Dal 5 al 17 febbraio. Già in tournée nel 2017, Agnese Fallongo torna a calcare, insieme al talentuoso Tiziano Caputo, i palcoscenici capitolini con il suo delizioso “Letizia va alla guerra”, impreziosito da una nuova figura femminile. Non perdetevelo.

Undici titoli in abbonamento più due fuori abbonamento, per un totale di tredici spettacoli, compongono il ricco cartellone 2018/19 della stagione del Teatro della Cometa. Un teatro vivo deve essere capace di osservare e interpretare il presente. È per questo che la stagione 2018/2019 si diverte a mescolare le carte per soddisfare gusti e sensibilità diverse. Un programma variegato che si caratterizza per la qualità e la raffinatezza delle proposte.

Dal 1 al 12 febbraio. La Compagnia della Rancia, con la regia di Saverio Marconi, torna al Teatro Brancaccio di Roma con il suo “Sister Act, Il Musical”, riduzione teatrale del fortunato film “Sister Act” con Whoopi Goldberg. Una storia piena di ritmo, tra gangster e novizie, rosari, inseguimenti e colpi di scena: 25 splendidi brani musicali, , coreografie frizzanti, centinaia di costumi e imponenti scenografie, 23 grandissimi talenti tra cui Belia Martin nel ruolo della spumeggiante e incontenibile Deloris Van Cartier, Pino Strabioli nei panni di Monsignor O’Hara, Jacqueline Maria Ferry, una rigorosa e luminosa Madre Superiora e la special guest, Suor Cristina, che si alterna con la bravissima Veronica Appeddu nel ruolo della novizia Suor Maria Roberta.

Con un foyer mutato, una platea ampliata ed una struttura innovata a livello tecnologico, il Teatro Sette accoglie il suo pubblico offrendo un cartellone che dà spazio tanto alle nuove leve come ad attori noti del panorama italiano. Nicola Pistoia, Ugo Dighero, Gigi Proietti, Sergio Zecca, Marco Zadra sono solamente alcuni dei tanti artisti che si ritroveranno nello spazio di via Benevento nel corso della stagione 2015/2016. Il direttore artistico Michele La Ginestra sarà in scena a Natale con il suo nuovo one-man-show «M’accompagno da me».

Approda al Roma Fringe Festival 2015 la Compagnia Cavalieri Mascherati con "La vera vita del cavaliere mascherato", liberamente ispirato a "La vera vita di Jacob Gherda" e ad altre poesie e opere di Bertolt Brecht. Lo spettacolo, scritto da Alessandro De Feo e Giancarlo Sammartano, con la regia dello stesso De Feo, sarà in scena domenica 7, martedì 9 e giovedì 11 giugno.

La programmazione del Roma Fringe Festival 2015 nei giardini di Castel Sant’Angelo prosegue con una settimana di spettacoli tra ironia e impegno, teatro civile e danza dal 7 al 13 giugno. Sabato 13 giugno, come sempre in scena i tre spettacoli più apprezzati della settimana insieme all’imperdibile e tradizionale appuntamento con Johnny Palomba #Recinzioni @RomaFringe, alle 22.30 sul Palco A.

Venerdì, 26 Dicembre 2014 18:06

Un uomo è un uomo - Teatro Trastevere (Roma)

La Compagnia Marabutti - giovane nucleo teatrale composto da Lorenzo De Liberato, autore e regista, e dagli attori Fabrizio Milano e Stefano Patti - porta in scena al Teatro Trastevere "Un uomo è un uomo", opera firmata nel 1925 da Bertolt Brecht. Una armonica e trascinante commistione di prosa, versi e brani musicali interpretati dal vivo rappresenta l'efficace strumento capace di indurre ad un'autentica riflessione sulla radicale spersonalizzazione dell'individuo, sull'annientamento della sua identità esercitato da un potere cinico e massificante, totalmente sordo alle più basilari esigenze umane. Dinamiche esistenziali devastanti che dall'epoca dell'imperialismo coloniale ritratta nella pièce allungano la propria ombra venefica sino all'attualità sociale ed economica, in cui ciascuno di noi è sempre più ridotto a mero numero seriale, matricola o pedina di un affannoso quanto inutilmente inarrestabile inseguimento del profitto.

Sarà in scena al Teatro Trastevere dal 18 al 21 dicembre la fredda e cinica fotografia dell’imperialismo coloniale di "Un uomo è un uomo" di Bertolt Brecht, nell'adattamento proposto dai Marabutti, giovane compagnia teatrale composta da Lorenzo De Liberato, autore e regista, e dagli attori Fabrizio Milano e Stefano Patti.

TOP