Si è svolta presso il Teatro Mercadante ieri, venerdì 7 settembre, la quindicesima edizione del prestigioso premio “Le Maschere del Teatro Italiano”, ideato da Luca De Fusco e Maurizio Giammusso, che assegna riconoscimenti ai migliori artisti e alle migliori produzioni teatrali dell’anno teatrale appena trascorso. L’evento è stato condotto da Tullio Solenghi ed è stato trasmesso in differita su Rai Uno.

Un teatro storico della Capitale rilancia una stagione con una proposta articolata e varia, dalla commedia alla magia, dalle incursioni culturali in teatro, a formule di teatro-studio di omaggio a grandi personaggi, con una forte presenza della musica dal vivo, fino ad un format di teatro immersivo, perché tutto quello che è racconto al pubblico da un palco è teatro. In fondo con “Rumori fuori scena” c’è posto anche per un classico, senza che la prosa classica sia citata. Il direttore artistico, Viviana Toniolo, passa in rassegna la sua proposta per la nuova stagione da uno dei palchi storici di Roma che non è mai stato solo teatro ma impegno per il pubblico in senso ampio, anche politico. Il cartellone racconta bene la metafora di un teatro inteso non solo come spettacoli in senso classico: prosa comica e tragica, ma ben altro. Esordisce affermando che il teatro non chiude - precisazione d’obbligo viste le tante recenti polemiche e troppe voci di corridoio, non è venduto ma resta in vendita.

Presentata alla stampa e al pubblico la nuova stagione teatrale del Teatro Quirino Vittorio Gassman che punta ad un ventaglio di proposte variegate confermandosi come “Teatro POP”, attento alla tradizione senza perdere di vista i linguaggi della contemporaneità.

Giovedì, 14 Aprile 2016 20:05

Quei due - Teatro Manzoni (Milano)

Sino al 17 aprile al Teatro Manzoni di Milano, Massimo Dapporto e Tullio Solenghi recitano per la prima volta insieme nella brillante commedia “Quei due (Il sottoscala)”, di Charles Dyer, drammaturgo inglese classe 1923. La regia è di Roberto Valerio, la produzione, indipendente, di Angelo Tumminelli. La scena, che resta invariata per i due atti, è un sottoscala dove una coppia omosessuale, insieme da trent'anni, ha allestito il suo negozio da barbiere.

Il Teatro cambia: da spazio adibito solo alla fruizione di spettacoli si trasforma in luogo da abitare; la sua offerta si diversifica, la gamma di spettacoli aumenta. E così, succede che una stagione ne racchiuda molteplici, proprio come al Teatro Manzoni di Milano.

Mercoledì, 14 Gennaio 2015 18:20

Amadeus - Teatro Elfo Puccini (Milano)

Dal 9 al 18 gennaio. E se le cose fossero andate diversamente? Se la relazione tra Salieri e Mozart che le fonti ci dicono essere stata cordiale fosse stata invece permeata, sotto la maschera della finzione e convenzione sociale, ben più potente ahimè di quella teatrale, da bassi sentimenti, quali invidia, rabbia, paura? Alberto Giusta cura la regia di "Amadeus", titolo della pièce teatrale in due atti scritta da Peter Shaffer nel 1978, da cui è stato successivamente tratto l'omonimo film del 1984 diretto da Milos Forman. E ne dà una sua lettura effervescente con un cast di attori che sembra non recitino, tanto sono autentici. Tullio Solenghi e Aldo Ottobrino insieme ai colleghi, avvolgono il pubblico con la magia del teatro.

Eros Pagni e Tullio Solenghi sono "I Ragazzi Irresistibili" nella brillante commedia di Neil Simon: due protagonisti dalla forte vena comica per un classico della risata, in scena dal 10 al 22 dicembre al Teatro Olimpico per la regia di Marco Sciaccaluga.

Mercoledì, 20 Febbraio 2013 20:46

L'apparenza inganna - Teatro Sala Umberto (Roma)

Dal 19 febbraio al 3 marzo. La terza versione del testo, dopo quella nota cinematografica e un’altra teatrale – protagonista Neri Marcorè, diversi anni fa a Milano – convince e diverte. Davvero bravi gli interpreti, che finalmente fanno ridere senza essere sguaiati e senza volgarità; perfino svelando qualche lato amaro che riesce a disegnare anche i personaggi di secondo piano, tutti curati. Buona la trovata della scenografia a due piani. Uno spettacolo godibile.

Mercoledì, 25 Gennaio 2012 22:32

L’apparenza inganna - Teatro Nuovo (Milano)

L'apparenza inganna

Ottima rivisitazione teatrale di un film francese molto divertente, “L’apparenza inganna”, scritto da Francis Veber dopo il successo ottenuto con “La cena dei cretini”. Lo presenta il Teatro Nuovo di Milano dal 17 al 29 gennaio, vincendo la scommessa di superare lo schermo col palcoscenico grazie al geniale impianto scenografico ideato da Alessandro Chiti e a due protagonisti irresistibili come Maurizio Micheli e Tullio Solenghi.

TOP