Zio Pino - Teatro Golden (Roma)

Scritto da  Venerdì, 27 Marzo 2015 

Simpatica e divertente la commedia diretta da Massimo Natale che ha debuttato martedì 24 marzo sul palco del Teatro Golden. "Zio Pino", questo il titolo dello spettacolo, è interpretato da un cast molto valido composto da Simone Montedoro, Euridice Axen, Stefano Fresi e Noemi Sferlazza.

 

Andrea Maia Teatro Golden e Kalitera presentano
ZIO PINO
con Simone Montedoro, Euridice Axen, Stefano Fresi
e con Noemi Sferlazza
di Massimo Natale, Ennio Speranza ed Andrea Tagliacozzo
regia di Massimo Natale
aiuto regia Julie Ciccarelli

 

Il testo è divertente, l’intesa degli attori è evidente, le battute sono simpatiche e niente affatto banali. Anche questa volta il Golden riesce nell’intento di allestire una commedia dai toni leggeri che, pur traendo spunto da fatti di cronaca tutt'altro che edificanti, regala al pubblico una serata di allegria caricaturizzando la realtà quel tanto che basta per renderla credibile a livello teatrale. "Zio Pino" - lavoro scritto dall’ensemble di autori composta da Massimo Natale, Ennio Speranza ed Andrea Tagliacozzo -, è perfettamente in linea con la cifra artistica del palco di via Taranto votato all’allestimento di pièce che, fra una risata e l’altra, cercano di stimolare piccole riflessioni sui valori della società attuale.

Lo spettacolo - interpretato da Simone Montedoro, Euridice Axen, Stefano Fresi e Noemi Sferlazza - ha debuttato martedì 24 marzo e rimarrà in scena fino al 19 aprile. I quattro attori protagonisti, guidati dalla mano registica di Massimo Natale, hanno la dote di seguire con scioltezza la scansione sostenuta delle battute, con l’effetto di riuscire a dare vita ad una interpretazione fluida e naturale.

Questa la storia. Lorenzo e Clelia (Simone Montedoro ed Euridice Axen), fratello e sorella, vivono con l’anziano ed ammalato zio Pino, ex generale, che gode di una pensione d’oro. I due ragazzi sopportano ogni intemperanza del vecchio parente, fissato in modo maniacale con le vecchie glorie militari, pur di poter beneficiare del suo cospicuo vitalizio. Quest’ultimo, costituisce un elemento non secondario della bislacca convivenza perché è il fattore che mette i ragazzi al riparo dalla necessità di dover lavorare per mantenersi. Fra i due è Clelia la più determinata a trarre vantaggio dalla situazione, anche quando le condizioni per vivere alle spalle dello zio vengono meno. Lorenzo, debole ed insicuro, viene travolto dai piani della sorella che, con tutta evidenza, gode di notevoli doti di persuasione. E il suo ascendente si estende anche ad un altro personaggio in scena, Matteo (Stefano Fresi) che è sostanzialmente estraneo alla vicenda, ma si lascia coinvolgere nei suoi meandri rimanendone invischiato mani e piedi. L’equilibrio precario creato dai tre viene scosso dall’arrivo di un’ospite inattesa, Viviana (Noemi Sferlazza), che si infila nelle vite dello scombinato gruppo in maniera tanto imprevista quanto insidiosa.

Conferma le sue capacità attoriali Simone Montedoro, che in "Zio Pino" veste i panni di un imbranato giovane disoccupato, anonimo anche nell’abbigliamento, incapace di affrancarsi dalle pretese dispotiche della sorella. L’idea del personaggio che si voleva chiamare in causa riesce alla perfezione grazie alla studiata gestualità di cui l’attore si fa espressione. Divertentissimo Stefano Fresi nel ruolo dell’inopportuno ed invadente Matteo, innamorato non corrisposto della bellissima Clelia, alle prese con la scrittura di una improbabile canzone d’amore. Incisiva Euridice Axen con la sua interpretazione tagliente, propria di una donna, Clelia per l’appunto, che dei valori morali non sa cosa farsene. Infine, brava Noemi Sferlazza, che dando vita al personaggio di Viviana ben si inserisce in questa squadra.

 

Teatro Golden - via Taranto 36, Roma
Per informazioni e prenotazioni: telefono 06/70493826, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orario spettacoli: dal martedì al sabato ore 21, domenica ore 17, lunedì e mercoledì riposo
Biglietti: intero € 25 (+ 2 diritto di prevendita), ridotto € 20 (+ € 2 diritto di prevendita)

Articolo di: Simona Rubeis
Grazie a: Daria Delfino, Ufficio stampa Teatro Golden
Sul web: www.teatrogolden.it

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP