SaltaInTeatro - l’agenda teatrale romana, settimana dal 27 febbraio al 5 marzo

Scritto da  Domenica, 26 Febbraio 2017 

Apriamo la nostra Agenda settimanale con una buona notizia. Avevamo parlato la scorsa settimana della vicenda del Teatro dell’Orologio, chiuso su disposizione delle autorità per la mancanza di un’uscita di sicurezza. Un’iniziativa improvvisa, ed imposta con il provvedimento del sequestro dei locali, che ha portato disorientamento e problematiche di varia natura alle Compagnie in programmazione nel fitto calendario della stagione del Teatro. Profetico, evidentemente, fu il claim scelto ad inizio stagione per la campagna di comunicazione “Nessun Teatro si salva da solo”: il Teatro di Roma corre in soccorso. Grazie alla disponibilità ed alla collaborazione del direttore Antonio Calbi, andranno in scena al Teatro India gli spettacoli che erano stati programmati all’Orologio: sette spettacoli per sette giorni. Un gesto simbolico, culturale e politico che da un lato risolve un’emergenza e dall’altro sancisce la proficua collaborazione tra un teatro “nazionale” e un teatro “off”.

Sempre al Teatro India, nell’ambito del progetto Ritratto d’Artista, va in scena una “personale” del lavoro della coppia d’artisti Elvira Frosini e Daniele Timpano che presenteranno ben quattro dei loro spettacoli prodotti a partire dal 2012. Saranno in scena dal 28 febbraio al 5 marzo con: “Acqua Di Colonia”, “Aldo Morto”, “Digerseltz”, “Zombitudine” (tutti i dettagli all’interno dell’articolo).

Torna al Teatro Brancaccino, nell’ambito della rassegna lo Spazio del Racconto, la storia d’amore che ha fatto emozionare tantissimi spettatori durante la scorsa stagione: “Le scoperte geografiche”, testo scritto da Marco Morana e messo in scena dalla regista Virginia Franchi, con protagonisti Michele Balducci e Daniele Gattano.

Al Teatro Quirino-Vittorio Gassman Neri Marcorè sarà il protagonista di “Quello che non ho”, uno spettacolo che si ispira a due straordinari personaggi del nostro recente passato: Pier Paolo Pasolini e Fabrizio De Andrè.

Al Teatro Trastevere un interessante omaggio all’autore de “La classe morta”, Tadeusz Kantor, “La Casta Morta” con la regia di Simone Fraschetti. Uno spettacolo nuovo, un'opera originale ispirata alla sua concezione dell'arte come libertà, continuo dissenso e "salvezza". Quelli che erano i vecchi-bambini de “La classe morta” sono ora ministri e deputati, l'aula scolastica diviene aula parlamentare. Il potere da una parte, l'arte come "realtà del rango più basso" dall'altra. Da vedere.

Moltissime altre opportunità nel ricco calendario degli spettacoli in scena questa settimana a Roma. Qui di seguito tutti i dettagli.

Buona visione con SaltinAria!


OPHELìA
da William Shakespeare
di Giacomo Sette
regia Gianluca Merolli
con Giulia Fiume, Federico Le Pera, Gaia Benassi
con la partecipazione straordinaria di Giuliano Peparini

Tra musica, canti, pantomima e flusso di coscienza, Ofelia indaga se stessa e il suo principe, avvolgendoci in una lacerante e ironica intimità, in costante dialogo con il testo shakespeariano. Al fianco di Ofelia, come a rappresentarne l’audace contraltare, il giovane Fortebraccio, Re di Norvegia, narratore dall'occhio “lucido” e saldo, come una bussola nella tempesta emotiva di Ofelia.
28/02 ore 19.00 Sala A

FUTURA UMANITÀ
di Juan Mayorga
traduzione di Simone Trecca e Amy Bernardi
con Marco Bellomo, Alessandro Filosa, Claudia Guidi, Valerio Leoni
regia Marco Bellomo, Alessandro Filosa, Valerio Leoni

Futura Umanità ha come sfondo una grande azienda in cui un dirigente, Vladimir, ed un autista, Lev, reclutano personale per un progetto parallelo, un progetto, appunto, rivoluzionario: approfittando della menzogna che pervade tutto il sistema-mondo, creano una rete di persone che si proteggono a vicenda e che possono smettere di occuparsi del proprio lavoro, dei propri obblighi, per curare sé stesse, per dedicarsi alla propria Passione.
01/03 ore 19.00 Sala A

LE BUONE MANIERE. I FATTI DELLA UNO BIANCA
di Michele Di Vito
con Michele Di Giacomo
regia Michele Di Giacomo

A distanza di 30 anni dal primo colpo della Banda della Uno bianca al casello autostradale di Pesaro, risalente al 19 giugno 1987, il romagnolo Michele di Giacomo, ne ripercorre le tappe attraverso solo uno dei suoi protagonisti: Fabio Savi. Uno degli assassini più feroci della storia italiana, che per anni, con i fratelli Alberto e Roberto, entrambi poliziotti, mise a segno decine di rapine, uccise 24 persone e ne ferì un centinaio, incarnando fino all’arresto un incubo per chiunque vivesse in Emilia-Romagna.
02/03 ore 19.00 Sala A

SCUSATE SE NON SIAMO MORTI IN MARE
di Emanuele Aldrovandi
regia Pablo Solari
con Luz Beatriz Lattanzi, Marcello Mocchi, Matthieu Pastore e Daniele Pitari

Scusate se non siamo morti in mare
Un cartello esposto da alcuni immigrati durante una manifestazione a Lampedusa.
In un futuro non troppo lontano la crisi economica – che invece di finire si è aggravata – ha trasformato l’Europa in un continente di emigranti. I cittadini europei, alla ricerca di un lavoro e di un futuro migliore, cercano di raggiungere i paesi più “ricchi”, ma devono farlo clandestinamente perché questi paesi, nel frattempo, hanno chiuso le frontiere.
03/03 ore 19.00 Sala

FAUST MARLOWE BURLESQUE
di Aldo Trionfo e Lorenzo Salveti
regia Massimo Di Michele
con Massimo Di Michele e Federica Rosellini

Gli autori elaborano un gioco straordinario nel quale i personaggi – Faust e Mefistofele – finiscono per rappresentare le due facce della stessa medaglia. La dannazione di Faust, spintosi troppo in là nella ricerca dell'immortalità, è anche la solitudine di Mefistofele. Il gioco – fatto di scherzi divertiti, inversioni di genere, ammiccamenti di seduzione reciproca, oscillante fra il disperante e il travolgente – invischia entrambi i personaggi in una progressiva crisi di identità.
04/03 ore 19.00 Sala A

HITCHCOCK. A LOVE STORY
di Fabio Morgan
con Anna Favella e Massimo Odierna
regia Leonardo Ferrari Carissimi

Hitchcock A love story. Una commedia sentimentale a tinte noir.
Due ragazzi col sogno di diventare attori, si incontrano durante un provino per uno spettacolo teatrale dedicato alla filmografia di Alfred Hitchcock. La loro storia, una storia d’amore ricca di colpi di scena e di e situazioni tragicomiche, si muove attraverso le fitte trame di Caccia al ladro, Intrigo internazionale, Vertigo, Il delitto perfetto, Psycho, La finestra sul cortile e Gli Uccelli.
05/03 ore 21.00 Sala A

REQUIEM FOR PINOCCHIO
La scoperta dell’Esistenza
di e con Simone Perinelli
con un estratto di “Emporium” di Marco Onofrio
regia Simone Perinelli

C'era una volta un pezzo di legno. E dico "c'era" perché ora non c'è più.
...E così Pinocchio, da burattino divenne bambino. Qualcuno gridò: “Che Peccato!”
Il burattino diventato umano suo malgrado si stacca dalla classica messa in scena del testo di Collodi, per destreggiarsi nel nostro mondo dove la favola non è che un lontano ricordo, una delle tante versioni dei fatti.
07/03 ore 21.00 Sala B

TEATRO INDIA - Lungotevere Vittorio Gassman (già Lungotevere dei Papareschi) - Roma
dal 28 febbraio al 7 marzo 2017

Info e prenotazioni: mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , Tel. 06.684.000.311/314
Sito web: www.teatrodiroma.net


Ritratto d’Artista
Frosini/Timpano
ACQUA DI COLONIA dal 28 febbraio al 2 marzo
ALDO MORTO 3 marzo
DIGERSELTZ 4 marzo
ZOMBITUDINE 5 marzo

Dopo il successo del loro Alla città morta, episodio conclusivo di Ritratto di una Capitale al Teatro Argentina nel 2014 e nel 2015, il duo Frosini/Timpano approda al Teatro India portando in scena i loro corpi che disinnescano, decostruiscono e incarnano le narrazioni della Storia, le derive antropologiche della società e un vasto materiale che si innesta nella coscienza contemporanea. Un complesso dispositivo teatrale in cui gli attori-autori sono sempre in dialogo con il pubblico e in bilico tra l’incarnazione di personaggi, mitologie culturali, topoi della Storia, portando in campo il proprio perturbante rapporto con la Storia stessa e la cultura, in un gioco di scivolamenti spiazzanti e dissacranti in cui pongono questioni radicali: «Il nostro dialogo con il pubblico – commentano Frosini/Timpano – è basato sulla co-esistenza con gli spettatori, su ciò che condividiamo qui, oggi: la stessa ipocrisia, cliché, le stesse paure, le stesse nevrosi, la stessa sorte».
È a partire da queste riflessioni che la coppia d’artista si rivolge direttamente al pubblico interrogandolo con Acqua di colonia (dal 28 febbraio al 2 marzo) se «il nostro pensiero sia colonialista e razzista?»; con Aldo morto (3 marzo) se «gli anni Settanta siano stati l’ultimo barlume di coscienza reattiva o una mitizzazione?»; con Digerseltz (4 marzo) se «a questo vuoto corrispondano risposte oppure parole che possano colmare la voragine di senso e la paura che ci assale?»; con Zombitudine (5 marzo) se «l’immobilismo sociale, culturale, politico, questa “zombitudine” in cui siamo tutti, abbia una via di uscita, una possibilità di coscienza?».

Si parte dal 28 ottobre al 2 marzo con l’ultimo lavoro (presentato a Romaeuropa Festival nell’autunno 2016), Acqua di colonia, uno spettacolo che affronta il rimosso del colonialismo italiano, una storia negata che dura 60 anni, iniziata già nell’Ottocento, ma che nell’immaginario comune si riduce ai 5 anni dell’Impero Fascista. Il fuoco del lavoro è tutto sull’oggi e su un altro rimosso, il nostro razzismo; sul nostro disagio nell’affrontare le migrazioni e trovare forme di convivenza; sul pensiero colonialista che risiede inconsapevolmente in noi; sulla nostra ipocrisia. Un falò di cortocircuiti, di risate e sensi di colpa, in cui si dissacrano i miti della mentalità coloniale e si smaschera il nostro sguardo – italiano, europeo, occidentale – sempre e solo rivolto su noi stessi.

Si continua il 3 marzo con Aldo morto e il 4 marzo con Digerseltz, due lavori del 2012 che hanno segnato un passaggio importante nel percorso e nel linguaggio della coppia, in cui si affronta il tema del declino e del vuoto politico, culturale e antropologico nel quale siamo immersi. Aldo morto è stato tradotto e presentato a Parigi per “Face à Face” nel 2015, ha vinto il Premio Rete Critica 2012 ed è stato candidato al Premio Ubu come migliore novità drammaturgica. Il progetto Aldo morto 54 (54 giorni di repliche dello spettacolo e 54 giorni di auto-reclusione di Daniele Timpano in streaming in una cella ricostruita appositamente) ha vinto il Premio Nico Garrone nel 2013. Parlando di Aldo Moro, Lotta armata e anni Settanta, si tocca una storia recente, ancora attaccata alla pelle di noi tutti, si tocca l’inarrestabile declino del nostro Paese, si fanno i conti con quell’ultimo guizzo di vitalità che ha attraversato la nostra vita civile e politica.

È lo stesso vuoto aperto come un’insondabile voragine da Digerseltz, vera e propria macellazione della mitologia contemporanea del cibo, in cui si fanno i conti con l’horror vacui dell’esistenza e di un presente cannibalico e si tocca l’insicurezza e la paura del nostro mondo che avverte lo sfaldamento del benessere e il timore di essere cannibalizzati dai nostri stessi mostri. Il corpo in scena, restituito come prodotto del bio-potere, diviene solitario pasto sacrificale di una società in preda ad una bulimia riempitiva del vuoto culturale, in cui segni e oggetti quotidiani (il frigo, la tavola, il compleanno, il presepe) si trasmutano in icone di una ritualità ossessiva che ha perduto ogni rapporto con il sacro.

Infine il 5 marzo torna in scena Zombitudine, spettacolo che ha debuttato al Teatro della Tosse di Genova nel 2013 e ha segnato un importante punto di svolta nel percorso dei due artisti. Dopo essere stato presentato al Romaeuropa nel 2014, come i precedenti lavori continua ad avere una lunga tournée in Italia. Zombitudine tenta di costruire qualcosa di vivo a partire dalla tabula rasa del nostro presente. Si parte non da un fatto storico, non da un cadavere eccellente, ma dai nostri cadaveri viventi, che vivono la propria spensierata morte. Si prende in prestito dall’immaginario collettivo un mostro, lo Zombi, e gli si dà corpo: «se il corpo morto dello Stato è un corpo zombi, sono zombi anche i corpi di noi cittadini, non più vivi ma nemmeno morti, di uno Stato non ancora morto ma mai stato vivo».

ACQUA DI COLONIA
testo, regia, interpretazione Elvira Frosini e Daniele Timpano
consulenza Igiaba Scego
voce del bambino Unicef Sandro Lombardi
scene e costumi Alessandra Muschella, Daniela De Blasio - luci Omar Scala
Produzione Romaeuropa Festival, Teatro della Tosse, Accademia degli Artefatti con il sostegno di Armunia Festival Inequilibrio
orari spettacolo: ore 21.00_ Durata 1 ora e 40 minuti
dal 28 febbraio al 2 marzo 2017

ALDO MORTO
testo, regia, interpretazione Daniele Timpano
collaborazione artistica Elvira Frosini
luci Dario Aggioli, Marco Fumarola
oggetti di scena Francesco Givone - registrazioni, editing audio Marco Fumarola, Marzio Venuti Mazzi
elaborazioni fotografiche Stefano Cenci
Produzione Frosini/Timpano con il sostegno di Area 06 in collaborazione con Cité Internationale des Arts, Comune di Parigi
orari spettacolo: ore 21.00_ Durata 1 ora e 35 minuti
3 marzo 2017

DIGERSELTZ
testo, regia, interpretazione Elvira Frosini
collaborazione artistica Daniele Timpano
luci Dario Aggioli - materiali di scena Antonello Santarelli - musiche originali Marco Maurizi
Produzione Frosini/Timpano in collaborazione con Officine CAOS/Stalker Teatro
orari spettacolo: ore 21.00_ Durata 60 minuti
4 marzo 2017

ZOMBITUDINE
testo, regia, interpretazione Elvira Frosini e Daniele Timpano
scene e costumi Alessandra Muschella - ideazione luci Marco Fumarola, Daniele Passeri - luci Omar Scala, Matteo Selis
produzione Frosini/Timpano - amnesiA vivacE, Kataklisma
coproduzione Teatro della Tosse Fuori Luogo, Teatro dell’Orologio / Progetto Goldstein, Accademia degli Artefatti
con il sostegno del Teatro di Roma nell’ambito del progetto “Perdutamente”
orari spettacolo: ore 19.00_ Durata 1 ora e 15 minuti
5 marzo 2017

TEATRO INDIA - Lungotevere Vittorio Gassman (già Lungotevere dei Papareschi) - Roma

Info e prenotazioni: mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , Tel. 06.684.000.311/314
Sito web: www.teatrodiroma.net


LE SCOPERTE GEOGRAFICHE
di Marco Morana
regia Virginia Franchi
con Michele Balducci e Daniele Gattano
installazione luminosa e composizione sonora Fabio Di Salvo
costumi Alessandro Fusco
disegno luci Marco D'Amelio
movimento scenico Marzia Meddi
aiuto regia Valeria Spada
scenotecnica Walter Mariucci e Giorgio Paolicelli
foto e grafica Manuela Giusto
ufficio stampa e promozione Giulia Taglienti
produzione e organizzazione LISA
spettacolo finalista della XI edizione del Premio alle Arti Sceniche Dante Cappelletti

Torna al Teatro Brancaccino dal 2 al 5 marzo, nell’ambito della rassegna lo Spazio del Racconto, la storia d’amore che ha fatto emozionare tantissimi spettatori: Le scoperte geografiche, testo scritto da Marco Morana e messo in scena dalla regista Virginia Franchi. Dopo aver partecipato alla rassegna Illecite/Visioni nella splendida cornice del Teatro dei Filodrammatici di Milano, Le scoperte geografiche è nuovamente a Roma per quattro date imperdibili. In scena gli attori Michele Balducci (sul grande e piccolo schermo diretto, fra gli altri, da Liliana Cavani, Luciano Odorisio, Luis Prieto e Giulio Base) e Daniele Gattano, (monologhista nel fortunato programma televisivo Colorado Caffè di Italia1), saranno accompagnati dall’installazione luminosa e dalle sonorità di Fabio Di Salvo del collettivo artistico Quiet Ensemble.

Le scoperte geografiche è la storia di un sentimento assoluto e forse mancato, l’epopea di una rotta perpetua, perché nell’oceano dei sentimenti non c’è terraferma su cui attraccare, non c’è meta, ma solo un senso agrodolce, insieme definitivo e sospeso, inevitabile conseguenza di ogni viaggio d’amore.
(Marco Morana)

In attesa del debutto romano sono previste delle letture del testo nei licei di Roma volte a promuovere lo spettacolo e suscitare una discussione attorno al tema dell’identità.

Sinossi: Un banco di scuola, anni cinquanta. Due compagni, due giovani uomini che ripassano la lezione di storia: le grandi scoperte geografiche di Colombo e Magellano. Ma quella lezione in realtà è un pretesto, perché tra i due c’è un sentimento profondo che finora hanno nascosto. Il viaggio dei due grandi esploratori si confonde con la loro esplorazione. La classe diventa la caravella, e la terra da scoprire è un continente oscuro e senza confini, quello del desiderio e dell’identità. Questo tragitto di formazione prosegue oltre l’adolescenza, attraversando la maturità e la vecchiaia dei protagonisti. Si addentra nel loro Nuovo Mondo interiore, un universo pericoloso, fatto di tempeste, di dubbi e di slanci improvvisi, di ammaraggi coraggiosi e di mostri sputati dall’inconscio. Un universo più reale della realtà, dove la lingua perde ogni funzione quotidiana diventando un codice esclusivamente amoroso, poetico in senso stretto, che si fonde ironicamente con il gergo marinaresco.

TEATRO BRANCACCINO - Via Merulana 244, 00185 Roma
Dal 2 al 5 marzo 2017
Biglietti: 15.50 euro, ridotti 11.50 euro
Orario spettacoli: dal giovedì al sabato ore 20.00, la domenica ore 18.00

Info e prenotazioni: telefono 06 80687231
Sito web: www.teatrobrancaccio.it


Neri Marcorè
QUELLO CHE NON HO
drammaturgia e regia Giorgio Gallione
canzoni di Fabrizio De Andrè
voci e chitarre Giua
Pietro Guarracino Vieri Sturlini
arrangiamenti musicali Paolo Silvestri
collaborazione alla drammaturgia Giulio Costa
scene Guido Fiorato
luci Aldo Mantovani

Le canzoni dello spettacolo sono
Se ti tagliassero a pezzetti (De Andrè - Bubola)
Una storia sbagliata (De Andrè - Bubola)
Ottocento (De Andrè - Pagani)
Don Raffaè (De Andrè - Pagani - Bubola)
Quello che non ho (De Andrè - Bubola)
Khorakhanè (De Andrè - Fossati)
Smisurata preghiera (De Andrè - Fossati)
Dolcenera (De Andrè - Fossati)
Volta la carta (De Andrè - Bubola)
Canzone per l’estate (De Andrè - De Gregori)

Dopo le felici esperienze di Eretici e corsari, Un certo Signor G e Beatles Submarine, Neri Marcorè torna a collaborare con il Teatro dell’Archivolto di Genova. L’attore è il protagonista di Quello che non ho e sul palco recita e canta accompagnato dalle voci e dalle chitarre di Giua, Pietro Guarracino e Vieri Sturlini.
Scritto e diretto da Giorgio Gallione, lo spettacolo si ispira a due giganti del nostro recente passato, Pier Paolo Pasolini e Fabrizio De Andrè, portando in scena il sentimento di indignazione civile del primo e le “anime salve” del secondo. In equilibrio instabile tra ansia del presente e speranza del futuro, Quello che non ho è un affresco teatrale che si interroga sulla nostra epoca. Lo fa raccontando storie emblematiche, anche in chiave satirica, che mettono a nudo le contraddizioni della nostra società globalizzata, dove – come affermava Pasolini nel documentario La rabbia – continua ad esserci sviluppo senza progresso. A questo tessuto narrativo, basato su episodi di cronaca internazionale, riflessioni di carattere economico e sociale, si incrociano le canzoni di Fabrizio De Andrè, da Khorakhané a Don Raffaè a Smisurata Preghiera - poesie in musica che passano dalle ribellioni e i sarcasmi giovanili alla visionarietà dolente delle "anime salve" e dei “non allineati” contemporanei. Idealmente dallo spettacolo emerge un dialogo, etico e politico, tra le narrazioni dell’Italia e del mondo lasciateci in eredità da due artisti lontani tra loro ma curiosamente spesso in assonanza.
“Nelle ultime stagioni insieme a Neri Marcorè abbiamo molto frequentato il teatro musicale, costruendo spettacoli che guardavano sia al teatro civile che alla bizzarra giocosità del surreale” commenta Giorgio Gallione. “Con Quello che non ho siamo di fronte a un anomalo, reinventato esempio di teatro canzone che, traendo linfa dalla visione del mondo e dalla poetica di Pasolini e De Andrè, prova a raccontare l’oggi. Un tempo nuovo e in parte inesplorato in cerca di idee e ideali”.
Lo spettacolo ha una durata di 1 ora e 25 minuti.

TEATRO QUIRINO VITTORIO GASSMAN - Via delle Vergini, 7 - ROMA
dal 28 febbraio al 5 marzo 2017
Orari Spettacoli: da martedì a sabato ore 21, domenica ore 17, giovedì 2 marzo ore 17

Info e prenotazioni: Tel. 06-6794585, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: www.teatroquirino.it

 

Il Premio The Stage for Acting Excellence SILVIA GALLERANO in
LA MERDA
di CRISTIAN CERESOLI
Premio Fringe First for Writing Excellence

UNA PRODUZIONE FRIDA KAHLO PRODUCTIONS
CON RICHARD JORDAN PRODUCTIONS, PRODUZIONI FUORIVIA
IN COLLABORAZIONE CON SUMMERHALL (EDINBURGH) E TEATRO VALLE OCCUPATO (ROME)
PRODUZIONE ESECUTIVA & TOUR MANAGING MARCO PAVANELLI
TECNICO GIORGIO GAGLIANO

Dopo aver vinto l’oscar del teatro europeo e registrato un enorme successo di pubblico e critica in tutto il mondo, il poetico flusso di coscienza sulla condizione umana – il clamoroso fenomeno che ha da tempo rotto i confini del teatro e che viene accolto quasi fosse un concerto rock – ritorna in Italia, nonostante una sottile e persistente censura.

L’opera che ha scioccato e meravigliato il mondo al Festival di Edimburgo 2012 registrando il tutto esaurito anche nel ritorno al festival del 2013, continua senza sosta a raccogliere recensioni entusiaste dai più importanti media internazionali e un’accoglienza clamorosa in ogni città e villaggio, con Edimburgo, Copenhagen, Roma, Madrid, São Paulo, Milano, Glasgow, Berlino, Vilnius, Adelaide e il celeberrimo West End di Londra in cinque anni consecutivi di tutto esaurito, nonostante una sottile e persistente censura, in particolare in Italia.

Il “brutale, disturbante e umano” testo sulla condizione umana di Cristian Ceresoli, considerato “straordinario” dal Times, e che gli è valso il Fringe First Award for Writing Excellence per la scrittura, viene pubblicato in edizione bilingue Italiano–Inglese dalla Oberon Books di Londra nel 2012 ed è tradotto oltre che in inglese, in greco, danese, ceco, spagnolo, gallego, portoghese brasiliano e francese, mentre è in corso di traduzione in numerose altre lingue.

L’interpretazione “sublime e da strapparti la pelle di dosso” di Silvia Gallerano definita “straordinaria” dal Guardian viene accolta da più da cinque anni da commosse ovazioni. La Gallerano, che interpreta La Merda sia in inglese che italiano, e prossimamente anche in francese, è la prima attrice italiana a vincere il The Stage Award for Acting Excellence.

La Merda è un fenomeno che ha da tempo rotto i confini del teatro e viene seguito quasi fosse un concerto rock, con un’accoglienza clamorosa in ogni città e villaggio.

La Merda si manifesta come uno stream of consciousness dove, in poesia, si scatena la bulimica e rivoltante confidenza pubblica di una “giovane” donna “brutta” che tenta con ostinazione, resistenza e coraggio di aprirsi un varco nella società delle Cosce e delle Libertà.

La Merda ha come spinta propulsiva il disperato tentativo di districarsi da un pantano o fango, ultimi prodotti di quel genocidio culturale di cui scrisse e parlò Pier Paolo Pasolini all’affacciarsi della società dei consumi. Quel totalitarismo, secondo Pasolini, ancor più duro di quello fascista poiché capace di annientarci con dolcezza.

Dopo circa due anni di lavorazione in uno stato precario dovuto al boicottaggio e alla censura subiti in Italia, alla fine di Marzo del 2012 la Première Italiana de La Merda al Teatro i di Milano va completamente sold out, con replica straordinaria esaurita in poche ore. Ad agosto dello stesso anno, la versione in inglese de La Merda (The Shit) viene presenta in Prima Mondiale alla Summerhall, per il Fringe Festival di Edimburgo, dove ottiene un altro record di pubblico fino a diventare un Fringe Sell Out Show. Qui riceve critiche straordinarie e vince il Fringe First Award for Writing Excellence per la scrittura a Cristian Ceresoli, il The Stage Award for Acting Excellence per l’interpretazione a Silvia Gallerano e l’Arches Brick Award for Emerging Art oltre a una nomination per il Totale Theatre Award (mentre in Italia vince, tra gli altri, il Premio della Critica ANCT). Da quel momento un clamoroso e scioccante successo di pubblico e critica accompagna l’opera nel Tour Mondiale (incluse Londra, Madrid, São Paulo, Roma, Glasgow, Berlino, Vancouver, Vilnius, Copenhagen, Lisbona e Adelaide) con anni consecutivi di tutto esaurito nonostante una sottile e persistente censura continui a manifestarsi, in particolare in Italia. Intanto le produzioni del testo in altri paesi, come Danimarca e Brasile, vengono accolte con settimane di tutto esaurito e altrettanto successo di critica.

TEATRO DUE - vicolo dei Due Macelli 37, 00187 Roma
Dall'1 al 20 marzo, ore 21

Info e prenotazioni: telefono 06/6788259, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: www.teatrodueroma.it/it 


LA CASTA MORTA
soggetto di Luigi Marinelli e Michele Sganga
testo di Adriano Marenco
regia di Simone Fraschetti
con Raffaele Balzano, Marco Bilanzone, Valentina Conti, Francesca Romana Nascè, Mersia Valente, Marco Zordan
installazioni a cura di Pamela Adinolfi, Alessandra Caputo, Daniele Casolino, Lisa Rosamilia, Antonio Sinisi
musiche di Michele Sganga
soprano: Nora Capozio
violino: Lia Tiso
pianoforte: Michele Sganga
chitarra, riprese audio e sonorizzazioni: Matteo de Rossi
postproduzione: Studio Sonicview - Roma
scenografie di Domenico Latronico
foto di scena Ikonica Foto
Produzione Patas Arriba Teatro

Cinque parlamentari e un commesso eleggono il presidente fantoccio Neoplasio. A turno lo animano, gli danno voce ma, in Neoplasio, burattino e burattinaio coincidono. Nell'ombra della sua autorità faranno tutto il possibile per mantenere il potere fino alla fine dei giorni.
In scena il potere economico, rappresentato da una lavagna-monolite, e quello politico, rappresentato dalla casta, vivono la massima intimità nel momento del bisogno fisiologico.
La casta sa di essere morente. Ora dovrà trovare il modo di rigenerarsi. I deputati ricercano solo un nuovo tipo di potere, per continuare ad esistere, un potere dal volto umano, che si avvicini alla gente creando nuovi consensi.
Mentre la pars destruens dello spettacolo è giocata dai politici, la pars costruens è rappresentata dal mito omerico: in tempo di guerra Kantor aspettava il ritorno di Odisseo alla stazione di Cracovia, l'eroe doveva tornare a casa, sconfiggere i Proci usurpatori e ristabilire il buon governo. Ne La casta morta cinque happening evocheranno il tempo del mito in luoghi scenici adattati. Cassandra, Circe, Penelope e Athena aiuteranno Odisseo a ritornare a casa.
La casta è un branco.
Il branco difende il proprio territorio, la zona di caccia, il bacino di voti. Ogni esemplare monta la guardia, difende, aggredisce e sbrana. Ognuno di loro è simile agli altri, stessa pelliccia, medesimo appetito. Avanzano a quattro zampe nella storia, troveranno la postura eretta ed il potere.
La casta è un sistema di stratificazione gerarchica della società.
Al vertice un Presidente, dietro di lui ministri e parlamentari.
Nel fondo i cittadini.
La casta parla di sé, non si censura, non si pente di nulla. A volte il Mito torna nella storia in forma di sogno, di reminiscenza disturbante. I vecchi insegnanti-personaggi mitologici appaiono ai cattivi scolari, li terrorizzano, li puniscono. Ma il Mito è un racconto e non può cambiare la realtà. La casta continuerà a graffiare la storia, a salvaguardarsi, a rigenerarsi.
La Casta Morta è stata realizzata con il sostegno dell'Istituto Polacco di Roma in occasione del 250° Anniversario del Teatro Pubblico in Polonia e del Centenario di Tadeusz Kantor.

TEATRO TRASTEVERE via Jacopa de’ Settesoli 3, 00153 Roma
dal 28 febbraio al 5 marzo 2017
martedì-sabato h 21.00, domenica h 17.30

Info e prenotazioni: telefono 06-5814004, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: www.teatrotrastevere.it


Teatro Vittoria | Attori & Tecnici presenta
MATTI DA SLEGARE
di Axel Hellstenius
Versione italiana della commedia Elling & Kjell Bjarne
Traduzione Giovanna Paterniti
con Giobbe Covatta ed Enzo Iacchetti
e con Irene Serini, Sara Damonte
Scene e costumi Francesca Pedrotti
Disegno luci Carlo Signorini
Musiche Ugo Gangheri
Adattamento e regia Gioele Dix
Produzione Centro d’Arte Contemporanea Teatro Carcano e Mismaonda

La vicenda dei “matti” Giovanni e Elia e il loro percorso di reinserimento nella società, un formidabile terzetto formato da Giobbe Covatta e Enzo Iacchetti (interpreti) e Gioele Dix (regista), ovvero tre fra i più apprezzati, riconoscibili, simpatici, popolari e socialmente sensibili personaggi dello spettacolo italiano. Le loro caratteristiche artistiche garantiscono un approccio a un tema rilevante e delicato come quello della malattia mentale che è fresco, ironico, addirittura spassoso e divertente. Nessun tentativo di patetismo, né alcuna traccia di retorica in questo leggero e al tempo stesso intenso ritratto di vita e amicizia, di passioni e dolori, di fobie e scelte coraggiose.
In scena anche Irene Serini nel ruolo dell’assistente sociale Franci e Sara Damonte nel doppio ruolo della dottoressa Manu e della vicina di casa Rita. Dopo parecchi anni vissuti in una struttura psichiatrica protetta dove sono diventati amici inseparabili, Elia e Giovanni vengono “promossi” e mandati dal sistema sanitario a vivere da soli in un appartamento nel centro della città. Si tratta di un esperimento e di una prova molto importante per loro: dovranno provare a inserirsi nella società civile e dimostrare di saper badare a se stessi. Tratto dalla commedia Elling & Kjell Bjarne del norvegese Axel Hellstenius (da cui fu tratto nel 2001 il film Elling diretto da Petter Næss, candidato all’Oscar come migliore film straniero 2002), lo spettacolo racconta il percorso tortuoso, complicato ed esaltante che condurrà i due “matti” a slegarsi dai tanti fantasmi piccoli e grandi che li hanno resi infelici per gran parte della loro vita. Entrambi riusciranno a trovare una strada personale per il reinserimento nel mondo. È questa l’intuizione forte del testo: l’arte e l’amore come strumenti di guarigione e riscossa, elementi imprescindibili per un’esistenza piena e felice.

TEATRO VITTORIA / ATTORI & TECNICI - Piazza S. Maria Liberatrice 10, 00153 Roma (Testaccio)
dal 28 febbraio al 5 marzo 2017 ore 21.00 (domenica ore 17.30 , mercoledi 1 ore 17.00)
Biglietti: intero platea 28, intero galleria 22 (compresi 3 euro di prevendita)
Ridotti in convenzione: platea 21 e galleria 18 (compresi i 3 euro di prevendita)
Promozione gruppi: 1 biglietto cortesia ogni 10 spettatori paganti
Botteghino: 06 57 40 170 ; 06 57 40 598 _ lunedì (ore 16-19), martedì - sabato (ore 11- 20), domenica (ore 11-13.30 e 16-18)

Info e prenotazioni: telefono 06 5740170 - 06 5740598, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: www.teatrovittoria.it

 

FABRIZIO GIFUNI - L'AUTORE E IL SUO DOPPIO
Camus, Pasolini, Testori, Cortázar, Bolaño

giovedì 2, venerdì 3, sabato 4, domenica 5 marzo
LO STRANIERO
un'intervista impossibile
(da L'Etranger di Albert Camus)
suono G.U.P. alcaro
ideazione e regia Roberta Lena
produzione il Circolo dei lettori di Torino

martedì 7 e mercoledì 8 marzo
Fabrizio Gifuni legge
RAGAZZI DI VITA
di Pier Paolo Pasolini
Fabrizio Gifuni in collaborazione con Solares Fondazione delle Arti

giovedì 9 e venerdì 10 marzo
IL DIO DI ROSERIO
di Giovanni Testori
studio sul primo capitolo
Fabrizio Gifuni in collaborazione con Solares Fondazione delle Arti

sabato 11 e domenica 12 marzo
UN CERTO JULIO
omaggio a Julio Cortázar e Roberto Bolaño
Havier Girotto, sassofoni
Fabrizio Gifuni in collaborazione con Solares Fondazione delle Arti

Un viaggio di andata e ritorno. Le parole provenienti dai corpi dei loro autori si depositano sulle pagine di un libro all'unico scopo di essere trasmesse. Finchè un attore le stacca dalla dimensione orizzontale in cui occasionalmente si trovano per rimetterle in verticale, riportandole alla loro sede originale, facendosene nuovamente carico. Dal corpo dello scrittore al corpo di scena.

TEATRO VASCELLO - via Giacinto Carini 78, 00152 Roma
dal 2 al 12 marzo 2017
dal giovedì al sabato ore 21, domenica ore 18

Info e prenotazioni: mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , telefono 06 5898031
Sito web: www.teatrovascello.it

 

Lorella Cuccarini in
LA REGINA DI GHIACCIO - Il Musical
ispirato alla Turandot di Giacomo Puccini
musica Davide Magnabosco, Paolo Barillari, Alex Procacci
testi Maurizio Colombi, Giulio Nannini
scene Alessandro Chiti, costumi Francesca Grossi
disegno luci Alessio De Simone, disegno suono Emanuele Carlucci
videografica Marco Schiavoni direzione musicale e arrangiamenti Davide Magnabosco
coreografie Rita Pivano
aiuto regia Davide Nebbia, assistente coreografie Francesco Spizzirri
con
LORELLA CUCCARINI nel ruolo di TURANDOT
PIETRO PIGNATELLI nel ruolo di CALAF
SIMONETTA CARTIA nel ruolo di CHANG’È,
SERGIO MANCINELLI nel ruolo di YAO,
VALENTINA FERRARI nel ruolo della strega TORMENTA
FEDERICA BUDA nel ruolo della strega GELIDA
SILVIA SCARTOZZONI nel ruolo della strega NEBBIA
GIANCARLO TEODORI nel ruolo di PING
JONATHAN GUERRERO nel ruolo di PONG
ADONÀ MAMO nel ruolo di PANG
PAOLO BARILLARI nel ruolo di ALTOUM
FLAVIO TALLINI nel ruolo del PRINCIPE DI PERSIA
LAURA CONTARDI nel ruolo di ZELIMA
ensemble
LUCA CONTINI, MARTINA GABBRIELLI, FILIPPO GRANDE, CAMILLA MAFFEZZOLI,
ANTONELLA MARTINA, ELEONORA PELUSO, IVAN TRIMARCHI
regia MAURIZIO COLOMBI

Dopo il successo di RAPUNZEL il musical, torna al Teatro Brancaccio Lorella Cuccarini in LA REGINA DI GHIACCIO il musical, ideato e diretto da Maurizio Colombi, ispirato alla fiaba persiana da cui nacque la Turandot di Giacomo Puccini.
Lorella Cuccarini interpreta il ruolo di una crudele e malefica regina vittima di un incantesimo, nel cui regno gli uomini sono costretti ad indossare una maschera per non incrociare il suo sguardo. Solo colui che sarà in grado di risolvere tre enigmi potrà averla in sposa. Riuscirà il Principe Calaf, interpretato da Pietro Pignatelli, a sciogliere il cuore di ghiaccio della regina con il calore e il fuoco del suo amore?
L'Opera lirica Turandot, incompiuta per la prematura scomparsa di Puccini, ebbe nelle varie edizioni dei finali distinti. Il moderno adattamento in musical di Maurizio Colombi, geniale regista che si conferma una delle menti più creative del genere Musical (suoi Rapunzel, Peter pan),dà una nuova chiave di lettura fantastica, più vicina alla sensibilità dei bambini, grazie all’inserimento di personaggi inediti: le tre streghe Tormenta, Gelida e Nebbia, fautrici dell’incantesimo, in contrasto con i consiglieri dell’imperatore Ping, Pong e Pang; un albero parlante, la Dea della Luna Changé, il Dio del Sole Yao. Un cast artistico formato da venti straordinari performer fra attori, cantanti, ballerini, acrobati.
Alessandro Longobardi, direttore artistico del Teatro Brancaccio, produce per Viola Produzioni questo nuovo grande musical, riconfermando la squadra vincente di Rapunzel: Maurizio Colombi, Lorella Cuccarini, oltre al prezioso cast creativo: Davide Magnabosco, Alex Procacci e Paolo Barillari per le musiche, Giulio Nannini per i testi, Alessandro Chiti per le scenografie, Francesca Grossi per i costumi, Alessio De Simone per il disegno luci Emanuele Carlucci per il disegno suono, Rita Pivano per le coreografie.
Non mancheranno in sala gli effetti speciali che abbattono la quarta parete coinvolgendo tutti gli spettatori, grazie all’utilizzo di immagini video realizzate con le più moderne tecnologie.
La musica originale, composta da 18 emozionanti brani musicali arrangiata e diretta da Davide Magnabosco mantiene dei riferimenti melodici ad alcune tra le più famose arie di Puccini ,come il celeberrimo Nessun dorma, rivisitato in chiave pop e di altri “grandi” dell’opera lirica.

TEATRO BRANCACCIO - Via Merulana 244, 00185 Roma
Dal 9 marzo al 26 marzo 2017

Info e prenotazioni: mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , telefono 06 80687231
Sito web: www.teatrobrancaccio.it


Francesca Reggiani in
FRANCESCA REGGIANI SHOW
SPAESATI
di V. Lupo, F. Reggiani e G. Giugliarelli
Regia di V. Lupo

Lo spaesamento è generale. L'unica sicurezza che abbiamo è la precarietà in tutti i sensi. Personaggi vecchi e nuovi tengono insieme il nuovo show. Da Hillary Clinton a Maria De Filippi, dal sottosegretario Maria Elena Boschi a Patty Pravo, sfiorando Virginia Raggi… se si lascia sfiorare.
Donne molto diverse tra loro, ma tutte donne che hanno da dire parecchio. Alcune illuminate, altre fulminante. Maria de Filippi fa da fil rouge, in quanto unico riferimento positivo in un Paese che si sfalda ogni giorno sotto i nostri occhi.
Un irresistibile one-woman-show che non lascia via d’uscita, fatto di riflessioni acute e scomode di una sfavillante Francesca Reggiani, con uno sguardo ironico attraverso le donne che finalmente occupano posti di potere, includendo anche le dinamiche con i loro uomini.
Per quanto riguarda invece la sfera sentimentale? Francesca risponde: "Ricalca esattamente quella politica e sociale. Anche le nostre relazioni sembrano sempre più essere a tempo determinato e in alcuni casi, anche loro, non riescono ad arrivare alla fine del mese". E propone la sua ricetta per uscire dall'impasse suggerendo "Rimboccatevi le maniche!" Ma specifica: "Sempre se vi è rimasta una camicia..."

TEATRO OLIMPICO - Piazza Gentile da Fabriano, 17 - Roma
dal 28 febbraio al 5 marzo 2017

Info e prenotazioni: mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , Tel. 06 326 5991
Sito web: www.teatroolimpico.it


VIT! VIT!
di e con Francesca Danese

In scena al Teatro Studio Uno dal 2 al 5 marzo “Vìt! Vìt! Storia di una pendolare” spettacolo scritto, diretto ed interpretato da Francesca Danese nato da un lavoro sul tema del viaggio, un monologo metafora della nostra società, elaborato in occasione della residenza teatrale “Clessidra”, associazione RESET e Teatro delle Forche di Massafra.
Una donna semivestita è pronta a schizzare in corsa nella sua vita quotidiana, pochi minuti per compiere maldestramente i gesti più quotidiani e poi dritta come ogni giorno verso la stazione, sempre in bilico fra treni in ritardo superaffollati e lavoro precario, in un ritmo forsennato che schiaccia ogni possibile relazione e da cui fuoriescono bisogni inappagati e ricordi d’infanzia. La protagonista narra e rivive la sua feroce routine, dialogando ora con gli ipotetici compagni di viaggio ora con le presenze che emergono dal suo racconto, così quotidiano eppure così paradossale. Ingoiata da un meccanismo frenetico che la obbliga a non fermarsi mai, parla, corre, persino balla, abbandonandosi a momenti di ridicola esaltazione o malinconica riflessione, ma basta una distrazione e ecco sfumare davanti ai suoi occhi quell’unica fermata che la riporterà a casa. Inutile implorare di fermarsi non resta che proseguire la folle corsa di questo treno, ignari della meta, sebbene la protagonista, stavolta, non sia sola, perché, come afferma minacciosamente: “Sequestro? Certo! Siamo tutti sequestrati!”.
La messinscena si caratterizza per la sua essenzialità scenica e per la centralità della presenza dell’attore e della parola, in un linguaggio che mescola prosa e narrazione, comicità quasi cabarettistica e riflessione, quotidianità e citazione colta, dialoganti con un mirato contrappunto sonoro e musicale facendo diventare Il viaggio di una pendolare sempre in corsa, metafora della nostra società e delle sue lacune ed occasione per riflettere sulla quantità e sulla qualità di quel residuo di tempo e di relazioni umane che la corsa forsennata della società ci lascia a disposizione.
Vit! Vit! è ua piccola storia sul più grande furto della nostra società, il furto del nostro tempo, una sottrazione mirata e ineluttabile a cui l’essere umano si è abituato, nonostante cerchi in tutti i modi di recuperarlo tra i piccoli resti che l’ossessionata e convulsa vita quotidiana ci lascia, eppure bisogna trovarlo, correre, Vit! Vit!

TEATRO STUDIO UNO, Sala Specchi - Via Carlo della Rocca, 6 (Torpignattara) Roma
Dal 2 al 5 marzo 2017
Ingr. 10 euro. Tessera associativa gratuita
Giov – Sab ore 21.00, Dom. ore 18.00

Info e prenotazioni: telefono 3494356219- 3298027943, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: www.teatrostudiouno.com


Marco Todisco in
RIFIUTO… E VADO AVANTI
Scritto e diretto Mario Scaletta

Marco è un attore diciottenne che sogna di divertirsi con il pubblico facendo uno spettacolo allegro e divertente . La sera della prima si accorgerà che realizzare un sogno è molto più difficile del previsto. Durante lo spettacolo scopre sempre con maggior ansia che il suo sogno a causa di uno strano analista e un personaggio non previsto dal copione, interpretato dallo stesso Mario Scaletta, che vede solo lui si sta trasformando in un incubo. Cercando di trovare una soluzione darà libero sfogo al suo inconscio. La sua paura darà luogo ad una esilarante confessione che lo porterà a scontrarsi con tutto e tutti. Marco è un giovanissimo attore che sogna di divertirsi insieme al pubblico facendo uno spettacolo allegro divertente. Ma in questo spettacolo si divertirà solo il pubblico…
Marco Todisco pupillo di Enrico Brignano, accanto allo stesso sia teatralmente che televisivamente, ormai raggiunta la maggiore età, sveste i panni del “bambino” per vestire quelli da adulto in una commedia che metterà alla prova le sue qualità artistiche. Un testo e una regia di eccezione quella di Mario Scaletta (autore dei testi di Enrico Brignano) che si “presta” come spalla per completare il quadro dello spettacolo.
Vicino a Marco Todisco una bambina Sofia Satta dal talento naturale completerà il cast dello spettacolo.

TEATRO TIRSO DE MOLINA - via Tirso 89 (Piazza Buenos Aires), 00198 Roma
Da 1 al 5 marzo 2017

Info e prenotazioni: 06.84.11.827 oppure 329.56.18.223
Sito Web: www.teatrotirsodemolina.it


IL DOPPIATTORE
(LA VOCE OLTRE IL BUIO)
Scritto e diretto da Angelo Maggi
Con Vanina Marini e con l’amichevole partecipazione in video di Pino Insegno, Massimo Lopez, Marina Tagliaferri, Luca Ward
Sound designer e direzione tecnica Mauro Lopez
Aiuto regia Francesca Maggi
Scenografia e costumi Francesco Montanaro
Arrangiamenti musicali Roberto Lanzo ed Enrico Razzicchia
Vocal coach Gabriella Scalise
Light designer Francesco Bárbera
Riprese e montaggio interviste Francesco D’Ascenzo
Fotografo di scena e backstage Maurizio Pittiglio
La clip de Le voci del tempo perduto è di Gerardo di Cola e Andrea Razza
Realizzazione Clip Ospiti d’Onore di Mauro Lopez
Grafica e locandina Pádraig Ó Broin e Andrea Torricelli e Barbara Lulli
Registrazioni e prove effettuate presso SAFE & SOUND di Roma
L’armatura di Iron Man, la statua del Commissario Winchester e le attrezzature da palco sono state realizzate da Dany Bao
Collaborazione ai testi Patrizia Pesaresi
Collaborazione alle clip Francesco Silella
Assistente alla regia e Direttore organizzativo Valentina Morini
Direttore di palco Carlo Bernardini

Ospiti d’onore:
28 febbraio GABRIELLA SCALISE
1 marzo GINO LA MONICA
2 marzo FABRIZIO PUCCI
3 marzo STEFANO BENASSI
4 marzo CLAUDIA RAZZI
5 marzo MARINA TAGLIAFERRI
7 marzo GABRIELE LOPEZ
8 marzo FRANCESCO PEZZULLI
9 marzo GIORGIO BORGHETTI
10 marzo GIO GIO’ RAPATTONI
11 marzo CLAUDIA CATANI
12 marzo ALESSANDRO ROSSI

Torna a Roma - stesso teatro, stesso periodo, stesso cast - il primo e l’unico spettacolo dedicato all’arte del doppiaggio italiano: la voce di Tom Hanks, Bruce Willis, Robert Downey Jr, Il Commissario Winchester dei Simpson, Mark Harmon di NCIS e James Spader di Black List, ovvero Angelo Maggi, porterà dal 28 febbraio al 12 marzo sul palco del Teatro Belli il suo Doppiattore: una performance teatrale e cinematografica, musicale e colloquiale che, ospitando illustri ospiti del mondo italiano del “dubbing”, assumerà ogni sera una veste diversa. Ad accompagnare Maggi nel suo viaggio caleidoscopico oltre il sonoro della pellicola ci sarà Vanina Marini, alternata sullo schermo da quattro inconfondibili paia di corde vocali, quelle di Pino Insegno, Massimo Lopez, Marina Tagliaferri e Luca Ward. In sala, tra le interazioni col pubblico e le interpretazioni in diretta di alcuni degli spezzoni cinematografici più noti scelti ad hoc per esaltare la tecnica del doppiaggio in sala, Maggi chiamerà alcuni tra i professionisti dalle voci più riconoscibili per film musicali, drammi, documentari, cartoni animati e fiction. Si comincerà il 28 febbraio con Gabriella Scalise e, a seguire, per ogni giorno di rappresentazione, Gino La Monica (1 marzo), Fabrizio Pucci (2), Stefano Benassi (3), Claudia Razzi (4), Marina Tagliaferri (5), Gabriele Lopez (7), Francesco Pezzulli (8), Giorgio Borghetti (9), Gio Gio’ Rapattoni (10), Claudia Catani (11) e Alessandro Rossi (12). Vi saranno inoltre, come da tradizione oramai acquisita, due repliche pomeridiane speciali monotematiche: domenica 5 marzo saranno ospiti sul palco le voci di NCIS (Antonella Baldini, Patrizia Burul, Ambrogio Colombo, Stefano Crescentini, Valentina Favazza, Francesca Fiorentini, Alessandro Quarta, Laura Romano, Fabrizio Vidale), mentre una settimana dopo Il Doppiattore ospiterà le voci di IL TRONO DI SPADE (Sandro Acerbo, Claudia Catani, Letizia Ciampa, Simone Crisari, Daniele Giuliani, Mauro Gravina, Riccardo Rossi, Edoardo Stoppacciaro).
Il Doppiattore” – come afferma Maggi nella sua lectio magistralis - è il mestiere di colui che prima di tutto è un attore con il compito di dare espressione, nella nostra lingua, alle emozioni che altri hanno creato nella loro: in tale ambito lo spettacolo rappresenta una eccellente e rara occasione per il pubblico di conoscere da vicino e vedere chi si nasconde dietro una “Voce” che lo accompagna quotidianamente nelle sale cinematografiche o davanti al piccolo schermo, ma – ancor più – lo spettatore potrà assistere ad una vera propria seduta di doppiaggio dal vivo, entrando magicamente in sala insieme ai protagonisti del sonoro.
Un’iniziativa realizzata grazie al sostegno di Cinedubbing, con il patrocinio del Municipio I Centro Storico del Comune di Roma e Pro Loco Roma Capitale, in collaborazione con scuola di teatro Studio Enterprise, MKTP, Anad, Cat Sound e Safe & Sound. Gli abiti di scena sono di Kilt.

TEATRO BELLI - Piazza di Sant’Apollonia 11/a – Roma
Dal 28 febbraio al 12 marzo 2017
Biglietti: € 18, intero - € 13, ridotto

Info e prenotazioni: Tel. 06 5894875 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: www.teatrobelli.it


Massimo Venturiello in
PROFUMO DI DONNA
(dal romanzo di Giovanni Arpino IL BUIO E IL MIELE)
adattamento di Pino Tierno
con (in ordine alfabetico)
Irma Ciaramella, Camillo Grassi, Andrea Monno
Claudia Portale, Sara Scotto Di Luzio, Franco Silvestri
scene Alessandro Chit - costumi Sabrina Chiocchio
musiche Germano Mazzocchetti - light designer Umile Vainieri
regia Massimo Venturiello
la voce dei brani cantati è di Tosca

Un capitano in pensione, rimasto cieco a causa di un'esplosione accidentale, decide di recarsi a Napoli da un amico anch'egli non vedente. Il capitano si farà accompagnare in questo viaggio da un giovane soldato in permesso premio. Tra vessazioni e rimproveri, il giovane, ribattezzato ''Ciccio'' al pari di tutti gli sventurati che si sono succeduti nell'ingrata mansione, “scorterà” quindi il bizzarro capitano che si rivelerà un uomo dalla personalità poliedrica; a tratti irascibile e spigoloso, a volte ironico e autoironico, sempre e comunque irresistibile seduttore di donne, per le quali ha una particolare passione. I due partono in treno da Torino e la prima tappa è Bologna, dove il capitano decide di passare alcune ore con una prostituta. La seconda tappa del viaggio è Roma, dove il capitano parla con il cugino prete della sua condizione fisica e, per ultimo, giungono a Napoli, dove il capitano viene corteggiato da una giovane donna perdutamente innamorata di lui, ma il capitano sembra infastidito dalle sue attenzioni. La vera ragione del viaggio e dell’incontro con l’amico non vedente giungerà inaspettata e sorprendente solo alla fine... solo allora il capitano capirà che non potrà rifiutare l'aiuto e le attenzioni della giovane donna.
“Ora che abbiamo i mezzi per spaziare, per comunicare con tutti ci siamo chiusi in noi stessi, siamo diventati cinici disumani…” Così dice Charlie Chaplin nel discorso finale de “Il Grande Dittatore” e, come a volte succede a noi attori, le parole che continuiamo a ripetere tutte le sere ci restano addosso e ci rimbalzano poi nella mente durante le nostre giornate. Così, interpretando il ruolo che fu di Chaplin, ho spesso ripensato a queste parole ed è cresciuta in me la necessità di continuare a parlarne. Viviamo quotidianamente il paradosso di un’epoca in cui la globalizzazione ci spinge sempre di più verso l’isolamento e l’anonimato. Ecco perché mi sono innamorato del romanzo di Giovanni Arpino “Il buio e il miele” e ho deciso di portarlo in scena come già fece Dino Risi con l’indimenticabile film interpretato da Vittorio Gassman “Profumo di donna”, poi risorto nel remake “Scent of a Woman” di Martin Brest con Al Pacino. Questo romanzo-film è sicuramente l’emblema della solitudine moderna, della disillusione esistenziale che inevitabilmente conduce al cinismo e alla perdita di umanità e che assume nella figura del protagonista Fausto una dimensione cosmica (chissà se Arpino, dando al suo protagonista il nome di Fausto ha, magari inconsciamente, pensato al dottor Faust), spingendolo verso un crinale in cui si è smarrito il “profumo della vita”, la disperazione si confonde con l’ironia e il sarcasmo e la tragedia diventa persino comica, esilarante, proprio come tragica e comica è la condizione umana.
Ed è proprio così che me lo immagino questo spettacolo, un incontro di emozioni contrapposte, uno scontro di lacrime e risate in cui, al momento, non so quale delle due prenderà il sopravvento.”(Massimo Venturiello)

TEATRO PARIOLI PEPPINO DE FILIPPO - Via Giosuè Borsi 20, 00197 Roma
Dal 2 al 12 marzo 2017
Ingresso: Platea € 27,00 Galleria € 22,00

Info e prenotazioni: tel. 06 8073040, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: www.parioliteatro.it


COSE POPOLARI
di Nicola Pistoia, Francesco Stella, Ariele Vincenti
con Giordana Morandini, Nicola Pistoia, Francesco Stella, Ariele Vincenti
Regia Nicola Pistoia

Roma, oggi. Possedere una casa di proprietà o sostenere le spese per un affitto sono un lusso che Fabio, a causa delle precarie condizioni economiche e lavorative in cui versa, non può permettersi. E così, all’insaputa della compagna Patrizia, trascina il suo amico e cognato Stefano nel disperato tentativo di occupare abusivamente una casa popolare, ormai disabitata. A far loro da “guida” in questa avventura tanto illegale quanto inevitabile è Mario, il misterioso dirimpettaio amante della musica classica e della raccolta differenziata...
Cose popolari”, scritto “a sei mani” da Nicola Pistoia (anche regista), Ariele Vincenti e Francesco Stella - in scena insieme a Giordana Morandini - sfrutta il tema degli illeciti e degli abusi che circondano il mondo degli alloggi popolari, tanto trattato nella cronaca degli ultimi tempi, come pretesto per raccontare quattro storie del popolo, quattro vite concrete che il destino ha deciso di intrecciare sul pianerottolo di un condominio. Cose popolari, appunto, ispirate a una vicenda vera, o forse a migliaia di vicende vere.

TEATRO 7 - Via Benevento 23, Roma
dal 28 febbraio al 19 marzo 2017

Info e prenotazioni: mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , telefono 06 - 442.36.382
Sito web: www.teatro7.it


Lukas Heller ed Henry Farrell
CHE FINE HA FATTO BABY JANE?
Adattamento e regia di Susanna Lauletta e Alessandra Silipo
Il thriller candidato a Cannes e agli Oscar arriva a teatro
con Alessandra Silipo, Susanna Lauletta, Fabrizia Scopinaro, Ilaria Orlando, Michele Prosperi

Candidato nel 1963 per il Premio Oscar, il Festival di Cannes, I Golden Globe e I BAFTA, il thriller gotico “Che fine ha fatto Baby Jane?”, pellicola che vide protagonista una grandissima Bette Davis insieme a Joan Crawford, arriva al Teatro Stanze Segrete di Roma dal 28 febbraio al 12 marzo con la regia di due donne: Susanna Lauletta e Alessandra Silipo.
Follia, immobilismo, suspance e paura, gli ingredienti del romanzo firmato Henry Farrell, vengono ricreati dalle due registe all’interno degli spazi “claustrofobici” del Teatro Stanze Segrete che, per l’occasione si veste di inquietudine e atmosfere noir.
La storia è nota: Blanche e Jane Hudson (sulla scena Susanna Lauletta e Alessandra Silipo), due sorelle entrambe attrici, vivono incastrate in un legame di morbosa apparente indifferenza sull’eco della loro rivalità. Costrette a vivere insieme a causa di un incidente che ha sconvolto la carriera e la vita di entrambe, si muovono quotidianamente, prigioniere di se stesse, nel proprio interminabile e meccanico labirinto mentale.
Un senso di colpa assordante che silenziosamente rimbalza in ogni gesto e parola determinando un crudele e sottile confronto. La precedente gelosia e l’attuale le dipendenza l’una dall’altra creano un rapporto di astio dispettoso e di tacito reciproco rimprovero per la propria condizione.
Liberarsene, rompere questo legame fortemente radicato provocherà degli squilibri che inevitabilmente non si potranno controllare.
Completamente inedita e originale è invece la scelta di un teatro così raccolto come Stanze Segrete, che amplifica il senso claustrofobico della reciproca reclusione alla quale si condannano le due sorelle, e ne immerge totalmente lo spettatore, reso personaggio attraverso la collocazione alle sue spalle della vicina.
Un modalità tutta teatrale per portare lo spettatore dentro l’incubo, coinvolgendolo con la vicinanza quasi tattile agli attori, gli odori e l’atmosfera onirica e surreale, thriller e inquietante.

TEATRO STANZE SEGRETE - Via della Penitenza, 3 (Trastevere) - Roma
dal 28 febbraio al 12 marzo 2017
dal martedì al sabato ore 21.00; domenica ore 19.00. Prezzo biglietto: 10 – 15 euro.

Info e prenotazioni: telefono 066872690
Sito web: www.stanzesegrete.it


Vicoquartomazzini presenta
AMLETO FX
uno spettacolo di e con Gabriele Paolocà
collaborazione alla regia Michele Altamura, Gemma Carbone
scene Gemma Carbone
disegno luci Martin Emanuel Palma
prodotto da VicoQuartoMazzinI, Progetto Goldstein, Teatro dell'Orologio
Selezione In-Box 2015
Premio Direction Under 30 – Teatro Sociale Gualtieri
Gabriele Paolocà – Premio Hystrio alla Vocazione 2015

Amleto Fx è un'indagine sulla moda del deprimersi dei nostri tempi. Uno spettacolo che parla di castrazioni tecnologiche, della mancanza dei padri, dell'attrazione verso la dissoluzione e dell'eco assillante che tutto questo causa nelle nostre coscienze. Questo non è l'Amleto. E' un assolo generazionale. Un racconto intimo e globale che attraverso il riso amaro vuole spingere a trovare una soluzione al solito, annoso,banale, scontato ma comunque sempre irrisolto quesito: Essere o non Essere?Un uomo, un principe, che per comodità chiameremo Amleto, si è rinchiuso nella propria stanza e ha deciso di non uscirne più. Vuole farsi da parte e per farlo medita un gesto estremo, un gesto che lo liberi per sempre da tutto il marcio della Danimarca: il suicidio. Brandelli di storia ci aiutano a comprendere il perché del suo intento. Sappiamo che c'è un padre, un re, morto e una madre, una regina, che non ha perso tempo e si è risposata col fratello del marito defunto e poi se n'è andata in barca a Forte dei Marmi. Sappiamo che Orazio, il miglior amico di Amleto, ha organizzato una festa e che tutti andranno, compresa Ofelia. Lo sappiamo perché il computer, l'unica “finestra” sul mondo che Amleto tiene ancora aperta, continua a vomitare messaggi. Sappiamo che Amleto ne ha abbastanza di tutto e di tutti, anche di Rosencratz e Guildestern, due “ragazzi di vita” che della loro grezza incoscienza ne hanno fatto una religione.
Delle cause questo e poco altro sappiamo. L'importante sono le conseguenze, i propositi maniaco (essere)-depressivi (non essere) scaturiti da questi accadimenti e dalla masochistica solitudine che Amleto si è imposto per dire finalmente basta e farla finita.
Per trovare la forza Amleto invoca tutti i miti del suo (del nostro) tempo, tutti quei personaggi famosi che, in un modo o nell'altro, sono riusciti a porre fino all'assurdo gioco della vita. Attraverso le loro disperazioni cerca di dare un senso alla propria mentre un cappio, appeso in proscenio, aspetta solo di essere utilizzato.

CARROZZERIE N.O.T - Via Panfilo Castaldi 28/a Roma
Dal 2 al 4 marzo 2017

Info e prenotazioni: mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , telefono 347-1891714
Sito web: www.carrozzerienot.com


EXILE LONELIDAYS #2
Testo e regia Lorenzo De Liberato
Con Marco Quaglia, Barbara Folchitto, Emanuel Caserio, Michela De Rossi
Scenografia Laura Giusti
Costumi Giuseppe D’Andrea
Disegno luci Matteo Ziglio
Assistente alla regia Luisa Belviso

In un surreale, silenzioso e tedioso motel esiliato dal resto del mondo, la tranquillità e la routine di un concierge e di una giovane cameriera vengono sconvolti dalla presenza di due misteriosi ospiti: un’elegantissima coppia arrivata per la notte con soltanto una valigia piena zeppa di banconote.
I due, chiusi nella propria camera, per sconfiggere la noia del loro amore e cercare di non annegare all’interno di un lentissimo ed innaturale scorrere del tempo, danno vita ad una serie di bizzarri giochi di ruolo che coinvolgeranno, inesorabilmente, il personale dell’ albergo, in un susseguirsi di situazioni al limite, tra il grottesco e il sadico...
Fino a che punto si è disposti a spingersi pur di sentirsi vivi?
Cosa succede ad una coppia di quarantenni quando entrambi si rendono conto che il loro amore si è lentamente trasformato in abitudine? La paura di invecchiare, la paura di stancarsi, di "sopportarsi" si è insinuata talmente in Sally che non riesce più a desiderare Paul come una volta, come quando erano giovani... Come quando aveva un estremo bisogno di lui. Adesso il desiderio ha fatto posto alla noia; l'entusiasmo, la sorpresa si sono assopiti gettando il loro rapporto in un susseguirsi di giorni sempre uguali.
Eppure il cambiamento, il rinnovarsi, appaiono agli occhi dei due come ostacoli insormontabili, un percorso talmente complesso da seguire che preferiscono nascondersi, conservarsi ed esiliarsi, fingendo che l'aridità del loro amore sia soltanto una parentesi, e come per tutte le parentesi sia possibile semplicemente aspettare che passi.

TEATRO DEI CONCIATORI - Via dei Conciatori 5, 00154 Roma
Dal 28 febbraio al 5 marzo 2017
Orario spettacoli: dal martedì al sabato ore 21,00 domenica ore 18,00

Info e prenotazioni telefono 06.45448982 - 06.45470031, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: http://www.teatrodeiconciatori.it/


La Compagnia del Buonumore presenta
PARLIAMO D’AMORE?
SCUSA, MA CON CHI CE L’HAI?
di Giulio Pennazza
con Giulio Pennazza, Loredana Lollobattista, Enrico Nicolucci, Vincenzo Vasta, Giulia Jacopino, Alessandro Tasselli, Francesca Fia, Gianluca Lo Porto, Elisa Biagioli.
regia di Giulio Pennazza
aiuto regia Alessandro Tasselli
luci e fonica Carlo Nicolucci

Dall’1 al 5 marzo 2017 andrà in scena al Teatro Agorà “Parliamo d’amore? Scusa ma con chi ce l’hai?”commedia surreale di Giulio Pennazza, autore e regista dello spettacolo.
“L’Amore è una cosa meravigliosa!” E’ vero, ma non sempre è così, soprattutto ai nostri giorni. E allora perché non riderci su, mettendo in scena gli amori sfasciati, ma anche poetici, divisi, violenti, di convenienza, dove l’Amore appare e scompare, tramontando presto?

E’ quello che ci propone Giulio Pennazza nella sua nuova commedia.
Dopo i Brutti, Sporchi e Cattivi, di “Brutto fatto di sangue alla trattoria da “Remo la ciccia bona”, torna a dipingere un quadro attuale, un po’ squallido, ma reale, con uno sguardo sempre ironico. L’Amore perduto, ritrovato, consumato, in una girandola di situazioni grottesche. Dove in un contesto farsesco l’Amore è condito con affari loschi, la ricerca del profitto, e tante altre nefandezze, come la nostra società ci suggerisce. Con ritmi di un film brillante si susseguono e consumano scene e personaggi, in un contesto comico da “Pochade” francese, dove nulla è preso sul serio.
-Avviso ai Soci-

TEATRO AGORÀ 80 Sala A - Via della Penitenza 33, Roma (Trastevere)
Dal 1 al 5 marzo 2017
Orari spettacoli: da Mercoledì a Venerdì ore 21.00, Sabato doppia replica ore 17.30 e ore 21.00, Domenica ore 17.30
Tessera associativa: 2 euro
Biglietti: Intero 13 euro| Ridotto 10 euro

Info e prenotazioni: telefono 06 68 74 167, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: www.teatroagora80.org

 

Giuseppe Pambieri in
CENTOMILA, UNO, NESSUNO
LA CURIOSA STORIA DI LUIGI PIRANDELLO

E’ un viaggio ironico e appassionato nel multiforme universo dello scrittore siciliano, un ritratto inedito disegnato attraverso le figure più significative della sua vita, le sue opere, il suo pensiero; una riflessione scanzonata e umoristica sull’uomo del Novecento, a cui solo la scena può dare voce.
“Una notte di giugno caddi come una lucciola sotto un gran pino solitario in una campagna d’olivi saraceni affacciata agli orli d’un altipiano d’argille azzurre sul mare africano”. Così Pirandello descrive l’inizio del suo “involontario soggiorno sulla terra”. L’uomo nato dal Caos si consegna al mito e guarda vivere i suoi personaggi che riannodano i fili segreti e misteriosi della sua biografia. L’autore agrigentino la vita l’ha scritta e l’ha vissuta, identificandosi in ognuna delle sue creature.
Lo spettacolo, affidato alle profonde risonanze di Giuseppe Pambieri, racconta gli aspetti meno visitati dell’esistenza di Pirandello: dal rapporto con la domestica Maria Stella che nutrì l’immaginazione religiosa dell’autore e il suo mondo magico popolare, tanto da guadagnarsi una citazione nella prefazione dei Sei personaggi, alla figura del precettore, custode del suo apprendistato culturale, dai tumultuosi anni giovanili e dal rapporto conflittuale con il padre al soggiorno tedesco e agli amori specchio di un immaginario erotico ossessivo e di una personalità complessa e tormentata.
La drammaturgia rivela l’uomo Pirandello con le parole dei suoi personaggi, attraversando narrativa, poesia e teatro: da Il fu Mattia Pascal al Padre dei Sei personaggi, dall’Enrico IV a Laudisi del Così è (se vi pare) e a Leone Gala de Il giuoco delle parti, fino a L’uomo dal fiore in bocca.
I temi dell’amore, della follia, della morte, del tragico emergono dall’inconscio dei diversi protagonisti e trovano spazio in una realtà sempre attuale.
La scena così come la vita non conclude e Pirandello ne è la metafora più viva, come testimoniano I giganti della montagna e l’incontro fra Ilse e Cotrone vicino all’olivo saraceno, dove tutto ebbe inizio, ma non una fine.

TEATRO PALLADIUM-Università Roma Tre - Piazza Bartolomeo Romano 8, 00154 Roma
Venerdi 3 e Sabato 4 marzo - ore 21,00
Ingresso: €15 intero - €10 ridotto - €5 studenti

Info e prenotazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ; tel. 327 2463456
Sito web: http://teatropalladium.uniroma3.it/


Pippo Franco in
BRANCALEONE E LA SUA ARMATA
Il lato tragicomico dell'esistenza umana
Regia Pippo Franco

Giovedi' 2 marzo 2017 alle ore 21,00 debutterà al Salone Margherita, in prima nazionale, lo spettacolo “Brancaleone e la sua Armata - Il lato tragicomico dell’esistenza umana“ interpretato e diretto da Pippo Franco.
Il debutto segna il ritorno di Pippo Franco al Salone Margherita con una esilarante commedia ricca di comicità, divertimento, risate, ma non priva di contenuti e di momenti di riflessione.
Il comico romano, accompagnato dalla sua "armata" composta da attori ben noti al grande pubblico quali Gegia, Giacomo Battaglia e Gigi Miseferi, presenta uno spettacolo ricco di azione, sorprese, al limite del grottesco, con tanti colpi di scena ed un finale a sorpresa.

La trama vede Brancaleone, di ritorno dalla Terra Santa, dove ha combattuto quella che lui definisce la sua ultima battaglia, chiedere ospitalità ad un clerico eremita, uomo colto ed esperto cerusico al servizio del Vescovo di Trani. Da questo incontro scaturiscono una serie di avventure ed imprevisti che Brancaleone deve fronteggiare, rendendosi conto di aver vissuto metà della sua esistenza come uomo d’armi mentre l’altra metà, quella dell’esperienza dell’amore e della visione spirituale dell’essere, gli è rimasta sconosciuta. Aiutato da Colombello (Giacomo Battaglia), Brancaleone e la sua improbabile armata, vivono una serie di avventure, al limite del grottesco, che portano il cavaliere ad incontrare personaggi stravaganti come Marozzia (Gegia) e Folco (Gigi Miseferi), procedendo verso una consapevolezza di se' sempre maggiore.
Le sorprese si susseguono ad ogni scena dello spettacolo fra esaltazioni e depressioni che consentono a Brancaleone di conoscere l’amore e di incontrare la donna della sua vita. Un finale a sorpresa suggella le avventure dell’armata in una commedia che è liberamente ispirata ai film di Mario Monicelli e si presenta ricca di azione e di spunti di riflessione che, cavalcando un umorismo spesso involontario, rappresentano nel modo più sorprendente possibile il lato tragicomico dell’esistenza umana.
Accanto a Pippo Franco ed ai coprotagonisti sono inoltre in scena Gianni Quinto, Tonino Tosto, Sabrina Crocco, Sara Adami, Esther Vinci ed Elisabetta Angi'. Le coreografie sono di Evelyn Hanack.

SALONE MARGHERITA - Via dei Due Macelli, 75, 00187 Roma
Dal 2 marzo alle ore 21,00 al 19 marzo ore 16,30

Info e prenotazioni: mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , telefono 06 6791439
Sito web: www.salonemargherita.com


ASPETTANDO GODOT
di Samuel Beckett
con
Pietro De Silva, Felice Della Corte
e con Riccardo Barbera, Roberto Della Casa, Francesca Cannizzo
regia Claudio Boccaccini
Luci e fonica Alessandro Pezza
Costumi Lucia Mirabilie
Aiuto regia Marzia Verdecchi
Grafica Giorgia Guarnieri
Albero realizzato da Danilo Ciancolini

È stato applaudito lo scorso anno al Teatro Ghione dove ha registrato continui sold out e questa stagione torna a calcare le tavole del palcoscenico il capolavoro mondiale di Samuel Beckett: Aspettando Godot.
In scena, dal 2 al 12 marzo, Felice della Corte nei panni di Estragone, Pietro De Silva in quelli di di Vladimiro, Riccardo Barbera (Pozzo) Roberto Della Casa (Lucky) e Francesca Cannizzo (Ragazzo) sono in scena al Teatro Marconi diretti da Claudio Boccaccini.
Considerato dall’unanimità della critica il lavoro teatrale più bello. e significativo di tutto il Novecento, Aspettando Godot è divenuto, nel dire comune, sinonimico di una situazione in cui si aspetta l’avverarsi di un avvenimento imminente ma che in realtà non accade mai e in cui, di solito, chi attende non fa nulla affinché questo possa realizzarsi.
Il capolavoro di Samuel Beckett, che si dipana in un’immobilità solo apparente, è intriso di una comicità graffiante, surreale, a tratti irresistibile. Il tempo sembra immobile, eppure tutto scorre.
I protagonisti, ignari e ingenui ultimi sopravvissuti, pur nella loro essenziale ripetitività, ci raccontano con leggerezza quasi impalpabile il senso profondo della vita. Facendoci riflettere e ridere ci pongono continuamente di fronte al grande circo dell’esistenza umana.

TEATRO MARCONI - viale Marconi 698 E, Roma
dal 2 al 12 marzo 2017
Dal martedì al sabato h21.00, domenica e mercoledì ore 17.30

Info e prenotazioni: mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , telefono 06 59.43.544
Sito web: www.teatromarconi.it


L’ORSO
di Anton Checov
e
IL CASO CHAMPIGNON
di Georges Courteline

Con Davide De Marco, Monica Angiuli, Cristina Angiuli Vito Caporusso.
Regia Cristina Angiuli

Al Teatro L’Aura in scena un classico… anzi due: “L’ORSO” e “IL CASO CHAMPIGNON”. L’allestimento è curato dalla compagnia il Vello D’Oro per la regia di Cristina Angiuli in scena dal 1 al 5 marzo 2017. Due atti unici stile retrò ambientati alla fine dell’Ottocento nella Belle Epoque, ma sempre verdi e decisamente divertenti.
Ne “L’Orso”, la protagonista è Elena Popova, vedova inconsolabile che ha giurato, dopo la morte del marito, di non uscire più di casa e di non frequentare più nessun uomo; nonostante le preghiere, a ripensare la sua decisione, da parte della sua cameriera. La situazione cambia quando l’ex ufficiale d’artiglieria Smirnov, si reca in casa della Popova per riscuotere delle vecchie cambiali del marito. Il rifiuto di lei a pagare e la volontà di lui a esigere quanto dovuto, porteranno i protagonisti a un dialogo concitato e divertente, che sfocerà in un duello tra i due e un finale a sorpresa.
“Il caso Champignon” si svolge in un’aula di un Tribunale francese. Il signor Champignon querela la propria moglie, per adulterio. Attraverso divertentissime situazioni, la situazione si ribalterà a sfavore del protagonista, che si vedrà condannato a una multa e al carcere.

TEATRO L'AURA - Vicolo di Pietra Papa, 64 (angolo con Via Pietro Blaserna, 37) Roma
dal 1 al 5 marzo 2017
Dal mercoledì al sabato ore 21 domenica ore 18

Info e prenotazioni: telefono 0683777148 oppure 346470360, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: http://www.teatrolaura.org


BERNARDA
O IL CAOS DI BERNARDA ALBA
Adattamento e regia di Giovan Bartolo Botta
con Giovan Bartolo Botta, Krzysztof Bulzacki Bogucki, Isabella Carle, Flavia G. de Lipsis, Mariagrazia Torbidoni
Progetto grafico Leonardo Spina
Costumi SerigraFata di Francesca Renda

Miglior attore al Roma Fringe Festival 2016 con lo spettacolo "Antigone fotti la legge", torna in scena dal 2 al 5 marzo al Teatro Studio Uno, Giovan Bartolo Botta con “Bernarda o il caos di Bernarda Alba” lavoro liberamente tratto da Federico Garcia Lorca, scritto, diretto ed interpretato da Giovan Bartolo Botta insieme a Krzysztof Bulzacki Bogucki, Isabella Carle, Flavia G. de Lipsis, Mariagrazia Torbidoni.

Sinossi
Bernarda Alba ha un problema. Ha molti problemi. È solo un problema. Le sue figlie sono un problema. Assettate di vita. Vita vissuta. Pretendono il motorino, il piercing, il tatuaggio, la libera uscita senza coprifuoco, il superalcolico, l’esperienza psichedelica e la giusta dose di sentimentalismo compulsivo. I compiti li scopiazzano, l’andamento scolastico è pessimo, ingollano junk food, non fanno attività fisica, disprezzano le generazioni precedenti, non credono in Dio, non credono nel caso, non credono e basta. L’assistente sociale alza bandiera bianca, il terapeuta si suicida, il confessore si inginocchia sui ceci. Tutto pur di non aver a che fare con loro. La loro storia non interessa a nessuno. Piace giusto agli attori che devono lavorare per mangiar e gli tocca farsi carico dei problemi dei personaggi come se non ne avessero già abbastanza come persone.

Produzioni Nostrane - Ultras Teatro è un progetto teatrale che mette in scena i testi classici adattandoli ad un linguaggio contemporaneo. I testi diventano così originali, completamente rimaneggiati. Lasciando del pulviscolo classico unicamente l’odore. L’idea primordiale. Il linguaggio classico interessa particolarmente poiché parla per archetipi. Una caratteristica che solletica l’eternità. Come? Togliendo alla messa in scena costumi storici intrisi di polvere, catartici giochi di luci, musiche da ambientazione e trombonismi vocali, tornando così all’urgenza, all’essenziale. Al puro lavoro sull’attore. All’interazione sul palcoscenico tra elementi vivi. Che non hanno appigli. Che possono contare solo su loro stessi. Come nella vita.

TEATRO STUDIO UNO | Sala Teatro Via Carlo della Rocca, 6 (Torpignattara).
Dal 2 al 5 marzo 2017
Ingr. 10 euro. Tessera associativa gratuita
Giov – Sab ore 21.00, Dom. ore 18.00

Info e prenotazioni: telefono 3494356219- 3298027943, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: www.teatrostudiouno.com


UN PAPÀ PER TUTTI
di Jhon Tremblay
Regia Flavio De Paola
Con Flavio De Paola, Maria Cristina Gionta, Enrico Franchi, Antonio Coppola,
Antonella Rebecchi, Marina Pedinotti

Una commedia degli equivoci che non manca di divertire lo spettatore grazie a situazioni tanto assurde quanto comiche e che non perde occasione di trattare, seppur con leggerezza, temi sociali legati all’adozione, alla famiglia e all’omosessualità, lasciando spazio alla riflessione. Le relazioni umane sono al centro dell’intera pièce teatrale e s’intrecciano formando nuovi e insoliti legami, spesso con colpi di scena.
Il protagonista Matteo, Flavio De Paola, quando finalmente sta per diventare padre adottivo, è vittima di ciò che non dovrebbe mai accadere in una simile situazione. Il suo rapporto di coppia si frantuma e le certezze svaniscono, lasciando spazio a improvvisi e folli equilibri in un “gioco” di menzogne e mezze verità.

TEATRO DEGLI AUDACI - Via Giuseppe De Santis 29, 00139 Roma
Dal 2 al 19 marzo 2017
Tutte le sere ore 21,00 – domenica ore 18,00 – lunedì, martedì e mercoledì riposo
Orari botteghino: dal lunedì al sabato 10-13.30 / 16.00-20.00 ; domenica: 16.00-18.00.
Costo dei Biglietti: intero € 28 -/ € 16,00 – ridotto € 13,00
(più € 2,00 di prenotazione e prevendita)


JULIE
di A. Strindberg
adattamento e regia Marco Blanchi
con doppio cast:
Primo Cast: Vincenzo Grassi (Jean), Livia De Luca (Julie), Valentina Mangoni (Kristin)
Secondo Cast: Valerio Rosati (Jean), Ilaria Salvatori (Julie), Valentina Mangoni (Kristin)
luci: Augusto Belli
foto: Costanza Cosi
Scene e costumi: Devila
Sound designer: Daniele Paesano

Dal 3 al 19 marzo, dal venerdì alla domenica, il Teatro Azione ospita Julie il capolavoro della pur vasta produzione drammaturgica dello scrittore svedese August Strindberg. L'adattamento e la regia sono a cura di Marco Blanchi che affida questa elegante storia ad un doppio cast. Infatti sul palco del Teatro Azione si alterneranno Livia De Luca, Ilaria Salvatori, Vincenzo Grassi, Valerio Rosati, Valentina Mangoni.
Questa “tragedia naturalistica”, come la definisce lo stesso autore, mette in scena tutta una serie di rapporti conflittuali, primo fra tutti, quello eterno fra uomo e donna, ma anche quello tra servo e padrona e, quindi, implicitamente il tema della lotta di classe. La vicenda è apparentemente elementare: la contessina Julie si invaghisce del suo servo Jean e, complice l'assenza del padre che si è recato in visita dai parenti, l' alcool e le danze sfrenate del ballo della servitù e la conturbante atmosfera della notte di mezza estate, decide di intraprendere un pericoloso gioco di seduzione fatto di sguardi, allusioni ed esplicite sfrontatezze che, però, finiscono per innescare un meccanismo perverso che lei stessa non riuscirà più a controllare, e che la porterà a trasformarsi da padrona in serva del suo servo fino al suicidio come ultimo e unico atto di riparazione per il suo onore calpestato e ferito. Ma oltre la semplice apparenza c'è molto, molto di più... perché i veri motivi di questa storia non si trovano, secondo me, in ciò che accade ma in tutto quello che si nasconde all'interno delle cose che vediamo accadere. E allora ecco che ad una lettura un po' più attenta si scopre che ai “semplici fatti” si aggiungono nuovi riflessi che vanno ad illuminare le parti più oscure e nascoste della psiche dei personaggi. Ed ecco che il testo smette di essere ciò che sembra, e cioè un breve viaggio nel rapporto fra un uomo e una donna o tra un servo e la sua padrona, e inizia a trasformarsi in un percorso molto più affascinante all'interno di due anime alle prese con i loro sogni, con il loro sesso e con la loro animalità.
“Come regista e come uomo di teatro sono sempre stato affascinato dall'invisibile che si nasconde all'interno di un'opera d'arte” spiega Marco Blachi “perché ritengo che proprio quell'invisibile sia ciò che può essere utile allo spettatore e quindi credo che il mio lavoro consista più che nel mettere in scena un testo teatrale, nel cercare di rendere visibile l'invisibile di quel testo. Ciò che mi ha spinto a lavorare su “La contessina Julie” non è legato a ciò che accade o accadrà in scena ma all'investigazione dell'io nascosto e profondo dell'essere umano”.

TEATRO AZIONE - via dei Magazzini Generali 34 - Roma
dal 3 al 19 marzo 2017
ore 21.00 domenica ore 18.00
Primo cast: 3,4,5,18,19 marzo
Secondo cast: 10,11,12,17 marzo
Biglietti: intero 10,00 + 2,00 (tessera associativa), 8,00 + 2,00 (tessera associativa)

Info e prenotazioni: telefono 347 3402275, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: www.teatroazione.org


Data unica

Michele Placido
VIAGGIO NELLA LETTERATURA ITALIANA, DA DANTE A LEOPARDI

La letteratura è la sola arma che abbiamo contro l’ignoranza, contro l’odio e la volgarità. Contro tutti i mali che stanno devastando, senza se e senza ma, il nostro tempo.

Una data unica per un evento eccezionale. Lunedì 6 marzo, al Teatro Sistina Michele Placido, attore, regista, sceneggiatore, tra i più grandi rappresentanti dello spettacolo e della cultura italiani, terrà un suo personalissimo viaggio interattivo attraverso la letteratura italiana “A lezione con Michele Placido”, prodotto dalla Godot di Benedetta Pontellini e Claudia Gatti, da oltre 13 anni produttrici di spettacoli teatrali, televisivi e cinematografici.
Sul palco ad accompagnare i gesti e le parole di Placido ci saranno due chitarristi che attraverso la loro musica faranno da sottofondo e accompagnamento allo spettacolo.
Un percorso, quello di Michele Placido, che si snoda attraverso i versi, i passi, le figure più famose del nostro impareggiabile patrimonio letterario, che parte dal V canto dell’infermo di Dante Alighieri quello che narra le vicende dei famosissimi amanti Paolo e Francesca per arrivare fino alla poesia di Gabriele D'annunzio e Giacomo Leopardi.
Michele Placido, ha infatti scelto, per il suo excursus teatrale che sarà interattivo e che sarà una base per dialogare con il pubblico in sala, un tema importante e universale come quello del rapporto tra amore e dolore.
Due elementi della vita che da sempre e che per sempre rappresentano il motore delle azioni dell’uomo, che permeano l’essenza della vita di ogni individuo e che hanno una strettissima relazione tra di loro. Dove uno è generatore dell’altro. L’amore che nelle complicate vicende umane è spesso portatore di dolore, ma che allo stesso tempo è capace ed è forse l’unica possibilità di alleviare e confortare le fatiche e la sofferenza umane.
Saranno due le rappresentazioni nella mattina dedicate alle scuole, mentre nel pomeriggio alle 17 sarà l’occasione per il pubblico più adulto di ascoltare e applaudire uno dei grandi mattatori italiani.
A seguito dello spettacolo, si terrà un momento di Approfondimento durante il quale Docenti, Studenti e Spettatori potranno sottoporre all’artista, le proprie curiosità e riflessioni.
GODOT PRODUZIONI
Società creata da Benedetta Pontellini e Claudia Gatti nel 2004, che attraverso un articolato sistema d’impresa sviluppa la propria attività trasversalmente, nei settori della produzione cinematografica e televisiva (Starlex srl), della produzione di teatro (Godot), della gestione teatrale (TFC | Teatro Furio Camillo dal 2010 al 2011) e dei grandi eventi.
GODOT PRODUZIONI ha prodotto finora più di 80 spettacoli dal vivo, relazionandosi con numerosi teatri in Italia tra cui il Teatro Eliseo, Il Teatro Brancaccio, La Sala Umberto, Il Gran Teatro, il Teatro Alfieri di Torino, Il Teatro Alessandrino, il Metropolitan di Catania, Il F. Cilea di Reggio Calabria, il Palapartenepe di Napoli e molti altri. Ha raggiunto già nel 2007 il record Nazionale di spettatori (allegato articolo il messaggero), e ha continuato a fidelizzare pubblico in tutta Italia (attraverso oltre le produzioni appuntamenti settimanali gratuiti, aperitivi e serate culturali) vantando ad oggi un nutrito gruppo di spettatori che ha raggiunto lo scorso anno 202.000 persone in tutta Italia.
Inoltre, in questi anni ha prodotto con Starlex srl documentari, pubblicità e cortometraggi tra cui degni di nota la produzione di un documentario in America per il MIT (Massachusetts Institute of Technology), 11 pubblicità per Mercedes, 2 pubblicità progresso (Campagna Nazionale per gli incidenti stradali e la Campagna Nazionale contro la violenza sulle Donne) e lo spot del Coni per i mondiali di calcio 2010. Ha ricevuto il premio come "migliore pruduzione emergente dell'anno" 2010 alla Mostra del Cinema dello Stretto. Ha gestito e organizzato in esclusiva gli eventi e la programmazione del Padiglione Don Bosco all’ interno di EXPO MILANO 2015. Ha vinto per due volte l’interesse culturale del MIBACT classificandosi prima su 5000 partecipanti. Attualmente sta lavorando al consolidamento dei fondi per il primo film.
Da 13 anni GODOT PRODUZIONI è protagonista della scena teatrale e degli spettacoli dal vivo, ha co-prodotto (assieme a Nuova Teatro Eliseo) il primo Master del Teatro Eliseo. Ha collaborato con Giuliana Lojodice, Rossella Falk, Umberto Orsini, Ricci/forte e molti altri. Da quest'anno la nuova sfida è quella di portare sulle scene nomi di grande prestigio artistico e commerciale (alcuni, dopo anni di assenza dalle scene teatrali) dedicando un attenzione particolare al pubblico delle scuole e introducendo una nuova concezione di fare teatro, ossia veicolare attraverso artisti riconosciuti il messaggio ai giovani di un teatro di formazione.
Soltanto l'albero vive diceva Samuel Beckett riferendosi ad un pezzo di legno rinsecchito, è con questo spirito che GODOT PRODUZIONI continua a vedere le cose, con gli occhi di chi guarda per chi guarda per chi ha ancora voglia di guardare anzi di vedere.

TEATRO SISTINA - Via Sistina 129, 00187 Roma
Lunedì 6 Marzo ore 9.30 - 11.30 - 17.00
Il prezzo per le scuole è biglietto unico di € 10

Info e prenotazioni: telefono 329.4917851
Sito Web: www.ilsistina.it


MOLTO RUMORE PER NULLA, ATTO II

Lunedì 27 febbraio il Nuovo Teatro Orione darà luogo a partire dalle ore 19.40 al consueto appuntamento mensile “Molto Rumore Per Nulla”.
In occasione del secondo atto dell’evento lo spazio artistico di via Tortona ha incrementato le offerte gastronomiche e musicali che prenderanno posto all’interno del foyer.
Come sempre ad ingresso libero e con l’accesso gratuito al parcheggio del Teatro, Molto Rumore Per Nulla ospiterà il 27 febbraio le proposte musicali del cantautore calabrese Aiello, prossimo all’uscita del suo primo EP, e il dj set emergente TSIND - This Scene Is Not Dead - realtà già conosciuta ed apprezzata nelle serate della scena romana.
Novità interessanti che verranno allestite all’interno del foyer del Teatro saranno le installazioni artistiche di Gubrin - Claudia Intino, giovane artista romana da poco entrata a far parte anche della rete della Fox Gallery di Largo Argentina.
L’appuntamento Molto Rumore Per Nulla sarà come sempre un’occasione per lasciarsi condurre in un ambiente curato nel dettaglio e allestito con attenzione della creativa Noemi Intino.
Grazie a realtà giovani come Nabi Happiness Factory, Mordi e Vai, FOL gourmet Popcorn, Pandalì e con il supporto del gruppo Maciste - professional folding bar & workstation – si avrà modo di provare una selezione di deliziosi cocktail, vini, birre artigianali e proposte di street food adatte a tutti i palati e ad ogni esigenza culinaria.

TEATRO ORIONE - Via Tortona, 7 - 00183 Roma
Lunedì 27 febbraio 2017

Info e prenotazioni: telefono 06 77 206 960
Sito web: www.teatroorione.it


Pippo Pollina & Palermo Acoustic Quintet
IL SOLE CHE VERRA' EUROPA TOUR 2017

“Progetto speciale per l’Italia, Tour della memoria - passi di legalità”, nato per celebrare il Venticinquennale delle stragi di Falcone e Borsellino.

A seguito dell’uscita, del suo 22esimo album IL SOLE CHE VERRÁ ed al relativo Tour Europeo che ha già toccato Zurigo, Monaco, Vienna, Salisburgo, Stoccarda, Amburgo, Berlino, Francoforte, Lugano e altre importanti venue europee, e che prevede ben 30 concerti nel primo mese e mezzo di apertura, il 25 Febbraio Pippo Pollina approda in Italia. Verona, Firenze, Roma e Misano Adriatico, le tappe di questo primo tour italiano; l'artista tornerà a Maggio nel Bel paese, con altre date.
Lo spettacolo, che ha già registrato il tutto esaurito a Coira, Zurigo, Allensbach, Vienna, Amburgo, richiamando più di 11.000 persone in sole due settimane di tour, vede con Pippo Pollina sul palco una fomazione tutta italiana, il Palermo Acoustic Quintet: Roberto Petroli al clarinetto e sassofoni, Fabrizio Giambanco alla batteria e percussioni, Filippo Pedol al contrabbasso e basso elettrico, Michele Ascolese alle chitarre acustiche ed elettrica e Gianvito Di Maio alle tastiere e fisarmoniche. Una band di musicisti appassionati che arricchisce la presentazione del nuovo programma musicale dell'artista siciliano: oltre ai brani dell'ultimo disco, nuovi arrangiamenti di brani storici del suo vasto canzoniere, raramente eseguiti dal vivo.
Il tour italiano farà tappa a Roma, martedì 28 febbraio, al Teatro Vascello, con il “Progetto speciale per l’Italia, Tour della memoria - passi di legalità”, nato per celebrare il Venticinquennale delle stragi di Falcone e Borsellino, un tour della memoria per ripercorrere i passi di legalità che dal 1992 al 2017 sono stati fatti in Italia sul tema della lotta alla mafia. Il progetto speciale toccherà Firenze, Roma e Misano Adriatico per una serie d’iniziative legate ai temi della legalità e della giustizia, in collaborazione con le associazioni locali e/o i Comuni.
L’occasione del Venticinquennale delle stragi di mafia del ‘92 carica di significato questo tour italiano di Pippo Pollina che, in 30 anni di carriera, 22 album e più di 4000 concerti, oltre ad essere considerato un grande rappresentante della migliore tradizione cantautorale italiana, ha sempre tenuto il ruolo di ambasciatore nei paesi di madrelingua tedesca, principale bacino del suo grande pubblico, di una italianità legata anche ai temi della legalità e della giustizia. Tanto che al concerto finale della scorsa tournèe, a Zurigo nell'Agosto del 2015, uno stadio con più di 8.000 spettatori ha accolto Giovanni Impastato (fratello di Peppino Impastato ucciso dalla mafia nel 1978) con una standing ovation sorprendente, pensando alla composizione prevalentemente straniera del pubblico in sala.
Pippo Pollina, che ha fatto parte del primo grande movimento antimafia siciliano degli anni '80 e che giovanissimo collaborava con il mensile I Siciliani di Giuseppe Fava, andato via dalla Sicilia dopo l'omicidio del direttore del giornale, ha peregrinato in giro per il mondo per poi insediarsi in Svizzera dove ha intrapreso una brillante carriera artistica. L'impegno ha sempre caratterizzato i temi del suo canzoniere facendogli ottenere premi e riconoscimenti in Italia e all'estero.
Il coinvolgimento di Giovanni Impastato, che accompagnerà entrambi i tour italiani, è stato pensato con il fine di prevedere due momenti: uno di mattina, convegno/ conferenza/incontro con le scuole (a Roma incontrerà gli allievi dell'I.C." Nelson Mandela " alle ore 11) e l'altro serale con il concerto di Pippo Pollina e del Palermo Acoustic Quintet: un programma che, grazie alla bella amicizia con Impastato, permette di agire concretamente sui temi cari all'artista, attraverso il coinvolgimento dei giovani delle scuole e dell'associazionismo locale per segnare insieme i passi da compiere nella direzione del sole che verrà.

Pippo Pollina & Palermo Acoustic Quintet
Pippo Pollina: voce, piano e chitarra
Roberto Petroli: clarinetto e sassofoni
Fabrizio Giambanco: batteria e percussioni
Filippo Pedol: contrabbasso e basso elettrico
Michele Ascolese: chitarre acustiche ed elettrica
Gianvito Di Maio: tastiere e fisarmoniche

TEATRO VASCELLO - Via Giacinto Carini, 78 - Roma
martedì 28 febbraio 2017 ore 21,00
Ingresso: Intero Euro 20,00

Info e prenotazioni: mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , Tel. 06 589 8031
Sito web: www.teatrovascello.it


RE TUTTO CANCELLA
ovvero come nacquero le parole

Direttamente da Nonantola, in anteprima romana, il 26 febbraio alle ore 17.00 al Teatro Biblioteca Quarticciolo, la Compagnia Teatroperdavvero presenta RE TUTTO CANCELLA ovvero come nacquero le parole di e con Marco Cantori, video e suoni di Diego Gavioli, musiche di Marco Cantori e Diego Gavioli, oggetti di scena di Nives Storci e tessuti di Mari Carla.
C’era una volta un principe bambino. Di andare a scuola voglia non ne aveva e allora piangeva. Numeri, note, lettere e figure per lui erano solo seccature, perché troppo difficili e complicate, che quasi quasi le avrebbe strozzate. Le odiava proprio con rancore e promise vendetta dal profondo del suo cuore. Promise che se grande fosse diventato, tutte le scritte avrebbe mangiato.
Con un linguaggio che utilizza anche la body percussion, il teatro d'ombra e le videoproiezioni, realtà e fantasia si fondono insieme, per dare vita ad una favola dedicata in particolare ai bambini che stanno per scoprire o hanno appena scoperto l’universo delle lettere, dei numeri, delle figure geometriche e delle note.
Si parla di cooperazione infatti soltanto mettendosi insieme le lettere riusciranno a creare le parole e poi le frasi, con le quali convinceranno il Re Tutto Cancella a svuotare i sacchi con dentro i suoi prigionieri/ingredienti...

TEATRO BIBLIOTECA QUARTICCIOLO - Via Ostuni 8 - Roma
26 febbraio 2017 - ore 17.00
Biglietti: Adulti 8 euro, Bambini 5 euro

Info e prenotazioni: mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , tel. 06 98951725 – 060608
Sito web: www.teatriincomune.roma.it/teatro-biblioteca-quarticciolo-new


MAN RAY
Il genio irriverente

"Forse il desiderio più profondo di ogni artista è quello di confondere o di fondere tutte le arti, così come le cose si fondono nella vita reale” - Man Ray

Patrizia Genovesi presenta presso il Teatro Palladium dell’Università degli Studi Roma Tre, nel cuore del magnifico quartiere romano della Garbatella, un appassionante storytelling attraverso il quale vi guiderà dentro la storia e l’opera di Man Ray, una vera e propria icona dell'arte europea e americana del '900.
Sperimentatore curioso, orgoglioso della sua autonomia creativa, lontano dagli schemi, al servizio di un’idea personale, Man Ray teorizzò la morte della forma estetica come valore.
Cresciuto in opposizione ad alcune delle più rilevanti correnti artistiche del suo tempo, si attestò come precursore di un modo di fare arte che si imporrà come una delle più importanti linee estetiche del secondo 900.
Fotografo, pittore, scultore, regista e poeta, Man Ray è stato un artista inquieto e curioso. Sempre attratto dalla relazione fra realtà e finzione, ha conferito alla sua vita e alla sua opera un’impronta originale, ironica, ambigua e visionaria.
Man Ray, infatti, fu un artista demistificatore, ma anche poetico, indagò la naturalità del corpo femminile, ma ne evidenziò anche gli elementi fantastici trasferendovi la sua inquieta visione ideale del mondo.
Attraverso un viaggio nella vita di Man Ray, Patrizia Genovesi ci presenterà l’eclettica fantasia creatrice dell’artista.

TEATRO PALLADIUM - Università Roma Tre - Piazza Bartolomeo Romano 8, 00154 Roma
Domenica 5 marzo - ore 18
Ingresso: € 10

Info e prenotazioni: mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , telefono 327 2463456
Sito web: http://teatropalladium.uniroma3.it


Ancora in scena

NON TI PAGO
di Eduardo De Filippo
regia Luca De Filippo

con Gianfelice Imparato (Ferdinando Quagliuolo), Carolina Rosi (Concetta, sua moglie),
Carmen Annibale (Stella, loro figlia), Nicola Di Pinto (Aglietiello, uomo di fatica in casa Quagliuolo),
Viola Forestiero (Margherita, cameriera), Massimo De Matteo (Mario Bertolini),
Paola Fulciniti (Erminia, sua zia), Federica Altamura (Vittorio Frungillo), Andrea Cioffi (Luigi Frungillo), Paola Fulciniti (Carmela, popolana), Gianni Cannavacciuolo (Don Raffaele Console),
Giovanni Allocca (Lorenzo Strummillo, avvocato)
scene Gianmaurizio Fercioni - costumi Silvia Polidori
musiche Nicola Piovani - luci Stefano Stacchini
Produzione Elledieffe - La Compagnia di Teatro di Luca De Filippo

Fedele ai tempi e alla scrittura del padre ma capace al contempo di infondere una nuova identità al testo, pur nel solido rispetto della tradizione e in continuità con lo spirito originario, Luca De Filippo lascia in eredità agli spettatori una regia solida, capace di dosare al meglio la risata e l’inquietudine, momenti riflessivi e azione irresistibile. Gianfelice Imparato, che si è formato con Eduardo, si dimostra un sostituto pienamente all’altezza nei panni di Ferdinando Quagliuolo, il surreale gestore di un botteghino del lotto a Napoli. La commedia si sviluppa intorno ai divertenti tentativi di Ferdinando di appropriarsi del biglietto vincente con esasperate contese e grottesche maledizioni, mentre l’impiegato Mario Bertolini, suo futuro genero, colleziona vincite su vincite interpretando i sogni.
Non ti pago è più di uno spettacolo, è un piccolo gioiello pieno di ironia, ritmo e vitalità, un omaggio a Luca, grande attore e regista, a poco più di un anno dalla sua scomparsa. Forse il modo migliore per ricordarlo e per proteggere l’immenso patrimonio culturale di una delle più antiche famiglie della tradizione teatrale napoletana e italiana.

Scritta nel 1940, la commedia è un perfetto meccanismo comico dove, tra sogni, vincite al lotto, superstizioni e credenze popolari di un’umanità dolente e sfaccendata, si racconta la cruda realtà quotidiana fatta di paure, angosce e miseria, senza rinunciare però alla speranza, all’illusione, all’ingenua attesa di un colpo di fortuna che determini un futuro migliore. Una storia che unisce pensiero ed azione, inquietudine e riso, dinamismo e riflessione, con quella sottile leggerezza tipica delle commedie di Eduardo. Il protagonista è un personaggio ambiguo e surreale, che vive tra sogno e realtà. Gestore di un botteghino del lotto a Napoli è un accanito giocatore eccezionalmente sfortunato. Al contrario un suo impiegato Mario Bertolini, suo futuro genero, interpretando i sogni, colleziona vincite su vincite e addirittura un giorno gli capita di vincere una ricca quaterna di quattro milioni delle vecchie lire datagli in sogno proprio dal defunto padre del suo datore di lavoro. Accecato da una feroce invidia, Don Ferdinando si rifiuta di pagargli la vincita e rivendica il diritto di incassare la somma. Egli sostiene che lo spirito di suo padre avrebbe commesso un involontario scambio di persona recandosi per errore nella vecchia abitazione della famiglia Quagliuolo, dove ora risiede il giovane Bertolini.

Nei panni del protagonista Ferdinando Quagliuolo, Gianfelice Imparato, a cui si affianca una compagnia appassionata e unita intorno a Carolina Rosi, nel ruolo di Concetta, la moglie di Ferdinando, il ritratto di una donna dalle tante e diverse sfumature: inquieta e al tempo stesso concreta. Nel cast anche Nicola Di Pinto (Aglietiello), Massimo De Matteo (Mario Bertolini), Gianni Cannavacciuolo (padre Raffaele), Giovanni Allocca (l’avvocato Strummillo) e Paola Fulciniti (Erminia e Carmela); accanto a loro i giovanissimi Carmen Annibale, Viola Forestiero, Federica Altamura, Andrea Cioffi.

