Particolare e sperimentale adattamento dell’omonimo romanzo di Gianrico Carofiglio, lo spettacolo teatrale itinerante e di denuncia sociale "Ad occhi chiusi" continua a riscuotere successo nel pubblico, con una programmazione di repliche che si protrarrà durante il mese di aprile. Abbiamo incontrato Sara Allegrucci, produttrice e interprete della pièce.

Sono gli uomini senza voce, quelli ridotti al silenzio, considerati dalla società persi da perdizione, come diceva di un amore non tollerato Marguerite Duras in "Occhi blu, capelli neri", che interessano a Galliano Mariani. Sono le persone considerate solo individui da rieducare o da restituire come vuoti a perdere in una discarica della vita, quelle alle quali l’attore presta la sua attenzione, non per schierarsi contro coloro che pretendono di stare dalla parte dei giusti ma perché ci sia uno spazio per ognuno di noi. Dopo aver particolarmente apprezzato il precedente lavoro da lui interpretato, "Sissy Boy", abbiamo incontrato Mariani in occasione delle repliche romane del suo nuovo progetto "Millennium Bug" - firmato da Sergio Gallozzi e diretto da Christian Angeli - liberamente ispirato a "Il Maratoneta" di Luca Coscioni.

Dal 15 al 20 marzo al Teatro Argentina Francesca Comencini porta in scena voci e storie di donne che vissero l’eccidio delle Fosse Ardeatine, "Tante facce nella memoria", un oratorio sulla memoria della terribile tragedia che segnò ferocemente Roma nel corso del secondo conflitto mondiale. Abbiamo incontrato Bianca Nappi, una delle sei protagoniste dello spettacolo, nel ruolo della partigiana e giornalista romana Marisa Musu.

Lo spettacolo “Rotholandus” andrà in scena al Teatro Franco Parenti di Milano lunedì 14 marzo, a favore dell'Alyn Hospital di Gerusalemme e propone una serata introdotta dalle giovani allieve della scuola ARTE' Danza e Capoeira di Alma Baldini. Abbiamo incontrato Rosana Rosatti, presidente dell’Associazione Amici di Alyn per la sezione di Milano che ci ha raccontato com’è nata l’iniziativa.

Nella ricercata fucina di teatro contemporaneo di Carrozzerie n.o.t. un week-end all'insegna dell' ufologia e di quei misteri insondabili che non cessano di affascinare ineffabilmente l'animo umano. Il tutto ovviamente declinato in chiave teatrale, attraverso l'ironico, accurato, personalissimo punto di vista di Maurizio Patella, artista genovese che, con sapienza narrativa ed istrionico carisma capace di catturare l'attenzione dello spettatore, ci conduce alla scoperta delle inquietanti vicende che assediarono l'esistenza di un semplice metronotte ligure, Pietro Zanfretta. "Loro" infatti non è una storia inventata. "Loro" è la storia vera del più famoso rapimento alieno in Italia. "Loro" è la storia, costellata di un susseguirsi incredibile di avvenimenti e interrogativi irrisolti, di undici incontri ravvicinati del terzo e quarto tipo che funestarono l'esistenza di Zanfretta, storia che Patella ripercorre sul palcoscenico con funambolica energia ed il gusto di un'artigianalità teatrale piacevolmente d'altri tempi.

Ana Mrovlje è nata a Ljubljana (Slovenia) nel 1989. La sua formazione parte dal balletto classico e dal balletto jazz; nel 2009 inizia a studiare disegno all'Art School di Ljubjana e prosegue i suoi studi al Pioneer Art Center. E' laureata alla Sigmund Freud University di Vienna. Le sue abilità artistiche si concentrano soprattutto sul disegno di idee e soggetti legati all'inconscio e al loro incapsulamento nel corpo umano. Ana è molto incuriosita dal modo in cui la sanità mentale di un individuo sia collegata alla follia collettiva. Nel suo lavoro, indaga i punti in comune tra le prospettive sociali precostituite e i punti di vista predominanti dei singoli individui, riflettendo sugli angoli morti di entrambi.

TOP