La stagione estiva del Teatro India si conclude con “Pezzi anatomici, uno stato eternamente nascente”, la performance di mk che è al tempo stesso anche luogo di incontro tra creazione in diretta e ricerca sul linguaggio coreografico, con un formato che simula l’andamento sperimentale della sala prove. Pubblico e performer condividono la scena sul modello del “gabinetto anatomico” rinascimentale, nell’accadimento inaspettato che si genera tra corpi in movimento.

Dopo sei anni di lavoro stratificato per la città di Roma IF/INVASIONI (dal) FUTURO_NEW ERA torna quest’anno, dal 24 al 30 agosto, con contenuti, forme e dispositivi interamente rinnovati. Grazie alle nuove provenienze geografiche di scrittori e scritture, IF_NEW ERA si spinge in pieno XXI secolo per rintracciare in certi temi, linguaggi e paesaggi, una nuova riflessione sul presente, il futuro e le sue inquietudini. IF_NEW ERA sperimenta inoltre un dispositivo misto, ‘digitale’ e ‘dal vivo’, che alterna la piattaforma radiofonica RADIO IF agli spettacoli musicali, alle istallazioni e ai laboratori disseminati per gli spazi del Teatro India.

Dal 29 gennaio al 9 febbraio, il Teatro di Roma ospita un coraggioso e colossale lavoro su “La commedia della vanità” di Elias Canetti, diretto da Claudio Longhi. Lo spettacolo, prodotto da Emilia Romagna Teatro, riflette sul rapporto tra massa e potere, sulla costruzione dell’identità, sulla deriva dittatoriale della retorica dell’uomo forte al comando, sull’idea di Europa ieri e oggi.

Dal 15 al 26 gennaio al Piccolo Teatro di Milano è andata in scena “La commedia della vanità”, composta nel 1934 dallo scrittore bulgaro Elias Canetti, premio Nobel per la Letteratura nel 1981, per la regia di Claudio Longhi, che porta sul palco ventitre attori e due musicisti, in un’opera che immagina le conseguenze di un mondo in cui viene bandito l’uso di specchi, foto, ritratti e di ogni strumento con cui contemplare se stessi.

Domenica, 26 Gennaio 2020 18:15

Un nemico del popolo - Teatro Argentina (Roma)

Torna sul palco dell’Argentina, dopo il grande successo ottenuto nella scorsa stagione, “Un nemico del popolo”, meritatamente insignito del premio UBU come miglior spettacolo e come miglior attrice per Maria Paiato. Una parabola di Henrik Ibsen, sempre troppo attuale, sull’insensibilità del potere, sulla prevaricazione dell’uomo sull’uomo, attraverso l’ipocrisia politica che, come un imbonitore da fiera di villaggio, raggira gli astanti, lasciandoli poveri e contenti. Un ottimo lavoro, sostenuto da interpreti d’eccezione.

Sabato, 18 Gennaio 2020 15:16

Nel bosco - Teatro India (Roma)

Andrea Collavino porta in scena, al Teatro India, un primo studio di “Nel bosco”, un’esplorazione scritta da Carlotta Corradi, finalista al 54° Premio Riccione per il Teatro, sulle fragilità dell’adolescenza contemporanea. Un percorso di comprensione emotiva, al di là dei fatti di cronaca, rispetto alla storia delle cosiddette “Baby Squillo”, emersa di recente, con clamore, nel quartiere Parioli, a Roma. Una finestra sincera e delicata sulle difficoltà relazionali e sociali di questa nostra società senza bussole, senza rete di protezione, in cui, per non cadere, ci si sostiene come si può.

Sabato, 07 Dicembre 2019 21:23

L’abisso - Teatro India (Roma)

Dal 3 al 15 dicembre. Davide Enia riporta al Teatro India il monologo “L’abisso”, tratto dal suo libro “Appunti per un naufragio”, vincitore del premio Mondello nel 2018. Un viaggio pubblico e privato in paziente e coraggioso ascolto del tragico, insensato dolore generato dall’indifferenza umana nei confronti del proprio prossimo, un dolore combattuto giorno dopo giorno da chi a quella indifferenza non vuole arrendersi. Un cunto sul naufragio della società, dei nostri più elementari diritti e della nostra consapevolezza e capacità di proteggerli. Uno spettacolo da vedere e far vedere, a tutti.

A quarantatre anni di distanza dalla sua apparizione sui palchi dello storico locale Beat 72, Giorgio Barberio Corsetti, Marco Solari e Alessandra Vanzi, fondatori della compagnia “La Gaia Scienza”, uno dei gruppi di teatro più interessanti tra la seconda metà degli anni Settanta e l’inizio degli Ottanta, riportano in scena il loro “La rivolta degli oggetti”, spettacolo manifesto dell’avanguardia anni ’70, affidandone il viaggio nel futuro a tre giovani attori, loro alter ego. “Nato nel clima di estrema libertà artistica della controcultura romana degli anni Settanta, lo spettacolo restituisce, agli spettatori di oggi, proprio quello spazio utopico di creatività e circolazione del pensiero che ne aveva favorito la creazione.

Sabato, 26 Ottobre 2019 16:07

Ragazzi di vita - Teatro Argentina (Roma)

Dal 15 al 27 ottobre. Premiato dal puntuale tutto esaurito delle platee durante la sua lunga tournée italiana e salutato da uno straordinario successo di critica e di pubblico, “Ragazzi di vita” torna a far muovere sul palco del Teatro Argentina lo struggente sciame dei ragazzi di borgata nati dalla penna di Pier Paolo Pasolini. Un vero e proprio kolossal di vitalità anarchiche per restituirci le pagine di un’Italia vivida e impulsiva, furiosa e dolente, travolgente nel suo spregiudicato pudore.

Dopo il successo delle prime tre edizioni realizzate nel ninfeo dell’Auditorium di Mecenate (2014-2016) e le sperimentazioni di disseminazione urbana che hanno caratterizzato i primi due episodi del secondo triennio, IF/INVASIONI (dal) FUTURO arriva quest’anno a conclusione. Così, dopo cinque anni di lavoro stratificato nella città di Roma per portarvi tra i migliori esempi della fantascienza moderna, adattati e messi in forma di ‘teatro musicale multimediale’ o diffusi per la città per mezzo della ‘sonda’ sonora Rosetta, IF/INVASIONI (dal) FUTURO, con un movimento centripeto, torna, nel 2019, ad abitare un luogo unico, presentando al Teatro India una sorta di Best Of di tutte le scorse edizioni.

Pagina 1 di 7
TOP