Gennaro D’Avanzo: il pirotecnico del teatro milanese

Scritto da  Lunedì, 26 Maggio 2014 

Caparbio. È l'aggettivo che più di tutti riassume la personalità, sfaccettata, di Gennaro D'Avanzo. Chi lo conosce lo sa: ha una grande energia, un temperamento forte che gli consente di ritrovare l'entusiasmo anche dopo aver vissuto, sulla propria pelle, le situazioni più spiacevoli. E sì che la vita lo ha posto di fronte a una sfida bella tosta, di quelle che ammazzerebbero pure un toro: dover rinunciare, contro la sua volontà, alla gestione del Teatro San Babila; dire addio alla sua creatura, a un'esperienza lunga oltre trent’anni che gli ha dato enormi soddisfazioni. Come riemergere da una delusione così cocente? Con la caparbietà, appunto. Ha preso armi e bagagli e, dopo un po' di porte sbattute in faccia, finalmente l'opportunità di proporre la stagione 2013-14 al Politeatro di viale Lucania.

Ora, vi pare che un uomo come lui, vulcano di idee perennemente teso ad ampliare i propri orizzonti, potesse limitarsi al Politeatro? Assolutamente no. Difatti ha messo in piedi pure una grande iniziativa per l’estate milanese: “Spettacoli ai Chiari di luna” è una rassegna che si terrà all’Idroscalo dal 15 giugno al 31 luglio. Due gli spazi che ospiteranno le innumerevoli performance in cartellone: il Teatro Walter Chiari e il Teatro sull’Acqua. Sfileranno artisti di grande spessore culturale - Giorgio Albertazzi, Enrico Intra, la Compagnia dei Legnanesi - ma anche i beniamini del vasto pubblico - Max Pisu, Paolo Migone, Alberto Patrucco, Pino Insegno; gli amanti dell’opera potranno godersi La traviata e Cavalleria rusticana, mentre Franco Oppini dispenserà emozioni con la colonna sonora dei favolosi anni Sessanta.


E non è tutto. Sta per avere inizio un altro bell'esperimento, destinato anch'esso a sicuro successo: lo Spazio Abbadesse - locale elegante e raffinato, oasi di tranquillità a poche centinaia di metri dalla Stazione Centrale - sarà, a partire da settembre, una nuova location per gli eventi targati D'Avanzo. Alcuni particolari sono ancora da rifinire, ma lo spirito di questa nuova avventura è ben chiaro: riproporre l'atmosfera dei café-chantant; dare alla gente l'opportunità di rivivere l'età dello swing, la magia di un'epoca che si muoveva al ritmo del charleston. Il prossimo 7 giugno, tutti invitati alla serata d'apertura. È solo l'inizio, ragazzi. Conoscendo Gennaro D'Avanzo, possiamo garantirvi che è soltanto l'inizio.

È un periodo in cui sei particolarmente attivo. Da dove scaturisce tutta questa energia?
«Semplicemente dalla volontà di non morire. Ho capito che, dopo la vicenda molto dolorosa del San Babila, bisognava rimboccarsi subito le maniche e ricominciare daccapo. Quando capitano degli eventi spiacevoli hai modo di capire chi sono gli amici veri e quelli falsi: padre Bruno Gonella, che mi ha aperto le porte del Politeatro consentendomi di portare in scena il cartellone che avevo preparato, è un amico vero. La stagione ha avuto successo e sono molto soddisfatto: portare la gente a teatro in una zona decentrata di Milano era un'impresa tutt'altro che facile».


Non sarà facile neanche vincere la sfida dell'Idroscalo. Come sei riuscito a mettere in piedi un cartellone così ricco?
«C'è dietro un duro lavoro, mesi di fatica e costante applicazione. Tutto è partito come una scommessa: non c'è mai stata prima d'ora una stagione all'Idroscalo, solamente eventi sporadici. A questo punto, per vincere la scommessa, ci servirà una media di 400-500 persone a sera. È un obiettivo più che realizzabile: il “mare dei milanesi” in estate è un luogo molto gradevole, con tanti punti di ristoro e nel quale si possono fare delle belle passeggiate. La maniera migliore per concludere piacevolmente la serata è venire a seguire i nostri spettacoli, dal 15 giugno al 31 luglio».


E il progetto Abbadesse?
«A settembre i milanesi ritornano dalle vacanze, ripopolano la città. Io sono innamorato dello Spazio Abbadesse: oltre ad essere una struttura molto elegante, ha il pregio di essere un locale tranquillo e riparato a due passi dal centro. In quella cornice, riproporremo l'atmosfera magica dell'età del jazz: tra swing, charleston, luci soffuse, sarà un posto perfetto per trascorrere una serata divertente».


Usi spesso l'espressione “fare squadra”. Cosa intendi?
«Ho fatto anche l'allenatore di calcio nella mia vita, quindi so che per ottenere un risultato positivo bisogna lavorare a ranghi compatti. Il successo del progetto Idroscalo, del progetto Abbadesse, dipenderà dalla buona volontà di tante persone: c'è chi si occuperà dei rapporti con la stampa, chi farà girare le locandine, chi promuoverà gli eventi nei social network. Lavorando tutti insieme, riusciremo a vincere il campionato».


Gennaro D'Avanzo ha molti estimatori ma anche molti detrattori. Chi sono questi detrattori?
«Io non sono uno che soffre particolarmente per le critiche. Però, siccome sono una persona trasparente, preferirei che queste persone avessero il coraggio di dirmi in faccia ciò che pensano. So perfettamente che si dicono cose poco carine sul mio conto, ma finché i seminatori di zizzania non avranno il buon gusto di parlarmi apertamente e con franchezza, non c'è motivo di prendere sul serio le loro opinioni».


Da Napoli sei riuscito a conquistare la tua bella fetta di consensi nel capoluogo lombardo. C'è qualcuno che, nei primi tempi, non accettava il successo di un meridionale a Milano?
«In molti non accettavano che riuscissi a farmi strada. Dicevano sempre: “Questo non mangerà il panettone”. La verità è che di panettoni , in tutti questi anni, ne ho mangiati e pure tanti».


Per fortuna hai una vita frenetica, zeppa di impegni. Ma c'è un momento della giornata, magari la notte prima di prendere sonno, in cui ripensi al San Babila?
«Purtroppo non solo la notte. È un pensiero molto doloroso, che mi insegue anche durante il giorno. Però ho molta fede: sono convinto che ci sia un disegno trascendente sopra di noi; credo che queste belle occasioni professionali - Politeatro, Idroscalo, Abbadesse - siano la moneta con cui il Signore ha voluto ricompensarmi per tutte le sofferenze».


La tua verve recitativa emerge sempre, anche quando introduci gli spettacoli prima dell’ingresso degli artisti. In passato hai fatto l'attore con ottimi risultati: c'è speranza di rivederti in quel ruolo?
«La mia passione per la recitazione viene da lontano, anche mia madre aveva un temperamento artistico. Non dimenticare che a vent'anni sono entrato all'Accademia d'Arte Drammatica dopo aver superato una selezione molto dura. Poi la vita dell'attore era difficile, non si riusciva a sbarcare il lunario, così è cominciata l'avventura da direttore artistico. Però io so di avere una presenza scenica che cattura. Quindi chi lo sa? Non è mica da escludere che in futuro calcherò nuovamente le scene da protagonista».

Provincia di Milano e Associazione Culturale San Babila presentano
SPETTACOLI AI CHIARI DI LUNA
IDROSCALO – MILANO
15 giugno – 31 luglio
TRIBUNE – TEATRO WALTER CHIARI


GIUGNO
Domenica 15 Giugno - VIK & THE DOCTORS OF JIVE guest stars FRANCESCO BACCINI e VINCE TEMPERA
Lunedì 16 Giugno - MILANO RIDE E CANTA – cabaret meneghino con WALTER DI GEMMA
Mercoledì 18 Giugno - CABARESQUE con CARMILLA LUX, BOHEMIAN CHERRY, BARBY BUBU E MELODY LADY
Giovedì 19 Giugno - 20 ANNI TUTTI DA RIDERE cabaret con ANDREA PUCCI
Domenica 22 Giugno - Dance party SUPER MASTERCLASS di ZUMBA FITNESS con istruttori ZIN (POMERIDIANO)
Mercoledì 25 Giugno - POKER DI RISATE - cabaret con GIANCARLO KALABRUGOVIC, ALESSANDRA IERSE, DUILIO MARTINA, STEFANO CHIODAROLI
Giovedì 26 Giugno - LA TRAVIATA -opera di Giuseppe Verdi con ORCHESTRA SINFOLARIO della Provincia di Lecco
Venerdì 27 Giugno - MAMMA MIA, TRE UOMINI PER ME! - musical con la compagnia IL RAMO di Lodi regia GIUSEPPE GALIZIA
Lunedì 30 Giugno - IO ODIO I TALENT SHOW con MARIO LUZZATO FEGIZ


LUGLIO
Giovedì 1 Luglio - DEL MIO MEGLIO cabaret con GIUSEPPE GIACOBAZZI
Mercoledì 2 Luglio - CAVEMAN – l’uomo delle caverne – con MAURIZIO COLOMBI, regia TEO TEOCOLI
Giovedì 3 Luglio - ROCKY HORROR LIVE CONCERT SHOW- musical produzione MAGNOPROG, regia RICCARDO GIANNINI
Domenica 6 Luglio - LA VITA E’ FATTA A SCALE compagnia I LEGNANESI
Lunedì 7 Luglio - POKER DI RISATE – cabaret con GIANNI ASTONE, GIANLUCA IMPASTATO, MAX PISU, CLAUDIO BATTA
Giovedì 10 Luglio - PUBLIUS ENIGMA - PINK FLOYD CONCERT TRIBUTE
Venerdì 11 Luglio - LA BELLA E LA BESTIA musical con ALESSIA FABIANI
Lunedì 14 Luglio - IDROJAZZ FESTIVAL con MARIO RUSCA omaggio a Bill Evans
Martedì 15 Luglio - IDROJAZZ FESTIVAL con DADO MORONI – I Remember Peterson
Mercoledì 16 Luglio - IDROJAZZ FESTIVAL con FRANCO D’ ANDREA – Plays Monk
Giovedì 17 Luglio - IDROJAZZ FESTIVAL con ENRICO INTRA tribute to John Lewis
Venerdì 18 Luglio - MITI ED EROI con GIORGIO ALBERTAZZI
Sabato 19 Luglio - CHANSONS BOLERO compagnia TEATRO DANZA di Carlo Pesta
Domenica 20 Luglio - Dance party SUPER MASTERCLASS di ZUMBA FITNESS con istruttori ZIN (POMERIDIANO), SEGNI (E) PARTICOLARI con ALBERTO PATRUCCO e ANDREA MIRÓ
Martedì 22 Luglio - U2 GLI ULTIMI 2 cabaret con SERGIO SGRILLI E PAOLO MIGONE
Mercoledì 23 Luglio - NAPOLETANI A MOSCA farse di Anton Cechov, con Gigi Savoia e Renato De Rienzo
Giovedì 24 Luglio - SOMETHING con la compagnia Liberi Di Physical Theatre
Venerdì 25 Luglio - CAVALLERIA RUSTICANA opera di Pietro Mascagni con ORCHESTRA SINFOLARIO della Provincia di Lecco
Sabato 26 Luglio - MI RITORNI IN MENTE musical con FRANCO OPPINI, RENATO GIORDANO e LA BAND 4EVER
Domenica 27 Luglio - VIENI AVANTI CRETINO con PINO INSEGNO e ROBERTO CIUFOLI
Lunedì 28 Luglio - LE SCEMETTE di Giovanna Donini con Rossana Carretto, Alessandra Ierse, Laura Magni, Cinzia Marseglia, Viviana Porro Nadia Puma e Alessandra Sarno
Martedì 29 Luglio - PRENDEVA IL TRENO PER NON ESSERE DA MENO omaggio a ENZO JANNACCI – regia MARCO CASTELLI
Mercoledì 30 Luglio - DIME QUE ME QUIERES flamenco e musica dal vivo con la Compañia Flamenca Contratiempos
Giovedì 31 Luglio - W VERDI con ENRICO BERUSCHI compagnia TEATRO DANZA di Carlo Pesta

Intervista di: Francesco Mattana

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP