Inside Process: di sole e d’ombre

Scritto da  Sabato, 14 Febbraio 2009 

Inside ProcessInside Process nascono a Viterbo nel 2005. Il loro nuovo disco “Shade The Sun” è una macchina bellica che rende giustizia all’ottima tecnica della band. Risponde alle nostre domande Angelo, voce del gruppo.

 

 

 

 

 

Ciao Angelo, raccontaci brevemente qualcosa di voi…

Ciao a tutti. Gli Inside Process nascono nel 2005 dall’unione di vari membri di altre band. Ci siamo messi subito sotto per registrare una prima demo che ha visto luce poco dopo, concerti e qualche viaggetto, siamo tornati in studio per registrare “Shade the Sun”.

“Shade The Sun” è il vostro disco d’esordio. Com’è nato e qual è la filosofia che sta dietro questo lavoro…

La frase “Shade the Sun” significa “Oscura il sole”. Il sole genera l’ombra di qualsiasi cosa. Noi abbiamo voluto mettere in evidenza il fatto che questa ombra è una parte dei nostri stati d’animo, questa vive con noi. Oscurando il sole le nostre ombre verrebbero nascoste dall’assenza di luce, perciò ci troveremmo vuoti, senza una parte di noi. E’ un po’ difficile da spiegare in poche parole, comunque il concetto è molto aperto e potrebbe essere interpretato in mille modi da mille persone. Così è come la vediamo noi.

Col senno di poi, cambiereste qualcosa?

“Shade the Sun” è il risultato di un lavoro svolto insieme, cambiare le carte in gioco no, magari cercare di migliorare e fare un passo avanti.

I vostri miti musicali?

La parola “mito” è un po’ inusuale (ride, ndr) logico che essendo in cinque ognuno ne ha di propri. Penso che se stiamo suonando quello che facciamo ora, è solo grazie al passato. Ne è stato anche un grande esempio nell’estate del 2008 il Gods of Metal a Bologna con i grandi nomi del metal ‘80/’90. Vuoi dei nomi?

Si, si…

Carcass, At the Gates, Slayer, Pantera… e via dicendo…

Il brano del disco che vi appartiene di più?

“Shade the Sun” è il pezzo che dà nome al disco e che dà il nome a noi!

Come vivete la dimensione live?

Cerchiamo di suonare il più possibile logicamente, e poi tanto divertimento. Il trucco è proprio quello.

Come vedete la scena emergente di Viterbo?

Per quanto riguarda concerti e posti dove suonare a Viterbo non c’è niente. Noi stessi suoniamo quasi mai nella nostra città. Ci sono stati (e ci sono ancora) esponenti della scena hardcore italiana in passato, ma la cosa rimane così.

Quanto “pestate” da 1 a 10???

La risposta la lasciamo dire ai ragazzi che ci hanno visto suonare!

Un saluto agli amici di SaltinAria.it

Ciao e grazie mille per la disponibilità! Un saluto alla Kick Agency e alla Kooka Industries.

 

 

INSIDE PROCESS sono:

Angelo - voice

Filippo - guitar

Simone - drums

Andrea - bass

Leonardo - guitar

 

 

Intervista di: Ilario Pisanu

Recensioni correlate: Cd Shade The Sun

Grazie a: Angelo, Inside Process, Laura di Kick Promotion Agency

Sul web: MySpace

 

TOP