Debutta in prima assoluta, in apertura di stagione del Teatro Studio Uno, da 5 al 14 ottobre il primo capitolo di “Teresa santa, puttana e sposa” di Marco Bilanzone, diretto dal regista Lorenzo Montanini, primo di una serie di cinque spettacoli tra loro indipendenti ma intrecciati, che raccontano la storia di Teresa Battista eroina simbolo di libertà, coraggio ed emancipazione.

Può un rutilante atto unico tracimante ironia e nonsense essere la chiave azzeccata per interrogarsi sulle pallide speranze che rimangono al nostro misero mondo dinanzi alla costante e mortifera minaccia terroristica? E queste flebili possibilità possono essere affidate a dei mitologici cavalieri spagnoli, fondatori in tempi remoti di mafia, camorra e ‘ndrangheta e oggi, da un' aldilà mai così vicino, ancora registi di innumerevoli umane disavventure? Presupposti quanto meno bizzarri ed originali per "Il cielo è cosa nostra", commedia decisamente pulp firmata da Francesco Colombo e portata in scena dall'istrionica compagine dei Ghepards (Alessandra de Rosario, Jessica Granato, Riccardo Marotta, Pietro Pace e Daniele Paoloni), che ha debuttato al Teatro Sala Uno di Roma, innescando sul palcoscenico un'insolita battaglia senza esclusione di colpi, colma di continue trovate ad effetto.

In scena martedì 22 e mercoledì 23 settembre presso il "Cantiere di Rigenerazione Urbana" di SpinTimeLabs, la prima incarnazione di "La Signora", lavoro cominciato a gennaio e tratto da "La visita della vecchia signora" di Friedrich Dürrenmatt: tra le opere più conosciute del drammaturgo svizzero, indaga i temi della vendetta, della colpa individuale e collettiva, dell'onnipotenza del denaro e della corruzione morale collettiva. Gabriele Paupini e Francesca Zerilli ne portano in scena un'inedita reinterpretazione, con un cast di giovani e talentuosi interpreti: Marianna Arbia, Silvio Impegnoso, Riccardo Marotta, Benedetta Rustici, Luigi Testoni.

Il Roma Fringe Festival 2015 entra nel vivo: nella settimana dal 21 al 27 giugno, prima di passare alla programmazione Comedy e Scena Romana, si chiuderà la Sezione Teatro e scopriremo anche l’ultimo spettacolo più apprezzato da critica e pubblico che andrà in scena per la finale del 5 luglio.

Martedì, 26 Maggio 2015 19:33

La prova del topo - Teatro Studio Uno (Roma)

Ha debuttato al Teatro Studio Uno e sta scaldando i motori per tornare nuovamente in scena, stavolta in concorso al Roma Fringe Festival 2015, il nuovo spettacolo della tanto giovane quanto creativa ed entusiasticamente prorompente compagnia INuovi | Teatro delle Viti. Concepito interamente nell'alveo del laboratorio di scrittura scenica svoltosi in occasione della quarta residenza artistica proposta in questa stagione dallo Studio Uno - vivace casa romana del Teatro Indipendente nel cuore di Torpignattara -, questo interessante progetto incanala l'estro surreale e la geniale improvvisazione dei cinque attori protagonisti nella brillante messinscena supervisionata, drammaturgicamente e registicamente, da Michele Galasso e Antonio Careddu.

Ha debuttato il 9 aprile al Teatro Studio Uno “La prova del topo” della giovane compagnia INuovi |Teatro delle Viti, un lavoro nato interamente dal laboratorio di scrittura scenica proposto agli attori in occasione della quarta residenza artistica della stagione. Protagonisti Gabrile Guerra, Caterina Marino, Riccardo Marotta, Maria Chiara Pellitteri, Fabiano Roggio, messinscena e supervisione drammaturgica di Michele Galasso e Antonio Careddu, con musica ideata ed eseguita dal vivo da Samovar&Marcusai.

Lunedì, 27 Ottobre 2014 20:26

Girotondo - Carrozzerie | n.o.t. (Roma)

Un'opera teatrale di sconcertante modernità, il "Girotondo" del drammaturgo austriaco Arthur Schnitzler, che da oltre un secolo non cessa di inchiodare ogni singolo spettatore alla desolante constatazione dell'amara caducità del sentimento d'amore, alla vacuità di rocamboleschi lirismi e fantasiosi rituali di corteggiamento che in realtà nascondono sempre e solo il medesimo ben più prosaico intento. Un regista giovanissimo, l'appena ventitreenne Simone Giustinelli che, se non annovera nella propria faretra l'esperienza della maturità anagrafica, certamente non difetta in entusiasmo, capacità immaginativa ed una sensibilità del tutto personale nel plasmare una materia drammaturgica tanto pericolosamente incandescente e controversa. Una cornice scenografica moderna ed accogliente, le Carrozzerie | n.o.t., operosa fucina di nuove progettualità legate alla danza, al teatro e alle arti performative che sempre più distintamente si sta ritagliando un profilo di primissimo piano nel panorama teatrale capitolino. L'incontro di queste tre componenti innesca un cortocircuito ricercato e viscerale, dirompendo in quattro serate sold out, certo preludio di un necessario ritorno in scena di questa vorticosa girandola di passioni per una ben più lunga tenitura.

Adesso sto lavorando a dieci dialoghi, una colorita sequenza; certo, qualcosa di più irrappresentabile non s'è ancora visto.(7 gennaio 1897, Arthur Schnitzler). Da qui è partito il giovane regista romano, Simone Giustinelli, per la realizzazione della sua ultima regia, “Girotondo”, che, nei due primi fine settimana di Ottobre (4 , 5 e 11 e 12) sarà in scena allo spazio teatrale “Carrozzerie n.o.t.” a Ponte Testaccio.

TOP