"Riflessioni sulla notte" di Fabio Sergio Gagliandi

Scritto da  Fabio Sergio Gagliandi Domenica, 24 Luglio 2016 

La notte è uguale per tutti, lei è molto democratica per certi versi, o forse sbaglio? Esser uguale nei confronti di tutti è democrazia o dittatura? In fin dei conti in milioni di anni mutazioni genetiche particolari ed estremamente selettive han portato alcuni animali a vari accorgimenti che potessero permettere vantaggi competitivi di varia natura nell’ambiente notturno. La notte in miliardi di anni non è cambiata d'una virgola, in effetti da sempre apre e chiude le porte del giorno, eppure in taluni casi: La notte è ancora giovane! La notte è dei giovani, ci parla con urla e schiamazzi, con clacson e canzoni; ciononostante Lei ha poca dimestichezza coi colori, o meglio, ne conosce solo alcuni; la sua tavolozza si muove tra i grigi in base alle luci, più vive, più fioche. La notte è un qualcosa complesso da definire, manifesta la sua presenza attraverso un processo sottrattivo, il suo essere prende forma dal non essere delle forme stesse; nonostante ciò essa è presente ugualmente in ogni momento.

Di Fabio Sergio Gagliandi

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP