Carrozzerie | n.o.t. continua la sua attività di supporto e valorizzazione di progetti creativi e profondamente innovativi sui sentieri del teatro contemporaneo, della danza e delle arti performative, con la direzione artistica di Francesco Montagna e Maura Teofili (candidata quest’anno al Premio Ubu come migliore curatore o organizzatore). Dal 29 novembre al 1 dicembre è stato qui presentato il primo atto del nuovo lavoro del regista Dante Antonelli, “Works of Worship | 4 Atti di Adorazione”, con il gruppo W.O.W., composto dai talentuosi e giovanissimi Claudio Larena, Giovanni Onorato, Arianna Pozzoli e Pietro Turano.

Sabato, 21 Gennaio 2017 17:43

Duet - Carrozzerie n.o.t (Roma)

Tre giorni di sold-out e calorosissimo apprezzamento del pubblico hanno salutato l’atteso debutto di “Duet - quanti siamo davvero quando siamo noi due?”, terzo ed ultimo capitolo della Trilogia Werner Schwab, dedicata dal Collettivo SCHLAB guidato da Dante Antonelli all’universo iconoclasta del drammaturgo austriaco ed in particolare alla sua opera maggiormente significativa, i “Drammi Fecali”. Dopo “Fäk Fek Fik - Le Tre Giovani”, miglior spettacolo al Roma Fringe Festival 2015, riscrittura del primo capitolo “Le presidentesse” con protagoniste Martina Badiluzzi, Giovanna Cammisa e Arianna Pozzoli e dopo il dittico dedicato al capitolo conclusivo “Sterminio” - costituito dal monologo “Santo Subito” portato in scena da Gabriele Falsetta e da “Kova Kova” presentato nell’ambito della rassegna Dominio Pubblico, con Valeria Berardelli e Arianna Pozzoli - è ora la volta del lavoro centrale della trilogia di Werner Schwab, “Sovrappeso, Insignificante: Informe - una cena europea”. Il risultato è un lavoro viscerale, ironico e al contempo lancinante, in cui drammaturgia e regia si intrecciano in un unicum indissolubile, esaltato dalle possenti interpretazioni dei due attori in scena, Valentina Beotti ed Enrico Roccaforte.

Un lento ma inesorabile divampare, una progressiva erosione che aggredisce sottilmente l'individuo minandone alle fondamenta ogni identità, annichilendone ogni anelito di realizzazione e costringendolo ad un'affannosa sopravvivenza. Assume questi connotati l'universo "lavoro" nella nostra iper-tecnologica, convulsa contemporaneità; una "Combustione. Umana. Spontanea" vividamente tradotta in arte performativa dalla drammaturgia di Valentina Beotti e dalla regia da lei concepita a quattro mani con Bernardo Casertano, in questo acuto e lancinante spettacolo, presentato in prima nazionale giovedì 21 gennaio presso Carrozzerie n.o.t.

Un nuovo spettacolo di Raffaele Curi per gli “Esperimenti di Quaresima” della Fondazione Fendi con Domiziana Giordano, performance nella quale il pubblico, in piedi, è immerso per un’ora in un clima sospeso tra anamnesi mitica e post-moderno: dallo Zoroastrismo ai miti della fertilità, alla vita violenta e aggressiva contro le donne dell’India di oggi. Immagini e parole che scorrono su uno schermo a tutta parete; personaggi muti e nudi su una passerella appesa, fino alla celebrazione della vita, dell’uovo sacro, prima che sia troppo tardi, al di là degli schemi e delle regole.

Ad inaugurare la seconda stagione della linea APACHE, edizione 2015, il Teatro Litta è lieto di ospitare "WHITE:WIDE:WET" il primo lavoro come regista di Andrea Pizzalis: performer, fotografo ed artista visivo, apprezzato negli ultimi anni per il suo impegno con alcune delle compagnie di ricerca più importanti in Italia.

Debutta in prima nazionale nell'inquietante e claustrofobica atmosfera offerta dall'inconsueto Teatro di Documenti, una nuova discesa negli inferi di "4.48 Psychosis", ultima e più celebre opera della drammaturga britannica Sarah Kane, nonchè suo testamento esistenziale ed artistico, completata appena prima del suicidio - avvenuto a soli ventotto anni nel febbraio 1999 per impiccagione con i lacci delle proprie stesse scarpe - e rappresentata postuma un anno e mezzo dopo nel giugno 2000 al londinese Royal Court Theatre. Traghettatori di questa navigazione lungo le sponde acherontee di un viaggio negli abissi di una psiche annientata dalla depressione, la direzione registica acuminata e possente del giovane Simone Giustinelli e l'interpretazione viscerale ed appassionata di Valentina Beotti.

Sarà in scena al Teatro dei Documenti, dal 2 al 4 maggio, "4:48" di Sarah Kane, regia di Simone Giustinelli, con protagonista Valentina Beotti.

Domenica, 03 Febbraio 2013 14:35

Grimmless - Teatro Bellini (Napoli)

Dall'1 al 3 febbraio. Quinto appuntamento al Teatro Bellini di Napoli per la serie di incontri “Salotti d’autore”, dedicato a ricci/forte, con la conferenza dal titolo “Il teatro eretico di ricci/forte” moderata da Gianmarco Cesario, con l’intervento di Giulio Baffi e la partecipazione di Stefano Ricci, Gianni Forte e della bravissima Anna Gualdo. I due drammaturghi/registi romani si concedono il giorno antecedente alla prima, ad un pubblico curioso ed esperto del loro teatro, aprendo con la semplicità che li contraddistingue una nuova finestra su questo spettacolo, sulla loro concezione di fiaba, sul duro lavoro che precede ogni singola opera.

Dal plastico e volatile scenario della cultura pop ai lenti giri di giostra delle tradizioni popolari che si depositano in stratificazioni inesauribili di bagagli di storie, e viceversa. Tra la vertigine e gli strepiti del discount e il sussurro persuasivo della fiaba echeggiata prima della buonanotte, ecco balenare Grimmless, nuova tappa del progetto drammaturgico e performativo dell’ensamble ricci/forte, la cui anima creativa è composta da Stefano Ricci, che firma anche la regia, e Gianni Forte, definiti dalla stampa i due enfants terribles della nuova scena italiana e invitati a presentate i loro allestimenti su prestigiosi palcoscenici internazionali.

Sabato, 18 Febbraio 2012 21:23

Grimmless - Teatro Elfo Puccini (Milano)

Grimmless

Dal 14 al 19 febbraio. Dal plastico e volatile scenario della cultura pop ai lenti giri di giostra delle tradizioni popolari che si depositano in stratificazioni inesauribili di bagagli di storie, e viceversa. Tra la vertigine e gli strepiti del discount e il sussurro persuasivo della fiaba echeggiata prima della buonanotte, ecco balenare “Grimmless”, nuova tappa del progetto drammaturgico e performativo dell’ensemble ricci/forte, la cui anima creativa è composta da Stefano Ricci, che firma anche la regia, e Gianni Forte, definiti dalla stampa i due enfants terribles della nuova scena italiana.

Pagina 1 di 2
TOP