Sei personaggi in cerca d'autore - Teatro Parioli (Roma)

Scritto da  Enrico Bernard Domenica, 01 Dicembre 2013 

Dal 28 novembre all'8 dicembre. All’ingresso del teatro troneggia la gigantografia che immortala Pirandello in affettuoso atteggiamento coi fratelli De Filippo, Eduardo-Titina-Peppino. E proprio a Peppino De Filippo è dedicato il teatro Parioli, segno di un collegamento con la grande tradizione teatrale italiana del Novecento.

 

 

 

 

 

 

 

 

Compagnia del Teatro Carcano fondata da Giulio Bosetti
e diretta da Marina Bonfigli presenta
Antonio Salines, Edoardo Siravo, Valentina Bardi, Paola Rinaldi e Michele Di Giacomo in
SEI PERSONAGGI IN CERCA D’AUTORE
di Luigi Pirandello
regia Giulio Bosetti
e con Anna Canzi, Cristina Sarti, Giovanni Argante, Daniele Crasti, Vladimir Todisco Grande, Gabriella Casali, Alessandra Salamida
costumi di Carla Ricotti
musiche di Giancarlo Chiaramello
movimenti mimici di Marise Flach
I personaggi della commedia da fare
Il Padre - Antonio Salines
La Madre - Paola Rinaldi
La Figliastra - Valentina Bardi
Il Figlio - Michele Di Giacomo
Madama Pace - Anna Canzi
Gli attori della compagnia
Il Direttore-Capocomico - Edoardo Siravo
La Prima Attrice - Cristina Sarti
Il Primo Attore - Giovanni Argante
La Seconda Donna - Gabriella Casali
L’Attrice Giovane - Alessandra Salamida
L’Attor Giovane - Daniele Crasti
L’Attore-Segretario, Il Suggeritore - Vladimir Todisco Grande
Il Direttore di scena - Mario Andri
Il Macchinista - Gregorio Pompei

 

 

Se dovessimo abbozzare una storia della nostra drammaturgia sulla base di quella foto, avremmo a disposizione gli elementi principali della formula del teatro italiano di scrittura. Basti pensare che proprio Eduardo debuttò con una parodia, cui prese parte anche il fratello Peppino, dei Sei personaggi. Correva l’anno 1922 e pare che il non ancora ventenne Peppino si prese un mezzo accidente quando scorse seduto su una poltrona del Mercadante di Napoli Pirandello stesso che aveva debuttato con strascichi polemici e con una semirissa all’Eliseo di Roma: qualcuno (Adriano Tilgher) aveva definito Pirandello addirittura “pazzo”, non solo per la sua drammaturgia, ma anche per il carattere un po’ fumantino. Peppino corse in camerino ad avvertire il giovanissimo Eduardo: “chill’ te vatte!” (quello – Pirandello – ti riempie di botte). Eduardo non si fece intimorire e andò lo stesso in scena con una delle sue prime farsette che prendeva in giro l’opera, fresca di palcoscenico, dell’Agrigentino.


Si racconta che Pirandello, anziché risentirsi, andò a congratularsi coi fratelli De Filippo per quell’arguta parodia dei Sei personaggi: ne nacque una profonda amicizia che in qualche modo segnò la storia del teatro italiano. Eduardo infatti divenne uno dei più attenti lettori di Pirandello (Ditegli sempre di sì è, come si sa, scritto sulla falsariga dell’Enrico IV), insomma un punto di riferimento costante – e lo stesso può dirsi per Peppino – di una strategia drammatica che, sul versante Eduardo, sfociò nella traduzione e interpretazione eduardiana in napoletano (insieme al figlio Luca) de Il berretto a sonagli.


Ma il Teatro Parioli “Peppino De Filippo - sotto l’attenta e competente direzione artistica dell’attore e regista del figlio dello stesso Peppino, Luigi - è luogo ideale per i Sei personaggi non solo per questioni di storia teatrale. Vi sono indubbiamente altri motivi intrinseci all’opera che rapportano il testo di Pirandello alla sede di questa recita. Come tutti sanno, il Teatro Parioli è situato nel quartiere alto-borghese della Roma-bene: la questione è che l’opera pirandelliana verte proprio sullo smascheramento della falsità e delle ipocrisie borghesi. Pirandello denuncia insomma la maschera sociale (il Ciampa del Berretto usa la definizione di “corda socievole”) con cui la classe borghese nasconde anche a se stessa le proprie ignominie, le proprie zona d’ombra, le proprie malefatte, il marcio interiore: quel marcio che si nasconde innanzitutto nei rapporti familiari - apparentemente limpidi, finché non si apre la spioncino della porta per guardare con l’occhio di Edipo all’interno.


Ecco dunque che Pirandello, nello smontare e rimontare il dramma borghese con la formula tipica del teatro-nel-teatro di origine romantica (vedi Enrico Bernard Pirandello lettore e plagiatore di Ludwig Tieck, http://www.amnesiavivace.it/sommario/rivista/brani/pezzo.asp?id=297 pubblicato anche dalla Nuova Rivista di Studi Germanici diretta da Paolo Chiarini) prende a pretesto un drammone borghese, neppure tanto originale ma paradossalmente ancora attuale, in cui una baby-squillo, costretta a prostituirsi dalla "situazione" prodotta dai comportamenti immorali dei genitori, si ritrova nuda nel bordello con un cliente speciale: il patrigno.


Come non pensare allora immediatamente al recentissimo scandalo dei Parioli, i tanti casi delle baby squillo di alcune famiglie benestanti che, stando ai resoconti, sono state in qualche modo gestite o tollerate dai genitori? Ecco allora che l’opera di Pirandello, che tratta proprio il tema della maschera sociale sotto il cui perbenismo si nascondono comportamenti ignobili come l’induzione o il favoreggiamento della prostituzione minorile, assume un significato di fortissima attualità e dimostra come il teatro, anche quello classico, oltre ad essere un fatto culturale, è anche uno strumento di denuncia in cui il “grido” e lo “sparo” sono segnali di rivolta. E nei Sei personaggi proprio il grido della madre che scopre l’ex marito in compagnia della figlia nel bordello, e lo sparo con cui si suicida il bambino che non vuole più vedere gli orrori morali della famiglia-società (come in tante storie, purtroppo vere, il bimbo ha trovato un’arma in casa): ecco gli strumenti chiave della denuncia di Pirandello che usa teatro e attori per portare alla luce il dramma degli istinti peggiori celati dalla morale borghese.


Antonio Salines umanizza in questo contesto il personaggio del padre: ce lo mostra simile allo stimato brav’uomo della porta accanto, che vediamo uscire di casa ogni mattina ben vestito e ripulito, ma del quale ignoriamo gli istinti pedofili e l’ossessiva ricerca di rapporti sessuali con minori. E’ veramente con pezzi di bravura che Salines riesce a compiere il miracolo della universalizzazione del personaggio, la cui vicenda non è più personale, ma diventa “colpa” di tutti. Per questo Pirandello imponeva la maschera ai Sei personaggi, proprio per staccarli dalla dimensione del “particolare” ovvero della “singola storia”, per trasformarla in una drammatica “comune” e coinvolgente per ogni spettatore: ognuno si porta dentro il fardello individuale, la parte buia, ancestrale, e il teatro serve proprio a generare la “catarsi”, cioè la conoscenza di sé.


Abolita la maschera, ma pochi hanno accolto per intero la didascalia pirandelliana che la imporrebbe, anche gli altri personaggi devono lottare arduamente per raggiungere quel livello, appunto di universalità, che il ruolo assegnato da Pirandello richiede. Bravissima Valentina Bardi (La Figliastra) a scardinare il gioco delle illusioni, i rispecchiamenti tra realtà vera e realtà rappresentata, tra verità e fiction insomma, inseguendo la caratteristica tipica del dettato pirandelliano: quella di assumere le sembianze della Vendetta che scatena, sia pur involontariamente, come una Furia arcaica la serie di eventi drammatici che avvolgono i Sei personaggi fino a farli sparire in un vortice infernale.


E una menzione particolare va alla Madre di Paola Rinaldi il cui volto si trasforma in una vera e propria maschera di dolore, una maschera di carne che si sostituisce propriamente all’idea pirandelliana.


Dall’altra parte, dal versante degli attori della compagnia, risulta trascinante il Direttore-Capocomico di Edoardo Siravo, gigione al punto giusto quando serve, divertito e divertente, stupefatto e poi annichilito dalla verità che gli si presenta sotto gli occhi, la realtà che chiede solo di essere rappresentata e alla quale lui, di buon grado e con un pizzico di bramosia autoriale, cerca di adattarsi bofonchiando: il teatro è il luogo della verità, d’accordo, ma fino ad un certo punto.


Due parole conclusive sulla regia del compianto Giulio Bosetti, col quale però non ero molto d’accordo allora e resto della mia opinione ora. Bosetti riprende la storica versione di Giuseppe Patroni Griffi apportando però una modifica essenziale: nella didascalia pirandelliana, è noto che i Sei personaggi giungono dalla platea. Pirandello ha scritto testualmente che gli attori si voltano quando si accorgono degli intrusi che stanno attraversando il pubblico per salire sul palcoscenico. Questo spostamento dell’attenzione provoca anche un movimento dello sguardo degli spettatori che sono costretti a guardarsi dietro le spalle: i Sei personaggi si muovono insomma dalla realtà verso il palcoscenico, e non vengono direttamente, come nella versione di Bosetti, dal palcoscenico. Tantomeno accompagnati da un tuono, dalla pioggia scrosciante e da un corto circuito. Il tuono c’è nelle opere di Pirandello, ma in Questa sera si recita a soggetto che riprende – con altri intenti - l’elemento della natura da Il mondo alla rovescia di Ludwig Tieck.


Questo modo di far entrare i Sei personaggi provoca un effetto horror del genere "apparizione dei fantasmi". Proprio quello che Pirandello non voleva annotando a chiare lettere:
I personaggi non dovranno infatti apparire come FANTASMI ma come REALTA’ CREATE (il maiuscolo è di Pirandello, ndr.), costruzioni della fantasia immutabili: e dunque più reali e consistenti della volubile naturalità degli Attori.


Al di là della questione filologica che interessa meno lo spettatore, bisogna chiarire che – seguendo il filo logico di Bosetti – il suo modo antipirandelliano di far comparire i Personaggi annulla l’effetto che Pirandello vuol dare col Teatro-nel-teatro: la creazione di una trasposizione di contenuti dalla realtà (la sala) sul palcoscenico (la finzione) che nella rappresentazione trovano l’attimo della catarsi (e della purificazione, cioè della Verità). Non basta più dunque che il Capocomico saltelli allegramente in sala mischiandosi al pubblico, poiché si è falsato il dato di partenza originario: i Personaggi non siamo più noi, essi non provengono più dal nostro mondo, ma semmai siamo tutti spettatori e artefici di una colossale comica drammatica e non di un dramma che assume, tramite gli Attori della Compagnia, aspetti umoristici (in senso pirandelliano): questo è quello che alla fine diventano i Sei personaggi nella lettura di Bosetti. Il quale ha giustificato la sua scelta con una rivelazione che non posso né confermare né smentire: un discendente di Pirandello gli avrebbe fatto leggere alcune note originali dell’Autore in cui si prospetta una simile soluzione.


Ne dubito - e comunque nelle “Maschere Nude”, l’edizione definitiva delle opere curate dall’Autore stesso, non mi risulta traccia di simili, devianti e formalmente incomprensibili modifiche che magari rendono lo spettacolo più commerciale con l’effettaccio horror alla The others, ma che allontana il testo dalle intenzioni di Pirandello che pensava - col teatro nel teatro – di trasformare gli spettatori in personaggi - “portatori” del dramma.

 

 

Teatro Parioli Peppino De Filippo - via Giosuè Borsi 20, 00197 Roma
Per informazioni e prenotazioni:
telefono 06/8073040, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orario botteghino: dal martedì al sabato 10.00-14.00/15.00-22.00, domenica 10.00-14.00/15.00-19.00
Orario spettacoli: dal giovedì al sabato ore 21, domenica e festivi ore 17
Biglietti: platea €25,00 - galleria €20,00


Articolo di: Enrico Bernard
Grazie a: Maurizio Quattrini, Ufficio stampa Teatro Parioli Peppino De Filippo
Sul web: www.teatropariolipeppinodefilippo.it

 

 

 

TOP