Uno sbagliato - Teatro Golden (Roma)

Scritto da  Venerdì, 27 Ottobre 2017 

La fragilità dell’animo umano è il nucleo della stand-up comedy che ha debuttato il 24 ottobre al Teatro Golden, con repliche fino al 19 novembre. «Uno sbagliato» è il titolo del testo scritto, diretto ed interpretato da Edoardo Sylos Labini. Al fianco dell’artista, due bravissime performer che cantano dal vivo brani di genere diverso.

 

RG Produzioni presenta
UNO SBAGLIATO
di Edoardo Sylos Labini
con Edoardo Sylos Labini
e con Alice Viglioglia, Chiara Capobianco e Lorenzo Felice Tassiello
e con i ragazzi della Goldenstar Academy del Teatro Golden
regia Edoardo Sylos Labini

 

Si chiama Michael, ha quarant’anni, e prende la vita un po’ troppo di petto rischiando di lisciare sempre e comunque il momento giusto per assumersi le proprie responsabilità. Il rapporto eccessivamente disinvolto con il bicchiere, e in particolare con quel tipo di cocktail che richiama un celebre aperitivo made in Milan degli anni ’60, non lo aiuta nello sforzo di essere un individuo solido, prossimo alla terza paternità, con un’opaca quotidianità da gestire e un mutuo da pagare nel contesto di un quartiere con case tutte uguali, ciascuna custode di sogni ed amori diversi. A dare voce e volto a quest’uomo esuberante, impaziente, un po’ paranoico ed afflitto da manie di persecuzione, è Edoardo Sylos Labini, protagonista di «Uno sbagliato», proposto al Teatro Golden dal 24 ottobre al 19 novembre.

La pièce, concepita come una stand-up comedy, è ambientata all’interno di un Caffè perfettamente ricostruito a livello scenografico e racconta i tre giorni appena trascorsi di un ragazzo un po’ cresciuto alle prese con mille problemi, tutti scaturiti dalla sua sostanziale incapacità di filtrare i problemi prima di tirarli fuori dalla testa. Michael perde il posto di lavoro per un eccesso d’impetuosità e si ritrova in un bar assieme ai colleghi che prima lo osannano per l’azione compiuta, e poi lo lasciano solo per tornarsene docilmente in ufficio non appena termina la pausa pranzo. Lui litiga con Maria, la moglie, fugge da una situazione che gli appare eccessivamente complicata e si stordisce di drink finendo così nel letto di un’affascinante ragazza, viziata e disinibita quanto basta, che nel suo labirinto mentale rappresenta la persona che lo redimerà.

Il monologo, scritto e diretto dallo stesso Sylos Labini, è intervallato da stacchi musicali proposti dal vivo da due performer di livello, Alice Viglioglia e Chiara Capobianco. Le due artiste, con l’incisività della loro voce, si inseriscono pienamente nello spettacolo riuscendo a porre l’accento sui suoi passaggi chiave. Infatti, richiamano ed enfatizzano le emozioni che questo intende suscitare: la frenesia del ballo da discoteca, l’insipidezza del refrain evocativo del centro commerciale, la superficialità dell’incontro con la ventenne, la nota dolente di un rapporto sessuale consumato sotto l’effetto dell’alcool, la suggestione della passeggiata in riva al mare.

Anche l’abbigliamento di Michael sembra voler suggerire una fuga dalla responsabilità: la felpa col cappuccio ed il jeans abbassato sui fianchi richiama l’uniforme tipica dell’adolescenza, di quella età in cui ci si può ancora godere il lusso di rimanere ai margini degli obblighi sociali. Il protagonista è ironico, quando non proprio caustico, nel voler raccontare la tristezza che si nasconde dietro la smania di un adulto di passare da un superalcolico ad un altro fino al punto di non capire più quale sia la bussola dell’esistenza.

L’idea di un testo sottile e tagliente, allo stesso tempo capace di dare il giusto spazio all’abilità interpretativa del primo attore e alle doti vocali delle due cantanti, è ben realizzata nell’ambito di una superficie scenica completamente ridisegnata per l’occasione. La verve di Sylos Labini compensa qualche debolezza della struttura narrativa che comunque ha il merito di affrontare il non facile compito di svelare l’umanità di un povero disperato unitamente al vuoto di valori che talvolta leggiamo nella nostra società.

 

Teatro Golden - via Taranto 36, 00182 Roma
Per informazioni e prenotazioni: telefono 06/70493826, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orario spettacoli: dal martedì al sabato ore 21, domenica ore 17, sabato 1 e 8 novembre ore 17 e ore 21, lunedì e mercoledì riposo
Biglietti: intero € 26 (+ 4 diritto di prevendita), ridotto € 22 (+ € 3 diritto di prevendita)

Articolo di: Simona Rubeis
Grazie a: Daria Delfino, Ufficio stampa Teatro Golden
Sul web: www.teatrogolden.it

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP