Compagnia Teatrale Punto&Virgola: progetti umili ma innovativi

Scritto da  Martedì, 28 Ottobre 2008 

La Compagnia Teatrale Punto&Virgola nasce a Roma nel 1994 e sin dai suoi esordi si ispira alla comicità semplice e scanzonata propria della vecchia Commedia dell’Arte, sbirciando sapientemente tra i vecchi ed indimenticabili classici del teatro napoletano ed attingendo da essi spunti, sprazzi e lazzi comici. Risponde Paolo Mellucci, Regista e Direttore Artistico di Punto&Virgola.

 

La prima domanda, anche un po’ scontata, serve a sciogliere il dubbio più immediato: Perché “Punto&Virgola”? Quali sono le vostre origini?

Prima di tutto ringraziamo la redazione per lo spazio offertoci. Come spesso accade nelle realtà che poi crescono e maturano, il nostro nome è del tutto casuale. Usare la definizione di un tipo di punteggiatura ci è sembrato un bel modo per definire il nostro carattere: deciso (il punto) ma disponibile (la virgola). E poi è anche un modo allegorico per definire le due metà del cielo (maschio=punto – femmina=virgola). Le origini, invece, sono tutt’altro che casuali: quello che siamo oggi è il risultato di una precisa volontà iniziale, quella di creare un gruppo di lavoro che si dedicasse ad esperienze teatrali innovative ma tradizionali, divertenti ma impegnative. Il percorso è stato, ed è tuttora, difficile e faticoso… ma d’altronde è proprio questa la peculiarità delle esperienze più soddisfacenti.

Voi proponete spesso spettacoli in costume che riportano in auge la goliardia di un certo tipo di teatro medievale. Come viene accolto oggi questo genere di spettacolo quando, allo stesso tempo, prendono sempre più piede spettacoli di stampo sperimentale e avveniristico?

Visti i risultati, siamo convinti che il pubblico gradisca il nostro genere. In effetti, guardando al panorama teatrale contemporaneo, ci siamo posti una domanda: “E se realizzare spettacoli ispirati alla commedia dell’arte fosse la vera innovazione?”. Così siamo partiti per questa avventura che ci sta portando alla creazione di un genere particolare che riunisce in un solo spettacolo tanti aspetti del teatro.

In Italia la commedia musicale ha delle radici molto profonde. A cominciare dall’opera, di cui siamo un caposaldo, per passare all’operetta e alla commedia musicale. Il Musical invece è sicuramente un genere più d’oltremanica. Voi a quale vi sentite di appartenere maggiormente.

In realtà non osiamo pensare di appartenere a nessuno di questi importanti generi teatrali. La nostra marcata modestia ci impedisce di “autodefinirci”. E’ altresì vero, però, che cerchiamo di attingere idee da ciascuno dei generi citati perchè non si finisce mai di imparare. L’ambizione, se così possiamo definirla, è quella di creare un genere unico, tutto nostro, che sia il connubio delle migliori espressioni artistiche.

Commedia all’italiana, commedia musicale, musical, addirittura corto cinematografico: c’è un genere che vi appartiene più di un altro?

Abbiamo sempre lottato per rimanere “liberi”, in tutti i sensi. Quindi non ci sentiamo di appartenere a nessun genere in particolare. Non vogliamo vincolarci a nulla perché riteniamo che ogni aspetto dello spettacolo abbia il suo fascino e meriti di essere tentato. Oggi, dopo 15 anni di attività ininterrotta, abbiamo le spalle più forti e viviamo nella consapevolezza che, con tanta umiltà e sacrificio, si può provare a fare di tutto a patto che si rispetti se stessi ed il pubblico.

Com’è la situazione del teatro oggi? E soprattutto, com’è la situazione degli attori? Si assiste spesso ad attori improvvisati che vengono dalla tv. C’è ancora bisogno di una formazione classica?

Parlare della situazione teatrale odierna ci riesce difficile perché è talmente “ingarbugliata” che ne uscirebbe solo una lunga lista di inefficienze e problemi. Preferiamo rimanere “artisti” anche se siamo ben coscienti che il Teatro non è sostenuto da nessuno e si mantiene vivo solo grazie all’impegno e alla volontà di chi affronta i problemi sul campo, non ultimi quelli di ordine economico! E siamo talmente tanto convinti che la formazione sia un aspetto “obbligatorio” che abbiamo sentito l’esigenza di creare una “Palestra teatrale” che aiuti gli aspiranti attori a crearsi una base didattica. Ad onor di coerenza, visto che ci sono in giro anche tanti “docenti improvvisati” che non hanno né la maturità né il bagaglio culturale sufficiente, abbiano affidato la gestione della Palestra ad Emanuela Dessy, attrice e regista di preparazione ed esperienza ventennale. Siamo convinti che in Teatro niente si possa improvvisare e che tutto debba essere frutto di passione, studio, dedizione, disciplina, preparazione ed esperienza.

Programmi per il futuro?

Tantissimi, sia a livello teatrale che a livello cinematografico ma sempre “in  punta di piedi”! A dicembre saremo al Teatro 33 con una rassegna di corti teatrali. A maggio 2009 la compagnia si troverà al Teatro Euclide per l’ultima puntata della saga di Sacripante, e si tratterà di un grande show “teatral-musicale”. Inoltre, stiamo lavorando per la trasposizione cinematografica  di alcuni testi teatrali, allo scopo di partecipare a concorsi e rassegne. Nell’immediato il 9 e 10 ottobre saremo al Teatro Petrolini, per presentare il divertentissimo atto unico “Risate in alto mare”,  di Luca Giacomozzi, che narra le vicende di una sgangherata nave da turismo e del suo equipaggio, sicuramente molto sopra le righe.

Vuoi dire qualcosa ai nostri lettori?

Andate a Teatro! Uscire di casa, ritrovarsi con altra gente, condividere le sensazioni immediate che solo il Teatro può dare, è un’esperienza unica che nessun altro tipo di spettacolo è in grado di regalare. Inoltre vogliamo invitare caldamente gli amanti del Teatro a non disertare gli spettacoli e le compagnie dove non compaiono nomi famosi, perché il più delle volte sono proprio questi spettacoli ad offrire maggiore qualità, professionalità e divertimento al pubblico. Grazie ancora a te e a tutta la redazione per averci ospitati su “Saltinaria.it”. Buon sipario a tutti!

 

Intervista di: Mario Fazio

Grazie a: Paolo Mellucci, Stefania Ninetti (Ufficio Stampa)

Sul web: http://www.puntoevirgola.eu/ - MySpace

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP