Franco Branciaroli è di nuovo protagonista della storica edizione di “Medea” diretta da Luca Ronconi nel 1996, riallestita da Daniele Salvo. Un doveroso omaggio al grande Maestro scomparso nel 2015 da uno degli artisti che ha lavorato con lui più a lungo e in maggiore vicinanza (basti ricordare spettacoli impressi nella memoria collettiva come La vita è sogno, Prometeo incatenato, Lolita), e un’occasione imperdibile di rivedere una delle pietre miliari della storia registica ed interpretativa del secondo Novecento. E lo spettacolo, che vide Branciaroli nei panni femminili di Medea, è una pietra miliare della storia del teatro nazionale.

Sabato, 25 Marzo 2017 21:14

Risiko - Teatro della Cometa (Roma)

Dal 22 marzo al 9 aprile. Divertente, graffiante e ancora attualissimo a venticinque anni dal suo debutto, torna al Teatro della Cometa di Roma “Risiko - Quell'irrefrenabile voglia di potere”, testo di Francesco Apolloni e regia di Vanessa Gasbarri. Come in una partita a Risiko, alcuni giovani aspiranti politici, scaltri e privi di scrupoli, preparano strategie e muovono pedine alla ricerca del potere a tutti i costi. Una commedia brillante ed incisiva: 100 minuti per ridere, amareggiarsi, riflettere.

Era il 1992 quando Francesco Apolloni propose al TodiFestival lo spettacolo "RISIKO - Quell’ irrefrenabile voglia di potere". Fu un grandissimo successo, applauditissimo in tutti i teatri che lo videro in scena, compreso il Teatro della Cometa. Lo spettacolo divenne un cult. A distanza di 25 anni torna in scena dal 22 marzo al 9 aprile proprio al Teatro della Cometa. Un tema sempre di grande attualità: il crollo della vecchia classe politica e la nascita della nuova. Regista di questo nuovo allestimento è Vanessa Gasbarri. Protagonisti (in ordine alfabetico) Andrea Bizzarri, Tommaso Cardarelli, Guenda Goria, Antonio Monsellato, Luigi Pisani, Giulia Rupi.

Domenica, 23 Ottobre 2016 15:01

Macbeth - Piccolo Teatro Strehler (Milano)

In occasione del 400° anniversario della morte di Shakespeare, Franco Branciaroli si confronta di nuovo con “Macbeth”, dopo esserne stato già protagonista nell’edizione diretta da Giancarlo Sepe nel 1994. Lo spettacolo sarà in scena dal 18 ottobre al 6 novembre al Piccolo Teatro Strehler.

E’ stata presentata la stagione 2016/2017 del Teatro della Cometa, pronto ad offrire un calendario equilibrato tra commedie brillanti e lavori più strutturati dal punto di vista drammatico, curato con passione dal Direttore Artistico Giorgio Barattolo. Tra ritorni di artisti amatissimi dal pubblico, la leggerezza ed ironia della commedia, un occhio costantemente rivolto alla drammaturgia contemporanea in special modo italiana, contaminazioni musicali e progetti collaterali focalizzati su tematiche culturali, si preannuncia una stagione quanto mai ricca e variegata, pronta ad accogliere gli affezionatissimi abbonati e nuovi spettatori nell'incantevole cornice dell'intimo teatro incastonato tra il Campidoglio e il Teatro di Marcello.

Domenica, 26 Ottobre 2014 16:36

Enrico IV - Piccolo Teatro Strehler (Milano)

Uno degli attori più osannati del nostro teatro, Franco Branciaroli, da giovanissimo fu il preferito di Giovanni Testori, che scrisse per lui e recitò con lui dal vivo sulla scalinata est della Stazione Centrale di Milano una propria commedia assolutamente indimenticabile. Oggi Branciaroli, che in teatro è ormai un classico, sceglie di interpretare e dirigere per la prima volta una commedia di Luigi Pirandello, che il grande drammaturgo siciliano scrisse nel 1921 appositamente per un attore così grande e celebre che ancora oggi si parla di lui, Ruggero Ruggeri. L’opera, "Enrico IV", andò in scena a Milano nel 1922, mentre Ruggeri entrò a far parte della Compagnia d’Arte fondata due anni dopo proprio da Pirandello per poi diventare, molti anni dopo e assieme a Giorgio Strehler, il più celebre Arlecchino che da Milano girò il mondo intero. Ma tutto questo che c’entra? Nulla forse, salvo che il teatro è creato da gente che ama il teatro, sia che lo scriva, reciti o diriga e così tutto torna. Branciaroli è al Piccolo Teatro Strehler dal 21 ottobre al 2 novembre e offre una messa in scena straordinaria della lucida follia che Pirandello ha sempre cercato di descrivere in tutti i suoi grandi capolavori del malinteso e dell’ironia.

Sabato, 22 Febbraio 2014 09:16

Il Teatrante - Teatro Quirino (Roma)

Dall'11 al 23 febbraio. In scena al Teatro Quirino la graffiante e sarcastica riflessione condotta sul significato intrinseco del teatro e sulle sue interazioni col tessuto sociale da Thomas Bernhard, romanziere e drammaturgo austriaco dall’inconfondibile sguardo icastico. Dopo “Servo di scena”, che nella scorsa stagione ha raccolto un caloroso consenso di pubblico e critica, l’indagine prosegue con “Il teatrante” lasciando libero sfogo al pessimismo atavico dell’autore che non concede alcun margine di riscatto né al teatro né tantomeno all’individuo che si illuda tramite esso di pervenire ad una sintesi risolutiva tra sogno e realtà, concretezza del vivere quotidiano ed utopico slancio creativo. Il tutto confezionato in una commedia di lucente brillantezza, che dispiega dinanzi a Franco Branciaroli terreno fertile per un’interpretazione istrionica e vibrante, da dominatore incontrastato del palcoscenico capace di sostenere due ore di rappresentazione in un pressoché ininterrotto monologo, con una potenza espressiva realmente da mattatore d’altri tempi.

Con la messinscena de Il teatrante, testo graffiante scritto nel 1985 dal grande romanziere e drammaturgo austriaco Thomas Bernhard, Franco Branciaroli continua la lunga riflessione sul Teatro e sul suo rapporto con la società attraverso la Memoria che ne è l’elemento fondamentale. Mentre in Servo di scena la Memoria è il presupposto stesso dell’azione scenica (da un lato la necessità di tener desta la memoria del popolo inglese durante la guerra, dall’altro gli sbandamenti della memoria di chi dovrebbe assumersi questo compito), ne Il teatrante, questa, viene messa direttamente a tema.

Venerdì, 23 Novembre 2012 19:52

Servo di scena - Teatro Argentina (Roma)

Dal 20 novembre al 2 dicembre. L’apertura della nuova stagione del Teatro Argentina è affidata alla commedia “Servo di scena” del drammaturgo sudafricano Ronald Harwood, opera pervasa da un potente connubio di brillante ironia e struggente emozione. Un inno viscerale al teatro e alla sua incoercibile capacità di affrontare con coraggio e dignità le contingenze più oscure e dolorose, portato in scena con magistrale carisma ed inesauribile passione dall’istrionico Franco Branciaroli, con la traduzione di Masolino d’Amico e l’affascinante allestimento scenografico di Margherita Palli.

TOP