SaltaInTeatro - l’agenda teatrale romana, settimana dal 24 al 30 aprile

Scritto da  Domenica, 23 Aprile 2017 

Al Teatro Argentina, nell’ambito del progetto Miti nel Presente, va in scena lo spettacolo IL VIAGGIO DI ENEA, nella riscrittura di Olivier Kemeid. Il mito sempre eterno di Enea, con la regia e l’adattamento di Emanuela Giordano, va ad intrecciare la vicenda mitologica alle ferite dell’epoca contemporanea.

Uno spettacolo che con leggerezza e grande efficacia tratta il difficile tema del riscatto, sarà in scena al Teatro De’ Servi. NON RUBATECI I SOGNI, scritto e diretto da Bernardino de Bernardis è una commedia brillante ed emozionante, un inno al diritto di sognare.

Torna, a grande richiesta, sulle tavole del palcoscenico del Teatro Trastevere lo spettacolo CIVICO 15 di Olimpio Pingitore. Sei bizzarri personaggi portano in scena l’intolleranza verso i vicini della porta accanto.

TeatroSenzaTempo presenta, al Teatro Lo Spazio, lo spettacolo G8 SOTTO L'IRA DEL SOLE, di Mary Ferrara e Alexandro Sabetti con la regia di Pietro De Silva. Un caso storico che si è tragicamente trasformato in atto di violenza, il Summit di Genova del 2001. Una drammaturgia che intreccia storie realmente accadute a storie romanzate, affinché il teatro possa contribuire a non dimenticare.

Al Teatro Sala Umberto continuano con successo le repliche di UNO NESSUNO CENTOMILA, spettacolo che celebra il centocinquantenario della nascita di Luigi Pirandello, con Enrico Lo Verso e la regia di Alessandra Pizzi.

Per festeggiare i primi venti anni di attività della Onlus Soccorso Clown (SC), venerdì 28 aprile al Teatro Sistina si svolgerà una serata-evento che vedrà coinvolti molti artisti di fama nazionale ed internazionale: CIRCUS GRAN GALA. Il ricavato della serata andrà in beneficienza per l’attività di Soccorso Clown negli ospedali pediatrici di Roma.

I dettagli di tutta la programmazione teatrale romana all’interno dell’articolo.

Buona visione con SaltinAria!


IL VIAGGIO DI ENEA
di Olivier Kemeid
dall’Eneide di Virgilio
adattamento e regia Emanuela Giordano
con Fausto Russo Alesi (Enea), Alessio Vassallo (Acate), Carlo Ragone (Anchise, Acmenide, Re pastore), Roberta Caronia (Creusa, Sibilla), Valentina Minzoni (Didone), Giulio Corso (Ascanio), Antoinette Kapinga Mingu (Lucia, Aletto, Direttrice del Resort, Agente dell’Immigrazione), Emmanuel Dabone (Roberto, Boss della fabbrica, Figlio di Aletto), Simone Borrelli, Lorenzo Frediani e Giulia Trippetta (il Coro)
scene Francesco Ghisu - costumi Cristina Da Rold - disegno luci Giuseppe Filipponio
Produzione Teatro di Roma - Teatro Nazionale e Centro d’Arte Contemporanea Teatro Carcano

Il mito sempre eterno di Enea rivive sulla scena nella riscrittura del drammaturgo canadese Olivier Kemeid, nato in Quebec da una famiglia di origini egiziane, che porta a teatro IL VIAGGIO DI ENEA per la regia di Emanuela Giordano, dal 26 aprile al 7 maggio al Teatro Argentina. Una moderna traversata mitologica in cui i nodi dell’epica si intrecciano con le vicende di un’epoca contemporanea ferita dalle migrazioni, dalle guerre, dalla fame e dalla ricerca del benessere intravisto da lontano. Una produzione Teatro di Roma - Teatro Nazionale e Centro d’Arte Contemporanea Teatro Carcano.
IL VIAGGIO DI ENEA è dunque un racconto poetico delle migrazioni, ma soprattutto è una storia familiare, quella di Olivier Kemeid. Riscrittura moderna e fedele al classico di Virgilio, in cui l’autore proietta le vicende di suo padre e della sua famiglia, emigrata dall’Egitto al Canada con grandi difficoltà e peregrinazioni, alla ricerca di un mondo migliore attraverso personaggi e luoghi del mito di Enea. Così, Olivier Kemeid ha riconosciuto nel racconto di Virgilio la storia di suo padre, che è la storia dell’uomo, in fuga dai disastri dell’esistenza. Dal latino, al francese, all’Italiano odierno il mito compie il suo viaggio di ritorno offrendo nuove riflessioni. L’Enea di Virgilio supera le insidie del viaggio grazie alla divina materna benevolenza.
L’Enea di Kemeid, che pure si rifà al racconto virgiliano, non ha santi in paradiso ed è per questo più spaventato, più stanco e meno pio. Per una volta, l’esodo biblico che cambierà il volto dell’Europa viene raccontato da chi è costretto a partire, con un ironico capovolgimento dei ruoli in cui i neri sono al posto dei bianchi e viceversa. Non c’è enfasi, non c’è retorica né vittimismo. C’è solo la necessità di sopravvivere. Enea è un giovane uomo che vive un continuo conflitto di coscienza: pensare a sé o pensare anche agli altri? Sopravvivere in clandestinità o rischiare per ritrovare dignità e rispetto di se stesso? Il figlio di Enea, Ascanio, divenuto grande, riordina frammenti di ricordi così come gli sono stati raccontati dal padre. Ne ricostruisce il viaggio, i rapporti, gli amori, i dubbi, l’approdo che al momento è solo una speranza.

Quello di Emanuela Giordano è un teatro che si costruisce in scena, con i corpi e le intelligenze vive degli attori. Questo testo è quindi ancora una trama aperta, la traccia di un viaggio che si può compiere solo con attori capaci di mettersi in gioco. La regista inserisce nel testo di Kemeid segni dell’Eneide di Virgilio, ricercando e traducendo quei versi che si fondono in questa riscrittura. Ogni scena è cadenzata da evocazioni dell’opera originale, rendendo più evidente il nesso tra il mito e la contemporaneità. Non analizzare la “correlazione oggettiva” con il presente sarebbe un’omissione. Il confronto con il mito diventa strumento per cogliere temi essenziali del vivere contemporaneo, che la Giordano decide di affrontare prima di tutto con gli attori che dovranno fare i conti con loro stessi, senza filtri. «In palcoscenico, due grandi zattere: macchine sceniche che si muovono dal fondo al proscenio, quasi a invadere la platea – spiega la regista Emanuela Giordano – Intorno, solo mura di fango. I naufragi cui vanno incontro i personaggi vengono soprattutto raccontati. Ma l’aspetto particolare è che i migranti sono interpretati da attori bianchi, mentre coloro che stanno dall’altra parte, cioè chi dovrebbe accoglierli – ma li accoglie male, li rifiuta, li rilega nei campi profughi oppure cerca di sfruttare a proprio vantaggio il loro dolore – ho voluto fossero attori di colore. Un ribaltamento dei ruoli: l’esodo biblico, che cambierà il volto dell’Europa, viene visto allo specchio».

TEATRO ARGENTINA - Largo di Torre Argentina, Roma
Dal 26 aprile al 7 maggio 2017
Orari: prima ore 21, martedì e venerdì ore 21, mercoledì e sabato ore 19, giovedì e domenica ore 17
Durata spettacolo: 90’

Info e prenotazioni: mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , telefono 06 684 00 03 11 / 14
Sito web: www.teatrodiroma.net


La Bilancia Produzioni presenta
NON RUBATECI I SOGNI
scritto e diretto da Bernardino de Bernardis
con Luca Buongiorno (Enrico), Bernardino de Bernardis (Don Angelo), Mauro De Maio (Salvatore), Francesca Di Meglio (Mariagrazia), Ciro Formisano (Boss), Martin Loberto (Alessandro), Coky Ricciolino (aiuto boss), Angela Ruggiero/ElenaVerde (Donna Assunta)

Cosa succederebbe se un prete napoletano particolarmente timoroso, dopo vent’anni lontano dalla sua città di origine, venisse trasferito proprio in quel quartiere difficile dove ha vissuto la sua adolescenza? Don Angelo è un prete che ha condotto l’intera vita pastorale nella tranquilla valle Aurina in Trentino, immerso tra gente ordinata e pacifica, ma quando viene trasferito nel quartiere della provincia napoletana in cui è nato, l’iniziale entusiasmo dovrà fare i conti con la precaria e problematica realtà fatta di miseria e sotterfugi.
Inizierà cosi per lui una seconda vita che lo metterà di fronte a quel passato inconsapevolmente rimosso e ai continui soprusi che la sua comunità è costretta a subire, come quello dell’abbattimento del teatro che le istituzioni vogliono compiere per far posto a un centro commerciale dietro la cui iniziativa, in realtà, si nasconde la mano crudele della delinquenza locale.
Per convincere la comunità ad appoggiare la lotta contro l'abbattimento del teatro, Don Angelo porterà alcuni ragazzi della sua parrocchia a mettere in scena uno spettacolo teatrale che racconti le loro vite, le loro difficoltà, insomma che sia un grido contro la cultura della violenza e della sopraffazione. Ma come tutti i "capitano, oh mio capitano" della letteratura, Don Angelo non troverà la strada spianata e dovrà fare i conti con il proprio timore e la propria natura titubante. Contemporaneamente, anche la comunità farà i conti con il proprio atteggiamento servile, con quel capo chino con cui ha lasciato che la delinquenza tenesse in mano le redini della propria vita.
Sotterfugi, improbabili stratagemmi, paure e ipocondrie fanno da cornice alla perenne lotta tra il bene e il male, in cui si alternano personaggi che, dietro l’apparente leggerezza, nascondono ferite mai completamente rimarginate.
Sarà dunque un semplice spettacolo di teatro a restituire dignità a questi protagonisti che non avevano la vocazione dell'eroe e a riscattare esistenze marginali che non hanno mai pensato di avere qualcosa da dire. Ma d'altronde, non è forse questo il ruolo del teatro?

TEATRO DE’ SERVI - Via del Mortaro 22 (ang. Via del Tritone), Roma
Dal 25 aprile al 14 maggio 2017
Biglietti: platea 22€ - galleria 18€
Orario spettacoli: da martedi a venerdi ore 21, sabato ore 17.30 e 21, domenica ore 17.30, lunedi riposo

Info e prenotazioni: telefono 06.6795130
Sito web: www.teatroservi.it


IL FUNERALE DEL PADRONE
di Dario Fo
regia Massimo Di Michele
con gli allievi della Scuola di Teatro e Perfezionamento Professionale del Teatro di Roma Antonio Bannò, Dario Battaglia, Federico Benvenuto, Luisa Borini, Edoardo Coen, Mariasilvia Greco, Alessandro Minati, Arianna Pozzoli, Silvia Quondam, Fabio Vasco
assistente alla regia Gabriele Zecchiaroli

Proporre un testo di Dario Fo nasce dalla convinzione e dall'amore profondo per un mestiere in cui credo molto, quello dell’attore. L'idea del Teatro come momento di confronto civile, rende giustizia alle origini di una Istituzione che è nata con l'uomo e reca con sé la storia dell'umanità.
Il lavoro su un testo così di impatto e di attualità come Il Funerale del Padrone significa tornare a un'idea del teatro, tanto cara a Dario Fo, inteso come momento di denuncia, di impegno civile, di presa di coscienza dell'attore che diviene parte vivente di questa dichiarazione d'amore per l'umanità e di tutela e salvaguardia del diritto a non morire per il lavoro.
“Il Funerale del Padrone” è leggero, impertinente, irriverente; è una satira pungente ma, nel solco della tradizione stessa della satira, è un testo impegnato, di grande impatto.
Esso vuole essere una grande prova per un giovane attore, il confronto con un testo pieno di colori e molteplici sonorità che spaziano dalla Commedia dell'arte a momenti "circensi", da espedienti drammatici alla danza, fino al momento finale dove, con freddezza e lucidità, vengono elencati i dati delle morti sul lavoro degli ultimi anni.
All'attore viene chiesta una prova di grande duttilità e versatilità, ma soprattutto di creatività, non perdendo di vista ciò che siamo e dovremmo essere sempre: CREATIVI.
“Il Funerale del Padrone” è una grande sfida, come lo sono tutti i testi di Dario Fo.
Al Maestro Fo, a cui sono grato per aver sostenuto da subito l'operazione consapevole e coraggiosa di un gruppo di giovani artisti.
Massimo Di Michele

TEATRO INDIA - Lungotevere Vittorio Gassman (già Lungotevere dei Papareschi), Roma
28 - 29 - 30 aprile 2017
Orario spettacoli: venerdì ore 19, sabato ore 21, domenica ore 19
Biglietti: 10 euro intero, 7 euro ridotto
Durata spettacolo: 1 ora e 10 minuti

Info e prenotazioni: mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , telefono 06 684 00 03 11 / 14
Sito web: www.teatrodiroma.net


Amendola|Malorni
NESSUNO PUO' TENERE BABY IN UN ANGOLO
con Valerio Malorni
scritto da Simone Amendola
collaborazione al testo Sandro Torella
scenografia Faisal Dasser, Giulia Giorgi e Fosca Giulia Tempera
regia Simone Amendola, Valerio Malorni
una produzione BLUE DESK
residenze produttive TAN Teatri Associati di Napoli / Carrozzerie Not
con il sostegno di Attraversamenti Multipli

'Nessuno può tenere Baby in un angolo' è un giallo.
Un giallo che inizia ocra. La storia di un uomo accusato di omicidio. Un uomo. Uno che poteva fare tante cose e fa il benzinaio. Uno che ha sempre pensato che non devi essere per forza un benzinaio per fare il benzinaio.
Tutto inizia con un corpo senza testa dietro una pompa di benzina. Una donna. Gli indizi stringono su un solo uomo. Che non ha un alibi e potrebbe avere un movente. Forse la conosceva, forse no. Ne ha incontrate diverse nell'ultimo periodo. La storia trae spunto da un trafiletto di cinque righe in cronaca, che diventa un racconto in tre atti. Tre scene per una verità. Difficile da raggiungere. Come difficile è il dialogo nei rapporti. Come difficile è il dialogo in un monologo.
Nel primo e nel terzo atto Lucio risponde ad un interrogatorio fuori campo. Nel secondo al simulacro di un avvocato. In tutti e tre a se stesso. Il giallo lo costringe ad aprire gli occhi. Perchè non si vede un velo finchè non si è levato.
'Nessuno può tenere Baby in un angolo' è l'ultima possibilità per Luciano Schiamone detto Lucio di essere un uomo. Con le donne. Che non riesce ad amare come vorrebbe.

LA COMPAGNIA AMENDOLA/MALORNI

Dopo anni di amicizia e stima, inziano a collaborare nel 2013 realizzando L’UOMO NEL DILUVIO (Vincitore Premio In-Box, Finalista Scenario, Segnalato Premio Rete Critica). In un linguaggio, che è sintesi di due storie diverse, nasce anche questo secondo lavoro.
Simone Amendola, una scrittura affinata nel cinema documentario, costruendo narrazioni partendo dalle vite reali. Valerio Malorni, un corpo a corpo col pubblico in ogni luogo, trasformando in teatro ogni luogo.

CHI E' SIMONE AMENDOLA?

Cineasta e drammaturgo. Ha ricevuto diversi riconoscimenti tra cui il Premio Ilaria Alpi per il documentario narrativo e Premio Solinas per la scrittura cinematografica. Tra i suoi lavori il docu-film Alisya Nel Paese Delle Meraviglie, presentato in oltre 50 festival e più volte trasmesso dalla Rai, che ha contribuito a far emergere con poesia, il mondo delle seconde generazioni. Tra i suoi testi teatrali, l'atto unico Porta Furba (premiato, con la pubblicazione, dal Premio Oreste Calabresi). Nel 2011 ha partecipato alla Biennale d'Arte di Venezia con il video Narciso realizzato con l'artista Ali Assaf.

CHI E' VALERIO MALORNI?

Attore, danzatore, autore e regista. Ha studiato e lavorato con Mario Scaccia, Anton Milenin, Jean-Paul Denizon, Vladimir Olshansky, Deja Donne, Khosro Adibi e Julyen Hamilton, Giorgio Barberio Corsetti. È parte del Teatro delle Apparizioni e collabora con Amnesia Vivace, La Bottega del Pane, Areté Ensemble e altre realtà romane e del territorio nazionale. Tra i suoi titoli Con chi, Lo Stato di Saluto. È parte del gruppo di Laboratorio di pedagogia dell’espressione dell’Università di Roma Tre. Tiene e coordina laboratori di Teatro Relazionale per adulti, per l’infanzia e per disabili.

CARROZZERIE N.O.T - Via Panfilo Castaldi 28/a, Roma
27|28|29 aprile ore 21

Info e prenotazioni: mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , telefono 347-1891714
Sito web: www.carrozzerienot.com


CIVICO 15
di Olimpio Pingitore
Con Silvia Cox, Albamarina Dei, Fabrizio Nicoletti, Olimpio Pingitore, Francesca Targa, Gianlorenzo Tennenini.
Regia Olimpio Pingitore

...ai miei tempi tra vicini ci si presentava, oggi, non si sa più cosa voglia dire buongiorno...

Una palestra anonima in una anonima città. Una riunione di condominio. Un ascensore da approvare. Sei personaggi insoliti amanti dell’umanità ma intolleranti verso il vicino della porta accanto. Questo lo scenario con cui si apre la divertente commedia “Civico 15” che la Compagnia TramAttori porta in scena al Teatro Trastevere di Roma dal 28 al 30 aprile con la regia di Olimpio Pingitore:
“Un occasione per rivivere, divertendosi, le dinamiche che tutti noi affrontiamo nelle tanto odiate riunioni condominiali; microcosmi di intrighi, conflitti e pettegolezzi che fotografano vizi e virtù di una piccola comunità. La vita condominiale, si sa, è tutt’altro che semplice, una vera e propria selva intricata di problemi e piccole angherie in cui i condomini litigano, straparlano e quasi mai si ascoltano”
Fin dagli inizi è importante quindi decidere che tipo di relazione volete mantenere con i vostri vicini, se di amicizia o di distaccata cortesia. In ogni caso cercate di applicare il principio di non fare agli altri quello che non vorreste fosse fatto a voi. A chi non è capitato di “affrontare”, armandosi di santa pazienza e di una buona dose di coraggio, un’assemblea condominiale?
“Chi, non si è trovato faccia a faccia con il proprio vicino/nemico o con la vicina/amica e, durante la seduta, riderci, litigarci, soffrirci per poi alla fine sparlare degli assenti? Ebbene, a chiunque non abbia mai avuto la fortuna/sfortuna di parteciparvi, con questa pièce gli verrà restituito uno spaccato di vita reale, per chi invece, ha ripetutamente partecipato a delle assemblee si interrogherà: ma io sono così?”
Evitate di avere dei vicini se volete vivere in pace con loro!

TEATRO TRASTEVERE - Via Jacopa de Settesoli 3, 00153 Roma
Dal 28 al 30 aprile 2017
Orario spettacoli: dal martedì al sabato ore 21.00, domenica ore 17.30

Info e prenotazioni: telefono 06-5814004, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: www.teatrotrastevere.it


Antonio Salines, Luciano Virgilio, Edoardo Siravo e Fabrizio Bordignon in
ASPETTANDO GODOT
di Samuel Beckett
Con Beniamino Zannoni
Scene Francesco Bottai
Costumi Lorenzo Cutùli
Regia Maurizio Scaparro

Prodotto dal Teatro Carcano di Milano nella stagione 2014/15, ASPETTANDO GODOT di Samuel Beckett ha per protagonista un formidabile terzetto di attori di grande valore e temperamento formato da Antonio Salines (Estragone), Luciano Virgilio (Vladimiro) e Edoardo Siravo (Pozzo). Accanto a loro nel ruolo di Lucky (in sostituzione di Enrico Bonavera) Fabrizio Bordignon e, nel ruolo del Ragazzo, Beniamino Zannoni.
La regia è firmata da Maurizio Scaparro, uno dei maestri della scena italiana e internazionale, alla sua seconda collaborazione con il Teatro Carcano dopo l’eccezionale exploit della Coscienza di Zeno della stagione 2012/13 e alla sua prima messinscena beckettiana. La critica, unanimemente entusiasta, ha definito lo spettacolo “umanissimo”, “tridimensionale”, “solare” ed ha lodato l’eccellenza degli interpreti e il delicato e suggestivo impianto scenico.
Scritto da Samuel Beckett tra la fine del 1948 e l’inizio del ’49, En attendant Godot, nelle parole di Jean Anouilh “un capolavoro che provocherà disperazione negli uomini in generale e in quelli di teatro in particolare”, fu considerato da molti una provocazione, un trucco, prima di essere universalmente accettato come opera d’eccezione. I due vagabondi protagonisti dell’opera, Vladimiro/Didi e Estragone/Gogo, sono diventati l’emblema della condizione dell’uomo del Novecento, essere in eterna attesa, vagante verso la morte, punto minuscolo nella vastità di un cosmo ostile, segnato fin dalla nascita (“partoriscono a cavallo di una tomba, il giorno splende un istante, ed è subito notte”, dice Pozzo).
Sento il peso, la responsabilità e l'emozione di mettere in scena per la prima volta un testo di Samuel Beckett e in particolare “Aspettando Godot” – scrive Scaparro nelle note di regia. Rileggo questo testo oggi e mi colpisce profondamente per le sue radici collegate alla millenaria e senza confini Cultura Europea, che noi stiamo colpevolmente dimenticando. Quelle creature deboli e immortali come Estragone e Vladimiro (e come Pozzo e Lucky), che vivono in una terra desolata aspettando Godot, che non arriverà mai, vivono in un lontano e vicino (a loro e a noi) '900 nel ricordo romantico di una Tour Eiffel che resiste come immagine e nell’aridità di un presente che esclude loro e quelli che vorrebbero cantare, ballare parlare, vivere … Vorrei poter idealmente dedicare questa nostra fatica all'Europa della Cultura, la grande dimenticata dell'Europa che viviamo; ma anche a quelle parole che Beckett sussurra quasi per caso, come “teatro”, “varietà”, “circo”.

TEATRO PALLADIUM (Università Roma Tre) - Piazza Bartolomeo Romano 8, 00154 Roma
28-29-30 aprile 2017
Biglietti: €15 intero | €10 ridotto | €5 studenti

Info e prenotazioni: mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , telefono 327 2463456
Sito web: http://teatropalladium.uniroma3.it


BLUE BIRD BUKOWSKI
drammaturgia Riccardo Spagnulo
con Vito Signorile
luci Vincent Longuemare
realizzazione scene Michele Iannone
regia e spazio Licia Lanera
produzione Teatri di Bari Kismet Abeliano

Pensare a Bukowski oggi è come pensare a una possibilità di vita che non c’è più. Eppure di quel ‘900 non ci siamo davvero liberati. C’è un’anima blues e jazz che ancora persiste, che chiama all’idea di viaggio, all’idea di sogno. C’è ancora un odore di cantina e di vino e di poesia nei sogni di un’intera generazione, desiderio e nostalgia di perdersi in una straziante voglia di vita. E Vito Signorile, attore, regista e uomo di “ordinaria follia”, che in oltre quaranta anni di palcoscenico ha attraversato classici del teatro, drammaturgia contemporanea, teatro popolare, poesia e musica, vi si immerge con giovani- le entusiasmo. Ancora in viaggio.

TEATRO VASCELLO - Via Giacinto Carini 78, 00152 Roma
Dal 27 al 30 aprile 2017
Orario spettacoli: da giovedì a sabato ore 21, domenica ore 18

Info e prenotazioni: telefono 06.5881021/06.5898031, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: www.teatrovascello.it


LA FAMIGLIA REMBRANDT SCONFITTA DAI TULIPANI
Scritto e diretto da Giuseppe Manfridi
Con Gianna Paola Scaffidi, Antonio Serrano, Andrea Giuliano
Scene Antonella Rebecchini
Costumi Clara Surro
Musiche Originali Antonio Di Pofi
Luci Rika Barresi
Foto Elio Leonardo Carchidi
Aiuto regia Paola Conte
Organizzazione Antonella Lepore

Dopo un inizio di carriera folgorante, Rembrandt, nella seconda metà della sua vita, conobbe un tristissimo declino economico, oltre che una serie di lutti personali. Queste tristi vicissitudini lo costrinsero dapprima ad abbandonare la splendida casa dove aveva a lungo alloggiato, nell’elegante quartiere ebraico di Amsterdam, e quindi a tentare di ricostruirsi un nuovo nucleo familiare con Hendrjeke, la donna che era nel frattempo divenuta la sua nuova e fedelissima compagna dopo la morte di Saskja, la prima moglie.
La crisi finanziaria di Rembrandt è da addebitarsi alla perdita delle commissioni che per oltre un ventennio lo avevano visto protagonista assoluto della ritrattistica olandese (e a rubargli il lavoro furono, in gran parte, i suoi ex allievi), all’eccesso di capitali profusi nell’acquisto di oggetti d’arte destinati ad arricchire una pregevolissima collezione privata (poi messa interamente all’asta), infine, ad alcuni gravi investimenti sbagliati. Per l’esattezza, investimenti fatti nel mercato dei tulipani; né più né meno come potrebbe avvenire oggi a chi investisse in borsa puntando tutto su un titolo che, dopo crescite repentine, dovesse poi rivelarsi fallimentare.
Ed è qui il nodo messo in luce dal nostro racconto in una vicenda a tre che vede protagonisti, oltre al Maestro e alla sua seconda compagna, una sorta di agente finanziario ‘ante litteram’ a cui Rembrandt si era affidato mani e piedi per ridare un po’ di ossigeno alle proprie finanze già tanto smagrite ma ancora non del tutto esaurite.
E’ sera tardi e siamo nell’abitazione-studio del grande pittore. Hendrjeke, con una ciotola tra le ginocchia, sembra stia cucinando qualcosa. Scopriremo invece che la donna sta preparando delle tinture per il lavoro del marito. Rembrandt, sulla soglia, è di ritorno con aria gongolante da un incontro con un banchiere che lo ha rassicurato circa un contratto che il pittore ha appena firmato. Si tratta di un acquisto in titoli. Rembrandt cercherà di spiegare alla sua compagna di cosa si tratti, ma lui sembra saperne meno di lei e il dialogo si svilupperà denso di risvolti comici. A questo entrerà in scena il terzo personaggio della storia: lo sciagurato ‘broker’ (un ragazzino, in verità) che ha consigliato a Rembrandt quell’investimento dagli esiti catastrofici.
Si chiama Pitius. Lo vedremo sopraggiungere provvisto di una dialettica professionale che, per certi versi, potrebbe ricordare quella dei medici di Molière. Parla di flessioni momentanee, di notizie da verificare, di speculazioni senza futuro, della necessità di non farsi prendere dal panico. Proprio quella notte, infatti, il mercato dei tulipani è destinato a un tracollo che anticipa di secoli quello del ’29.
Si tratta, dunque, di una vicenda raccontata in presa diretta, tutta racchiusa nell’arco di una nottata durante la quale alcuni poveri diavoli (e poco importa che uno di essi si chiami Rembrandt) sono costretti a barcamenarsi tra i rovesci della realtà che già allora, come oggi, potevano coincidere con quelli del mercato azionario.
Per inciso, proprio in quel tempo (e la nostra commedia ne renderà conto) Rembrandt è impegnato a portare termine il più straordinario dei suoi autoritratti.

TEATRO DEI CONCIATORI - Via dei conciatori 5, 00154 Roma
25 | 30 aprile 2017
Biglietti: € 18,00 + tessera obbligatoria di 2 €
Orario spettacoli: dal martedì al sabato ore 21, domenica ore 18

Info e prenotazioni: telefono 06.45448982 - 06.45470031, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: http://www.teatrodeiconciatori.it


SENZA GLUTINE
di Giuseppe Tantillo
regia Daniele Muratore e Giuseppe Tantillo
Con Valentina Carli, Vincenzo De Michele, Orsetta De Rossi, Giuseppe Tantillo
Scenografia Francesco Ghisu
Costumi Alessandro Lai
disegno luci Daria Grispino

Da mercoledì 26 aprile per la stagione large debutta al Teatro Argot Studio, Senza glutine, nuovo testo dell’attore e autore palermitano Giuseppe Tantillo che già nel 2013 riceve con il suo primo testo teatrale, Best friend, la Segnalazione Speciale al prestigioso Premio Riccione per il Teatro. Senza glutine è una cinica e spietata riflessione sull’amore e sul glutine.

Breve sinossi: Fran e Lisa hanno trent’anni e stanno insieme da cinque. Paolo e Felicia di anni ne hanno quasi cinquanta e la loro relazione va avanti da quindici. Ne verrà fuori un inevitabile incrocio che metterà a dura prova la solidità delle due coppie.

Dal testo: La cosa più difficile in assoluto è lasciarsi. Anche se non ci si ama più. E in un certo senso non è neanche un male. Se non fosse così non si farebbero un sacco di cose. E non si conoscerebbero veramente le persone. In fondo cominciamo davvero a conoscere la persona che ci sta accanto quando smettiamo di provare qualcosa per lei. Solo allora riusciamo a vederla per quello che è. E a quel punto viene fuori tutto quell’insieme di senso di colpa, malinconia, tenerezza e gratitudine che prende il nome di rapporto stabile. Dove il sesso è una chimera e la dermatite atopica una triste realtà.

Dalle note di regia: La prima volta che mi sono innamorato avevo nove anni. Era il 10 maggio ed erano le sette di sera. E lo ricordo bene perché un’ora dopo saltai la cena per la prima volta nella mia vita, a causa di un’improvvisa colica addominale. Da allora fino al compimento dei trent’anni mi sono innamorato altre otto volte. E a ogni innamoramento è seguito un disturbo di natura gastrointestinale. Ho sempre letto che il mondo è diviso tra chi ama col cuore e chi con la testa. Io amo con lo stomaco e l’intestino. E vi assicuro che le conseguenze sono meno romantiche. La verità è che mi riesce difficile scindere il concetto di amore da quello di digestione. Li considero affini. In entrambi i casi, infatti, si tratta di assorbire e trasformare (alimenti o sentimenti) avendo cura di eliminare le scorie. Sono partito da qui per raccontare questa storia. La storia di due coppie che non hanno la forza di lasciarsi. E che grazie a questa incapacità riescono a realizzare i propri desideri. La mancanza di coraggio infatti, checché ne dica la psicanalisi, non è necessariamente un male. Rimanere bloccati in un rapporto apre a un caleidoscopio di possibilità e permette di cogliere dettagli, che altrimenti sarebbe impossibile notare.
(Giuseppe Tantillo)

TEATRO ARGOT STUDIO - Via Natale del Grande 27, Roma
Dal 26 aprile al 7 maggio 2017
Orari spettacoli: dal martedì al sabato ore 20.30, domenica ore 17.30
Biglietti: 12 euro (intero) - 8 euro (studenti e over 65)

Info e prenotazioni: telefono 06-5898111, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: www.teatroargotstudio.com


TeatroSenzaTempo Produzione Spettacoli Teatrali presenta
G8 SOTTO L'IRA DEL SOLE
Da un'idea di Alexandro Sabetti
Testo di Mary Ferrara e Alexandro Sabetti
Regia di Pietro De Silva
Assistente alla Regia Andrea De Luca
con (in ordine di apparizione) Antonella Petrone, Alberto Albertino, Stefano Di Giulio, Giulia Sperati, Daniela Anzellini, Virginia Menendez, Davide Colnaghi, Alice Adorni, Serena Piraine, Greta Polinori, Chiara Della Rossa, Matteo Maria Dragoni, Luca Attadia.
E con la partecipazione amichevole di Gabriele Carbotti nel ruolo di Cristiano Lander

Il Summit di Genova, atteso per riunire capi di stato e di governo delle maggiori democrazie industriali, si è trasformato in un caso storico di violenza tale da far intervenire con una sentenza e dopo 14 anni, la Corte di Strasburgo per dare finalmente giustizia a chi, per anni, ha continuato a denunciare quanto accaduto in Piazza Alimonda, nella scuola Diaz, nel carcere di Bolzaneto. ‘G8 - sotto l’ira del sole’ raccoglie storie, reali o romanzate, di chi c’è stato, di chi ha subito, di chi avrebbe voluto esserci. Tanti occhi e tante voci cucite da un filo drammaturgico per far si che anche il teatro contribuisca a non dimenticare.

TEATRO LO SPAZIO - Via Locri 42/44, Roma
Dal 27 al 30 aprile 2017
Orario spettacoli: ore 20.30, domenica ore 17
Biglietti: Intero € 12 - Ridotto € 10 (Più Tessera Teatro) Posto Unico

Info e prenotazioni: telefono 366 4538808 - 06 77204149, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: www.teatrolospazio.it


Cavalierimascherati e SalaUno teatro presentano
NELLA GIUNGLA DELLE CITTÀ
im dickicht der staedte
di Bertolt Brecht
con Caterina Casini, Chiara Condrò, Eugenio Banella, Guido Goitre, Irene Vannelli, Lorenzo Garufo, Luisa Belviso, Marco Usai, Maurizio Greco, Stefano Flamia
musiche eseguite dal vivo dal maestro Valerio Mele
regia Alessandro De Feo

Debutta in prima assoluta al teatro Sala Uno di Roma dal 25 al 30 aprile “Nella giungla delle città” im dickicht der staedte, un'opera giovanile di Bertolt Brecht rivisitata dalla compagnia Cavalierimascherati, da anni impegnata nello studio dell'autore tedesco e che in questo nuovo allestimento diretto da Alessandro De Feo porta in scena le vicende e i conflitti sociali e generazionali di una città contemporanea, tra possibilità di riscatto, speranze di cambiamento e nuove opportunità.

“Vi trovate a Chicago, ed assistete all'inspiegabile lotta di due uomini e alla rovina di una famiglia, che dalle praterie è venuta nella giungla della metropoli. Non tormentatevi il cervello per scoprire i motivi di questa lotta, ma interessatevi alle poste umane in gioco, giudicate imparzialmente lo stile a-gonistico dei due avversari e concentrate la vostra attenzione sul finale”. (Bertolt Brecht)

La giungla è una cricca di orientali di seconda generazione, sgualdrine tossicodipendenti e alcolizzate, timide ragazze mittel-europee nella morsa dei lupi. Una lotta tra due uomini apparentemente squilibrata, tra scontri, fughe e sudore, domande che esigono risposte. Thaiti o New York?
L'allestimento punta all' esaltazione totale e scarna dell' azione, alla ricerca di immagini e ambientazioni cangianti, per evitare la fissità del quadro, tentando di conferire costante dinamica alla scena, anche con l'esecuzione di musiche dal vivo. Il gruppo di orientali presente nell' opera parla spesso una propria lingua, inventata, con traduzione proiettata su schermo.
Avvincente e misterioso “Nella giungla delle città” fu scritto tra il 1921 e il 1923 quando l’America, crocevia di popoli e culture, rappresentava il futuro e la possibilità di una vita nuova, tematiche più che mai attuali, che ancora oggi riescono a inquadrare e dipingere sfumature, contraddizioni ed ambiguità della società contemporanea.

TEATRO SALA UNO - Piazza S. Giovanni in Laterano 10, Roma
25-30 aprile 2017
Orario spettacoli: martedì-sabato ore 21, domenica ore 18
Biglietti: 12 € intero, 8€ ridotto, tessera associativa 2€
Durata spettacolo: 100 minuti con intervallo

Info e prenotazioni: mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , telefono 3914658246 - 06/86606211
Sito web: www.salaunoteatro.com


MUMMY
con Maria Alberta Bajma Riva, Caterina Bonanni , Renato Civello, Massimo Leone
regia Renato Civello
drammaturgia Chiara Arrigoni

Il 29 e 30 Aprile 2017 andrà in scena, al Teatro Agorà, “Mummy”, spettacolo che ha debuttato in occasione del Festival ContaminAzioni 2016 organizzato dall’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio d’Amico” presso il Teatro dell’Orologio.

L’equilibrio tranquillizza, ma la pazzia è molto più interessante

Lucy è una casalinga imprigionata nella sua borghesia ed è schiava delle sue stesse abitudini e cliché. Non vede altro che bambini e considera tali anche gli adulti, ignorando il mondo che la circonda. Terry e Rosemary intervengono chiamati in causa da Harry, ignari di che stanno per affrontare.
Ed è l’ignoranza stessa il dramma che accompagna i personaggi: sono ignari del ridicolo che li delinea e delle loro stesse caratteristiche; sono incapaci di comunicare e spaesati, persi nel vuoto della banalità quotidiana perdendo di vista gli obiettivi e i piani prefissati. Il non-tempo e il non-luogo che circondano i personaggi creano un mondo cupo e senza speranza, un mondo comico che blocca il naturale scorrimento dell’esistenza. Nulla si evolve, il tempo non scorre: veniamo immersi in un’atmosfera fittizia che ci porta ad indagare sull’essenza umana, sulla società, a mettere in discussione perfino noi stessi.

Note di regia:
Lo spettacolo ha lo scopo di essere una grande metafora sociale della nostra quotidianità, Lucy è inglobata nei suoi pregiudizi e utilizza i bambini come alibi per non affrontare la dura realtà che la circonda.
La scena ha luogo in un non tempo in un non luogo e il pubblico si ritrova immerso in un’atmosfera comica e assurda totalmente distante dalla vita comune, finisce col mettere in discussione se stesso e si trova “bloccato” nel momento in cui scopre essere tutto fittizio. I personaggi, molto caratterizzati in principio, rappresentano ognuno una categoria sociale ben definita e strutturata come lo sono la regia e lo spettacolo stesso.
Lucy è la tipica donna borghese e altezzosa che ritiene di sapere tutto sulla vita e sugli uomini ed è allo stesso tempo frustrata e angosciata dalla prigione in cui è costretta a vivere; nel frattempo Terry e Rosemary rappresentano la vita comune, la coppia libera e moderna che è tuttavia più passiva e vuota.
Uno degli elementi cardine del progetto è la condizione della donna attuale e del passato: se Lucy viene rappresentata come una vittima del sistema maschile, lo diventa invece Rosemary nonostante faccia parte di una femminilità emancipata. L’uomo si è evoluto nel corso dei secoli, la psicologia e la sociologia hanno cambiato la condizione delle donne e degli uomini ma in fin dei conti nulla è cambiato, tutto è restato uguale e nulla si è evoluto.
È proprio questo l’obiettivo finale delle ultime scene in cui lo studio “psichiatrico” che viene rappresentato sottolinea la passività della condizione umana.

La Compagnia nasce su un’idea di Renato Civello che propone lo spettacolo “Mummy” al gruppo in occasione del Festival ContaminAzioni 2016, organizzato dall’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica ‘Silvio d’Amico’ e autogestito all’interno del Teatro dell’Orologio di Roma.
Lo scopo è quello di creare uno spettacolo divertente in una società in cui è sempre più difficile ridere e distrarsi e allo stesso tempo metaforizzare la passività dei giorni nostri.
La volontà di distrarsi e divertirsi accompagnata dall’ispirazione di commedie contemporanee, del teatro dell’assurdo, ha portato alla creazione di uno spettacolo fuori dalle righe, ricco di colpi di scena.
“Mummy” rappresenta il punto di partenza di progetti che vogliono rappresentare un teatro originale e riportare sul palcoscenico storie che non si ha più il coraggio di raccontare o vivere.
Con una forte azione ben strutturata il pubblico viene immerso in un mondo dal registro chiaro e dal linguaggio definito, per ridere e allo stesso tempo condividere la melanconia che ci accompagna.
Con lo spettacolo “Mummy” si ride, si piange, si viaggia.

TEATRO AGORÀ 80 (Sala B) - Via della Penitenza 33, Roma (Trastevere)
29 e 30 aprile 2017
Orario spettacoli: Sabato ore 21.30 - Domenica ore 21.00 
Tessera associativa: 2 euro - Biglietti: Intero 10 euro | Ridotto 8 euro

Info e prenotazioni: telefono 06 6874167, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito: www.teatroagora80.org


AUTORI IN COMPAGNIA
progetto di residenza teatrale per autori iscritti al Fondo PSMSAD
ideato da Massimo Vincenzi con la collaborazione di Carlo Emilio Lerici

“Autori in Compagnia” vuole essere un progetto innovativo di “residenza”, dove ad essere residenti sono gli autori, ospiti di una compagnia teatrale.
Il Teatro Belli, con la sua Compagnia, si offre quindi come casa ospitale per un nutrito gruppo di autori italiani, tutti associati al Fondo P.S.M.S.A.D. (Pittori, Scultori, Musicisti, Scrittori, Autori Drammatici). Questo Fondo, poco conosciuto, è gestito oggi dall'I.N.P.S. - Direzione Centrale Credito e Welfare, ma esiste in realtà da molti decenni, ed ha come missione il sostegno agli Artisti e alle Arti.
Ed infatti l'intero progetto si è reso possibile proprio grazie ad un contributo economico da parte del Fondo che si è fatto carico di una cospicua parte delle spese necessarie alla realizzazione della manifestazione.
Attraverso questa “residenza” sarà quindi possibile andare a costituire un vero e proprio repertorio di testi a disposizione di una compagnia teatrale che di anno in anno sarà integrato da nuove proposte e nuovi autori.
Dopo il grande successo della prima edizione dello scorso anno, anche per questa seconda stagione si è scelto di offrire un cartellone nettamente diverso dalle tradizionali rassegne teatrali che ospitano vari autori proposti da diverse compagnie.
Una rassegna che mette al centro dell'attenzione i drammaturghi italiani, chiamati a proporre testi di opere complete, e non corti teatrali.
Una rassegna che conferma quindi la sua indole “coraggiosa”.
6 autori per un totale di 36 recite distribuite in un periodo di 6 settimane. 7 titoli a firma di Antonio Bruni, Rosa Menduni, Roberto De Giorgi, Roberta Calandra, Carlo Emilio Lerici, Massimo Vincenzi.
Gli attori e i registi che animeranno il programma sono tutti componenti della compagnia del Teatro Belli. Su tutti Antonio Salines, fondatore della compagnia più di 40 anni fa, e Francesca Bianco, da oltre 30 anni protagonista in tutte le principali produzioni. E poi Carlo Emilio Lerici, Stefania Barca, Gianni De Feo, Diana Detoni, Anna Casalino, Monica Belardinelli e tanti altri.
Il progetto “Autori in Compagnia” è stato ideato da Massimo Vincenzi, da quasi 20 anni vero e proprio “dramaturg” del Teatro Belli, che in collaborazione con Carlo Emilio Lerici ha composto il cartellone della rassegna.

CASALINGHE SOCIAL CLUB
una commedia brillante di Rosa A. Menduni e Roberto De Giorgi
con Francesca Bianco, Diana Detoni, Anna Casalino, Monica Belardinelli
Musiche originali Francesco Verdinelli
Video Enzo Aronica
regia Carlo Emilio Lerici

Quattro amiche, età diverse, diverse esperienze alle spalle, diversi anche i modi di affrontare la vita di tutti i giorni.
Una sola cosa in comune: il termine con cui vengono definite per collocarle all'interno della società.
Arrivano a teatro le “casalinghe” in formato italiano.
Non meno disperate delle più famose colleghe d'oltreoceano ma con altrettanta voglia di divertire e divertirsi!
“Credi fermamente che nella tua vita debba esserci altro che non sia solo pulire, lavare, spazzare, cucinare, apparecchiare, stirare e portare a spasso il cane dei tuoi figli, e lo credi al punto di mollare tutto e di andare a pulire, lavare, spazzare, cucinare, apparecchiare, stirare a casa d’altri, dove almeno ti pagano?
Sospetti che tuo marito ti sia infedele e il tuo tempo lo passi a controllare chiamate ed SMS, frugare tasche, analizzare estratti conto, architettare ipotesi, studiare il detto e il non detto, guardarlo mentre dorme aspettando che si tradisca nel sonno, nelle pause gli spii il profilo Facebook e ti auguri di “beccarlo” presto, così puoi divorziare e finalmente cominciare a rilassarti anche tu?
Sei assolutamente convinta di essere più giovane di quel che dice lo specchio, di assomigliare ancora alla foto a bianco e nero sulla patente, ti pesi di nascosto, mangi carote bollite, progetti il primo “interventino” estetico e ti sorprendi a fissare con un pizzico di invidia ogni figura femminile snella e scattante, anche se si tratta di tua figlia?
Se ti riconosci in uno di questi tre profili e pensi che gli altri due appartengano a delle povere squilibrate mentre tu sei una persona assolutamente normale, beh, allora hai un problema, ma statisticamente fai parte di una maggioranza molto ampia.
Se invece tu non sei affatto così e, soprattutto, non vuoi diventare così, non illuderti: la vita riserva spesso delle sorprese e un giorno potresti scoprire di far parte anche tu del Casalinghe Social Club!”

TEATRO BELLI - Piazza di Sant'Apollonia 11, Roma
Dal 25 al 30 aprile 2017
Orario Spettacoli: dal martedì al sabato alle ore 21,00, domenica alle ore 17,30, lunedì riposo
Biglietti: Interi € 18,00, Ridotti € 13,00

Info e prenotazioni: telefono 06 5894875, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: www.teatrobelli.it


ASPETTANDO MR. FOX
scritto e diretto da Alberto Fumagalli
con la compagnia teatrale Les Moustaches

Buio in scena. Due gangster, Charlie e Fish, si lavano le mani sporche di sangue mentre strazianti grida provengono dalla stanza accanto.
Cosa è accaduto? Non vi accenniamo nulla…ma immaginate un ristorante giapponese e l’attesa di Mr. Fox. Chi è Ms. Fox cosa stanno aspettando? La tensione e i dissapori aumentano col passare del tempo:
Fish odia e nutre dei sospetti verso i giapponesi, Boris abusa di droghe e comincia ad avere allucinazioni, Charlie tenta di mantenere la calma nel gruppo ma Mr. Fox è in ritardo, non arriva, nonostante il lavoro assegnatogli fosse semplice. Cosa succederà nel ristorante? Un giallo dalle tinte cangianti

TEATRO L'AURA - Vicolo di Pietra Papa 64 (angolo con Via Pietro Blaserna 37), Roma
Dal 26 al 30 aprile 2017
Orario spettacoli: dal mercoledì al sabato ore 21, domenica ore 18

Info e prenotazioni: telefono 06-83777148 - 3464703609, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: www.teatrolaura.org


MATURINA FANTESCA, EREDE DI LEONARDO DA VINCI
di e con Patrizia La Fonte

La pièce, che ruota intorno al personaggio della fedele servitrice di uno dei più grandi geni di tutti i tempi, ha ottenuto negli anni uno straordinario successo di pubblico e di critica. Siamo ad Amboise nel novembre del 1519. Leonardo è morto da diversi mesi. In un disimpegno accanto alla cucina nel maniero di Clos Lucé, ci sono gli scritti e alcuni dei suoi ritratti su tavola che attendono d’essere consegnati ai due eredi: Francesco Melzi e Giacomo Caprotti. La voce di Maturina, che è stata accanto a Leonardo nell’ultimo periodo di vita, racconta dettagli e retroscena del suo lavoro e dei rapporti intercorsi proprio con gli allievi. La donna dialoga direttamente col pubblico, coinvolgendo gli spettatori in un gioco interattivo intenso ed esilarante. Vuole vendere all’asta la ‘Gioconda nuda’ di Caprotti, prende in giro l’abbigliamento di qualcuno seduto in sala, cerca di farsi assumere da una dama. Dopo la morte del suo amatissimo padrone, ha bisogno urgentemente di un nuovo impiego. In fondo, è proprio Maturina, con la sua ironia, la sua lingua tagliente, la sua intelligenza geniale, ad essere la vera erede di Leonardo. Tuttavia, a lei viene riconosciuto poco o nulla, perché è una donna di umili origini, che si muove in una società dominata dagli uomini. La lingua utilizzata è antica eppure attuale, pienamente comprensibile da parte degli spettatori nella misura in cui descrive, con impareggiabile sarcasmo, le regole di un mondo allo stesso tempo lontano e vicino alla nostra esperienza. Lo spettacolo nasce da un approfondito lavoro di ricerca delle fonti letterarie e storiche. A Patrizia La Fonte viene unanimemente riconosciuta la capacità di interpretare e attualizzare una vicenda altrimenti poca nota. La Storia (anche quella dell’arte e della scienza) ha sistematicamente escluso dal proprio campo di indagine il punto di vista delle donne. Grazie a Maturina scopriamo, invece, un altro Umanesimo. La protagonista ci affascina con le sue invettive e i suoi aneddoti, ci fa sorridere e soprattutto ci fa riflettere sull’umanità del genio creativo, che è anche la sua, che è anche la nostra.

TEATRO KOPÓ - Via Vestricio Spurinna 47/49, 00175 Roma
Dal 28 al 30 aprile 2017
Orario spettacoli: ore 21, domenica 30 aprile doppia replica alle 17 e alle 21

Info e prenotazioni: telefono 06 45650052
Sito web: www.teatrokopo.it


UNA VOCE (IN)UMANA
uno spettacolo di Marco Carniti
da Jean Cocteau
con Carmen Giardina
scenografia Marco Carniti in collaborazione con Paolo Carbone
musiche Pivio

L’amore è pura follia, e merita una stanza al buio e una frusta come per i pazzi.
(Shakespeare)

Nulla è più drammaticamente attuale delle tragedie per amore. L’amore è pazzia e l’abbandono è il vuoto. Così Cocteau rappresenta l’Amore in un testo nel quale, ancora oggi, tutti ci possiamo rispecchiare. Così come per Shakespeare, l’innamorato è un folle chiuso nella sua prigione, vittima della sua stessa follia masochistica.
Ho trasportato l’amante dolorosa di Cocteau in una dimensione contemporanea incastrando il personaggio nell’ingranaggio emotivo infernale di una routine quotidiana. Una “donna sull’orlo di una crisi di nervi” che, straziata per l’abbandono dell’amante, vive in un suo spazio fermo nel tempo, invasa dai mezzi di comunicazione.
Uno spazio dominato da un totem sacrificale. Una lapide meccanica a cui la protagonista si aggrappa ostinatamente nella speranza di cancellare tracce, azioni, odori, ricordi, della persona amata. La sua condizione, ad uno sguardo distaccato, non può che svelare l’involontaria comicità dei nostri comportamenti, l’assurdità dei nostri processi interiori, condannando l’ipocrisia dei nostri rapporti sentimentali.
Dal tragicomico al dramma. Dalla farsa alla tragedia. Questo esperimento teatrale ci dà l’opportunità per un dialogo contemporaneo con Cocteau sul buio esistenziale ed il vuoto interiore causati dall’amore.
(Marco Carniti)

TEATRO DUE - Via Due Macelli 37, Roma
dal 26 al 28 aprile 2017

Info e prenotazioni: telefono 06/6788.259, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: www.teatrodueroma.it

 

Per la Rassegna di Teatro Contemporaneo Permanente IKNE' - Tracce
TeatRing presenta 
TU, MIO
adattamento e regia Marianna Esposito
con Ettore Distasio e Marianna Esposito

liberamente tratto dall'omonimo romanzo di Erri De Luca, con il quale la compagnia ha vinto il Premio Aenaria come "Miglior Spettacolo" nella stagione 2015 del Teatro di Ischia ed ha partecipato tra i finalisti lo scorso luglio alla rassegna estiva AD ARTE a Calcata. Lo stesso spettacolo è tra i finalisti della prossima edizione "Le voci dell'anima" di Rimini
Il 1955, il dopoguerra, un'estate, il primo amore, un ragazzo che ragazzo non sarà mai più.
Il mare, che costringe all'equilibrio, centrifuga tutto e spinge i personaggi a trovare il proprio "centro": la propria posizione nella storia di quest'estate di chitarre, dove l'Italia si lecca le ferite, nessuno vuole parlare di quello che è stato; i tedeschi sono solo quelli che vengono ad arrostirsi al sole e un ragazzo, con l'età della dimenticanza, vuole ricordare un passato non suo.
Enrico conosce Caia, “l’ebbrea”, e si fa carico di una decisione. Attraverso l'amore, si fa carico della storia. La propria posizione nella Storia che verrà.
Due interpreti in scena. Un uomo e una donna. Davanti a loro il terzo personaggio: il mare.

TEATRO TORDINONA (Sala Starsberg) - Via degli Acquasparta, 16
27 e 28 Aprile ore 21

Info e prenotazioni: telefono 067004932, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  
Sito web: www.tordinonateatro.it

 

Per la Rassegna di Teatro Contemporaneo Permanente IKNE' - Tracce
CA/1000
Un corto che ripercorre la vita dell artista Camile Claudel
di Enrico Manzo
con Noemi Francesca
regia Luisa Corcione
costumi Martina Sterlino
opere in scena Luisa Corcione
Un lavoro promosso da Estudio Associazioneculturale
Si ringraziano Peppe Voltarelli, Giacinto Palmarini, Lino Musella, Gwendoline Meunier per le musiche, le voci di Rodin, Paul, Jessy

Note di regia

Ca/1000 vuole rappresentare la storia di un’ anima attraverso i momenti salienti della vita di Camille Claudel, artista di fine 800, dall'arrivo in manicomio a Monfavet fino alla sua "uscita" vittoriosamente perdente. Nelle sue opere, Camille Claudel è riuscita a scolpire l’animo umano, cogliendone la bellezza ma anche la crudezza e tutti quegli aspetti di cui solitamente non si vuole parlare.
Gli elementi che accompagnano il personaggio di Camille in Ca/1000 sono rappresentati dal sonoro delle voci, che vengono percepite ora come una presenza assordante, ora come un tenero ricordo; da dipinti che rappresentano le compagne di viaggio di Camille (le “internate” del manicomio) che l'hanno accompagnata per trent’anni della sua esistenza.
Si mette in scena il coraggio di Camille, la forza che l'hanno resa profonda ed autentica, ma, anche logorata e 'pazza'.
Dopo l’abbandono di Rodin, Camille ha lottato moltissimo per affermare il suo talento in un periodo in cui la scultura era ancora appannaggio maschile, ma ha ceduto alla fine per le contingenze economiche insuperabili per una donna sola di quell’epoca. Per tal motivo, in Ca/1000 le vicende dell’esistenza personale e gli esiti dell’opera sono inestricabilmente mescolati e fusi nel comune fallimento.
La scena è il suo diario, il grido disperato di un’anima che passa dalla felicità di un tormentato rapporto d’amore e quello che la legò per alcuni anni a Rodin, fino al rancore e alla rêverie di ciò che non è stato e mai potrà essere.
Si vuole rappresentare l’esaltazione amorosa, l’illusione della felicità e delle promesse di fedeltà, dell’abbandono, del risentimento, della solitudine estrema, dell’amara consapevolezza di una ferita che mai potrà rimarginarsi.
A lei fu data la dolorosa capacità di “dare forma alle proprie visioni interiori, di strappare all’ignoto che ci abita – “il salvame” del “nostro intimo” di cui parla Rilke nelle Elegie duinesi – brandelli di verità, di vedere più nitidamente ciò che altri potevano solo superficialmente intuire. Perché sono, le sue opere, sofferenza pagata”.

TEATRO TORDINONA (Sala Starsberg) - Via degli Acquasparta, 16
29 Aprile ore 21, 30 Aprile ore 18

Info e prenotazioni: telefono 067004932, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: www.tordinonateatro.it

 

Compagnia Fuori Tempo Massimo presenta
LA PESSIMA ABITUDINE
scritto da Mauro Ballanti e Massimo Izzo 
regia Massimo Izzo 
con Mauro Ballanti, Davide Giacinti, Massimo Izzo, Dalila Manzo, Debora Manzo, Francesca Romana Reggiani, Sabrina Sgarra, Stefano Sgrulletti

La commedia Cult della compagnia FTM sbarca alla Sala Massimo TROISI.
Con un cast nuovo riviviamo la storia di Massimo e Giulia, una coppia ormai vicina al matrimonio.
Ma la Pessima Abitudine, malattia di famiglia che altro non è che quel vizio presente in tutti gli uomini di guardare qualsiasi donna (anche in presenza della propria compagna), crea non poche difficoltà.
E se poi una ex un po' invadente torna a fare visita i guai diventano seri.
Sei amici e un padre poeta daranno vita a una commedia degli equivoci dal ritmo irrefrenabile.
Risate assicurate dal 27 al 30 aprile 2017!!

SALA MASSIMO TROISI - Via Cardinal Ginnasi 12, 00122 Ostia Lido (Roma)
27-28-29 aprile ore 21 e 30 aprile ore 18
Biglietti: intero €13+1 di prevendita, ridotto € 10+1 di prevendita

Info e prenotazioni: telefono 345-1866605
Sito web: http://www.teatropegaso.net

 

Compagnia CASTALIA presenta
IL SOLDATO SPACCONE (Miles Gloriosus)
di T. M. Plauto
Adattamento e Regia Vincenzo Zingaro
con Vincenzo Zingaro 
Fabrizio Passerini, Annalena Lombardi, Ugo Cardinali, Rocco Militano,
Laura De Angelis, Piero Sarpa, Miriana Minichino
Musiche Nando Citarella - Maschere Carboni Studio - Costumi Paola Pani Scene Luisa Taravella - Disegno Luci Giovanna Venzi

Dal 27 Aprile al 7 Maggio, al Teatro ARCOBALENO (Centro Stabile del Classico) di Roma, per il 25° anniversario dalla nascita della Compagnia CASTALIA, Vincenzo Zingaro riporta in scena la sua storica edizione de IL SOLDATO SPACCONE di Plauto, rappresentato in importanti Festival con straordinario successo di pubblico e di critica (TAORMINA ARTE, OSTIA ANTICA, TEATRI DI PIETRA). Si tratta di un’edizione che ha lasciato un segno del tutto nuovo ed originale nell’interpretazione del Miles Gloriosus.

IL SOLDATO SPACCONE (Miles Gloriosus) è uno dei maggiori capolavori della commedia classica. Il protagonista, si impone come uno dei personaggi più felici della storia del teatro, per le innumerevoli rivisitazioni di cui è stato oggetto nei secoli, tanto da costituire un archetipo nell’immaginario teatrale e letterario. L'adattamento di Vincenzo Zingaro, affronta il testo plautino evidenziando il rapporto che ebbe con la Commedia dell'Arte. Tenendo presente che proprio dal personaggio del “soldato spaccone”, nato dalla fantasia del Sarsinate, presero vita quegli intramontabili Capitani che conosciamo con i nomi di Capitan Spaventa, Fracassa, Matamoros, ecc., lo spettacolo narra le gesta del protagonista evocando i molteplici percorsi della sua evoluzione nei secoli: da Pirgopolinice a Scaramouche, a Don Chisciotte, a Cyrano de Bergerac, fino a Brancaleone. Un viaggio, seguendo il filo conduttore che lega la Commedia antica alla Commedia dell’Arte e, fino ai nostri giorni, alla cosiddetta Commedia all’italiana. Un’occasione per immergersi nella nostra tradizione teatrale più autentica, evidenziando l’importanza che l’eredità del teatro latino ebbe nello sviluppo del teatro moderno. Una rappresentazione estremamente divertente e suggestiva, dal sapore mediterraneo, colorata dalle vivaci atmosfere della musica popolare partenopea di Nando Citarella, in cui il pubblico è travolto dal ritmo vorticoso di una comicità scoppiettante, fino al commovente colpo di scena finale, che lascia un segno del tutto nuovo ed originale nell’interpretazione del Miles Gloriosus.

Note di regia

Nel mio adattamento affronto il capolavoro plautino soffermandomi sul rapporto che ebbe con la Commedia dell’Arte, tenendo presente che proprio dal soldato spaccone presero vita quegli intramontabili Capitani che conosciamo coi nomi di Capitan Fracassa, Spavento, Matamoros, Spezzamonti, ecc. Recuperando, così, gli antichi scenari dei comici dell’Arte, in particol modo “Le Bravure di Capitan Spavento” di Francesco Andreini, capocomico della celebre compagnia dei Gelosi, sono giunto ad una rielaborazione del Miles Gloriosus arricchita di nuove sfumature, che lasciano l’immaginazione libera di evocare le gesta del protagonista attraverso i molteplici percorsi della sua evoluzione nei secoli: da Pirgopolinice a Scaramouche, a Don Chisciotte, a Cyrano de Bergerac, fino a Brancaleone. Un viaggio, insomma, seguendo quel filo conduttore che lega la Commedia classica alla Commedia dell’Arte e, fino ai nostri giorni, alla cosiddetta Commedia all’italiana. Ad animare questa scelta non c’è stata da parte mia l’intenzione di ricercare una vera e propria ricostruzione di un genere (la Commedia dell’Arte, appunto), quanto quella di rintracciare i principi che stanno alla base di una tradizione attoriale, che si fonda sul cosiddetto “codice energico”, cioè quello stile recitativo che fa un uso “sapiente” della deformazione corporea e vocale, riscontrabili anche in alcuni nostri grandi attori del Novecento (pensiamo, ad esempio, a Petrolini, a Totò, a Dario Fo, o per diversi aspetti a Vittorio Gassman). Intendo per deformazione corporea l’utilizzo del corpo in direzione assolutamente non naturalistica, ma “extraquotidiana”, basata su condizioni di particolare alterazione dell’equilibrio, che giocando sullo sviluppo di forze contrastanti rompono in maniera fortemente dinamica lo spazio scenico, risultando, perciò, accattivanti (ad esempio la figura del capitano presenta il busto retratto mentre le gambe divaricate sembrerebbero sospingerlo in avanti). Allo stesso modo, intendo per deformazione vocale un’alterazione della parola, a livello sia fonico che linguistico. In questa direzione faccio uso ancora una volta dei dialetti (nostro autentico patrimonio) non a fini realistici, ma come fraseggio ritmico-musicale, in modo da rendere l’attore strumento e allo stesso tempo compositore di una vera e propria partitura, rispondente ad una “partitura scenica” globale. Il testo plautino diventa così l’occasione per salire su un carrozzone e mettermi in viaggio verso territori sospesi fra storia e immaginazione, per incontrare personaggi, colori e suoni su cui si è formata la nostra tradizione teatrale più autentica. Il ‘500 italiano ha rappresentato per la storia del Teatro europeo una pagina preziosa e rivoluzionaria, piena di avvincenti e travagliate battaglie: la nascita del professionismo, le Compagnie girovaghe, la rivendicazione di un ruolo centrale dell’attore nell’evento teatrale, ma soprattutto (e questa si rivelò la più ardua delle battaglie), la rivendicazione di una collocazione sociale e di una dignità, a lungo negate. Inserendo la vicenda plautina nel repertorio di una Compagnia di comici dell’Arte, ho cercato romanticamente, pur nell’assoluta fedeltà all’originale latino, di recuperare la ricchezza e la miseria di un mito vagheggiato in tutto il mondo. Niente più del Miles Gloriosus poteva offrirmi un’occasione così invitante. Egli, con il volteggiare della sua spada, sembra rappresentare il gesto stesso del fare teatro, spavaldo e sofferto, come di chi titanicamente oppone alla morte il fragile, eterno gioco del teatro.
Vincenzo Zingaro

TEATRO ARCOBALENO (Centro Stabile del Classico) - Via F. Redi 1/a, 00161 Roma
Dal 27 Aprile al 7 Maggio 2017
Orario spettacoli: giovedì, venerdì e sabato alle ore 21, domenica alle ore 17.30

Info e prenotazioni: telefono/fax 06.44248154, cellulare 320.2773855, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: www.teatroarcobaleno.it

 

Data Unica

ALTRASCENA presenta
CIRCUS GRAN GALA
Festa per il ventennale di Soccorso Clown Onlus
Presentano Andrea Delogu e Roberto Ciufoli
Con Vladimir Olshansky, Sergio Bustrick, Disguido, Chiara Casarico, Tiziana Scrocca, Paolo Scannavino, Lorenzo D'amelio e tanti altri artisti

Nel 1997 nasceva la Onlus Soccorso Clown (SC). Venti anni di magia e sorrisi donati a bambini e anziani ricoverati negli ospedali. Per festeggiare i primi venti anni di attività, venerdì 28 Aprile 2017 al Teatro Sistina di Roma si svolgerà un grandissimo evento che vede coinvolti molti artisti di fama nazionale ed internazionale nella serata evento “Circus Gran Gala”. A fare da padroni di casa saranno Andrea Delogu e Roberto Ciufoli. Con loro sul palco un ensamble di artisti che offriranno i loro numeri e tutto il ricavato dell'evento andrà in beneficenza per l'attività di Soccorso Clown negli ospedali pediatrici di Roma.
Soccorso Clown Onlus è l’organismo ideatore e pioniere di una nuova figura professionale: i Clown Ospedalieri o, come si definiscono loro stessi, i Soccorso Clown, professionisti dell’arte, del teatro e del circo a sostegno e supporto dei piccoli malati.

I protagonisti della serata, oltre a numerosi artisti della clownerie, giocoleria e discipline circensi, saranno Vladimir Olshansky, fondatore e direttore artistico di Soccorso Clown e artista del Cirque du Soleil; Sergio Bustric, clown e fantasista sostenitore storico di SC; Disguido, duo di magia comica che recentemente ha partecipato al FISM 2016, campionato mondiale di magia; Paolo Scannavino, l’Uomo Palloncino, detentore del Guinness World Record per questo numero e membro di SC; Chiara Casarico, Tiziana Scrocca e Lorenzo D'Amelio, Light Man, uno dei due unici esecutori di questo numero in Italia.
Lo show parte già dal foyer dove i clowndottori accoglieranno il pubblico dalle 20.30, durante la serata sarà presente tutto il cast di Soccorso Clown Roma e Firenze. E a testimoniare il lavoro svolto in ospedale dagli artisti di SC ci saranno alcuni medici, direttori sanitari delle unità pediatriche, dove la Onlus interviene.

Un giorno senza sorriso è un giorno perso, è con questo pensiero di Chaplin che la Onlus lavora ininterrottamente da venti anni per portare magia e sorrisi ai piccoli ricoverati. Attori versatili e pluri-specializzati, provenienti, per formazione, dai più diversi ambiti dello spettacolo, studiano appositamente l’acquisizione delle tecniche che poi usano per sdrammatizzare i piccoli e i grandi drammi della vita dei piccoli pazienti, affiancando lo staff ospedaliero con notevole efficacia, passione e professionalità.

TEATRO SISTINA - Via Sistina 129, Roma
Venerdì 28 Aprile 2017 - Ore 21.00
Biglietti: POLTRONISSIMA Intero 30€/ Ridotto 25€, POLTRONA & I GALLERIA Intero 25€/ Ridotto 20€, II GALLERIA Intero 20€/Ridotto 15€, III GALLERIA Intero 15€

Info e prenotazioni: telefono 06 4200711 - 392 8567896, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: www.ilsistina.it


TOSCA in CONCERTO

Cantante e attrice eclettica, da sempre affascinata dalle musiche popolari del mondo, Tosca ha fatto sue quelle radici sonore che ogni cultura da lei approcciata ha saputo donarle. Rimettendo insieme tutti questi frammenti è nato uno spettacolo di suoni e parole che conduce l’artista e lo spettatore attraverso un percorso poetico ed emozionante, anche grazie al sapiente utilizzo di lingue molto lontane fra loro.
Un "racconto in musica" che passa da un fado portoghese a una ninna nanna russa, da un canto sciamano, a un canto tradizionale dei matrimoni Yiddish, da una ballata zingara fino ad approdare alle nostre sponde popolari napoletane, romane e siciliane, inframmezzando il tutto con le parole di grandi poeti del mondo. Insieme a Tosca sul palco due grandi maestri polistrumentisti: Giovanna Famulari al pianoforte e violoncello e Massimo De Lorenzi alle Chitarre.

"Si dice che in un momento di sbandamento etico e sociale, l’unica ancora di salvezza siano proprio le nostre radici. Così quando mi sento persa, e non vedo via d’uscita, sprofondo negli abissi delle 'tradizioni' e mi sento al sicuro, e appartenente a qualcosa di più grande e improvvisamente... sorrido!" (Tosca)

TEATRO BIBLIOTECA QUARTICCIOLO - Via Ostuni 8, Roma
27 aprile 2017 ore 21.00
Biglietto unico 15 euro

Info e prenotazioni: telefono 06 98951725, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: www.teatrobibliotecaquarticciolo.it - www.teatriincomune.roma.it 


Compagnia Due e mezzo presenta
IL TRIANGOLO NO.......
Non è mai stato così quadrato!
Regia Riccardo Giacomini
Con Alessia Francescangeli, Riccardo Giacomini e Matteo Montaperto
Con l’amichevole partecipazione in voce di Pino Insegno

Sembrerebbe la storia del classico triangolo amoroso ma non lo è. Maria ha sposato Ramon, ma non ha mai dimenticato il suo grande amore Pedro.
Quando, all'improvviso, quest'ultimo piomba a casa di Maria per portarla via con sè, Ramon rienta in casa e li scopre. 
Ne nasce una discussione furibonda all’interno della quale, però, iniziano piano piano ad accadere dei fatti alquanto strani.
I tre personaggi, contro la loro volontà, iniziano a perdere il controllo di ciò che dicono dando luogo a frasi senza senso e ad un susseguirsi di gag e fraintendimenti spassosissimi. 
La lite amorosa viene accantonata e i tre, unite le forze, cercano di capire quale sia la motivazione di questo clamoroso scompiglio. I loro gesti e le loro parole sembrano essere manovrati da qualcuno. 
Chi si sta divertendo a sconvolgere la vita dei tre amanti? Come riesce a possederli e a far compiere loro delle azioni così ridicole?
Scopritelo insieme a noi!

TEATRO NINO MANFREDI - Via dei Pallottini 10, Ostia Lido (Roma)
28 aprile 2017 ore 21
Biglietti: Intero 10 €

Info e prenotazioni: telefono 06 56 32 48 49, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: www.teatroninomanfredi.it

 

Ancora in scena

UNO NESSUNO CENTOMILA
Con Enrico Lo Verso
Dal romanzo di Luigi Pirandello
Adattamento e regia Alessandra Pizzi

30 repliche Sold Out in Italia - Oltre 25.000 spettatori
In occasione del 150esimo anniversario
della nascita di Luigi Pirandello

L’omaggio a Luigi Pirandello, attraverso l’adattamento teatrale del più celebre dei suoi romanzi: la storia di un uomo che sceglie di mettere in discussione la propria vita, a partire da un dettaglio, minimo insignificante. Il pretesto è un appunto, un’osservazione banale che viene dall’esterno. I dubbi di un’esistenza si dipanano intorno ad un particolare fisico. Le cento maschere della quotidianità, lasciano il posto alla ricerca del SÉ autentico, vero, profondo. L’ironia della scrittura rende la situazione paradossale, grottesca, accentua gli equivoci. La vita si apre come in un gioco di scatole cinesi, e nel fondo è l’essenza: abbandonare i centomila, per cercare l’uno, a volte può significare fare i conti con il nessuno. Ma forse è un prezzo che conviene pagare, pur di assaporare la vita.

Il Progetto

Avrei voluto che Pirandello fosse vivo, per mostrargli la grandezza della sua parola, la contemporaneità di un messaggio, più attale oggi a 100 anni dalla sua formulazione, il bisogno impellente, necessario, autentico del pubblico di approvvigionarsi della conoscenza di sé, di leggere per provare a decodificare quei segni della quotidianità come codici di accesso ai meandri delle proprie emozioni. Mi chiedo ogni sera, osservando il pubblico che, immobile, assiste allo spettacolo, se Pirandello fosse veramente consapevole delle conseguenze che la portata della forza tumultuosa, di quella giustapposizione di pensieri, di quella serie, interminabile, di quesiti, della ricerca smaniosa di risposte, avrebbero potuto produrre sul pubblico. O se, come spesso accade, il risultato abbia superato le intenzioni. Di certo nel suo pensiero e nella sua opera c’è la consegna al mondo del fardello della conoscenza, che è peso per la presa in carica di sé stessi, ma anche leggerezza per la scoperta meravigliosa di quella bellezza che ad ognuno la vita riserva.
Uno, nessuno e centomila è il romanzo chiave: non in quanto apoteosi o summa del pensiero, ma quanto incipit per un’analisi introspettiva e macroscopica sulle dinamiche esistenziali, ma anche socio culturali della società. Uno, nessuno e centomila “apre”, la mente a riflessioni e a dubbi, il cuore alla ricerca della propria essenza, ma soprattutto apre alla vita, affinché scelga la forma migliore con cui rappresentare l’individuo.
Ho raccolto l’eredità di questo pensiero, più per dovere che per amore per l’arte. Il dovere di chi fa questo lavoro e che è chiamato ad interpretare strumenti di conoscenza, inventando specifici e linguaggi in modo da renderli accessibili a tutti.
Ecco che UNO NESSUNO CENTOMILA, nel riadattamento del testo reso in forma di monologo, che ho voluto dargli diventa il presupposto per un teatro che “informa”, che supera la funzione dell’intrattenimento e diventa pretesto, occasione, spunto per la conoscenza. E in questo sta il dovere di un drammaturgo, nel trovare un codice per offrire al pubblico l’occasione per superare sé stesso. Poco importa se il pretesto sia una sera a teatro, del resto, Pirandello stesso ci insegna che il pretesto è pur sempre una banalità.
Ecco che la messa in scena di UNO NESSUNO CENTOMILA, affidata alla magistrale bravura di Enrico Lo Verso, è come una seduta psicoterapeutica: tutti ne sono attratti, ma in pochi sono consapevoli degli scenari che possono profilarsi.
Ecco che 70 minuti sono il tempo necessario ad affondare le mani nella propria mente, ricercare come in un dejà vu, gli elementi già noti, riconoscerli e iniziare a guardarli con una luce nuova.
Ecco che lo spettacolo rompe gli schemi, toccando uno dopo l’altro i conflitti di un’esistenza: il rapporto con i genitori, i dubbi sulla provenienza, il rapporto dei generi, la ricerca dell’identità ed, in fine, l’affermazione di sé.
Ecco che il pubblico si nutre di testo, in silenzio elabora, applaude e, ogni sera, ci chiede di farlo ancora.
(Alessandra Pizzi)

Lo Spettacolo

Uno spettacolo su l’ultimo romanzo di Luigi Pirandello, in occasione del 150esimo anniversario della nascita dell’autore di Girgenti, quello che riesce a sintetizzare il pensiero dell’autore nel modo più completo. Pirandello stesso, in una lettera autobiografica, lo definisce come il romanzo “più amaro di tutti, profondamente umoristico, di scomposizione della vita. “Uno, nessuno e centomila” è un’opera di lunga elaborazione, di assidua stesura, che accompagna, o per meglio dire informa di sé, il resto della produzione pirandelliana.
Da qui l’idea di una nuova e originale messa in scena, che possa ricercare nuovi specifici per lo spettacolo ma, soprattutto, sappia ridisegnare il rapporto, all’interno dello spazio scenico tra la parola e gesto.
Un unico testo narrativo, per interpretazione sempre diverse affidate al racconto di Enrico Lo Verso, che mette in scena un contemporaneo Vitangelo Moscarda, l’uomo “senza tempo”. Un’interpretazione naturalistica, immediata, “schietta”, volta a sottolineare la contemporaneità di un messaggio universale, univoco, perenne: la ricerca della propria essenza, dentro la giungla quotidiana di omologazioni. La voglia di arrivare infondo ed assaporare la vita, quella autentica, oltre le imposizioni sociali dei ruoli. La paura di essere soli, fuori dal grido sociale della massa. Ed infine, il piacere unico, impagabile della scoperta del proprio “uno”: autentico, vero, necessario. Il Vitangelo Moscarda interpretato da Lo Verso diventa uomo di oggi, di ieri, di domani. Ed il testo diventa critica di una società che oggi, come cento anni fa (quando il testo fu concepito), tende alla partecipazione di massa a svantaggio della specificità dell’individuo. Ma la sua è una critica volta ad un finale positivo, la scoperta per ognuno di essere stessi, dentro la propria bellezza. L’interpretazione, non manca di ironia e sagacia, ricca com’è di inflessioni e note di colore tipiche siciliane, tanto care all’autore del testo, al personaggio e all’attore che lo interpreta. Una messa in scena mutevole in ogni contesto, nel rapporto empatico con il luogo e con chi ascolta e che dà forma ad un personaggio, che è uno, centomila o nessuno, tutti per la prima volta affidati al racconto di una voce.

SALA UMBERTO - Via della Mercede 50, Roma
Dal 20 al 30 aprile 2017
Orario spettacoli: tutte le sere ore 21, sabato 22 aprile 2017 ore 17, domenica ore 17, sabato 29 aprile 2017 ore 17 e ore 21
Biglietti: da 32€ a 23€

Info e prenotazioni: telefono 06 6794753, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: www.salaumberto.com


NON AVER PAURA …È Solo Uno Spettacolo
Scritto da Eduardo Aldan
Progetto artistico di Gianluca Ramazzotti
Diretto da Ricard Reguant
Versione italiana di Franco Ferrini
Con: Claudia Genolini, Luca Basile, Yaser Mohamed
E con la partecipazione di Gianni Garko

Un nuovo entusiasmante e rinfrescante spettacolo sulle nostre paure infantili, un viaggio nel terrore, scritto e diretto dal geniale Eduardo Aldan, il cui obiettivo è che lo spettatore provi una sensazione di inquietudine e paura in un luogo dove abitualmente si sente al sicuro; in una comoda poltrona di teatro. Un esperimento squisitamente teatrale attualmente di grande successo in Spagna, Messico e Portogallo con pubblico e critica entusiastiche. Una trama e un’ambientazione sorprendenti, terrore psicologico ed effetti speciali, sono gli ingredienti di questa nuova e appassionante avventura, che divertirà e appassionerà anche il pubblico italiano. Ma se qualcuno pensa che sia solo uno spettacolo e per questo motivo sia difficile spaventarsi, si sbaglia. Mai puoi sentirti al sicuro in un teatro, perché in realtà non conosci chi ti sta seduto dietro.

“Non aver paura” scritto da Eduardo Aldàn, e diretto da Ricard Reguant e' un successo spagnolo della scorsa stagione a Madrid oltre che campione d'incassi in America Latina. La versione Italiana tradotta e adattata da Franco Ferrini (sceneggiatore tra gli altri, di c'era una volta in America e numerosi film di Dario Argento) su progetto di Gianluca Ramazzotti cerca di riportare in Italia un genere che si è' solito vedere in cinema e quasi mai in teatro: “l’horror”. Lo spettacolo, che vanta la presenza come Maestro di Cerimonia l’ attore Gianni Garko, noto volto del cinema italiano degli anni ’60 e ’70 di film di culto come, tra gli altri: ”Sartana”, “ 10.000 dollari per un massacro”, “La notte dei diavoli”, “Sette note in nero”, “Uomo a metà”, attraverso un sapiente uso del linguaggio scenico, spiazza, sorprende e destabilizza il pubblico suggerendo terrore psicologico, fino a immergerlo in un grande e spaventoso momento teatrale.
Però se qualcuno dovesse pensare che si tratti “solo di uno spettacolo teatrale” (come dichiara il sottotitolo dello stesso) e che non ci sia niente da temere, si sbaglia di grosso. “Non potrai mai sentirti sicuro in un teatro, perché non sai ma chi siede dietro di te”. Lo spettacolo sarà in scena dal 20 Aprile al Teatro Ghione una scelta dovuta anche all’affascinante storia che non tutti conoscono, distrutto dal Grande Incendio del 1915 in via delle Fornaci dove persero la vita 23 persone, ricostruito successivamente, è da anni luogo di eventi paranormali e sorprendenti.

TEATRO GHIONE - Via delle Fornaci 37, 00165 Roma
20 aprile| 14 maggio 2017
Il botteghino è aperto tutti i giorni dalle 10.30 alle 13.30 e dalle 15.30 alle 19.30
Orario spettacoli: dal martedì al sabato ore 21.00. Domenica ore 17.00
Biglietti: Intero Platea 27 - Intero Galleria 20 - Riduzione 16 Euro

Info e prenotazioni: mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , telefono 06 6372294 - 06 39670340
Sito web: www.teatroghione.it


SPACCANAPOLI TIMES
Scritto e diretto da Ruggero Cappuccio
con
Ruggero Cappuccio - Giuseppe Acquaviva
Giovanni Esposito - Romualdo Acquaviva
e con
Giulio Cancelli Norberto Boito
Gea Martire Gabriella Acquaviva
Marina Sorrenti Gennara Acquaviva
Ciro Damiano Dottor Lorenzi

Scene Nicola Rubertelli
Costumi Carlo Poggioli
Aiuto regia e disegno luci Nadia Baldi
Letture sonore di Marco Betta da “La forza del destino” di Giuseppe Verdi
Foto di scena Marco Ghidelli
Produzione TEATRO STABILE DI NAPOLI

Quattro fratelli in lotta con il modernismo globalizzante, che innesca nel mondo dinamiche sociali dalle quali i componenti della famiglia si sentono esclusi, sullo scenario di una Napoli contemporanea vista come detonatore della crisi etica. Questo è lo scenario in cui sono coinvolti i protagonisti di Spaccanapoli Times, testo scritto e diretto da Ruggero Cappuccio, vincitore del Premio le Maschere 2016 come Migliore autore di novità italiana.
Lo spettacolo che nel 2015 ha inaugurato la riapertura dello storico Teatro San Ferdinando di Napoli, è che ha anche visto il debutto come attore di Ruggero Cappuccio, arriva finalmente a Roma al Teatro Eliseo dal 18 aprile al 7 maggio.

Cappuccio veste i panni di Giuseppe Acquaviva, il personaggio al centro della storia – uno scrittore che pubblica le sue opere in assoluto anonimato e vive tra i binari della stazione centrale di Napoli – accompagnato in scena da Giovanni Esposito (Romualdo Acquaviva), Gea Martire (Gabriella Acquaviva), Marina Sorrenti (Gennara Acquaviva), Giulio Cancelli (Norberto Boito) e Ciro Damiano (Dott. Lorenzi).

Spaccanapoli Times è una dirompente macchina comica che attraversa il paesaggio umano dell’Italia di oggi con spregiudicata velocità.
La scrittura di Ruggero Cappuccio si materializza in un italiano che slitta sul terreno delle lingue del Sud, irrorandosi di anglicismi erosivi per una partitura sonora in cui fiammeggiano allegri dirompenti e adagi malinconici. Su tutto regna il ridere e sorridere, dove la comicità volontaria, sferzante e innocente, diventa una lente d’ingrandimento per leggere la realtà del male di vivere con impeto tagliente e irriguardoso.
La scena si apre nella vecchia casa della famiglia Acquaviva: un appartamento all’ultimo piano di un palazzo situato nella via Spaccanapoli. Gli ambienti sono abbandonati da tempo. Gli unici oggetti che si impongono alla vista sono le migliaia di bottiglie d’acqua, ormai vuote, che ricoprono i muri dei saloni a tutt’altezza.
Giuseppe ha convocato i suoi tre fratelli per una ragione d’emergenza. Gabriella, Gennara e Romualdo, lo raggiungono nella dimora in cui hanno vissuto infanzia e adolescenza, ma il motivo della convocazione appare ambiguo e misterioso.
La presenza del quartetto Acquaviva nel luogo degli antenati, innesca un esilarante corto circuito tra passato e presente, tra i teneri rituali dell’infanzia e l’avanzata cancerogena del capitalismo.
I quattro fratelli sono disorientati dall’attualità, vivono in dimensioni mentali e fisiche estreme, concretizzando sulla vita punti di vista e interpretazioni follemente comici.
La singolare pazzia sentimentale che ispira gli innamoramenti di Gabriella, la surreale visionarietà di Gennara per il mondo dello spirito e il talento fobico che Romualdo applica nella pittura, attivano un confronto serrato sulla possibilità di amare e di esistere.
Così, mentre Giuseppe rivela ai fratelli che una guerra invisibile e mortale incombe sul pianeta, si consuma l’attesa febbrile di una visita che dovrà sciogliere la ragione della convocazione degli Acquaviva nella casa della memoria.

Ruggero Cappuccio, attualmente direttore del Napoli Teatro Festival, propone un testo ambientato nei giorni nostri, come a voler blindare un momento storico dal quale proprio non si può far ritorno; una riflessione sull'uomo, chiamato a vivere questi giorni difficili, che per alcuni sono arrivati troppo presto, cogliendoli impreparati. L’incontro con questa modernità manda in frammenti i già fragili animi dei protagonisti; sono costoro che più ne risentono venendo considerati come malati della società quando, in realtà, sono coloro che presentono il male del nostro tempo
Durata: 2 ore in 2 atti

TEATRO ELISEO - Via Nazionale 183, 00184 Roma
Da martedì 18 aprile a domenica 7 maggio 2017
Orario spettacoli: martedì, giovedì, venerdì e sabato ore 20.00, mercoledì e domenica ore 17.00
Prezzi da 25 € a 40 €

Info e prenotazioni: mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , telefono 06 83510216
Sito web: www.teatroeliseo.com


Emilio Solfrizzi in
IL BORGHESE GENTILUOMO
di Molière
con (in ordine alfabetico) Viviana Altieri, Anita Bartolucci, Fabrizio Contri, Nico Di Crescenzo, Cristiano Dessì, Lisa Galantini, Lydia Giordano, Simone Luglio, Elisabetta Mandalari e Roberto Turchetta
scene Andrea Taddei
costumi Sandra Cardini
disegno luci Gaetano La Mela
musiche Antonio Sinagra
regia Armando Pugliese

Personaggi e interpreti:
Monsieur Jourdain, borghese Emilio Solfrizzi
Madame Jourdain, sua moglie Anita Bartolucci
Lucilla, figlia di M. Jourdain Viviana Altieri
Nicole, serva Lisa Galantini
Cleonte, innamorato di Lucilla Roberto Turchetta
Coviello, servitore di Cleonte Cristiano Dessì
Dorante, conte amante di Dorimene Fabrizio Contri
Dorimene, marchesa Lydia Giordano
Madame Jourdain, sua moglie Anita Bartolucci
Maestro di musica Nico Di Crescenzo
Allievi musicisti Cristiano Dessì Viviana Altieri Lydia Giordano
Maestro di ballo Elisabetta Mandalari
Maestro di scherma Roberto Turchetta
Maestro di filosofia Simone Luglio
Maestro sarto Cristiano Dessì
Aiutanti del sarto Nico Di Crescenzo Elisabetta Mandalari
Un Muftì Simone Luglio

Un ricco borghese, il signor Jourdain, sogna di diventare nobile, tra persone prive di autentiche qualità come adulatori e scrocconi, che lo raggirano e assecondano la sua follia, pur di ottenerne un guadagno. È circondato dal maestro di musica, di ballo, di scherma, di filosofia. La trama si arricchisce delle rivalità tra i diversi maestri che scroccano denaro a Jourdain e ciascuno di loro ritiene e predica che la propria arte, la propria scienza, è il fondamento primo dell’esser un gentiluomo. A questi si contrappone la moglie, donna estremamente pratica e razionale che cerca di farlo rinsavire. Alla coppia dei Jourdain se ne aggiunge una secondaria, i rispettivi servitori dei due coniugi: la servetta Nicoletta, simpatica e coraggiosa, e Coviello, innamorati tra di loro.
Ne nasce una farsa, chiassosa e colorata, tipica del teatro comico: quella del Gran Turco. Coviello, vestito da turco e parlando un turco maccheronico, si presenta a Jourdain e gli fa credere che il figlio del Gran Turco, di lignaggio reale, è qui per sposare Lucilla, la figlia di Jourdain. Jourdain, lusingato dalle promesse di nobiltà, cade nel tranello e ne nasce un fragoroso balletto-farsa. Di fronte all’ennesimo rifiuto del ‘borghese’ di dare in sposa sua figlia al non nobile ragazzo che ama, tutti d’accordo gli giocano la beffa finale e anche la moglie che, pur criticandolo aspramente lo ha sempre protetto, gli si schiera contro lasciandolo definitivamente solo nella sua folle utopia.
Al termine della vicenda Jourdain continuerà a sognare tutto quello che non potrà mai avere, come succede ai grandi personaggi comici del teatro di Molière.

Note di regia

“Come l’avaro, come il malato immaginario, come l’ipocrita Tartufo, anche questo borghese che sogna di diventare un gentiluomo è, nella cultura letteraria europea, un archetipo: è il modello esemplare e imprescindibile del nuovo ricco, dell’arrampicatore sociale, dell’ambizioso che pretende di comprare col denaro quei meriti e quei titoli che non avrà mai”.
(Armando Pugliese)

Lo spettacolo ha una durata di 2 ore compreso intervallo

TEATRO QUIRINO VITTORIO GASSMAN - Via delle Vergini, Roma
Dal 18 al 30 aprile 2017
Orario spettacoli: da martedì a sabato ore 21, domenica ore 17, giovedì 20 e mercoledì 26 aprile ore 17, sabato 29 aprile ore 17 e ore 21

Info e prenotazioni: telefono 06.6794585, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: www.teatroquirino.it


CHI È DI SCENA
Scritto e diretto da Alessandro Benvenuti
con Alessandro Benvenuti, Paolo Cioni e Maria Vittoria Argenti

Alessandro Benvenuti presenta il nuovo spettacolo CHI È DI SCENA, dal 19 aprile al 7 maggio al Teatro della Cometa a Roma. Scritto, diretto e interpretato dall’attore toscano che ha al suo fianco anche Paolo Cioni e Maria Vittoria Argenti. Impegnati in un intreccio giocoso e imprevedibile avvolto in una comicità istintiva e feroce. La produzione è di Arca Azzurra Teatro.
Una novità drammaturgica nel panorama nazionale di cui è ancora fresco l’inchiostro del copione che si propone come una vera e propria novità anche nel repertorio firmato dall’attore toscano.
La trama racconta di uno stravagante e chiacchierato uomo di teatro scomparso dalle scene improvvisamente e apparentemente senza un plausibile motivo da cinque anni. Viene rintracciato per un caso fortuito da un giovane fan. A lui, l'uomo decide di rilasciare un'intervista per spiegare le ragioni della sua scelta e svelare così il mistero che si è creato intorno a questa. Lo invita perciò a casa sua. Testimone silente di questo loro incontro è però una giovane donna che, giacendo seminuda su una chaiselongue di spalle ai due, sembra dormire un sonno profondo.
E come spesso accade nei lavori di Alessandro Benvenuti, quel che appare si scopre tutt'altro che vero, e quel che è vero si svela in un intreccio giocoso e imprevedibile, con una specie di doppio salto mortale drammaturgico che accompagna lo spettatore a un finale assolutamente inaspettato che gioca con leggerezza con le vicende pubbliche e private dei tre protagonisti, sull'intreccio tutt'altro che evidente dei loro rapporti, affrontando insieme tematiche di grande attualità sociale. Il tutto ovviamente con il linguaggio forte, pastoso, ricco dei testi di Benvenuti, assolutamente esplicito, lineare, venato di ironia con punte di corrosività sarcastica e sempre di una comicità istintiva e feroce.

TEATRO DELLA COMETA - Via del Teatro Marcello 4, 00186 Roma
19 aprile | 7 maggio 2017
Orario spettacoli: dal martedì al venerdì ore 21.00. Sabato doppia replica ore 17,00 e ore 21,00. Domenica ore 17.00. Costo biglietti: platea 25 euro, prima galleria 20 euro, seconda galleria 18 euro.

Info e prenotazioni: telefono 06-6784380
Sito web: www.teatrodellacometa.it


Paola Minaccioni in
DAL VIVO SONO MOLTO MEGLIO
Scritto da Paola Minaccioni con Alberto Caviglia e Claudio Fois
Musiche Lady Coco
Regia Paola Rota
Costumi Ursula Patzec
Foto Fabio Lovino

"Dal Vivo Sono Molto Meglio" raccoglie tutti i personaggi di Paola Minaccioni nati in tv, al cinema o alla Radio ed è un viaggio in cui siamo portati a indagare sul tema dell’identità, per esplorarla e rispondere alla domanda che tutti ci facciamo: “Chi siamo davvero?”. Una surreale sequenza di personaggi che incarnano i dubbi, le paure e le nevrosi dell’attrice, cerca di consegnarci una risposta a questa domanda, con uno spettacolo fuori dagli schemi che ci invita a riflettere su noi stesse e a interpretare l’assurdità della società in cui viviamo.
“Dal vivo sono molto meglio" è un flusso di coscienza leggero e irriverente con cui Paola Minaccioni ci conduce in un universo comico e paradossale.
Donne dipendenti dai social network, improbabili venditrici, raffinate poetesse, badanti e inappuntabili manager, rapper incredibili. Sembrerà strano ma vivono tutte dentro di lei e in fondo sono lo specchio delle nostre nevrosi e dell'assurdità della nostra epoca.
Paola Minaccioni ci consegna la chiave della stanza delle sue incredibili maschere, con cui si nasconde e allo stesso tempo rivela, guidata dalle note di Lady Coco, melodico contrappunto a un’esperienza teatrale unica.
Ma raccontare uno spettacolo che cambia di sera in sera è impossibile, si può capire solo dal vivo. Dal vivo infatti è molto meglio!

TEATRO AMBRA JOVINELLI - Via Guglielmo Pepe 43 /47, 00185 Roma
20|30 aprile 2017
Orari repliche dal martedì al sabato ore 21:00 - domenica ore 17:00 - sabato 22 aprile doppia replica ore 16:30 e ore 21:00
Info 06 83082620 – 06 83082884
Biglietti (compresa prevendita): da € 33,00 a € 17,00
Convenzioni parcheggio in orario spettacolo:
• Garage Esquilino – via G. Giolitti, 27/A - dal martedì al sabato € 1,50 l’ora
• Parcheggio ES Giolitti Park – via G. Giolitti 267 - tutti i giorni € 1,00 l’ora

Info e prenotazioni: Ufficio promozione telefono 06 88816460
Sito web: www.ambrajovinelli.org


BUBBLES
con Marco Zoppi e Rolanda Sabaliauskaite
suoni e luci: Paolo Jacobazzi
produzione: Teatro Fantastico

Al Teatro Vittoria ritorna con emozione rinnovata BuBBles. Uno show entusiasmante che conduce il pubblico in un viaggio emozionante nel magico mondo delle bolle di sapone, una dimensione fantastica dove tutto è possibile e non esistono limiti all’immaginazione. In BuBBles, Marco Zoppi racchiude tutta la sua esperienza di illusionista e bubble artist, crea bolle di sapone di ogni forma e colore che prendono vita, mutano e si trasformano, gioca con gli elementi della natura attraverso la sua arte leggera e delicata, realizza uno spettacolo magico, poetico e surreale dove musica, colori, luci e materia si fondono e fenomeni all'apparenza inspiegabili accadono di fronte allo sguardo attonito dello spettatore.
“Siamo emozionati e onorati di tornare al Teatro Vittoria di Roma, un teatro molto importante per la nostra storia artistica. E’ infatti proprio in questo prestigioso teatro che nel 2014 ha debuttato BuBBles e si è realizzato il sogno di realizzare uno spettacolo visuale con le bolle di sapone che emozionasse il pubblico di tutte le età. Da quel momento in poi abbiamo portato il nostro spettacolo in giro per il mondo senza sosta e siamo felici dopo tre anni di tornare lì dove tutto è iniziato e poter presentare in prima assoluta nuovi numeri.”

Marco Zoppi è uno dei Bubble Artist di maggior successo nel panorama mondiale costantemente presente nei migliori teatri, programmi TV, variety show e parchi divertimento del mondo. I suoi numeri, presentati anche a "Le Plus Grand Cabaret du Monde" di Parigi, sono stati recentemente notati anche dalla prestigiosa International Magician Society di New York che gli ha conferito il Merlin Award come Miglior Bubble Artist Europeo.

TEATRO VITTORIA / ATTORI & TECNICI - Piazza S. Maria Liberatrice 10, 00153 Roma (Testaccio)
dal 20 al 30 aprile 2017 ore 21
(sabato 22 e 29 aprile doppia replica, ore 17 ed ore 21; domeniche e martedi 25 ore 17)
Biglietti: intero platea 28, intero galleria 22 (compresi 3 euro di prevendita)
ridotti in convenzione: platea 21 e galleria 18 (compresi i 3 euro di prevendita)

Info e prenotazioni: mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , telefono 06 5740170 - 06 5740598
Sito web: www.teatrovittoria.it


Antonello Costa in
NON CI POSSO CREDERE
con Annalisa Costa Pierre Bresolin
Regia Antonello Costa

Quante volte abbiamo usato la frase non ci posso credere... per un incontro inaspettato... per un bel voto o una promozione sul posto di lavoro..... e cosa ha spinto Antonello Costa a chiamare cosi il suo nuovo spettacolo? “I miei 30 anni di carriera coincidono con 30 anni di attività del teatro Manzoni??!! Bisogna festeggiare: Non ci posso credere!!!”
Sta dando vita quindi ad un varietà in grande stile con soubrette, un numeroso corpo di ballo (Licia Cricchi, Marica Galli, Agata Moschini e Elisa Milani) sarà accompagnato sulla scena da Annalisa Costa e Pierre Bresolin.
Canzoni, personaggi, macchiette, balli come nella migliore tradizione, il tutto condito dal talento di Antonello che ballerà il tip tap sulle note di Vecchio Frack di Domenico Modugno. Non mancherà di coinvolgere il pubblico ricordando Renato Carosone. o attraverso l'incontro di Totò e Charlie Chaplin, di Renato Rascel e Petrolini, di Chaplin e Michael Jackson.
Molti i personaggi che incontreremo del suo repertorio, come il siculo Don Antonino, Tony Fasano, ballerino di salsa, Sergio il cugino esaurito, Hamed, e tanti altri ancora...
Antonello sa coniugare tanto mestiere con un'approfondita conoscenza del varietà storico che è stata la base sulla quale ha costruito il suo spessore con amore e scuola. E come dichiara spesso: “il talento non è solo una dote, io ho fatto tutto con serietà, passione, studio e lavoro, senza intraprendere scorciatoie, di questo ne vado fiero”.
Antonello Costa è un vero artista che crea e tiene vivo il varietà.
Assisteremo ad uno spettacolo coinvolgente, divertente, assolutamente da non perdere.

TEATRO MANZONI - Via Monte Zebio 14/c, Roma
dal 20 aprile al 14 maggio 2017
Orario spettacoli: dal martedì al venerdì ore 21 sabato ore 17-21 domenica ore 17.30., lunedì riposo. Martedì 9 maggio ore 19, giovedì 11 maggio ore 17 e ore 21. Biglietti: intero euro 25, ridotto euro 22

Info e prenotazioni: telefono 06-3223634
Sito web: www.teatromanzoni.info


Greg in
L’ACCENDINO MAGICO
Di Claudio Greg Gregori e Riccardo Graziosi
Con Lallo Circosta, Claudio Gregori, Riccardo Graziosi, Claudia Campagnola, Vania Della Bidia, Roberto Fazioli
Regia: Claudio Greg Gregori
Scene: Andrea Simonetti
Musiche originali: Claudio Greg Gregori

Una tranquilla villetta al mare. Due coppie di coniugi e un amico di famiglia, un misterioso monaco e un accendino che si rivela essere una chiave per varcare le dimensioni.
Questi sono i magici ingredienti per un’avida corsa al potere, tra irresistibili cambi di esistenze e personalità. Una corsa che porterà i protagonisti ad una meta inaspettata. Imprevedibile, graffiante, dissacrante, il grande Greg ritorna sul palco del Teatro 7 con un nuovo, divertentissimo e folle spettacolo, nel quale poter di nuovo esprimere tutta la geniale creatività che da sempre lo contraddistingue.

TEATRO SETTE - Via Benevento 23, Roma
Dal 18 al 30 aprile 2017
Orario spettacoli: dal martedì al sabato ore 21; domenica ore 18
Biglietti: da 24€ a 18€ (prev. compresa)

Info e prenotazioni: mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , telefono 06 442.36.382
Sito web: www.teatro7.it


Maurizio Mattioli in
ANCORA ERA ORA!
Regia Stefano Reali

Grande, grosso e pieno di quell’allegria genuina che gli arriva direttamente dalla sua città.
Sul palcoscenico del Teatro Tirso de Molina, Maurizio Mattioli, l’attore romano DOC, nato e cresciuto in borgata, grande comico, vero erede di Aldo Fabrizi, uno dei pochi attori italiani capace di passare dal cinema, alla televisione, al doppiaggio, al cabaret, al teatro comico, al teatro serio, alla festa di piazza, sempre con eguale scioltezza, si racconta per la prima volta.
“Ancora era ora!” è la sua esilarante biografia, dagli esordi come “barzellettaro” nei bar di borgata, fino al grande teatro, al cinema, e alla tivù, il tutto con un’orchestra dal vivo che accompagna Mattioli in una serie di canzoni che hanno segnato un’epoca, dagli anni settanta ad oggi.
In scena con lui c’è Stefano Reali, regista, qui in veste di narratore, che provoca ed istiga Maurizio Mattioli nel rievocare, con i suoi racconti irriverenti e comicissimi, il gusto di un’epoca che non c’è più, e di cui in tanti sentiamo la mancanza.
C’è tutto Mattioli in questo “one man show” dal ritmo incalzante e la risata assicurata: infanzia, vocazione, vita e miracoli di un figlio della periferia, che ne racconta le pulsioni e le contraddizioni. Dagli inizi al bar del Pino, dove neanche sedicenne intratteneva gli avventori di Piazza Guadalupe, e dove conobbe una serie di personaggi, come Nino “l’Americano”, Mario “Er Poca Luce”, Zebrotto “Er Zanzara”, e Angioletto “Er Cofano”, che saranno poi tra i pilastri della sua cifra comica, passando per il teatro “serio” con Luigi Squarzina ed Enrico Maria Salerno. E poi il Puff, per approdare finalmente al Sistina, con la sua irripetibile interpretazione di Mastro Titta nel celebre “Rugantino” di Garinei e Giovannini.
Ma nella sua carriera c’è stato spazio anche per tantissimo cinema e tanta televisione. Tutto questo ci verrà raccontato da Mattioli, intervallato dalla sua personalissima interpretazione di brani dell’amato Califano, del maestro Trovajoli e di Francesco De Gregori.
Possiamo considerarlo tra gli artisti più amati del prestigioso teatro Tirso de Molina, l'unico teatro capace di far vivere l'emozione e la leggerezza attraverso i grandi nomi della romanità con la direzione artistica di Achille Mellini.
«Maurizio Mattioli è l’unico vero erede di una generazione di artisti come Aldo Fabrizi, Mario Carotenuto, Paolo Stoppa, Renato Rascel», dice Stefano Reali, compagno di avventura e amico di una vita del comico romano, «personaggi che avevano la forza di un attore protagonista e al tempo stesso la bonomia e il calore di un caratterista. È un qualcosa che non ha eguali nelle cinematografie straniere, si tratta di una particolarità italiana, e forse, quasi tutta romana. Sono personaggi che possiedono caratteristiche contraddittorie: hanno ferocia, rabbia, ma anche simpatia, amabilità, profondità, senso dell’ironica leggerezza della vita, potenza drammatica e una dirompente forza comica. Il tutto mischiato nelle dosi giuste. È per questo che artisti di questo tipo sono sempre stati amatissimi dal pubblico. Mattioli è forse l’ultimo esponente di una razza, che sinceramente mi sembra in via di estinzione…».

TEATRO TIRSO DE MOLINA - Via Tirso 89 (Piazza Buenos Aires), 00198 Roma
Dal 19 al 30 aprile 2017
Biglietti: intero mercoledì e giovedì € 25, venerdì, sabato e domenica € 27; ridotto mercoledì e giovedì € 22, venerdì, sabato e domenica € 24
Orario spettacoli: mercoledì, giovedì, venerdì e sabato ore 21:00, sabato e domenica ore 17:30
Parcheggio convenzionato in Via Tirso, 14
Biglietti in vendita anche su TicketOne www.ticketone.it

Info e prenotazioni: telefono 06.8411827
Sito web: www.teatrotirsodemolina.it


ANAMONI
spettacolo di teatrodanza
Produzione Matroos
Ideazione Regia Coreografia Lisa Rosamilia
Progetto e realizzazione scenografica Lisa Rosamilia
Musica originale composta e diretta da Michele Sganga
Pianoforte: Michele Sganga
Violino: Lia Tiso
Riprese audio e sonorizzazioni: Matteo de Rossi
Postproduzione musica: Studio Sonicview Roma
Luci: Marco Bilanzone
Visual: Daniele Casolino

Presentato in anteprima al Doit Festival 2017, debutta al Teatro Studio Uno dal 20 al 30 aprile il nuovo lavoro della compagna Matroos che porta in scena grazie alla danzatrice, coreografa e regista Lisa Rosamilia, “Anamoni” suggestivo, visionario ed emozionante spettacolo di teatro danza ispirato al mito di Penelope rielaborato nella contemporaneità.

Lo sguardo di Anamoni si dilata nell’acqua. Vive connessa a una muraglia galleggiante di porte e finestre, che è casa e scialuppa. E da quel veliero fatiscente osserva il mare e attende. Fluttua l’assenza, la perdita, si disperdono e inabissano visioni, Anamoni tesse la tela dell’attesa. Compone il suo quadro di corde e reti che legano telai di vecchie finestre, la sua fragile imbarcazione, un suggestivo mosaico dove risiede, lavora. Unico rifugio nel mare della sospensione a cui la costringe l’attesa. Attesa di un ritorno e qualcosa che nasca da quelle acque, o attesa di una partenza, di un vento che la spinga lontano da quel luogo sospeso. Tessere e disfare si trasformano in una danza ritmica, temporale, alternata a momenti di stasi fra trame e spazi di tessuto. La musica risuona attraverso i passaggi di fili sulla tela, come se fosse essa stessa a produrli. Anamoni osserva, sta, ripete, tesse tele reali e metaforiche, fila nell’attesa trame e orditi, in un’architettura che imbrogli il tempo, un non luogo dove niente è ancora accaduto e tutto deve ancora succedere, un apparente tempo immobile, che in realtà si consuma in attesa di un divenire.

Note di Regia

Spettacolo di TeatroDanza dove oggetto scenografico, composizione coreografica e musica si intrecciano comunicando tra loro. Lo spettacolo prende spunto dalla figura di Penelope omerica rielaborando il personaggio classico nella rappresentazione di un’attesa instabile e mobile, spesso fine a se stessa. Anamoni è una Penelope contemporanea, non c’è realmente nessun uomo da aspettare, né Proci da ingannare, ma solo uno spazio da riempire sempre in bilico con il vuoto e una tessitura che non è inganno del tempo, ma inseguimento e fuga, costruzione e creazione.
La Scenografia e la Danza. La dimensione di Anamoni è una memoria sonora, visionaria e materica. La memoria contenuta nell’oggetto di una vecchia finestra che ha visto, riflesso, atteso, è idea, collegamento e ispirazione alla natura del personaggio e del racconto di Anamoni. L’elaborazione dello spettacolo ha inizio nella ricerca e recupero di vecchi infissi, reti da pesca e materiali in disuso che vengono ricontestualizzati attraverso il lavoro di costruzione della scenografia. La composizione della coreografia nasce ed è strettamente collegata al momento dell’assemblaggio scenografico. Una tela-telaio costruita in sezioni, tessere, stanze, scultura vivente e mezzo necessario al suggerimento danzato. Quadro in cui è simbolicamente racchiusa l’essenza del personaggio stesso, che coniuga passato e presente, accordando la memoria ad una progettualità temporale. La tela, intesa come uno specchio del sé, attraverso giochi di tessuti, video proiezioni, luci e ombre, rimanda all’immaginazione, al disvelamento dell’invisibile, ad una sorta di rovesciamento della realtà. La narrazione si compone attraverso vuoti e pieni, stasi e movimenti di fili che vengono intrecciati, dove il continuo fare e disfare è movimento circolare in cui ogni cosa è eternamente attesa, sperata e rimandata.
La Musica. Originale e composta appositamente per lo spettacolo, alterna momenti di composizione per pianoforte e violino, a sonorizzazioni realizzate dalla stimolazione sonora della scenografia. Dall’osservazione delle tensioni delle corde e dei tessuti sulla tela, e dagli effetti di reazione al movimento del corpo in essi, nasce la musica, che risuona dalla tela come se si trasformasse in un’arpa, un organo, un tamburo, un violino. La descrizione musicale del racconto è realizzata anche attraverso l’utilizzo di sonorizzazioni di elementi naturali legati alla dimensione del personaggio, come onde del mare, cigolii del legno del telaio o di barche, strofinii di fili, il fruscio della sabbia, manipolazioni sensibili delle sonorità delle forme e dell’ambiente.

TEATRO STUDIO UNO (Sala Specchi) - Via Carlo della Rocca 6, Roma
Dal 20 al 30 aprile 2017
Orario spettacoli: venerdì e sabato ore 21, domenica ore 18
Biglietti: 10 euro. Tessera associativa gratuita

Info e prenotazioni: telefono 3494356219 - 3298027943, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: www.teatrostudiouno.com


DoveComeQuando presenta
FOLLOWER
di Pietro Dattola
con Flavia Germana De Lipsis
regia Pietro Dattola

Al Teatro Studio Uno dal 20 al 30 aprile la Compagnia DoveComeQuando debutta in prima assoluta con lo spettacolo “Follower”, scritto e diretto da Pietro Dattola con protagonista Flavia Germana De Lipsis, monologo che analizza il fenomeno social e i suoi riflessi sulla psiche, sui desideri e sui comportamenti umani, attraverso la storia di una ragazza ancorata ad una amore che non è più suo.
“E se, tramite un'app, potessi essere seguito nella vita reale, anziché semplicemente sullo schermo?
Se un tuo follower potesse realmente seguirti per tutta la giornata, restando invisibile e anonimo, e osservarti mentre prepari la colazione, vai al lavoro o incontri degli amici?
Prova nuove sensazioni, rendi più eccitante la tua giornata, aggiungi un pizzico di magia al tran-tran quotidiano, acquista una nuova prospettiva sulla vita, apri il tuo mondo agli altri, dai un nuovo significato alla tua esistenza, afferma la tua presenza!
Diventa il centro del mondo di qualcun altro. Scarica l'app e iscriviti subito. Se ricevi la notifica significa che qualcuno vuole seguirti! Per tutto il giorno, dalle 10:00 alle 20:00, il tuo follower ignoto riceverà da me alcune tue fotografie e la tua posizione GPS. Tutti gli altri dati resteranno confidenziali. Parola di app.
Fatti seguire!"
Cosa rende così difficile il distacco da una persona amata? Quanto può essere difficile dire addio?
La protagonista, Nina, è ancorata a una storia con Pietro che non le appartiene più. Farebbe di tutto per riaverla indietro. Perché un rapporto funzioni, occorre mantenere le giuste distanze. Quelle tra Pietro e Nina sono ormai abissali e ci sono casi in cui, se vieni bloccato nella vita reale, è per sempre. Ma ora c'è un'app, Follower, con cui Nina crede di poterle accorciare. Non appena si convincerà che il suo follower potrebbe essere Pietro, Nina farà di tutto per rivederlo ancora una volta. Di tutto.
Un atto unico poetico, multiforme - di parole, azione e immagini - per persona sola in cui lo spettatore è il vero follower di Nina - e in cui, qualsiasi cosa lei faccia, le Condizioni d'uso dell'app impediscono di intervenire.

TEATRO STUDIO UNO - Via Carlo della Rocca 6, Roma
Dal 20 al 30 aprile 2017
Orario spettacoli: da giovedì a sabato ore 21, domenica ore 18
Biglietti: 10 euro, tessera associativa gratuita

Info e prenotazioni: telefono 3494356219 – 3298027943, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: www.teatrostudiouno.com


Gianni Ferreri, Daniela Morozzi, Giancarlo Ratti in
TERAPIA TERAPIA
da un soggetto di Roberto Nobile
una commedia di Augusto e Toni Fornari, Andrea Maia, Roberto Nobile, Vincenzo Sinopoli
regia Augusto Fornari

Ninì Serpiello, (Gianni Ferreri) e Lucia Montello, (Daniela Morozzi) sono interapia di coppia per cercare di salvare il loro litigiosissimo matrimonio.
Si sono rivolti dopo aver tentato, senza successo, di risolvere con altri terapisti, al Dottor Mauro Angeli, (Giancarlo Ratti) stimato psicologo del settore, considerato un salva-coppie per l’alta percentuale di successi delle sue terapie.
Ma i Serpiello non sanno che proprio in questo periodo anche lo Psicologo vive una gravissima crisi matrimoniale.
Cosa può accadere se i problemi della coppia si intrecciano con quelli dell’analista?
Fra equivoci, litigi, svelamenti, tenerezze, “Terapia Terapia” affronta, in chiave comica ma non superficiale, le commedie e i drammi del matrimonio attraverso un viaggio analitico, da Freud alla sfogliatella napoletana.

TEATRO GOLDEN - Via Taranto 36, Roma
Dal 18 aprile al 14 maggio 2017
Orario spettacoli: martedì, giovedì, venerdì, sabato ore 21; domenica ore 17
Biglietti: intero € 26,00 + € 4 di prevendita; ridotto € 22,00 + € 3 di prevendita

Info e prenotazioni: mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , telefono 06.70.49.38.26
Sito web: www.teatrogolden.it


LA BANDA DEL BOX 23
di Antonio Romano
regia Massimo Milazzo
con Antonio Romano, Carlotta Ballarini, Stefano Scaramuzzino e Claudio Scaramuzzino
Con la partecipazione straordinaria di Luciana Frazzetto
scenografie Michele Funghi
costumi Roberto Di Falco
luci e suoni Tony di Tore
foto Loredana Pensa

Che l’Italia sia un Paese ricco di creatività e inventiva non è certo cosa nuova. Vuoi per storia, vuoi per genetica, la fantasia l’ha sempre fatta da padrona, soprattutto quando dev’essere usata per portare a casa la pagnotta.
L’arte di arrangiarsi, infatti, è diventata quasi una cultura. Da sempre i lavori classici si affiancano a mestieri nuovi, più o meno legali.
D’altronde, con la crisi che picchia sempre più duro, non si può biasimare chi tenta di arrotondare l’entrata mensile.
È in questa situazione che i cinque protagonisti della storia, stretti nella morsa della crisi lavorativa, una sera come tante, mentre sono impegnati nella visione della serie televisiva “Gomorra”, vengono attratti dal modo semplice per fare soldi e valutano l’opportunità di “mettersi in affari”.
È a Roma, che i protagonisti si riuniscono per creare l’associazione BOX23, proprio in un Box al civico 23, imitando, in malo modo e con scarsi risultati, i gesti e le parole dei protagonisti di Gomorra e la Banda della Magliana.
Tra equivoci e gaffe, il testo cercherà di ridicolizzare i supereroi camorristici, di sfatare il mito delle scorciatoie e dei facili risultati, per far comprendere che, solo con il lavoro duro e l’onestà, si possono ottenere le dovute soddisfazioni e che, a volte, le scorciatoie possono essere fatali.

Note di regia

A teatro mi annoio. Un illustre insegnante all’inizio della mia carriera di regista mi disse: “…il teatro avrà un futuro se riuscirà a competere con il cinema!“.
Nella parallela attività di direttore di doppiaggio dirigo una sessantina di film l’anno, oltre a curarne spesso i dialoghi. Ho capito quindi cosa significhi non far annoiare lo spettatore. Il teatro non è solo proporre sul palcoscenico un dialogo, ma è soprattutto utilizzare gli infiniti mezzi che questa disciplina offre.
“La banda del Box 23” di Antonio Romano garantisce questa opportunità: dialoghi serrati, personaggi incisivi e ben delineati, risvolti imprevedibili.
Il più delle volte negli stereotipi cine-televisivi certi individui non adattandosi al processo di socializzazione violano le leggi accettate dal gruppo sociale a cui appartengono. Qui invece Sky, Spillo, Napoli, Scheggia e Tanica aderiscono al crimine per motivi socio-familiar-economici. Lo fanno in modo divertente e rocambolesco senza rendersi conto a che cosa vanno incontro. Ciascuno ha un retroterra che giustifica questa scelta impulsiva e non razionale.
Uno dei tanti meriti di questo testo è quello di ricordare a chi scrive sceneggiature per il cinema o la tv di non lanciare messaggi fuorvianti come quello di trasformare i malviventi in “eroi da emulare”. Sarebbe invece motivo di apprezzamento lanciarne uno solo, abusato ma sempre efficace: il crimine non paga!
Massimo Milazzo

TEATRO DEGLI AUDACI - Via Giuseppe De Santis 29, Roma
Dal 20 al 30 aprile 2017
Orario spettacoli: dal giovedì al sabato ore 21, domenica ore 18
Biglietti: Intero 16 euro - Ridotto 13 euro (over 65); Ridotto bambini 2/13 anni 10 euro - prevendita 2 euro

Info e prenotazioni: telefono 06 94376057 - 339.6095598
Sito web: www.teatrodegliaudaci.it


LIBERI TUTTI
di Elda Alvigini e Natascia Di Vito
con Elda Alvigini | Marius Bizau
Valerio Di Benedetto | Jun Ichikawa
Regia Elda Alvigini

Al Piccolo Eliseo torna in scena la commedia LIBERI TUTTI, scritta a quattro mani da Elda Alvigini - anche regista e interprete - e Natascia Di Vito e rappresentata al Teatro dell’Orologio soltanto per tre giorni nonostante avesse già registrato il tutto esaurito per l’intera programmazione.
Lo spettacolo che affronta il tema della separazione, non solo amorosa, ma anche dalla propria terra o da se stessi, vede protagonisti, oltre alla stessa Alvigini, gli attori Marius Bizau, Valerio Di Benedetto, Jun Ichikawa.
«LIBERI TUTTI ha debuttato con grande successo al Teatro dell’Orologio lo scorso 14 febbraio e, già il giorno dopo, è stato necessario aggiungere una replica straordinaria.
La notte di giovedì 16 febbraio, allo storico Teatro dell’Orologio vengono messi i sigilli e tutta la nostra scenografia sequestrata all’interno.
Ero preoccupatissima, trovare una sala libera a Roma era pressoché impossibile con le programmazioni in corso e, soprattutto, volevo trovare la soluzione giusta per non deludere tutto il pubblico che ancora una volta ci aveva dimostrato tanto affetto. Mentre cercavo una soluzione, ecco che ricevo una telefonata: ‘Pronto, sono Luca!’ E io: ‘Luca chi?’ Risposta: ‘Barbareschi! Ci vieni tre settimane al Piccolo Eliseo? Ho saputo dell’Orologio, c’è questa possibilità, ci posso contare?’ Il cervello mi fa tilt, non riesco a credere alle mie orecchie, ma ho la prontezza di rispondere subito: ‘Grazie! Davvero? Certo che ci vengo! È un sogno per me’.
LIBERI TUTTI, tolti i sigilli e recuperato tutto il materiale di scena, torna libero di esprimersi sul bellissimo e ambito palco del Piccolo Eliseo. Un sogno per tutto il cast artistico e tecnico…che poi mettere i sigilli mentre in scena c’è uno spettacolo che si chiama LIBERI TUTTI, sembra già una battuta da commedia!» (Elda Alvigini)

TEATRO PICCOLO ELISEO - Via Nazionale 183, Roma
Dal 12 al 30 aprile 2017

Info e prenotazioni: mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , telefono 06 83510216
Sito web: www.teatroeliseo.com


IL SOGNO DI NIETZSCHE
di Maricla Boggio
con Ennio Coltorti, Jesus Emiliano Coltorti e Adriana Ortolani

Il fatto che la vita sia dolore non giustifica che si viva prigionieri della compassione. Il coraggio consente di trasformare il passato in un nuovo inizio”.
In mezzo a un turbine di affermazioni filosofiche e di teorie, ciò che caratterizza la persona Nietzsche è il forte impulso alla vita e talvolta il prevalere dei sentimenti rispetto alla ragione quando si tratta della propria esistenza e non della filosofia.
È da questa dimensione del personaggio che si sviluppa il testo teatrale, attraverso le vicende che lo vedono agire, amare, soffrire e reagire alla sofferenza, fisica e sentimentale mediante lo sforzo smisurato e vincente della sua genialità intellettuale.
Nell’evolversi del personaggio hanno parte determinante due referenti, Lou Salomè e Paul Rée. Tenuto conto dei mutamenti di costume - il loro rapporto fu allora considerato singolare: un triangolo di amici che vogliono condividere alla pari, al di là del sesso, la passione per lo studio;
Lou Salomé è un’interprete sensibile delle riflessioni più profonde di Nietzsche. L’intesa fra i due in un’epoca in cui le donne sono confinate all’ambito familiare, è perfetta. Ma Lou intende realizzarsi attraverso lo studio in una sorta di paritaria collaborazione non sbilanciata da rapporti sessuali. Il progetto è assecondato da Paul Rée, scrittore di vivace personalità, il cui amore rimane segreto per non contrastare la volontà dell’amica. I pregiudizi dell’epoca però, la stessa moralità borghese che Nietzsche combatte, e la reiterata volontà del filosofo di convincere Lou ad essere sua moglie, vanificano il progetto
Personaggio grandioso nella sofferenza e nella creazione intellettuale, Nietzsche si ritrae dal sogno di una vita in cui trovino spazio i sentimenti e prosegue nel cammino che giunge fino a noi, fra alterne fasi di lucidità e disperazione, dal felice momento di equilibrio della stesura dell’”Ecce homo” ai vaneggiamenti confortati dalle piccole soddisfazioni quotidiane del soggiorno torinese, e pare sprofondare in una follia che forse è un’intuizione delle potenzialità che può avere l’essere umano, di essere tutto e niente.
(Maricla Boggio)

TEATRO STANZE SEGRETE - Via della Penitenza 3, Roma (Trastevere)
dal 4 al 30 aprile 2017

Info e prenotazioni: telefono 066872690 - 3889246033
Sito web: www.stanzesegrete.it


WASHINGTON SQUARE
(Storie Americane)
uno spettacolo di Giancarlo Sepe
ispirato al romanzo di Henry James

Lo spettacolo, presentato dalla Compagnia Orsini in collaborazione con la Compagnia del Teatro La Comunità diretta da Giancarlo Sepe, è interpretato da Sonia Bertin, Marco Imparato, Silvia Maino, Pietro Pace, Emanuela Panatta, Federica Stefanelli, Guido Targetti, Adele Tirante e con Pino Tufillaro. Le scene e i costumi sono di Carlo De Marino, le musiche sono a cura di Davide Mastrogiovanni e Harmonia Team, il disegno luci è di Guido Pizzuti.
Washington Square con il sottotitolo Storie Americane è, nello spettacolo di Sepe, un pamphlet dedicato alla lotta delle donne americane per ottenere la parità dei diritti. Un viaggio al femminile nella storia americana tra la fine dell’Ottocento e i primi anni del Novecento.
Al centro della storia Catherine Sloper, minuta, insignificante e scialba di cui il padre, famoso medico della città, ne soffre le pochezze intellettuali e caratteriali, e che malvolentieri si trascina dietro per feste e balli.
In un ballo appunto la ragazza incontra Morris un bel ragazzo che si dice innamorato e pronto a sposarla. Il dottor Sloper si oppone energicamente, sicuro che il giovane sia più attratto dal suo patrimonio che dalla bellezza della figlia, inesistente.
Si scontra però con l’ostinazione di Catherine che cerca di sposare consapevolmente l’uomo "sbagliato", per esercitare il proprio diritto all’autodeterminazione, contro il parere dell'integerrimo padre e contro la società perbenista e puritana dei salotti “bene” di una New York tra la guerra di secessione e i primi anni Venti.
In Storie Americane, le vicende della più che benestante famiglia Sloper, si incastonano con quella delle famiglie che, emigrate dall’Europa, hanno creato il Nuovo Mondo, sopportando ogni tipo di disagio e di lotta per arrivare ad ottenere una terra e creare il loro futuro.
La scena è quella di una sala del museo cittadino dove le storie si dipanano tra cerimonie, matrimoni, funerali, nascite, esecuzioni, e feste nazionali, manifestazioni di suffragette, canzoni e ballate, in un susseguirsi di visioni del pensiero e della realtà cittadina, che al pari della storia della famiglia Sloper, si racconta tra solennità religiose e balli, agnizioni (l’apparizione dei familiari defunti) e romanze musicali, tutti alle prese con la nuova società americana: ingenua, puritana e violenta.
“James è uno scrittore essenziale e cattivo, che condanna senza ascoltare ragioni o alibi, egli fa dei sentimenti dei veri e propri mostri che popolano la mente dei suoi personaggi e gli ambienti dove essi vivono. James non concede tregua ai nostri sentimenti che hanno voglia di raccontarsi, invece che essere liquidati con piccole esternazioni cupe e cattive (come fa il dottor Sloper), egli non concede spazi alla festa dell’amore, la chiude invece in una esperienza di morte da cui non riesce più a liberarsi, una morte fatta di silenzi e di remissione dei peccati, quelli di sopravvivere a chi non c’è più. Si dice sempre che quelli che vanno via sono i migliori, allora quelli che restano non contano nulla, sono innocue figure fatte di dabbenaggini e di animi popolari che non amano le raffinatezze. Resta un’America che si celebra pensando però più ai morti che ai vivi” (Giancarlo Sepe)

TEATRO LA COMUNITA’ - Via G. Zanazzo 1, Roma
dal 30 marzo al 7 maggio 2017
Orario spettacoli: giovedì, venerdì e sabato ore 21, domenica ore 18
Biglietti: Intero € 15,00 - Ridotto €10,00
Tessera associativa € 3,00

Info e prenotazioni: telefono 06 581 7413 - 329 167 7203, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: www.teatrolacomunita.com


Maddalena Rizzi e Francesco Maria Cordella in
COME AMMAZZARE LA MOGLIE O IL MARITO SENZA TANTI PERCHE’
Di Antonio Amurri
Regia di F. D’Alessio

Un classico di Antonio Amurri che, in coppia con Dino Verde, negli anni ’60, è stato un grande autore televisivo. La sua comicità, stringata ed elegante, mette sotto una spietata lente di ingrandimento la vita di coppia: vizi e difetti, incomprensioni ed egoismi, nevrosi e comportamenti maniacali di una lunga serie di mogli e di mariti ingombranti. Tante storie che hanno trovato nella televisione in bianco e nero del carosello il primo “palcoscenico” per tanti spettatori. Lo spettacolo ne ripropone ambienti e stile, muovendo gli attori in un set televisivo degli anni sessanta in un ping pong dinamico ed effervescente con il Telefono Amico.

TEATRO ROMA - Via Umbertide 3, Roma (S. Maria Ausiliatrice)
dal 18 al 30 Aprile 2017

Info e prenotazioni: telefono 06 7850626
Sito web: www.ilteatroroma.it


Articolo di: Isabella Polimanti

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP