La spinta all'inedito, alla novità è l'anima del contemporaneo per il curatore che ha affrontato una doppia scommessa: un festival contemporaneo in un luogo fuori da questo circuito. L'edizione di quest’anno ha puntato in particolare sul gioco di squadra e sull'apertura ai giovani. Intervista a Tommaso Sacchi, curatore di CROSS, progetto con focus sui linguaggi performativi ma che si prefigge anche di individuare e formare, sul territorio, un pubblico attivo e partecipativo sui temi dell’arte e della cultura contemporanee.

TOP