Romanzo di formazione quasi scanzonato e crudo ad un tempo, scritto come un diario da parte della protagonista che si immerge nella Milano underground degli Anni ’90, un nuovo Zoo di Berlino, racconto autobiografico, violento, non senza improvvise fughe liriche, anche nello stile.

TOP