ZeroUno: tra lo spirituale e il materiale

Scritto da  Martedì, 03 Marzo 2009 

zerounoAbbiamo incontrato Luca Urbani (ex Soerba) al Frequenze Studio, sala prove e studio di registrazione di Monza. Luca ci ha parlato del collettivo musicale ZeroUno (di cui è voce, insieme a LeLe Battista) e del nuovo disco “Zerouno.2”, uscito a gennaio 2009.

 

 

 

Ciao Luca, come stai?

Bene, bene!

Sei sempre impegnatissimo su più fronti…

Beh direi di si! Ho appena finito un progetto bizzarro, insieme a Luca Vicenzi, chitarrista degli Zita Ensamble. E’ scaricabile gratuitamente!

Che progetto è?

Una sorta di strumentale psichedelico, si chiama Olio.

Ma tra tutte le cose che fai, quale ti gratifica di più?

Scrivere brani! Fare provini diciamo…

E l'ispirazione dove la trovi?

Beh non saprei… diciamo dalle cose che mi circondano. Ultimamente sto guardando tanta televisione ed il prossimo lavoro si chiamerà “Catodico praticante”: non so se solista o con i Soerba.

Sarebbe un bel ritorno, se fosse come Soerba…

E’ anche un news! Non lo sa nessuno… forse neanche il Gaber, l'altro Soerba…

Ah! Quindi mi hai dato un'anteprima!

Scherzi a parte ci stiamo sentendo in questi giorni e stiamo valutando la cosa. Comunque si, è un’anteprima!

Del progetto ZeroUno invece, cosa mi dici? Qual è l'esigenza che lo ha fatto nascere?

La voglia di fare qualcosa di diverso. Questo “.2” è completamente diverso dal primo… sia come concezione, sia come sound. E’ molto suonato, poco elettro…

Visto che stai vedendo molta TV, sei tu l'Uomo Domestico del brano?

Pensa che quel brano doveva finire nel mio disco solista, appunto “Electro domestico”. Comunque sono io, sei tu, se mi permetti: siamo in molti!

Infatti questo brano secondo me è l'unico ponte con il tuo disco precedente, a livello sonoro…

Si, piaceva l'idea. Poi ci sono molte inversioni, che non sto ad elencare. “Il mondo è uno slogan” doveva finire nello “Zerouno” ad esempio…

Ti sei ispirato a qualche gruppo/artista per “Zerouno.2”?  Io sento influenze dei Subsonica meno elettronici, e in "Niente è per sempre" dei Depeche Mode…

“Niente è per sempre” è il mio brano preferito, ed è molto Depeche, condivido. Per quanto riguarda i Subsonica non saprei: è stato fatto in maniera completamente naturale, senza imposizioni, anche se è un gruppo che apprezzo molto, sopratutto live.

Comunque è innegabile che siano bravi, piaccia o no il loro sound…

Si si è innegabile!

Ho notato un "parallelo" sonoro tra l'ultimo disco di Garbo e "Zerouno.2"

Io no!

Questo "svestirsi" dai ritmi elettronici…

In realtà è vero, anche perché siamo nella stessa etichetta. Beh diciamo che per quanto riguarda Renato (Garbo, ndr) è stata una scelta per concludere la trilogia: sentiva il bisogno di allontanarsi dall’elettronica.

Anche per avere tre differenti visioni, sia cromatiche che sonore...

Si esatto! Difatti io prediligo “Gialloelettrico” per ovvi motivi. Comunque la scelta di fare “Zerouno.2” un po’ più rock, molto più rock, è stata decisa principalmente dal produttore. Io ero d’accordo per fare finalmente qualcosa lontano dalle mie solite produzioni…

Forse i progetti paralleli servono proprio a questo...

Si, sono una valvola di sfogo! E poi sinceramente facendo il mio disco solista mi sono liberato del mio ego: diciamo mi sono sfogato e adesso sono pronto ad ascoltare gli altri!

