Trappola Mortale - Teatro Sala Umberto (Roma)

Scritto da  Mercoledì, 05 Novembre 2014 

Dal 21 ottobre al 9 novembre. Dalla prolifica penna dello scrittore statunitense Ira Malvin Levin nel 1978 nacque il testo teatrale “Trappola Mortale”, che riusciva a coniugare con magistrale eleganza ed equilibrio i colori del noir con i toni più leggeri della commedia brillante. Probabilmente è grazie a questa particolare combinazione di generi che la pièce riscosse ben cinque anni di successi. Dopo la prima, infatti, avvenuta il 26 febbraio 1978 al Music Box Theatre di Broadway, lo spettacolo raggiunse ben 1793 repliche divenendo così il giallo più rappresentato nella storia di Broadway.

 

Gianluca Ramazzotti per Associazione Culturale Artu’ presenta
TRAPPOLA MORTALE
di Ira Marvin Levin
traduzione di Luigi Lunari
adattamento di Ennio Coltorti
con Corrado Tedeschi, Ettore Bassi, Miriam Mesturino, Giovanni Argante e Silvana De Santis
regia di Ennio Coltorti

Evidentemente il successo fu tale che il passaggio sul grande schermo era solo questione di tempo; infatti è nel 1982 che il regista Sydney Lumet dirige l'omonima pellicola cinematografica con protagonisti Michael Caine e Christopher Reeve.

Ma la sua genesi teatrale ha dimostrato nel tempo una longevità di tutto rispetto; in Italia, in particolare, la prima edizione, andata in scena circa venticinque anni orsono, ebbe un successo tale da conquistare il prestigioso premio del “Biglietto d’oro”. In quell’occasione il protagonista era Paolo Ferrari, ma la regia era anche in quell'occasione firmata da Ennio Coltorti che cura anche l’adattamento attualmente in scena alla Sala Umberto confermando, se non superando, le più rosee aspettative in termini di accoglienza riservata dal pubblico.

La storia ruota attorno ad un commediografo di grande prestigio, Sydney Bruhl (Corrado Tedeschi), precipitato da anni in una crisi creativa che gli impedisce di conferire la giusta tensione e drammaticità alle storie che tenta di scrivere, tanto da subire l’onta di incappare in incredibili fiaschi.

Pur di risollevare le sorti ormai compromesse della sua carriera, il nostro protagonista, nonostante gli inutili tentativi di dissuasione della devota moglie Myra (Miriam Mesturino) sembra ipotizzare un'azione atroce nei confronti di un allievo del suo corso di scrittura creativa, il giovane Clifford Anderson (Ettore Bassi); quest'ultimo infatti gli porta in visione un nuovo testo teatrale, appunto “Trappola Mortale”, che ad una prima lettura sembra presagire uno sfavillante successo.

La volontà di impossessarsi del manoscritto redatto in un unico esemplare, dà avvio ad una serie di situazioni sempre più incalzanti con colpi di scena imprevisti che terranno gli spettatori con il fiato sospeso fino all’ultimo secondo.

L’intreccio farà emergere in modo evidente come l’animo umano sia sempre intimamente combattuto tra spinte di forza opposte, in cui il confine tra il bene e il male, sempre più labile, finisce frequentemente per essere varcato dando libero sfogo ai propri istinti insaziabili ed ovviamente inconfessabili.

Tutti i protagonisti in scena riescono a calibrare con grande equilibrio i diversi registri interpretativi, spostando in maniera elegante le atmosfere emotive da quelle leggere tipicamente da commedia brillante a quelle misteriose ed oscure di un thriller al cardiopalma.

 

Teatro Sala Umberto - via della Mercede 50, 00187 Roma
Per informazioni e prenotazioni: telefono 06/6794753, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orario botteghino: lunedì/sabato ore 10/19 - domenica
ore 10/18
Orario spettacoli: dal martedì al venerdì ore 21, secondo mercoledì ore 17, sabato ore 17 e 21, domenica ore 17
Biglietti: intero platea € 32, balconata € 23

Articolo di: Dino De Bernardis
Grazie a: Silvia Signorelli, Ufficio stampa Teatro Sala Umberto
Sul web: www.salaumberto.com

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP