Rosalba Piccinni: una donna affascinata dall’arte del fare

Scritto da  Giovedì, 01 Marzo 2012 

E’ disponibile nei negozi tradizionali, su iTunes e negli altri digital store “Arrivi” (Incipit Records/Egea Music), il disco d’esordio della cantante bergamasca Rosalba Piccinni. Il disco “Arrivi” raccoglie 11 brani basati su un sound pop con venature jazz ottenute grazie all’uso di una ritmica delicata. Rosalba ha risposto alle nostre domande.

 

 

 

Ciao Rosalba, racconti qualcosa di te ai nostri lettori

Sono una donna affascinata dall’arte del fare.

Bergamo e provincia sono una vera fucina di artisti e band musicali: come vedi la scena emergente locale?

Tutto il mondo è pieno di talenti alla ricerca del proprio spazio. Sono un po’ fuori dal mondo, immersa nei miei fiori e nella musica che mi appartiene. Purtroppo poco presente nell’ambito delle nuove leve.

Come mai hai chiamato il tuo disco “Arrivi”?

“Arrivi” per me è una sorta di arrivo e di partenza. Un disco a 40 anni è un bel traguardo, un punto di partenza per altre emozioni.

Quand’è che un artista può definirsi “arrivato”?

Assolutamente mai!!!!! Quanta strada ancora da percorrere, non è mai finita per fortuna…

Mi parli del tuo disco?

Nasce dal desiderio di un regalo tutto mio, sognato sin dall’infanzia. Ho avuto la fortuna di incontrare artisti di talento che mi hanno portato sin qui.

C’è anche una cover, se non sbaglio…

Jula de palma, un’icona della musica italiana d’altri tempi alla quale ho voluto rendere omaggio.

Cosa ne pensi del festival di Sanremo?

Che prima o poi ci andrò! È tra i miei sogni futuri.

Vuoi aggiungere qualcosa?

Si, dedicarsi con costanza e determinazione alle proprie passioni ai propri destini...

 

 

Intervista di: Ilario Pisanu

Grazie a: Gaetano Petronio (Ufficio Stampa Parole & Dintorni)

Foto © Profilo Facebook di Rosalba Piccinni

Sul web: Official; MySpace; FacebookTwitter

TOP