TEATRO ARGENTINA - Largo di Torre Argentina, 52 00186 - Roma
Dal 21 febbraio al 5 marzo 2017
Orari spettacolo: prima ore 21, martedì e venerdì ore 21, mercoledì e sabato ore 19, giovedì e domenica ore 17. Lunedì riposo. Durata spettacolo: 1 ore e 45 minuti più intervallo

Info e prenotazioni: mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , telefono 06 684 00 03 11 / 14
Sito web: www.teatrodiroma.net


ROMEO E GIULIETTA
di William Shakespeare
traduzione Salvatore Quasimodo
adattamento Andrea Baracco
con
Lucia Lavia nel ruolo di Giulietta
Antonio Folletto nel ruolo di Romeo
e Alessandro Preziosi nel ruolo di Mercuzio
e con
Frate Lorenzo - Gabriele Portoghese
Balia - Elisa Di Eusanio
Principe - Giacomo Vezzani
Paride - Mauro Conte
Tebaldo - Laurence Mazzoni
Benvolio - Dario Iubatti
Padre Capuleti - Woody Neri
Madre Capuleti - Roberta Zanardo
Padre Montecchi - Daniele Paoloni
Madre Montecchi - Alessia Pellegrino
scene Marta Crisolini Malatesta
costumi Irene Monti
luci Pietro Sperduti
musiche Giacomo Vezzani
regia Andrea Baracco
Produzione KHORA.teatro e Teatro Stabile d'Abruzzo

These violent delights have violent ends

In Romeo e Giulietta (la cui stesura va collocata nel 1592-94 e la prima rappresentazione nel 1595) c’è una sorta di ‘ossessione del tempo’ - racconta Andrea Baracco. La vicenda infatti si svolge in appena quattro giorni da un lunedì di luglio al giovedì della stessa settimana, e a questa velocità non c’è spazio per alcuna correzione, non si inciampa, si cade, ci si rompe il collo, le ossa e si perde la vita. Giulietta passa in quattro giorni da bambina a donna matura, Romeo da ragazzo imbevuto di amor cortese a vendicatore, Mercuzio da vitalistico funambolo del linguaggio a cadavere. Cosa spinge Shakespeare ad accelerare così vorticosamente il tempo dell’azione? “Non c’è tempo” o meglio “il tempo è scaduto” sembrano sussurrarsi di continuo tra loro i personaggi, o almeno tutti quelli che possiedono ancora gambe per correre, gli altri invece, i genitori, il Principe, la Chiesa, rimangono seduti in luoghi ben protetti ad osservare, immobili.

Un irriducibile antagonismo sociale avvicina Romeo e Giulietta più ad una tragedia borghese che ad una tragedia della vendetta o simili. Caratteristica tipica della tragedia borghese è quella di porre in scena personaggi non aristocratici in scene di vita famigliare; i Capuleti e i Montecchi sono ricchi borghesi e nel testo c’è ampio spazio dedicato alle loro abitudini domestiche. Shakespeare pare denunciare soprattutto lo spirito mercantile e pragmatico del borghese, tutto teso a fare sfoggio della propria raggiunta posizione sociale, preoccupato solo del vantaggio economico della sua famiglia. Sia Romeo che Giulietta, più Giulietta che Romeo - prosegue il regista - mettono ferocemente in discussione quel patto col mondo, quella specie di abitudine ereditaria, di convenzione prolungata che i loro padri, o sarebbe meglio dire che la generazione precedente, ha stipulato e che non sembra aver proprio alcuna voglia di ritrattare. C’è un universo adulto che osserva impassibile il dimenarsi forsennato dei propri figli che inciampano di continuo e che ogni volta, con ginocchia sempre più sbucciate e il corpo sempre più livido, si rialzano e riprendono il passo; e così Romeo e Giulietta diviene luogo di morti violente, quasi accidentali.

Romeo e Giulietta è anche la tragedia di Mercuzio, essere ambiguo e pornografico, né maschio né femmina, che più di ogni altro sente l’innata inadeguatezza e allora folle, rincorre versi e costruisce mondi, finché pazzo di gelosia si lancia come Aiace su una lama ben affilata. Shakespeare elimina troppo presto Mercuzio, perché egli è un intruso, perché egli è un essere monologante, perché con lui tra i piedi non è possibile nessuna tragedia. Perché è lui ad essere la tragedia.

Romeo muore e allora Giulietta non può continuare a vivere; muore Paride, muore Tebaldo e muore Mercuzio, l’unico tra i “figli” a sopravvivere è Benvolio, colui che mai entra nei conflitti, che mai è motore o vittima delle azioni e situazioni. Benvolio è colui che osserva, che si mette a distanza e poi narra. Benvolio è l’unico tra i giovani a sopravvivere perché utile all’universo adulto, perché attraverso i suoi racconti, i grandi, vengono informati dei fatti senza tuttavia correre il rischio di partecipare ai conflitti; Shakespeare lo situa opportunamente in una dimensione ibrida là dove le tragedie diventano innocue, in quella soglia in cui si hanno le orecchie sul palco e gli occhi in quinta. L’universo adulto ascolta Benvolio; l’universo adulto ascolta ma non vede le morti dei propri figli e alla fine, come in una sorta di metafora perfetta, decide di devitalizzare per sempre le giovani passioni ergendo mute statue che si lasciano osservare, su cui all’occorrenza si potrà piangere e che rimarranno immobili e smetteranno, una volta per tutte, di correre dietro alla Regina Mab costruttrice di sogni.

Durata:
Primo tempo 1h e 20’
Secondo tempo 1h e 10’

TEATRO ELISEO - via Nazionale 183, 00184 Roma
Da martedì 14 febbraio a domenica 5 marzo 2017
Orario spettacoli: martedì, giovedì, venerdì e sabato ore 20.00 | mercoledì e domenica ore 17.00
sabato 4 febbraio ore 16:00
Prezzi da 25 € a 40 € | Riduzioni e agevolazioni a norma di legge

Info e prenotazioni: mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , telefono 06.83510216
Call center Vivaticket: 892234
Sito web: www.teatroeliseo.com



IL LAVORO DI VIVERE
di Hanoch Levin
traduzione dall’ebraico Claudia Della Seta
adattamento Andrée Ruth Shammah
con Carlo Cecchi
e con Fulvia Carotenuto, Massimo Loreto
con la collaborazione
per l’allestimento scenico Gianmaurizio Fercioni
per le luci Gigi Saccomandi
per i costumi Simona Dondoni
musiche Michele Tadini
regia Andrée Ruth Shammah
Produzione TEATRO FRANCO PARENTI - MARCHE TEATRO

Andrée Shammah, con la complicità di Carlo Cecchi, uno degli ultimi grandi maestri del teatro italiano, qui protagonista insieme a Fulvia Carotenuto e Massimo Loreto, confeziona con la consueta eleganza e raffinatezza, la regia di Il lavoro di vivere di Hanoch Levin, il più importante autore e drammaturgo israeliano. Il teatro di Levin è irriverente: la poesia si nasconde dentro le situazioni più imbarazzanti, i suoi testi sono una commistione di spiritualità nobile e cruda realtà; dalla critica alla cultura borghese ai contrasti tra carne e spirito, ‘arte e culo’, perché il meschino sogna di stare sotto il riflesso della luce della felicità altrui. Così avviene anche per Il lavoro di vivere, una storia d’amore fra due persone di mezza età, in cui l’amore appare a barlumi folgoranti in mezzo a un mare di insulti, parole durissime e rimpianti.
Lo spettatore ride di gusto, senza accorgersi che sta ridendo di se stesso.

TEATRO PICCOLO ELISEO - via Nazionale 183e, 00184 Roma
Dal 15 febbraio al 5 marzo 2017
Orario spettacoli: martedì, primo mercoledì di replica, giovedì, venerdì e sabato ore 20.00, mercoledì e domenica ore 17.00
Prezzi da 21 € a 30 € (Riduzioni e agevolazioni a norma di legge)
Biglietteria on-line www.teatroeliseo.com e www.vivaticket.it
Call center Vivaticket: 892234

Info e prenotazioni: mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , telefono 06 83510216
Sito web: www.teatroeliseo.com

 

LSD edizioni presenta
Lillo & Greg
IL MISTERO DELL'ASSASSINO MISTERIOSO
Di Pasquale Petrolo e Claudio Gregori
Con Vania Della Bidia, Danilo De Santis e Dora Romano
con la partecipazione di Luca Latino
Regia Lillo & Greg
Scene Andrea Simonetti

Lillo & Greg per la prima volta al Teatro Sistina: dal 22 febbraio (e fino al 12 marzo) l’amatissima coppia comica arriva sul palcoscenico dello storico teatro romano con “Il Mistero dell’Assassino Misterioso”, un autentico “cult” del loro straordinario repertorio.
Un castello nella campagna londinese, un misterioso maggiordomo, l’omicidio di un’anziana contessa, un investigatore e gli stravaganti sospettati: ecco gli ingredienti per un perfetto giallo, dai toni brillanti, di chiara matrice anglosassone. 
Il detective Mallory ha riunito nel salone principale del castello i sospetti assassini della Contessa Worthington, ma un inatteso accadimento cambierà le dinamiche dell’indagine, minando esponenzialmente la trama del giallo e scatenando gli egoismi e le meschinità degli altri attori disposti a tutto pur di farsi notare da un produttore televisivo presente in platea.
 I ritmi serrati, le battute oblique, l'onnipresente umorismo di situazione e non ultima la cornice del giallo, rendono la commedia elettrizzante ed esilarante fuor di ogni dubbio.
Nata da un’idea di Greg e scritta a quattro mani con Lillo, "Il Mistero dell’assassino misterioso" è la prima commedia in cui si fa centrale la narrazione metateatrale - tanto cara alla coppia- che svela, scardinandolo con un pizzico di perfidia, il delicato equilibrio su cui vivono alcune compagnie di teatro, ma su cui si fondano anche la maggior parte dei rapporti umani: gelosie, meschinità, invidie, rancori e falsità.
Insieme a Lillo & Greg sul palco anche Vania Della Bidia, Danilo De Santis e Dora Romano. La Regia è di Lillo & Greg. Scene di Andrea Simonetti.

TEATRO SISTINA - Via Sistina 129, 00187 Roma
Dal 22 febbraio al 12 marzo 2017
Prezzi Biglietti: Poltronissima €44,00, Poltrona e I Galleria €39,50, Seconda Galleria €34,00, Terza Galleria €27,50
Orario Spettacoli: dal martedì al sabato ore 21.00, domenica ore 17.00, mercoledì 1 marzo ore 17.00, sabato 4 marzo ore 17.00 e ore 21.00

Info e prenotazioni: telefono 06.4200711 - 392.8567896, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: www.ilsistina.it


SEI PERSONAGGI IN CERCA D’AUTORE
di Luigi Pirandello
con Carlo Valli, Marta Nuti, Selene Gandini, Alberto Mariotti, Giorgia Ferrara, Barbara Begala, Martino Duane, Giuseppe Rispoli, Maria Chiara Centorami, Roberto Mantovani, Germana Di Marino, Francesco Iaia, Alessandro Gorgoni
Scene Fabiana Di Marco – Costumi Daniele Gelsi
Actor Coach Melania Giglio
Adattamento e regia Daniele Salvo

Il mondo di Pirandello è un universo complesso fatto di linguaggi, visioni, sogni, miraggi, allucinazioni.
Nel suo universo il mondo dei vivi e il mondo dei morti si toccano, si sovrappongono, senza alcuna avvertenza.
Questi personaggi in cerca d’autore, figure evanescenti, diafane, sospese sul filo, ripetono all’ infinito, ossessivamente, le proprie brevi ed insignificanti esistenze. Sono funzioni linguistiche, spettri teatrali, vite fittizie.
La scrittura di Pirandello utilizza le armi della Fantasia per trovare nuove prospettive, per scoprire nuovi universi e definire nuove traiettorie. Il tentativo è quello di entrare direttamente nelle menti e nei cuori dei personaggi, nei loro desideri, nei loro affanni, nelle loro ansie e speranze disattese o soddisfatte.
L’equilibrio delicatissimo in cui si muovono tutte le figure del testo, compone un affresco di una potenza espressiva straordinaria….
Un unico raggio di luce cristallina attraversa la scena: è quella l’unica speranza, l’unica possibilità di un futuro luminoso.
Il vero unico luogo reale rimane però la mente umana, analizzata con gli strumenti dell’ironia pirandelliana, un attimo prima di un improbabile risveglio.

TEATRO GHIONE - Via delle Fornaci 37, 00165 Roma
dal 24 febbraio al 19 marzo 2017
dal martedì al sabato, ore 21.00 domenica ore 17.00 lunedì riposo
Replica per spettatori non vedenti o ipovedenti 5 marzo, ore 17

Info e prenotazioni: mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , tel. 06 6372294 – 06 39670340
Sito web: www.teatroghione.it


Isa Danieli e Lello Arena in
SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE
di Ruggero Cappuccio
liberamente ispirato all’opera di William Shakespeare
con
Fabrizio Vona | Renato De Simone | Enzo Mirone
Rossella Pugliese | Antonella Romano
costumi Annamaria Morelli scene Luigi Ferrigno
musiche Massimiliano Sacchi burattini Selvaggia Filippini
regia Claudio Di Palma
produzione Ente Teatro Cronaca Vesuvioteatro
in collaborazione con Officine Culturali della Regione Lazio Bon Voyage,
Festival Teatrale di Borgio Verezzie Civit’Arte 2015

Nel perimetro simbolico della sala di un antico palazzo napoletano, Titania e Oberon attivano una drammaturgia di capricci e smanie riducendo le sorti degli uomini a fragili trame da vecchi teatri dei burattini. I due, come schegge di dei precipitati in terra, continuamente sospesi fra sonno e veglia, inscenano armonie, assecondano discordie, conducono, con estro malaccorto, una regia dei sentimenti umani. Le loro parole/note contrappuntano la polifonia dei surreali ospiti del palazzo (pupazzi, elfi, musicisti, attori), dettano sintonie tra lirismo e antiche tradizioni narrative, reinventano fascinazioni favolistiche, si fanno poetiche o scurrili a richiamare le alternanze emotive del mondo ispirativo shakespeariano.
Tra fedeltà ed irriverenza, la scrittura di Cappuccio riorchestra il “Sogno” per cercare ulteriori rifrangenze all’incanto musicale della lingua shakespeariana. La regia e la scena ne assecondano la lettura trasformandosi, per amplificarne il suono, in una sorta di grande, onirico e vagamente circense carillon. (Claudio Di Palma)

Personaggi e interpreti:
Titania, Isa Danieli
Oberon, Lello Arena
Puck, Fabrizio Vona
Lisandro/Elfo Onorato, Renato De Simone
Demetrio/Elfo Salvatore, Enzo Mirone
Elena/Elfo Annunziata, Rossella Pugliese
Ermia/Elfo Concezione, Antonella Romano

TEATRO SALA UMBERTO - Via della Mercede, 50 Roma
dal 21 febbraio al 5 marzo 2017
martedì, giovedì e venerdì ore 21, sabato ore 17 e 21, domenica ore 17
Prezzi da 32€ a 23€

Info e prenotazioni: telefono 06 6794753
Sito web: www.salaumberto.com


PRIMA DI [RI]FARE L’AMORE
di Marco Falaguasta, Alessandro Mancini
regia di Tiziana Foschi
con Marco Falaguasta, Marco Fiorini e Claudia Campagnola
Produzione LSD EDIZIONI srl

Uno spettacolo che è prima di tutto un racconto autobiografico dove Marco Falaguasta, attraverso il ricordo delle sue tante prime volte che la vita mette di fronte ad ognuno, cercherà il modo di parlare a sua figlia adolescente..
Il pretesto di raccontare una vita per parlare di tante vite: quelle che hanno attraversato gli anni 80-90. Vite segnate da moniti materni “mettiti la canottiera che ti asciuga il sudore”, vite al ritmo del compianto George Michael, Renato Zero, Greese. Di maschere a carnevale ereditate da fratelli, cugini, vicini di casa, di feste dove c’era LEI ma c’era anche il padre che ti apriva la porta: “a ragazzi’ togliti le scarpe che la signora de sotto s’arrabbia”! Vite timide alla ricerca del primo film a luci rosse pagato con i risparmi di una settimana e una volta riusciti ad entrare in sala (c’era chi si disegnava i baffi col pennarello per sembrare maggiorenne), ci si sedeva dietro a quello che fumava di più per respirare il primo fumo passivo... Marco Falaguasta li ricorda bene quegli anni con ironia e passione, ma oggi è chiamato ad affrontare l’unico “prima” che non può controllare: PRIMA DI FARE L'AMORE di una figlia adolescente. Che bagaglio gli hanno dato allora gli anni 80 e 90? Quali parole “giuste” gli avranno forgiato? Insieme a Marco Fiorini e a Claudia Campagnola, cercherà di dare le risposte adeguate.

TEATRO GOLDEN - Via Taranto, 36 00182 Roma
dal 21 febbraio al 19 marzo 2017
Spettacoli dal martedì al sabato ore 21.00 domenica ore 17.00. Lunedì e mercoledì riposo.
Prezzi intero € 26,00 + € 4 di prevendita; ridotto € 22,00 + € 3 di prevendita

Info e prenotazioni: mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , telefono 06.70.49.38.26
Sito web: www.teatrogolden.it


EMMA B.
di Enza di Gioi
Regia Sabrina Pariante
Con Eleonora Manara, Gabriele Tuccimei, Tony Caporale, Costantino Comito e David Mastinu
Costumi Antonio Ventura
Scenografie Antonio Bonaviri

Emma B., scritto da Enza Li Gioi e diretto da Sabrina Pariante, debutterà al Teatro lo Spazio dal 28 febbraio al 5 marzo 2017.
Lo spettacolo, trasposizione in chiave moderna di Madame Bovary, è ambientato in Francia ai giorni nostri.
La protagonista, una donna viziata ed egoista che si crogiola nel suo disagio, è vittima delle sue stesse frustrazioni: priva di ambizioni e al tempo stesso superficiale e frivola, le basta un complimento per divenire lasciva.
L’unico ruolo che sembra calzarle a pennello, e in cui riesce a dare il meglio di sé, è quello della seduttrice “istintiva” e sentimentale: Emma B. vi si immerge calandosi completamente nella “parte”.
La chiave ironica e dissacrante che ci fornisce l’autrice ci fa entrare in empatia con i suoi goffi tentativi di seduzione: il suo, infatti, pur mettendola a nudo totalmente, è un occhio benevolo che permette allo spettatore di immedesimarsi con lei, sebbene, con la sua impacciata seduttività, possa risultare a tratti patetica.
In scena Eleonora Manara, Gabriele Tuccimei, Tony Caporale, Costantino Comito e David Mastinu.
La direzione artistica è di Mariaelena Masetti Zannini.

TEATRO LO SPAZIO - Via Locri,42 Roma,
dal 28 febbraio al 5 marzo 2017
Costo biglietto: 12 euro +( 3 euro tessera)
Ridotto: 9 euro +( 3 tessera)

Info e prenotazioni: Tel. 06 77076486, 06 77204149 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: www.teatrolospazio.it


Laros - #MaiNaGioia Spettacoli - Matteo Fiocco presentano
LA SCALA
di Giuseppe Manfridi
con
Andrea Dianetti (Niccolò), Barbara Clara (Elvi),
Gabriele Carbotti (Mirko), Marina Marchione (Miriam),
Fabrizio D’Alessio (Corrado), Samantha Fantauzzi (Terry)
Costumi Marco Della Vecchia – Scene Augusto Sandri
Regia Michele La Ginestra

Dal 21 febbraio al 12 marzo 2017 tutti pronti a salire su “La scala”, la freschissima commedia di Giuseppe Manfridi diretta da Michele La Ginestra.
"La scala" è un vero e proprio duello a sei, dal ritmo serratissimo, che si consuma durante un cocktail organizzato per festeggiare la ristrutturazione di un seminterrato al Nuovo Salario di cui hanno da poco preso possesso Mirko e Miriam, interpretati da Gabriele Carbotti e Marina Marchione. Con loro, una coppia di vecchi amici, Corrado e Terry (Fabrizio D’Alessio e Samantha Fantauzzi) e un’altra coppia da poco conosciuta Niccolò (interpretato da Andrea Dianetti dal cast di Amici) ed Elvi (Barbara Clara) che abita nello stesso palazzo. Fiore all’occhiello dell’approssimativo restyling, una scala che collega direttamente il seminterrato col marciapiede di fuori. Un estroso escamotage ideato per evitare, a chi debba entrare e uscire, complicati giri nel cortile esterno.
Le tre coppie si comportano come se stessero a un ricevimento della regina Elisabetta: complimenti mirabolanti, mondanità al limite dell'enfasi, smancerie esagerate, finché una piccola scintilla incendia una polveriera di emozioni represse, offese e malintesi che risvegliano vecchi scheletri tenuti nascosti nell'armadio, antichi rancori che colgono l'occasione per riemergere e colpire duro.
E sarà la scala a svolgere un ruolo determinante in questa guerra senza esclusione di colpi. La scala come simbolo, la scala come elemento architettonico, la scala come collegamento fra i piani bassi e i piani alti, insomma una vera e propria protagonista illuminata dalla pirotecnia dei dissapori umani.

TEATRO DE’ SERVI - Via del Mortaro 22 (ang. Via del Tritone) Roma
Dal 21 febbraio al 12 marzo 2017
Biglietti: Platea 22€ - Galleria 18€
Orario spettacoli: da martedi a venerdi ore 21 – sabato ore 17.30 e 21 – domenica ore 17.30 – lunedi riposo

Info e prenotazioni : 06.6795130
Sito web: www.teatroservi.it


YVES MONTAND - UN ITALIANO A PARIGI
recital in due tempi con quartetto, pianoforte, contrabasso, batteria e sax/ contralto
di e con Gennaro Cannavacciuolo
Pianoforte: Dario Pierini - Clarino-sax: Andrea Tardioli - Contrabasso: Flavia Ostini - Batteria: Antonio Donatone
Regia: Gennaro Cannavacciuolo
Aiuto regia: Valeria D’Orazio - Coreografie : Roberto Croce - Scene: Eva Sgrò - Luci: Michele Lavanga - Foto: Marco Salvadori - Fonica: Alfonso D’Emilio
Voci registrate: Patrizia Loreti e Marco Mete - Arrangiamenti: Dario Pierini e Andrea Tardioli - Produzione: Elsinor, Milano

Spettacolo voluto e co-finanziato dal Comune di Monsummano Terme (luogo natio di Yves Montand), nonché sostenuto alla vedova del grande artista, la Sig.ra Carol Amiel, si presenta come un “docu-recital”: partendo dagli albori toscani di Yves Montand, si arriva ai trionfi parigini, una vita lunga 70 anni (1921- 1991). Tutto questo e molto altro è “Yves Montand – Un Italiano A Parigi”, scritto, diretto ed interpretato da un sublime Gennaro Cannavacciuolo. Lo spettacolo sarà in scena al Teatro della cometa dal 22 febbraio al 19 marzo.

Le canzoni più significative dell’artista scandiscono le fasi salienti della sua vita e carriera, costellata da straordinari successi e da importanti impegni politici. Canzoni che hanno fatto storia: Les feuilles mortes, A Paris, Sur le ciel de Paris, C’est si bon, A bicyclette, C’est à l’aube, Jesuis venu à pied, Bella ciao, Mon manège à moi e Paris canaille….
La narrazione è di tipo cronologico e presenta, attraverso le canzoni, i momenti più rilevanti che hanno caratterizzato la vita fuori dal comune di Montand, all’anagrafe Ivo Livi: - Gli esordi: figlio di immigrati poveri, manovale instancabile dall’età di 12 anni che scopre il tuo talento, lo coltiva di notte lavorando di giorno. Inizia nei teatrini della periferia di Marsiglia sino ad approdare all’Olympia di Parigi e successivamente al Metropolitan di New York; - L’amore, ovvero gli incontri sentimentali della sua vita: Edith Piaf, Simone Signoret che sposerà nel 1951 ed a cui resterà legato per 35 anni, Marylin Monroe e Carole Amiel che sposerà e la quale gli regalerà la gioia della paternità; - Il cinema: il periodo di Hollywood, l’incontro con Costa-Gavras;
- Gli incontri con grandi uomini di cultura e politici; Prévert, Picasso, Apollinaire, Kruscev, Kennedy, Tito e Mitterrand.
Di stampo classico e di grande eleganza, la struttura del recital è quella del teatro-canzone dove brevi monologhi, aneddoti, curiosità e note importanti che raccontano la vita di Montand ne introducono le canzoni, il tutto corredato da interessanti effetti-luce. Oltre al pianoforte, Gennaro Cannavacciuolo è accompagnato dalla batteria, dal contrabasso e dal sax-clarino che, in alcuni momenti di grande suggestione, proporrà degli assoli con ritmi swing. Di grande impatto la proposta di tre numeri danzati con le claquette; Fred Astaire è stato un mito per Montand il quale emulava il ballerino americano e creerà il famoso numero Le garçon dansant. La scenografia si ispira a quanto inventò Montand negli anni ’50: l’orchestra sul fondo del palcoscenico, in posizione centrale, nascosta da un velatino verde che attraverso un gioco di luci, a seconda delle esigenze, evidenzierà in musicisti e non solo…

Il ricavato dello spettacolo di sabato 4 marzo, ore 21h00, verrà devoluto ai terremotati di Amatrice, tramite le associazioni sostenitrici, Lions Club Roma Nomentanum e Internationl Women’s Club of Rome.

Gennaro Cannavacciuolo, attore e cantante, ha calcato le scene dei teatri più importanti di Italia ed è stato protagonista di pièces, music-hall e commedie musical che hanno fatto storia. Da un decennio ormai, si è cimentato con successo nel teatro-canzone, proponendo dei suoi recital da one-man-show. Tra le sue ultime creazioni spiccano, per attinenza a questo recital, gli spettacoli
monografici Milly – ritratto di una diva tra guerre, prìncipi, pop e variété e, soprattutto, Volare – omaggio a Domenico Modugno, il quale totalizzerà quest’anno 400 repliche dal 2010. Vi è quindi una logica di continuità nel lavoro di ricerca artistica sul personaggio di Yves Montand che Cannavacciuolo, da anni, ha sempre sentito particolarmente vicino a se, così come sentiva Domenico Modugno e Milly (Carla Mignone). Non sarà forse casuale se, proprio come Montand, Cannavacciuolo è attore e cantante, se danza con le claquette e se è, anch’egli, è reduce da difficilissimi esordi, proveniente da un paesino del sud.
Un’affinità artistica che Cannavacciuolo ha approfondito già da tempo, leggendo le biografie di Montand, studiando il suo percorso canoro, attoriale e di vita ed imparando le sue canzoni, sino al desiderio di creare un recital sul grande artista.
Il dato positivo è che tale desiderio derivante da una mera “affinità elettiva”, artistica, ben si sposa con la ricchezza e complessità della vita di Montand permettendo la messa in scena di uno spettacolo di sicuro interesse.

TEATRO DELLA COMETA - Via del Teatro Marcello, 4 – 00186
Dal 22 febbraio al 19 marzo 2017
Orario prenotazioni e vendita biglietti: dal martedì al sabato, ore 10:00 -19:00 (lunedì riposto), domenica 14:30 – 17:00 - Telefono: 06.6784380
Orari spettacolo: dal martedì al venerdì ore 21.00. Sabato doppia replica ore 17,00 e ore 21,00. Domenica ore 17.00. Costo biglietti: platea 25 euro, prima galleria 20 euro, seconda galleria 18 euro.

Info e prenotazioni: Tel. 06-6784380
Sito web: www.teatrodellacometa.it


UN AMORE
Un battello per Liepaja
di Aleksei Arbuzov - Pol Quentin
con Ania Sesia, Elena Cotta, Carlo Alighiero
Musiche elaborate da Enzo De Rosa
Scene Armando Mancini luci Mirco Maria Coletti
video di Andrea Carpiceci
libero adattamento e regia Carlo Alighiero

E’ alla fine di luglio dell’anno 1968, accanto al litorale del golfo di Riga, in Lettonia che ha inizio questa storia. I protagonisti sono il primario di una clinica Rodion Nikolaievitch (Carlo Alighiero) Lidija Vasil’evna, (Elena Cotta) e una affascinante gitana ( Ania Sesia ) che danza e canta bellissime canzoni russe.
Se non ci fosse stato l’incontro tra Lidia Vasil’evna e Rodion Nikolaievitch vissuto dai due come uno scontro, come un gioco d’amore, entrambi avrebbero continuato a vivere i loro giorni in modo sempre uguale. Lei ormai esclusa dal lavoro artistico accetta di fare la cassiera al circo godendo del successo dei suoi compagni. Lui continuando a far le ore piccole restando in attesa della figlia, che vive dall’altra parte del mondo, struggendosi al canto zigano per cacciare …. la malinconia mandando tutti al diavolo.
Un amore vissuto con pudore e intelligente ironia, all’insegna della fantasia e della grande tenerezza.
Nella commedia i ricordi, i sogni, i momenti salienti, le esperienze di vita si snodano, si intrecciano, si scontrano e si incontrano con ritrovata fiducia nella vita.

TEATRO MANZONI - Via Monte Zebio 14/c Roma
dal 23 febbraio al 19 marzo 2017
Orario spettacoli: dal martedì al venerdì ore 21 sabato ore 17-21 domenica ore 17.30., lunedì riposo. Martedì 14 marzo ore 19, giovedì 16 marzo ore 17 e ore 21. Biglietti: intero euro 25, ridotto euro 22.

Info e prenotazioni: telefono 06-3223634
Sito Web: www.teatromanzoni.info


CERTE NOTTI
di Antonio Grosso
con Antonio Grosso e Rocio Munoz Morales
Ciro Scalera, Antonello Pascale, Ariele Vincenti, Federica Carruba Toscano
regia Giuseppe Miale Di Mauro

Certe notti è un titolo aperto per uno spettacolo aperto a voli pindarici che le parole di Grosso riconducono immediatamente a una realtà fatta di corpi, anime e sentimenti. Il tono brillante, i tratti dei personaggi, i loro rapporti, le loro storie che s‘intrecciano in vari modi, le risate, le riflessioni, l’ironia, la cattiveria, sono la vita che pulsa nel testo di Grosso. Quella vita che in certe notti sembra non riuscire ad arrivare all’alba. L’alba di un esame che certe vite sembrano non riuscire a superare.
Cinque universitari condividono gli spazi della Casa dello Studente e vivono in quel limbo che separa il giovane dall’adulto. Alle prese con i loro problemi esistenziali e un futuro dalle tinte troppo sbiadite per essere visto con ottimismo. Il tutto sempre coronato da una patina d’ironia che attraversa come un filo rosso tutto lo spettacolo. E poi c’è un professore infame, autoritario e cinico, simbolo di una società che abusa il potere e chiude le porte in faccia ai giovani al grido di: “Qui comando io e tu non sei nessuno!”.
Ma arriverà prima o poi un terremoto stravolgerà le cose, un terremoto che quelli come il professore hanno provocato con la loro spocchia, con la loro imprudenza, con la loro ignoranza. Un terremoto che il testo di Grosso fa sentire nell’aria da subito e fa intuire al più sgangherato del gruppo, un giovane autistico che i ragazzi troppo presi da loro stessi, dalle loro problematiche, non sanno ascoltare. E solo allora ci sarà la resa dei conti, perché si sa che i conti si fanno alla fine, ma questa è una fine che sa tanto di nuovo inizio. Queste, sono certe notti in cui l’alba arriva a rischiarare un nuovo giorno.
Al di là delle risate, tante, la lettura di questo testo ha degli spunti esistenzialisti notevoli: l’università come simbolo di una generazione bloccata, che fatica a superare l’esame della vita, e resta inchiodata in certe notti insonni che sembrano non finire mai. C’è l’impressione che Grosso abbia voluto costruire all’interno della Casa dello Studente un microcosmo, che è la società in cui viviamo, fatto di rabbia, amore, speranze, paure, in cui tutti i personaggi cercano goffamente di trovare il proprio posto. E magari, solo un terremoto, che per tutti è simbolo di paura e catastrofe, potrà rimescolare le carte e ricominciare il gioco della vita.
(Giuseppe Miale di Mauro)

TEATRO NINO MANFREDI - via dei Pallottini 10, Ostia Lido
dal 21 Febbraio al 5 marzo 2017
21, 22, 23, 24, 25, 28 febbraio, 2, 3 marzo ore 21.00
26 febbraio, 1, 5 marzo ore 17.30
4 marzo ore 17.30 e 21.00
Biglietti: Platea: Intero 24.00, Ridotto 21.00 - Galleria: Intero 21.00; Ridotto 18.00

Info e prenotazioni: 06 56 32 48 49 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: www.teatroninomanfredi.it


Antonello Avallone e Giuseppe Manfridi
DELITTO PERFETTO
di Frederick Knott
Regia Antonello Avallone
Con Flaminia Fegarotti, Adriano Evangelisti, Romano Talevi, Matteo Cianci.
Aiuto regia Matteo Cianci
Tecnico luci Tony Di Tore
Scenotecnica Fabrizio Bellacosa
Assistenti alle scene e ai costumi Alessia Baldini, Alessandra Trasciatti
Scene e costumi Red Bodò

Tony Wendice, un ex campione di tennis che ora commercia in articoli sportivi, scopre che la ricca moglie Margot lo tradisce con Mark Halliday, uno scrittore statunitense di romanzi gialli. Wendice decide pertanto di sbarazzarsi della moglie inscenando “un delitto perfetto”, in modo da ereditare a tempo debito la sua piccola fortuna. Per evitare qualunque sospetto a suo carico, Tony trova in un suo amico con precedenti penali il sicario ideale. Ma il piano, anche se meticolosamente costruito, non andrà per il verso giusto e uno zelante ed intelligente ispettore di Scotland Yardtroverà le prove per incolpare il marito-mandante. Rappresentata a Londra nel giugno 1952 e a New York nell'ottobre dello stesso anno, la commedia è pervasa da un’atmosfera di grande tensione, da una suspense costante che coinvolge emotivamente lo spettatore con un gioco continuo di aspettative, di imprevisti, di anticipi e sospensioni. Dal testo teatrale Alfred Hitchcock ne trasse un film di grande successo.

TEATRO DELL’ANGELO - Via Simone de Saint Bon, n. 19 – Roma
Dal 10 febbraio al 12 marzo 2017
Orari repliche: dal giovedì al sabato ore 21.00 - domenica ore 17.30
prezzi biglietti: poltronissima € 25,00 - poltronissima ridotta € 20,00, poltrona € 22,00 - poltrona ridotta € 18,00
ridotti cral giovedì e venerdì € 16,00 - sabato e domenica € 18,00

Info e prenotazioni: mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , telefono 06/37513571- 06/37514258
Sito web: www.teatrodellangelo.it

 

Articolo di: Isabella Polimanti

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP