Shide: alla faccia di tutti quelli che non hanno voluto crederci

Scritto da  Giovedì, 26 Marzo 2009 

shideGli Shide fanno parte del rivoluzionario progetto musicale Almost Famous. La band di Bari si racconta a SaltinAria.it trasmettendoci tutta la loro grinta.

 

 

 

Chi sono gli Shide?

Gli Shide sono un progetto, un investimento, un sogno… Abbiamo cominciato a suonare insieme che eravamo poco più che adolescenti. Ci siamo dedicati alla musica con tutte le energie e la passione possibili. Il tempo è passato, ma l’entusiasmo e la voglia di fare musica sono sempre forti, forse anche di più! È… un po’ come quando intravedi uno spiraglio davanti a te: non puoi che remare più forte per arrivare.

Come siete entrati in contatto con Almost Famous?

Fu assolutamente per caso. Un pomeriggio ricevemmo una mail da un tale di nome “Flash” (alias Fortunato Ciampi) che sosteneva di voler essere nostro manager. Fino a quel momento non avevamo mai avuto una simile proposta e a dire il vero sembrava un po’ strana, però non avendo nessun’altra prospettiva in quel momento decidemmo di dargli fiducia. Poi intorno a lui iniziò a sorgere la Almost Famous e noi ci siamo ritrovati fiondati in un mondo che fino ad allora avevamo solo visto da lontano.

Siete stati contattati da Michael C. Ross, uno dei produttori di Christina Aguilera: mi raccontate com’è andata?

In realtà non siamo stati contattati noi direttamente, ma bensì il nostro manager “Flash”. Michael C. Ross ha sentito gli Shide per la prima volta in quell’incontro e gli siamo piaciuti moltissimo! Una bella soddisfazione direi!

Quali sono le vostre band di riferimento?

Le nostre influenze sono molto varie: nel corso degli anni non ci siamo mai fossilizzati come ascolti, infatti passiamo dai Pearl Jam, Foo Fighters e Queens of the Stone Age a gruppi come i Black Label Society o i Motorhead… il tutto passando anche dai Dream Theater e dagli intramontabili Elio e le storie Tese.

In puglia c’è un grosso fermento musicale. Una delle domande che faccio sempre quando intervisto artisti/band pugliesi è: mi fate qualche nome di band/artista emergenti pugliesi che ammirate?

Si, in effetti l’underground pugliese è veramente prolifico: sono davvero pochi i gruppi realmente scarsi. Di nomi emergenti ne potremmo fare parecchi, i primi che mi vengono in mente sono quelli a noi più vicini come i Southern Kross, i Perfect Picture, i Backjumper e gli ex No Quarter.

Come avete vissuto i cambi significativi di line-up?

Male, molto male. Ogni volta è come una pugnalata nel petto. Passi giorni e giorni a scrivere canzoni, a scervellarti sugli arrangiamenti a organizzare concerti, tempo, soldi, energie… e poi un bel giorno arriva il genio di turno che ti volta le spalle e ti saluta lasciandoti con un vuoto dentro per la perdita di un compagno e con il triplo del lavoro da fare per cercare di rimettere in sesto la baracca. A volte stai li a chiederti se ne valga la pena o chi sarà il prossimo a pugnalarti nel petto, però poi ci pensi e tiri dritto… alla faccia di tutti quelli che non hanno voluto crederci.

Qualche parola sulla categoria dei giovani del Festival di Sanremo votabili su internet…

Sinceramente non abbiamo seguito la trafila dei giovani per Sanremo, quindi non sapremo cosa risponderti.

Cosa vi aspettate dal 2009?

Un cambiamento, una svolta… qualcosa che dia una chiara direzione alle nostre vite. Noi finora ce l’abbiamo mettiamo tutta, abbiamo lavorato sodo e abbiamo rinunciato a tantissime cose per inseguire i nostri sogni. Adesso c’è bisogno di raccogliere quello che è stato seminato.

 

 

SHIDE sono:

Renata Morizio (voce)

Stefano Giungato (chitarra/cori)

Donato Casale (basso)

Roberto Ficarella (batteria)

 

Intervista di: Ilario Pisanu

Grazie a: Shide, Sara Di Carlo Ufficio Stampa Almost Famous

Sul web: www.myspace.com/shideita - www.shide.it - www.almostfamous.it

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP