Martedì 8 maggio è stata presentata la stagione 2018/2019 del Teatro Sala Umberto, la diciassettesima con la direzione artistica di Alessandro Longobardi. Un cartellone all’insegna della drammaturgia contemporanea e della musica, con una particolare attenzione ai giovani e ad un umorismo sempre acuto e sobrio.

Sabato, 03 Febbraio 2018 15:23

L'ultimo harem - Teatro di Rifredi (Firenze)

Al Teatro di Rifredi è andato in scena “L'ultimo harem”, liberamente ispirato ai racconti de “Le mille e una notte” e di Nazli Eray, ai saggi di Ayşe Saraçgil e al romanzo autobiografico “La terrazza proibita” della scrittrice marocchina Fatema Mernissi. Lo spettacolo, scritto e diretto da Angelo Savelli vede come protagonisti Serra Yilmaz, Valentina Chico e Riccardo Naldini; le scene e i costumi sono di Mirco Rocchi, mentre il disegno luci è firmato da Roberto Cafaggini. Il risultato - in scena da tredici anni (con oltre 25mila spettatori solo a Firenze) - è decisamente originale, sul filo del tema del racconto e della forza interiore del raccontare che è soprattutto donna, in un’atmosfera fiabesca che sembra di cartapesta. Davvero convincente l’interpretazione di Serra Yilmaz.

Sono state le confidenze di una prostituta ad inaugurare la 31ª edizione del Todi Festival e la grande attesa per “Griselidis, memorie di una prostituta” si è concretizzata con un sold-out e molti applausi. Dal monologo tratto dalle memorie della vera Grisélidis Réal e diretto da Juan Diego Puerta Lopez, viene fuori un inedito e crudo quadro psicologico di clienti e prostitute, tra miserie e nobiltà. Serra Yilmaz dà corpo ad una protagonista spregiudicata e compassionevole, tenera nel raccontare anche le più sordide perversioni, mentre il poetico contraltare musicale è affidato al sax solista di Stefano Cocco Cantini.

TOP