A 400 anni dalla morte di Shakespeare (23 aprile 1616) il Silvano Toti Globe Theatre di Roma, unico teatro elisabettiano d’Italia, nato nel 2003 grazie all’impegno dell’Amministrazione Capitolina e della Fondazione Silvano Toti per una geniale intuizione di Gigi Proietti, ha in serbo una stagione speciale per i suoi affezionati spettatori. Tra nuovi allestimenti, spettacoli cult delle passate stagioni, uno spettacolo in lingua inglese e un'incursione dedicata ai sonetti d'amore, l'evento più atteso sarà indubbiamente la prima volta di Gigi Proietti sul palco di Villa Borghese in veste di attore con un omaggio a Shakespeare costituito da brani dall' Edmund Kean di Raymund FitzSimons, spettacolo di cui il maestro curerà anche l’adattamento e la regia.

Apre la stagione 2015 del romano Globe Theatre un immancabile, sempre atteso, ritorno, quello del "Sogno di una notte di mezza estate". Nell'onirico plot shakespeariano tre mondi si contrappongono: il mondo della realtà (quello di Teseo, Ippolita e della corte), il mondo della realtà teatrale (gli artigiani che si preparano alla rappresentazione) e il mondo della fantasia (quello degli spiriti, delle ombre). Ma i sogni alle volte possono trasformarsi in incubi: il dissidio fra Oberon e Titania che rivela a un certo punto un terribile sconvolgimento nel corso stesso delle stagioni, il rapporto tra Teseo e Ippolita, il conquistatore e la sua preda, la brutalità di certi insulti che gli amanti si scambiano sotto l’influsso delle magie di Puck.

Sabato, 02 Marzo 2013 17:40

Padania Libre - Teatro de' Servi (Roma)

Dal 19 febbraio al 10 marzo. In un rustico salotto valtellinese campeggiano inquietanti, sinistre presenze totemiche, che ci raccontano sin dal primo colpo d'occhio il punto di vista sociopolitico dei padroni di casa, i coniugi Casunziei: leghisti "duri e puri", intransigenti sostenitori dello status quo padano ed insofferenti ad ogni presenza estranea, che si tratti di un meridionale o ancor peggio di un extracomunitario, come reagiranno alla sorpresina confezionata per loro dall'adorabile figlia prediletta, pronta a presentargli un esuberante e incontenibile fidanzato romanaccio? C'è da scommettere che l'incontro-scontro proposto dall'autore e regista romano Marco Costa con questa originale rivisitazione di "Indovina chi viene a cena?" in salsa di polenta e capriolo, si tradurrà in un tourbillon di imprevedibili equivoci, machiavelliche cospirazioni e saporite risate.

Dopo il successo ottenuto la scorsa stagione torna in scena dal 19 febbraio al 10 marzo al Teatro de' Servi di Roma, "Padania Libre" una commedia di Marco Costa con Fabrizio Sabatucci, Roberto Stocchi, Antonella Alessandro, Andrea Planamente e Veruska Rossi.

TOP