Luca Bussoletti: i "mostri" di Luca

Scritto da  Ilario Pisanu Mercoledì, 18 Giugno 2008 

Luca Bussoletti, cantautore romano, esce con il nuovo singolo “Mostri”, che sarà contenuto sia nel nuovo disco (dal titolo segretissimo) sia sulla compilation “Hit Mania Estate 2008”.

 

 

 

 

 

 

Mi racconti un po’ di te?

Sono un cantautore che è cresciuto tra libri di Italo Calvino, i film di Tim Burton e i quadri di Basquiat. Adoro le immagini e cerco di portarle nelle mie canzoni. Vorrei sempre creare canzoni che “si vedono”. Sono laureato in Scienze della Comunicazione e sono sposato, che, a giudicare dallo stupore dei miei colleghi, sembra essere la cosa più ribelle che abbia mai fatto.

“Mostri” è il tuo nuovo singolo: chi sono i “mostri”?

I Mostri sono tutti quelli che credono che diverso non sia possibile. La canzone in particolare punta il dito al periodo dell’adolescenza perché credo che sia lì che si creino i danni peggiori ed è lì che si può ancora formare il carattere di chi ragiona in modo così assurdo da emarginare che non gli somiglia. I Mostri però sono anche gli emarginati stessi che, additati così, poi spesso fanno grandi cose nella vita. Questa è l’idea del video NO-budget che il regista Rik Diffidenti ha realizzato per Graphix. E’ piaciuta così tanto allo staff di YouTube che l’hanno tenuto una settimana nella loro home-page procurandoci 17 mila visite. Invito tutti a lasciare un commento.

Com’è nata l’dea del brano?

E’ un’esperienza che ho vissuto sulla mia pelle al liceo e parecchi anni dopo l’ho buttata fuori su inchiostro. Mi accorgo però che è una storia più comune di quanto credessi. Forse è per questo che da sei settimane è nella top-ten di vendite di Itunes.

“Mostri” è l’antipasto del tuo nuovo disco: mi dai qualche anticipazione?

Posso dirti che i produttori artistici saranno gli stessi del singolo e cioè Peppe Mangiaracina e Riccardo Corso e che ci sarà nello staff Maurizio Filardo. Per il resto, titolo incluso, non svelo di più perché porta davvero sfiga.

“Mostri” sarà contenuto in “Hit Mania Estate 2008”: cosa ti aspetti da questa opportunità?

Mi aspetto visibilità. Di questi tempi è oro. Le radio dedicano meno della metà della loro playlist a pezzi italiani e tra questi quasi tutti i posti sono dei big come Tiziano Ferro o Vasco Rossi. Per uno come me arrivare ad un network è praticamente impossibile. HiT Mania sarà il mio piccolo momento di gloria.

Di quali mostri hai più paura?

Io adoro i Mostri. Tutti quelli della Universal, del cinema anni venti, li sento vicini per umanità. Mi spaventa la stupidità della gente. Ce n’è tanta. Anche nel mio settore.

Ti consideri “uno dei Cantautori della MySpace Generation”: che caratteristiche deve avere un cantante che appartiene a questa categoria?

Semplicemente quella di aver acquisito notorietà attraverso MySpace. Io, Nicco Verrienti, Michele Amadori e Roberto Casalino abbiamo trovato tanti amici nuovi per la nostra musica in questo modo e, se suoniamo in giro, lo dobbiamo al click dei mouse.

Esibizioni live?

Il 9 luglio suonerò con la mia band sulla spiaggia ad Ostia, al Cronie, e poi ci saranno un po’ di concerti in giro tra cui cito l’apertura per i Ciao Rino il 17 luglio al Pepe Nero per Ubix Summer Night. Per uno che ama Rino Gaetano alla follia quell’occasione sarà fantastica.

Vuoi aggiungere qualcosa?

Solo che tra gli intervistati su SaltinAria ho visto i Belladonna. Io devo tantissimo a Daniele Macchi, lo stesso ingresso in MySpace che non conoscevo fino a quando me ne ha parlato lui. Approfitto di queste righe per ringraziarlo e fare ai Belladonna l’in bocca al lupo per l’avventura americana.

 

 

 

Intervista di: Ilario Pisanu

Grazie a: Luca Bussoletti, Veronica De Andreis (Jion)

Sul web: MySpace - www.lucabussoletti.com   

 

TOP