Studio sulla vecchiaia appoggiati su le sedie di Ionesco - Casa delle Culture (Roma)

Scritto da  Martedì, 24 Giugno 2014 

Dal 29 maggio al 22 giugno. La compagnia Ginepro Nannelli, dopo il brillante successo de “La Cantatrice Calva” dello scorso novembre, torna in scena realizzando, come da titolo, uno studio sulla vecchiaia ispirandosi ancora e felicemente al genio surrealista di Ionesco e alle sue “sedie”.

 

Compagnia Ginepro Nannelli presenta
STUDIO SULLA VECCHIAIA APPOGGIATI SU LE SEDIE DI IONESCO
diretto e interpretato da Patrizia D'Orsi e Marco Carlaccini
interventi sonori Claudio Rovagna
costumi Antonella D’Orsi Massimo
disegno luci Giuseppe Romanelli
tecnico luci Giulia Belardi
comunicazione Olga Carlaccini 


Due anime antiche, candide d'abito, di capelli, di spirito. Candide per la polvere che ricopre i propri ricordi, il proprio vissuto, le proprie amicizie, inimicizie, gli amori inespressi. Due anime sedute, si sostengono a vicenda, reciproco sestante di vita, faro di salvezza, specchio di giovinezza andata. Nel buio della loro solitudine, s'illuminano dei racconti reciproci, dei fantasmi di compagnia, la signorina è sempre bella, il cavaliere è sempre aitante e le gentilezze date e rese restano brillanti e cristallizzate.

A poco a poco la stanza si anima nei loro occhi, si perdono in un delizioso unisono di doveri d'ospite, non danno tregua all'incedere tracimante della malinconia, le due sedie fredde sembrano lasciar spazio al sole che entra dalle finestre, al delizioso vociare inconcludente delle feste, ai corteggiamenti sospirati o espliciti, alle risate, alla trepidante attesa degli astanti verso l'annuncio essenziale, lo svelamento del segreto della felicità, troppo ambizioso? Della serenità.

La coppia si affanna, saltella, indietreggia, si scosta, danza, spiazza, lo spazio si fa denso, il segreto è sull'orlo dell'esplosione, mille bocche di rosa che furono restano appese, i loro occhi cerulei sbattono vezzosi e furiosi in attesa, proni, adoranti da uomo su sedia e... invece il mistero implode.

Patrizia D'Orsi e Marco Carlaccini danno vita ad una preziosa e rarefatta atmosfera, densa di vita, di ricordi, di leziosa e sovversiva malinconia che seduce e illude, trasformando la passione per ogni singolo minuto vissuto in un'incantevole leggerezza che ci sussurra la nostra fortuna d'esser nati. 

 

Casa delle Culture - via San Crisogono 45, 00153 Roma
Per informazioni e prenotazioni: telefono 06/58157182 - 06/58333253, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

Articolo di: Enrico Vulpiani
Grazie a: Ufficio stampa Casa delle Culture
Sul web: www.casadelleculture.net - www.ginepronannelli.it 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP