Senza Incrociazioni - Roma Fringe Festival 2015 (Roma)

Scritto da  Sabato, 06 Giugno 2015 

Torna l’estate e torna il festival più estivo della Capitale: il Roma Fringe Festival! Nuova la location, i suggestivi giardini di Castel Sant’Angelo che con i loro tre palchi ospiteranno ogni sera nove spettacoli differenti per un totale di più di 80 rappresentazioni in concorso fino al 5 luglio. Iniziamo con il raccontarvi "Senza Incrociazioni" di Francesco Stella, con la regia di Michela Cangi, commedia che si prefigge di affrontare attraverso la risata il delicato tema della Vita e della Morte.

 

Compagnia I 3atro presenta
SENZA INCROCIAZIONI
di Francesco Stella
regia Michela Cangi
con Francesco Stella e Giuliano Calandra
musiche originali Vintage Factory

 

Daniele e Nicola sono due amici sulla trentina che per lavoro fanno i “becchini”, la differenza che intercorre tra loro è come declinano questa scelta di vita nella quotidianità: infatti, mentre Daniele è "figlio d’arte" e tra le bare nel negozio di famiglia ci è cresciuto, Nicola non riesce ad accettare come gli altri percepiscono il suo lavoro ed è sempre depresso e nervoso anche a causa del poco appeal che tumulare cadaveri suscita nelle donne. Daniele ironizza continuamente sulla morte con freddure e aneddoti ma soprattutto creando parallelismi con la sua più grande passione: il ciclismo. Ed è così che ogni evento della sua giornata diventa motivo per spiegare all’amico, intento nel suo irrisolvibile cubo di Rubik, la storia del ciclismo da Bertani a Pantani, parlando dei loro punti di forza, delle più grandi vittorie e delle loro cadute come fossero veri eroi di guerra.

Lo spettacolo diverte molto il pubblico presente, con la sua scrittura rapida e colorita da sferzanti battute e battibecchi tra i due amici. Bravi gli attori nella caratterizzazione dei personaggi: Francesco Stella ci regala un Daniele sognatore e ottimista, sempre dall'ironia pronta e dallo scatto ancheggiato come i veri ciclisti. Giuliano Calandra è un Nicola amareggiato, in costante attesa che qualcosa nella sua vita cambi ma mai davvero pronto a reagire, se non davanti ad un vero scossone che lo costringerà a prendere in mano la sua sorte con un sorriso, come l’amico gli consigliava sempre di fare. Credibili nei loro ruoli soprattutto nei momenti comici, un po’ meno nelle punte più tragiche, certamente una scelta voluta per tenere sempre alto lo spirito dello spettatore, che lascia la gradinata divertito ma con quella punta di malinconia che serve in una commedia a non farsi scivolare tutto addosso e a creare un confronto con la propria vita trasformando quanto visto in esperienza.

Emozionante nel testo il passaggio in cui Daniele racconta all’amico, rattristato dalla bara bianca che devono seppellire, del funerale di suo cugino e di come abbia provato a trattenere le lacrime e sembrare forte finché suo padre non gli spiegò che accettare di piangere è l’unico modo per essere felici e che quelle lacrime potevano essere un abbraccio per chi non c’è più e un conforto per chi resta.

La scenografia - a parte il meraviglioso castello alle loro spalle - appare molto semplice, tre cubi che opportunamente assemblati vanno a creare le varie situazioni, il sagrato di una chiesa, il cimitero del Verano, il paesino sperduto di Sgurgola, tutto molto accennato ma consono alla rapidità del linguaggio e delle scene.

Lo spettacolo, seppur condensato rispetto al formato originale, mantiene un buon ritmo ed è godibile proprio grazie al dinamismo delle scene e all’ottima interazione tra gli interpreti.

Solo una riga per ricordare quanto la partecipazione del pubblico al Roma Fringe Festival sia fondamentale per decretare il vincitore, si può infatti votare con il proprio biglietto e i più votati della settimana si sfideranno ogni sabato fino a definire i finalisti che sarà poi la giuria critica a valutare. Quindi un motivo in più per andare al Fringe e far vincere il migliore!

 

Roma Fringe Festival 2015 - Giardini di Castel S. Angelo (Roma)
Orario spettacoli: ogni giorno dalle 9.00 alle 2.00 di notte
Biglietti: ingresso gratuito all’area, per gli spettacoli 5 euro

Articolo di: Chiara Girardi
Grazie a: Marta Volterra e Eleonora Turco, Ufficio stampa Roma Fringe Festival 2015
Sul web: www.romafringefestival.it - www.romexpo.it

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP