Sempre Domenica - Teatro India (Roma)

Scritto da  Sabato, 16 Marzo 2019 

Dal 21 al 24 febbraio è andato in scena al Teatro India “Sempre domenica” di Controcanto Collettivo, ideato e diretto da Clara Sancricca, già vincitore del Premio Miglior Spettacolo della rassegna “Dominio Pubblico - La città agli under 25” e di “Inbox 2017 - rete di sostegno per la distribuzione del teatro emergente”, che va ad impreziosire il cartellone della stagione in corso del Teatro di Roma, consolidando e sostenendo la fucina di nuove creatività della scena romana. Fianco a fianco sul palcoscenico incontriamo i componenti di Controcanto Collettivo, giovane ensemble dei Castelli Romani formatosi nel 2010 - Federico Cianciaruso, Riccardo Finocchio, Martina Giovanetti, Andrea Mammarella, Emanuele Pilonero e Giorgio Stefanori - per uno spettacolo in equilibrio fra leggerezza e profondità, dal sapore dolce-amaro.

 

Produzione Controcanto Collettivo presenta
in coproduzione con Progetto Goldstein
in collaborazione con Dominio Pubblico
SEMPRE DOMENICA
drammaturgia Controcanto Collettivo
ideazione e regia Clara Sancricca
con Federico Cianciaruso, Riccardo Finocchio, Martina Giovanetti, Andrea Mammarella, Emanuele Pilonero, Giorgio Stefanori

 

Sei sono le sedie, tutte diverse, disposte in fila al centro del palcoscenico, sei sono gli attori che prenderanno posto, lì, di fronte a noi, pronti a dare vita, con lo sguardo fisso nel nostro, a tante piccole storie di quotidianità, così vicine al nostro vissuto da farci dimenticare che siamo a teatro.

Il tema è quello blasonato del lavoro, ma la crisi occupazionale che attanaglia la nostra generazione negli ultimi anni per una volta non è la protagonista. Al centro, tema comune alle vicende che si intersecano senza mai confondersi, è tutto quello che resta: quando il lavoro bene o male c’è, quali sono i rospi che abbiamo dovuto ingoiare sotto la minaccia psicologica del “non puoi lamentarti, proprio tu che un lavoro l’hai trovato”? Cosa rimane nelle nostre vite, nella nostra mente e nella nostra anima una volta che siamo costretti a scendere a compromessi con la realtà? Quando le nostre giornate sono interamente occupate da impieghi che non ci gratificano e le nostre energie prosciugate dalle incombenze quotidiane, cosa rimane dei sogni e degli ideali in cui credevamo, o pensavamo di credere?

Nel dipanare questo argomento, prendono vita sotto i nostri occhi le storie di vite giovani, giovanissime, in cui rispecchiarsi è fin troppo semplice. Una giovane laureata ridotta a fare la segretaria compiacente, un ricercatore universitario spronato ad accettare un lavoro lontano dalle proprie aspirazioni, un operaio obbligato dalle circostanze a farsi carico di nuovo lavoro “aggratiss”, un ragazzo destinato a seguire le orme del lavoro di famiglia per cui non si sente portato, il receptionist di un hotel licenziato per aver reagito agli abusi psicologici di un cliente. Tante storie che ci sembra di toccare, grazie unicamente alla bravura ed al realismo degli attori in scena, che utilizzano la propria voce e la propria gestualità come unico strumento scenico, lasciando da parte giochi di luce, musiche o scenografia.

Un lavoro molto ben riuscito, un racconto amaro ma ironico, delicato ma accusatorio, del lato b della nuova generazione. E, come diceva Vasco Rossi nella sua canzone del 1985 che dà il titolo alla pièce e che chiude lo spettacolo lasciandoci con le lacrime agli occhi, “t'immagini la faccia che farebbero se da domani davvero, davvero tutti quanti smettessimo”. Forse, per una volta, dovremmo davvero provare a farlo.

 

Teatro India - Lungotevere Vittorio Gassman (già Lungotevere dei Papareschi) 1, 00146 Roma
Per informazioni e prenotazioni: telefono 06.684.000.311/314, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orario spettacoli: giovedì e domenica ore 21, venerdì e sabato ore 19
Biglietti: intero 20€, ridotto 16€, scuole e studenti €14
Durata spettacolo: 85 minuti

Articolo di: Serena Lena
Grazie a: Amelia Realino, Ufficio stampa Teatro di Roma
Sul web: www.teatrodiroma.net

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP