Alessandro Ristori: sono italiano, consapevole e fierissimo di esserlo

Scritto da  Sabato, 03 Gennaio 2009 

Ad ottobre è uscito il singolo “Dovevo fare il deejay”, su etichetta Don’t Worry. Nel disco c’è anche la cover di “Impazzivo per te”, portato al successo da Adriano Celentano. I brani faranno parte del suo prossimo album “Alessandro Ristori Faenza-Menphis Andata/Ritorno” in uscita inizio 2009. Questo è Alessandro Ristori. Conosciamolo meglio in questa intervista…

 

 

 

Chi è Alessandro Ristori?

Alessandro Ristori è il tipico italiano, anche fisicamente perché magro, moro  e longilineo, che ama la buona cucina, le belle donne, le auto, crede  e ama la vita… insomma una persona normale (cosa abbastanza ribelle oggi) che oltre a tutto questo coltiva il suo sogno da sempre.

Sei nato a Faenza… terra del M.E.I.: cosa ne pensi di questa manifestazione?

Ricordo bene le primissime edizioni del MEI, era molto diverso. Sicuramente era una due giorni per musiche di nicchia, magari legate a circuiti di musica sperimentale o anche pseudo politica. Ora no, è una fiera della musica italiana, con un peso a livello nazionale; conosco bene Giordano Sangiorgi e chi con lui è riuscito a portare il MEI fino a questo punto, complimenti a loro perché da noi nella provincia non si è abituati ad avere eventi con risonanza nazionale.

Mi parli del tuo nuovo singolo “Dovevo fare il deejay”?

Musicalmente è un Rock’n’Roll punto e basta…. E non è poco nel 2008! La storia invece è vera… te la racconto. Io sono figlio di un uomo che era ragazzo nei primi anni ’60 e quando ero piccolo mi diceva sempre: “quando sarai ragazzo e farai le feste con i tuoi amici non mettere mai i dischi perché altrimenti non avrai nessuna ragazzina, quello è il posto del più bruttino…”. Io però ero ragazzino nei primi anni ’90 e il D.J. era pieno di donne, mentre io nell’angolo della stanza con la chitarra a fare Elvis e Celentano… Nessuna! Sai oramai son “cresciutello”… ho scelto di portare avanti questo maledetto Rock’n’Roll… ora però sono al centro della sala.

Pensa che mio padre faceva il carabiniere… l’avrei dovuto fare anche io…

I carabinieri hanno sempre avuto successo con le donne…. Se lo sei hai la divisa, fai parte di un corpo importantissimo… Se non lo sei  puoi sempre raccontare una barzelletta..

Quali sono gli artisti che hanno influenzato la tua musica?

Sicuramente gli americani del Rock’n’Roll come Elvis, Bill Haley, Little Richard, Buddy Holly, Fat Domino, poi i Beatles devi ascoltarli almeno una volta a settimana. Di Italiani sicuramente Celentano, in quanto nostro primo Rocker e importatore della americanità nella nostra musica, anche nel modo di sponsorizzarla.

“Alessandro Ristori Faenza-Menphis Andata/Ritorno” è il titolo del tuo disco in uscita nel 2009: mi anticipi qualcosa?

Il titolo è descrive quello che sono artisticamente: Menphis è il punto di incontro delle musiche americane (Blues, Gospel, Country, Rock’n’Roll, è la città dove è cresciuto artisticamente Elvis), Faenza è la mia città (piccolo centro in provincia di Ravenna, nella Romagna tagliata in due dalla via Emilia); per capirci, si, attingo dall’America, mi piace Elvis prendo spunti, ma sono italiano consapevole e fierissimo di esserlo, perciò vado vedo e torno! Sarà un disco fresco, spontaneo nel modo in cui è suonato dove al primo ascolto si sente la voglia di fare musica divertendosi per divertire.

Ci saranno dei duetti o delle cover?

Ci saranno brani inediti scritti e arrangiati da me, Lorenzo Staffa con la collaborazione della Band (The Hound Dogs) e il fonico del disco Maurizio Mariani; ci sarà il  duetto con Jacynthe MB cantante canadese entrata più volte nella top ten del suo paese e in Giappone, e da buon cantante di Rock’n’Roll non mi son voluto far mancare anche qualche cover… è la tradizione: porta avanti il verbo!

Ci sono brani italiani che sono “intoccabili”, ovvero molto difficili da “coverizzare”?

Ci sono brani stupendi e perfetti a volte anche nelle loro imperfezioni; “coverizzare” ora va di moda anche perché non si riesce a scrivere e cantare come qualcuno già ci è riuscito, ma lo si è sempre fatto…. Se il lavoro è fatto bene si può fare tutto.

Vuoi aggiungere qualcosa?

Nel 2009 insieme al Cf uscirà anche un DVD “Rock’n’Roll is Back”, un concerto dal vivo che si terrà al Fuori Orario di Taneto (RE) il 10 gennaio prossimo. Insomma  ci avviamo verso un 2009 pieno di novità e soprattutto pieno di Rock’n’Roll, ma non preoccupatevi, ha pochissime controindicazioni… Ciao e grazie. Alessandro.

 

 

Intervista di: Ilario Pisanu

Grazie a: Alessandro Ristori, Luca Catalano di Don’t Worry Records

Sul web: www.alessandroristori.com - www.myspace.com/alessandroristori

 

TOP