Sergio Sylvestre a Sanremo: L’Italia, con il suo amore, mi ha salvato la vita

Scritto da  Giovedì, 09 Febbraio 2017 

Una montagna di immensa bontà, timidezza (chi l’avrebbe detto), talento. Sergio Sylvestre, un Big Boy di due metri e dieci di altezza, ha una voce calda e profonda, un padre haitiano, una madre messicana, una vacanza nel Salento che gli cambia la vita. Cos’è successo dopo quell’estate sulla spiaggia? Vince Amici, conosce Giorgia che gli scrive la canzone con cui gareggia a Sanremo, Con Te, incontra i Soul System (vincitori dell’ultimo X Factor) e decide di incidere con loro la cover del giovedì. Di che canzone si tratta? La pelle nera, neanche a dirlo. L’abbiamo incontrato proprio a poche ore dal debutto della cover con il gruppo.

 

Allora, i tuoi stati d’animo in questo momento?
Di tutto, felicità, paura, ansia, amore, tutto!

Sei al tuo primo Festival e sei già tra i big: un esordio importante con una canzone che Giorgia ha scritto per te. Vi siete sentiti in questi giorni?
Sì, mi ha dato sempre forza, prima dell’esibizione mi ha mandato un messaggio per dirmi di stare calmo perché sono sempre molto ansioso! Giorgia è straordinaria, ha fatto una cosa bellissima per me e sono molto contento di lavorare con lei.

L’hai vista durante la seconda serata del Festival, quando era ospite? Commenti sulla sua esibizione?
Giorgia, vocalmente… ciao! Ha una voce bellissima, spero un giorno di arrivare al suo livello ma la vedo dura…

Raccontami della cover che hai scelto per la gara, La pelle nera
Volevo un’idea chiara e precisa, quando ho trovato quel pezzo ho detto “lo devo fare” e ho chiesto ai Soul System di aiutarmi. Sono ragazzi fantastici, anche loro, tra l’altro, con la pelle nera! (ride). Durante le prove non mi sono mai sentito così libero, li ho sentiti come dei fratelli. Spero che stasera vi piaccia il casino che faremo!

Il 10 febbraio esce il tuo primo album, che si chiama col tuo nome. Ci saranno canzoni in italiano?
Due in italiano, Con te e un’altra scritta da Federica Abbate che si intitola Come il sole ad ottobre. Tutte le altre saranno canzoni in inglese.

Tu e l’Italia: c’è un rapporto affettuoso?
Voi italiani mi avere dato tantissimo, sono venuto qui in vacanza un'estate e guarda dove sono arrivato: mi sento per forza in dovere di abbracciare i fans, mi avete dato tantissimo affetto e voglio restituire ancora di più: con il vostro amore mi avete salvato la vita.

 

Intervista di: Andrea Dispenza

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP