secondo lavoro dopo l’esordio, nella scorsa stagione, con “Il Cuore a Gas”, opera dadaista di Tristan Tzara, porta in scena, al Teatro Trastevere, il dramma surrealista di Guillaume Apollinaire “Le Mammelle di Tiresia”. Uno sberleffo al machismo ed un grido di emancipazione femminile, mai così necessario in tempi come questi in cui la recrudescenza medioevale si fa sempre più sfacciata e selvaggia.

Rumore bianco teatrale, così è stato definito “Il Cuore a Gas”, capolavoro del teatro dada scritto da Tristan Tzara e rappresentato per la prima volta, in pieno clima avanguardistico, nel 1921 a Parigi. I personaggi, Occhio, Bocca, Orecchio, Naso, Sopracciglio e Collo vivono, dialogano ed interagiscono all’interno di un mondo surreale e fuori dal tempo e dallo spazio. Li porta in scena al Teatro Trastevere la regia di Andrea Martella, dal 4 al 7 gennaio.

TOP