…e che artisti stai ascoltando, ad esempio…

NOTWIST ad esempio. Ho preso l'ultimo di Meg: prodotto molto bene… ma sulle liriche avrei da ridire.

Ma c'è qualcuno che ti assomiglia, musicalmente parlando?

Non saprei! Molti amici mi hanno segnalato Swin.

Qualcosa si simile c'è, ma musicalmente preferisco te!

Va beh se lo dici tu! (ride) Io non lo giudico, mi è stato solo segnalato…

Di Sanremo cosa ne pensi, visto che ci sei anche stato come Soerba?

Sanremo è una buona vetrina…

…lo è ancora?

Ecco, non saprei! A quanto pare funziona di più “X Factor”.

Si è vero…

Tra le altre cose lo guardo, e di gusto anche! Mi spiace solo che non emerge il lato artistico, diciamo: non so come scrivono… cosa scrivono…

E’ il loro lato più "televisivo"… domestico, forse?

Già!

L'incontro con LeLe Battista?

Ci siamo conosciuti, guarda caso, attraverso Morgan, dieci anni fa. Io sono sempre stato un fan della sua voce!

Com’è stato collaborare con lui?

LeLe è una persona molto affabile e possibilista, se si può dire così. Collaborare con lui è molto facile, anche se è sempre molto impegnato e bisogna inseguirlo!

Mi parli del brano "Intelligente"?

“Intelligente” ha un testo di Marilena Crescente, che collabora spesso con me. Scrive principalmente poesie e poi si dedica anche ai testi che possono essere musicati con estrema facilità…

Quindi questo testo è una poesia pura... o è una poesia riadattata a testo?

Diciamo che era un testo fatto e finito da lei. Pur non cantando riesce ad rispettare i tempi, e se non riesce lei lo faccio io: ma succede raramente!!! La trovo molto brava ed affine a quello che scrivo io. Lei è più spirituale, io più materiale: mi piace molto questa cosa! Infatti lo “ZeroUno.2” è a metà tra lo spirituale ed il materiale.

Forse è quello che è successo collaborando con LeLe: tu più razionale lui più sensibile?

Si si! L’album “Le ombre” tratta temi di amore che io non tratto mai.

E’ bello perché mi stai confermando ciò che ho scritto nella recensione del disco…

Eh si! O magari sono io che fingo! (ride)

Si può essere! Diciamo che hai studiato la recensione a memoria e mi stai rispondendo come voglio che tu risponda!

Allora è impossibile: ho una memoria che non funziona!

E’ l'effetto psicologico dell’intervistatore sull'intervistato…

Interessante!

Luca, ultima cosa: vorresti aggiungere qualcosa? Dirmi qualcosa che ti sta a cuore… o a "cervello"… tanto per citare una parte anatomica a caso…

Che per ora lo “Zerouno.2” è uno dei dischi più belli che abbia mai fatto, dove ho partecipato vah… sennò gli altri mi ammazzano!

Cosa farai stasera? Non dirmi che guarderai “Amici”?!!

No, niente TV! Starò qui a Frequenze fino a mezzanotte. Frequenze è una sala prove e studio di registrazione. L'abbiamo aperta nel 2004. Io, Pedro Fiamingo e Matteo Agosti. Stasera è il mio turno sala prova. Pensa che siamo dietro allo studio di Andy dei Bluvertigo e spesso si prende un buon caffè assieme…

Magari ci scappa pure una collaborazione…

Infatti ha piazzato un bel sax in "Intelligente"…

So che sei amico dei Delta V…

Ci conosciamo diciamo, ma non abbiamo mai collaborato…

Vi vedrei bene insieme, musicalmente…

Si si, li ammiro molto!

Anche io! Va bene Luca, ti lascio al tuo lavoro e grazie mille per la disponibilità!

Grazie a te!!!

 

 

 

 

Intervista di: Ilario Pisanu

Recensioni correlate: Cd Zerouno.2

Grazie a: Luca Urbani, Manuela Longhi (Uff. Stampa)

Sul web: MySpace - www.karusonet.com - www.frequenzestudio.it

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP