Scusate se parliamo d’amore - Off/Off Theatre (Roma)

Scritto da  Sabato, 26 Gennaio 2019 

Di cosa parliamo esattamente e veramente quando parliamo d’amore? Questo il tema centrale dello spettacolo Scusate se parliamo d’amore (Il teatro nelle storie di Raymond Carver)”, presentato da “Arthea” associazione culturale, con la drammaturgia e regia di Alberto Di Matteo, andato in scena all’ Off/Off Theatre di Roma.

 

“Arthea” associazione culturale presenta
SCUSATE SE PARLIAMO D'AMORE
(il teatro nelle storie di Raymond Carver)
con Barbara Rizzo, Andrea Mitri e Letizia Sacco
e con la partecipazione di Massimo Poggio
drammaturgia e regia Alberto Di Matteo

 

Barbara Rizzo, Andrea Mitri, Letizia Sacco e Massimo Poggio sono i protagonisti della storia. Due coppie di amici che, davanti ad una bottiglia di gin e una di soda, si troveranno a raccontarsi e a ricordare episodi della loro vita, con una lucidità alterata a causa dell’alcol. Il tema dell’amore e la rievocazione delle esperienze che ognuno di loro ha vissuto accompagneranno lo spettatore per tutta la durata della rappresentazione.

Storie passate, ex fidanzati, matrimoni finiti e attuali saranno spunto per le loro confidenze e conversazioni. Il pubblico potrà immergersi nei ricordi di storie d’amore precedenti e chiedersi cosa sia l’amore. Se esiste quello giusto, quali sono i sentimenti che si provano.

È mai possibile provare un amore smisurato nei confronti di qualcuno, pensare di essere tutto per l’altro, un amore assoluto nel vero senso della parola e poi improvvisamente non provarlo più? E, se a causa di successivi eventi, ci trovassimo a provare nuovamente quello stesso sentimento, o in misura diversa, nei confronti di un’altra persona? Potrebbe realmente accadere? E se accadesse…Cosa penseremmo? Come reagiremmo? Tutti quesiti che lasciano nello spettatore la curiosità di interrogarsi in seguito.

All’interno dello spettacolo vengono raccontate anche cose semplici, banali, quotidiane, che però celano in realtà qualcosa di più ampio, di più importante. Un qualcosa di misterioso, con un sottile senso di inquietudine. Simboleggiano un contenitore di storie, ispirandosi ai testi di Raymond Carver, scrittore americano i cui personaggi vivono spesso tale condizione e si trovano ad affrontare storie di vuoti, di verità non spiegate ed in definitiva inspiegabili. Lasciando spazio all’immaginazione dello spettatore, a cui sarà poi richiesto di trovarne il senso più autentico.

 

Off/Off Theatre - Via Giulia 19-20-21, 00186 Roma
Per informazioni e prenotazioni:
telefono 06/89239515, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orario spettacoli: dal martedì al sabato ore 21, domenica ore 17
Biglietti: intero 25€, ridotto over65 18€; ridotto under35 15€, gruppi 10€

Articolo di: Francesca Romana Tomassini
Grazie a: Carla Fabi e Roberta Savona, Ufficio stampa Off/Off Theatre
Sul web: http://off-offtheatre.com

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP