Villa Dolorosa - Teatro Vascello (Roma)

Scritto da  Sabato, 10 Ottobre 2015 

Dal 5 al 13 ottobre. Roberto Rustioni, uno degli artisti che Le vie dei Festival ha scelto di accompagnare nel suo percorso, torna al Teatro Vascello con "Villa Dolorosa", che aveva presentato lo scorso anno come primo studio e che ha debuttato nella sua forma definitiva al Festival delle Colline Torinesi. Il testo della giovane drammaturga tedesca Rebekka Kricheldorf, costituisce una sorta di riscrittura delle Tre Sorelle di Čechov, particolarmente ricca di inedite suggestioni.

 

Produzione Fattore K presenta
VILLA DOLOROSA
Tre compleanni falliti
liberamente tratto da Tre sorelle di Anton Cechov
uno spettacolo di Roberto Rustioni
testo di Rebekka Kricheldorf
traduzione Alessandra Griffoni
adattamento e regia Roberto Rustioni
con Federica Santoro, Roberto Rustioni, Eva Cambiale, Carolina Cametti, Emilia Scarpati Fanetti, Gabriele Portoghese
assistente alla regia Gabriele Dino Albanese
luci Paolo Calafiore
un ringraziamento particolare a Paolo Grossi
in collaborazione con Associazione Olinda Onlus e Cadmo/Le Vie dei Festival
progetto ideato nell'ambito di Fabulamundi Playwriting Europe 2014
residenza Carrozzerie n.o.t.

 

La storia è ambientata in Germania, ai nostri giorni, in una villa un po' fatiscente, dove una famiglia bohemienne, tragica ed ironica come la vita, festeggia, nel tempo, con alterne sfortune, il compleanno di Irina. Un percorso accidentato ed inevitabile sulla possibilità della felicità.

Veniamo accolti nel salotto vintage e decadente della Villa, i mobili riflettono il passato ed il presente, il caos spontaneo, un'ipotesi di futuro. Malinconie si addensano nell’aria, si tengono a bada, raramente, cercando la complicità dell’auto-stordimento… Fru-stra-zio-ne!

Aleggianervosaedimprendibilesottoinostriganglinervosi. Costantemente. Si cerca la ragione, si tace la troppo nota insensatezza. Ci si nasconde, ognuno nella propria dolorosa sicurezza: Irina dietro il mancato studio, Masha sotto un matrimonio vigliacco, Olga nel frastuono assordante del suo liceo, fondato su inevitabili, susseguenti, arroganti fallimenti umani. Andrej ha un romanzo dentro, che gli culla l’anima, lo protegge dalla quotidianità, alla quale non sa e non vuole sottrarsi; si rifugia in una ragazza, Janine, si sposano, restano innamorati per cinque minuti e sposati per sempre, rinunciano alla loro essenza e lasciano che due estranei prendano arbitrariamente il loro posto.

Andrej ha un amico, Georg. Entra nella casa, nelle loro vite, come cartina al tornasole… un ispettore del senso della vita, si interroga, fa interrogare… fa innamorare Masha, che però resta paralizzata di fronte all’opportunità di scommettere su se stessa. Rapportata al succedersi dei compleanni (e degli anni), la vita sembra reiterarsi immobile, sospesa sulle stesse irrinunciabili abitudini, regali, musica, liquori, mentre ci si inganna sul protrarsi avanti. Il tutto è sussurrato con un velo d’ironia, sarcasmo, strappi di tentata gioia, progetti, sospetti, dispetti, ricatti, pianti strozzati, risate sguaiate, vene simulate, attese disattese… probabilmente gli esseri umani fra 200 anni avranno imparato ad essere più felici, ma noi non ci saremo, quindi animo! Cogliamo l’opportunità di esserlo subito!

La regia di Rustioni è sempre interessate, piacevole, accogliente, lascia crescere i personaggi a poco a poco e valorizza le sensibili ed accattivanti capacità degli attori di restituire l’umanità e la fragilità dei singoli personaggi. E’ giusto citarli tutti, Federica Santoro, Eva Cambiale, Carolina Cametti, Emilia Scarpati Fanetti e Gabriele Portoghese, brillanti, disincantati equilibristi sul filo dell’esistenza.

Nelle note di regia, Rustioni ricorda che Cechov, in una lettera del 1904, scriveva: "..e poi questa vita, della quale non sappiamo niente, merita tutte le tormentose meditazioni nelle quali si logorano le nostri menti russe? Vorrei rispondergli: nonostante tutto, probabilmente, sì". Aggiungo: “"Vi consiglio di andare a vedere Villa Dolorosa? Sicuramente sì!"

 

Teatro Vascello - via Giacinto Carini 78, 00152 Roma (zona Monteverde Vecchio)
Per informazioni e prenotazioni:
telefono 06/5881021 - 06/5898031, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orario spettacoli: dal martedì al sabato ore 21, domenica ore 18
Botteghino: dal martedì al venerdì dalle 9 alle 21.30 orario continuato; lunedì dalle 9 alle 18; sabato dalle 11 alle 21,30; domenica dalle 14 alle 19
Biglietti: intero Prosa € 20, ridotto Prosa over 65 € 15, ridotto Prosa studenti € 12; posto unico Danza € 15; posto unico Sala Studio € 10; Servizio di prenotazione € 1 a biglietto
Durata: 1 ore e 50 minuti

Articolo di: Enrico Vulpiani
Foto di: Manuela Giusto
Grazie a: Simona Carlucci, Ufficio stampa Le Vie dei Festival
Sul web: www.teatrovascello.it

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP