Shakespeare loves Rome - Foro di Cesare (Roma)

Scritto da  Venerdì, 06 Settembre 2013 

Dal 31 agosto al 15 settembre. L' appuntamento tradizionale e piacevolmente atteso da pubblico romano e turisti della rassegna Passaggi Segreti, giunto alla diciassettesima edizione, in quest'ultimo scorcio d'estate capitolina fa ritorno nella ormai abituale cornice del Foro di Cesare, tra le antiche vestigia degli albori dell'epoca imperiale. L'atmosfera ineffabilmente suggestiva dell'ambientazione, l'elegante poliedricità attoriale e sottile ironia dell'affiatata compagnia di interpreti e gli immortali versi scespiriani ritagliati, intrecciati, amalgamati in un'alchimia inedita, sotto la direzione sicura e creativa di Roberto Marafante, regalano allo spettatore una serata all'insegna di sentimento e genuina comicità.

 

 

 

 

 

 

La Bilancia produzioni presenta
nell'ambito della XVII edizione della rassegna Passaggi Segreti
SHAKESPEARE LOVES ROME
da William Shakespeare (Come vi piace, La bisbetica domata, La tempesta, Molto rumore per nulla, Pene d’amor perdute, Romeo e Giulietta, Sogno di una notte di mezza estate)
con Maria Chiara Centorami, Sebastiano Colla, Michele Costabile, Pierpaolo De Mejo, Martino Duane, Silvia Salvatori, Lorenza Sorino, Francesca Romana Succi
musiche H. Purcell, “The Fairy-Queen”
costumi Giusy Nicoletti
disegno luci Stefano Valentini
progetto acustico Tiziano Stampete
aiuto regia Lilla Vancheri
direttore di scena Alessandro Massimi
organizzazione generale Stefano Marafante e Alberto Cassarino
progetto grafico Elisa Abbadessa
regia di Roberto Marafante

 

 

Un progetto teatrale contraddistinto da ricercatezza ed equilibrio tra diversi sapori - dalla brillante arguzia delle intemperanze amorose di quattro giovani coppie di innamorati all'indescrivibile potenza evocativa delle liriche di Shakespeare - accompagna le ultime propaggini dell'estate romana; dopo la ridanciana e sgargiante comicità del "Nerone" di Ettore Petrolini portato in scena lo scorso anno da Michele La Ginestra, in questa diciassettesima edizione della fortunata rassegna, l'abile regia di Marafante torna a condurci per mano lungo un affascinante percorso itinerante attraverso le sontuose memorie suggerite dal Foro di Cesare. La cifra drammaturgica scelta in questa occasione è maggiormente sobria, elegante e tale da mirare alla suggestione e al sottile coinvolgimento emozionale piuttosto che alla risata immediata e smargiassa; decisione a nostro avviso più che azzeccata, che valorizza pienamente lo spirito originario dei Passaggi Segreti riuscendo ad armonizzare in maniera sorprendentemente naturale tradizioni drammaturgiche e suggestioni provenienti da epoche notevolmente diverse.
Lo spettatore si trova dunque a percorrere un viaggio dal fascino onirico, al fianco dei più celebri personaggi dell’immaginario letterario shakespeariano: dai quattro inquieti innamorati – Lisandro, Demetrio, Ermia ed Elena – impegnati ad inseguirsi attraverso il tenebroso bosco del “Sogno di una notte di mezza estate” tra un tiro mancino del birbante folletto Puck e una dichiarazione d’amore sperticata, alla ritrosia capricciosa della “Bisbetica domata” Caterina pronta ad ingaggiare una pungente schermaglia a suon di taglienti invettive e amorosi aforismi col nobile gentiluomo Petruccio, sino al raffinato e coinvolgente garbuglio di maldestri corteggiamenti, lazzi e improbabili mascheramenti che contrappone da un lato il sovrano Ferdinando di Navarra e i nobili cavalieri della sua corte e dall’altro la Principessa di Francia con le sofisticate dame del suo seguito in “Pene d’amor perdute”. E ciò che forse stupisce maggiormente è proprio l’immediatezza con cui queste trame dissonanti, questo nugolo di tumultuosi personaggi, si fondono in un unicum organico e piacevolmente trascinante, adatto a spettatori di ogni età e palato teatrale.
Merito indiscutibilmente di un allestimento confezionato con gusto ed equilibrio dalla direzione registica sapiente di Marafante ed ulteriormente valorizzato dagli originali costumi di Giusy Nicoletti – efficace la scelta orientata alla monocromia e all’intrecciarsi tra verosimiglianza storica e modernità - e dal disegno luci di Stefano Valentini che accarezza ed esalta la monumentale magnificenza della scenografia regalata dal Foro di Cesare con le imponenti colonne del tempio di Venere Genitrice ed il palcoscenico offerto dal portico occidentale con le retrostanti taberne. Del tutto convincenti le interpretazioni dell’intera compagine attoriale, capace di saltellare in maniera credibile e disinvolta tra diverse opere, epoche, personaggi, stili ed atmosfere senza perdere neppure per un istante in intensità e carisma: in particolare un plauso all’ottimo Pierpaolo De Mejo, tanto incisivo e pungente nei passaggi più ironici di questo riuscito collage scespiriano quanto appassionato e sensibile in quelli dominati dal romanticismo, e alla frizzante ed istrionica padronanza della scena mostrata da Silvia Salvatori.
Realmente affascinante questa rappresentazione costantemente in bilico al confine tra realtà e fantasia: tra mascherate capaci di celare inconfessabili segreti dietro ben congegnate finzioni, teneri e fervidi slanci passionali ed il filo conduttore rappresentato da “The Feary-Queen”, su libretto di Henry Purcell, che costituisce il perfetto sfondo musicale di questo vibrante sogno di una notte di mezza estate, i Passaggi Segreti testimoniano ancora una volta la loro inconfondibile identità performativa, tra il piacere di riscoprire le immortali vestigia del nostro passato e l’originalità di una drammaturgia che travalichi con eleganza secoli, stili e confini troppo rigidamente definiti.

 

 

Foro di Cesare - ingresso Clivo Argentario (Carcere Mamertino)
Per informazioni e prenotazioni: mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , telefono 06/6795130 (prenotazione obbligatoria)
Per acquistare online: Vivaticket
Orario spettacoli: ore 21.00
Biglietti: intero 30 euro, ridotto 25 euro (valido per gli abbonati e per tutte le strutture convenzionate col teatro del Teatro de' Servi)
Orario botteghino (presso il Teatro de' Servi): da lunedì a sabato dalle ore 10.00 alle ore 19.00, domenica chiuso

 

Articolo di: Andrea Cova
Grazie a: Ufficio stampa Carla Fabi & Barbara Ghinfanti
Sul web: www.passaggisegreti.it

 

 

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP