Deasonika: immortaliamo emozioni che diventano canzone

Scritto da  Lunedì, 24 Novembre 2008 
Deasonika intervistaI Deasonika di Max Zanotti sono tornati con il singolo “Viole” tratto dal nuovo disco “Tredicipose”. In più, una costellazioni di progetti trasversali, come videoclip, video-arte, mini-film e tour. Risponde Max Zanotti.

 

 

Ciao Max, come stai vivendo questo “ritorno”?

Abbiamo voglia di suonare, la direzione che abbiamo voluto dare al disco è molto live. Un po’ il ritorno alle origini. Siamo una rock band.

L’uscita del singolo “Viole” è accompagnata da una moltitudine di progetti trasversali: dove trovi tutte queste energie?

In questo periodo ci sono venute in mente molte idee che usciranno pian piano il disco andrà avanti. L’energia arriva dalla consapevolezza di volerle vedere materializzate. E’ come riuscire ad immaginarsi come sarà la tua idea realizzata. E poi è da troppo tempo che aspettavamo questo momento.

“Viole”, il primo singolo, racconta che la solitudine non esiste: la solitudine allora è solo uno stato mentale?

Non credo che con l’energia di 5 miliardi di persone sul pianeta ci si possa realmente sentire soli. Forse si , è solo uno stato mentale. Ma non è reale.

Il nuovo album si intitolerà “Tredicipose”: un titolo cinematografico: mi anticipi qualcosa.

È più che altro legato all’artwork del disco che Alice Pedroletti ha realizzato. E’ molto fotografico, sposa un po’ l’idea di immortalare emozioni che diventano canzone.

Il brano “Gregorian” sarà accompagnato da un’opera di video arte: com’è nata quest’idea?

Durante la produzione del live sono state fatte delle riprese , proprio mentre provavamo Gregorian. Il risultato è stato molto affascinante ed artistico. Da qui alla voglia di farlo vedere la  strada non è molta. Non vogliamo mai mettere ostacoli tra quello che ci viene in mente di fare ed il realizzarlo. Ci sarà un seguito.

"Dovunque, adesso" è il titolo del mini-film che avete sonorizzato: cosa vi ha colpito di questo lavoro?

Sicuramente l’idea di una prima esperienza di colonna sonora è allettante per il nostro modo di fare musica. Le canzoni che sono state utilizzate per il film non sono state scritte apposta ma erano molto inerenti. La storia è molto cruda e questo ci è piaciuto. Da qui ne abbiamo scritte altre per sonorizzare alcune scene. Il risultato ci piace.

Nel nuovo disco ci saranno duetti e/o collaborazioni con altri artisti?

Abbiamo chiamato Nina (Antonella Ricci) per adattare i testi in inglese di 2 brani (“All the other guys” e “The beauty thoughts”) e Gianluca Morelli degli Emoglobe per collaborare a “Thank you”. Le strofe di questo brano poteva cantarle solo lui.

Com’è stata l’esperienza di “E’ per te” con L’Aura?

L’aura è un’amica  e scrivere con lei il brano, cantarlo insieme e girare il video è stato molto divertente. Il brano è bello , lei è una delle artiste più brave nel panorama musicale. E’ stato un onore.

Ovviamente vi ascolteremo live: avete un progetto ben definito sulle esibizioni?

Si, suonare forte.

Un paio di artisti/gruppi emergenti che apprezzi in questo periodo?

Gli Emoglobe, sono dei numeri uno. Ed ho sentito un pezzo dei La fame di Camilla che mi è piaciuto molto. E poi ovviamente il progetto di Nina (Antonella Ricci), tanto che ho seguito la produzione artistica del suo progetto “The Black Mill”.

Qualcosa da aggiungere?

Buon ascolto.

 

 

Videoclip di Viole

 

Intervista di: Ilario Pisanu

Grazie a: Max Zanotti, Valentina Aponte di 2Roads

Sul web: www.deasonika.it - www.myspace.com/deasonikamusic

 

TOP