Un talento multiforme quello di Giancarlo Nicoletti, regista, drammaturgo, attore e produttore. Sangue siciliano nelle vene, un percorso teatrale romano in costante ascesa e la giusta dose di audacia necessaria per rivolgere lo sguardo anche oltremanica. Dopo il luminoso successo della “Trilogia del contemporaneo” (costituita da “#salvobuonfine”, “Festa della Repubblica” e “Kensington Gardens”) e la rivisitazione moderna degli archetipi classici proposta in “Torre Elettra”, torna in scena nelle vesti di attore per il beckettiano “Finale di Partita” firmato da Filippo Gili, mentre nel frattempo registra gli ultimi ingranaggi della sua regia di “Persone naturali e strafottenti”, pronta a debuttare nel mese di maggio. Lucidità di visione, fervida creatività e un incrollabile rigore nel coltivare la propria arte rappresentano le direttrici di un lavoro teatrale onesto ed originale, alla scoperta del quale Giancarlo ci accompagna attraverso le riflessioni di questa intervista a tutto tondo.

"Il covo dei ladri" è stato rappresentato per la prima volta a Broadway nell'aprile 1996 dalla compagnia del LAByrinth Theatre, con la regia di Alex Molina e la direzione artistica di Philip Seymour Hoffman e John Ortiz. Questa esilarante commedia gangster ambientata a New York approda sui palcoscenici italiani, con la regia di Simone Leonardi e la partecipazione straordinaria di Pino Quartullo. Lo spettacolo sarà in scena al Teatro Porta Portese di Roma dal 25 al 29 marzo.

Il Teatro Filodrammatici di Milano rende omaggio, a suo modo, al genio teatrale di Shakespeare, in occasione dei quattrocento anni dalla sua morte. Non aspettatevi però di incontrare sul suo palco Amleto, Re Lear o Puk; anche quest'anno infatti, lo storico teatro milanese si vanta di essere “Shakespeare-free”. Troverete però, come in Shakespeare, spettacoli che prendono ispirazione dalla contemporaneità, capaci di far ridere e pensare, che introducono il dubbio, la malinconia, che incrinano la visione del mondo in ordine e sicuro, proprio come quelli del bardo di Avon, che frantumavano la vecchia visione del mondo medievale.

Martedì, 03 Marzo 2015 21:45

Battuage - Teatro dell'Orologio (Roma)

Torna a Roma, al Teatro dell’Orologio, dal 20 febbraio all’1 marzo, nell'ambito della rassegna ‘Be. You’, “Battuage”, seconda opera di Joele Anastasi, autore, regista e interprete, e seconda prova per la giovane compagnia Vuccirìa Teatro, fondata dallo stesso autore e da Enrico Sortino, anche lui interprete di questo lavoro, in scena con Federica Carruba Toscano e Simone Leonardi. Con “Battuage” la compagnia continua la ricerca di un linguaggio proprio, un incontro tra drammaturgia originale e ricerca attoriale, su una società indagata nei suoi aspetti più irrisolti e degradati.

L'anno volge al termine e, come ormai da tradizione, la Redazione Teatro di SaltinAria vuole celebrare assieme ai suoi lettori gli spettacoli più emozionanti, gli attori più talentuosi, gli istanti più memorabili vissuti sui palcoscenici negli ultimi dodici mesi. Scopriamo assieme quali saranno secondo noi i più vividi ricordi teatrali di questo 2014...

Dopo aver fatto un giro panoramico per i teatri del mondo, lo spettacolo “Dirty Dancing - The Classic Story On Stage” arriva anche in Italia. Verrà ospitato fino a dicembre dal Barclays Teatro Nazionale che per l’occasione gli riserva uno sfavillante benvenuto con tanto di tappeto rosa shocking. Lo spettacolo trasporta per la prima volta il mitico film su di un palco e su quello del Teatro Nazionale lo fa promettendo una replica fedele alla versione internazionale.

Il celeberrimo musical di Broadway "Sunset Boulevard", basato sull'omonima pellicola di Billy Wilder e con le musiche di Andrew Lloyd Webber, approda nella magnifica Piazza del Popolo, come attesissimo evento di chiusura del Todi Festival 2014. La regia di questa prima produzione italiana è affidata a Federico Bellone e ne sono protagonisti due interpreti dallo scintillante carisma, Donatella Pandimiglio ad incarnare l'algida follia di Norma Desmond e Simone Leonardi nel ruolo dell'affascinante ed istrionico sceneggiatore Joe Gillis. A poche ore dal debutto abbiamo intervistato l'inarrestabile Leonardi che, oltre a svelarci alcuni interessanti dettagli della genesi dello spettacolo, ci racconta i suoi progetti futuri, diviso tra la regia del musical più atteso dell'autunno milanese, "Dirty Dancing" in arrivo al Barclays Nazionale di Milano, la drammaturgia contemporanea di Vuccirìa Teatro e nuovi ambiziosi progetti tutti da scoprire...

Todi Festival, l'evento più vivace e dinamico, ribalta del nuovo teatro. Dal 21 al 31 agosto 2014, per un grande appuntamento con il teatro. Direzione artistica di Silvano Spada. Ecco i quindici spettacoli protagonisti e il programma completo delle singole giornate.

R & G TUTTO QUESTO E' GIA' SUCCESSO è il titolo dello spettacolo ideato e diretto da Simone Leonardi, con gli attori iscritti al CAFT Centro Alta Formazione Teatro selezionati dal regista e autore Massimiliano Bruno che è anche il direttore artistico di questo, che è l'unico master europeo a pari merito con i master post universitari che si occupa della formazione e dell'inserimento professionale dei giovani attori. Lo spettacolo sarà in scena a Roma in anteprima nazionale, nella splendida cornice di VILLA LAIS, situata in prossimità del tratto urbano di via Tuscolana, è un esempio di residenza suburbana risalente ai primi anni del '900.

Venerdì, 09 Maggio 2014 19:59

Battuage - Teatro dell'Orologio (Roma)

Debutta in prima nazionale al Teatro dell'Orologio, nell'ambito della stagione di Dominio Pubblico, il secondo atteso lavoro della compagnia Vuccirìa Teatro. Dopo lo sbalorditivo successo riscosso con "Io, mai niente con nessuno avevo fatto" - vincitore del Roma Fringe Festival 2013 come miglior spettacolo, migliore drammaturgia a Joele Anastasi e miglior attore a Enrico Sortino - la seconda opera trascina violentemente lo spettatore in un universo parallelo popolato da creature inquiete e sofferenti alla ricerca spasmodica di un sesso mercificato e compulsivo che attenui la sciagurata solitudine di un'esistenza priva di affetti e valori. Un testo indubbiamente coraggioso, tagliente come una sciabola, onesto, necessario e corrosivo, che conferma l'originalità del brillante talento di Anastasi nel triplice ruolo di autore, regista e attore; al suo fianco Enrico Sortino, Federica Carruba Toscano e Simone Leonardi, interpreti straordinari che sposano con totalizzante entusiasmo il progetto, affondando nelle viscere delle anime maledette che popolano il tenebroso diorama di questo battuage esistenziale.

Pagina 1 di 2
TOP