Santa Estasi - Piccolo Teatro Studio Melato (Milano)

Scritto da  Sabato, 26 Maggio 2018 

Fino a domenica 27 maggio è in scena al Teatro Studio Melato “Santa Estasi”, progetto diretto da Antonio Latella e basato sulla saga della stirpe degli Atridi; un lavoro epico non solo per la materia trattata ma soprattutto per la maestosa entità degli spettacoli e per la sconvolgente bravura degli attori.

 

SANTA ESTASI
Atridi: otto ritratti di famiglia
progetto speciale diretto da Antonio Latella
interpreti Alessandro Bay Rossi, Barbara Chichiarelli, Marta Cortellazzo Wiel, Ludovico Fededegni, Mariasilvia Greco, Christian La Rosa, Leonardo Lidi, Barbara Mattavelli, Gianpaolo Pasqualino, Federica Rosellini, Andrea Sorrentino, Emanuele Turetta, Isacco Venturini, Ilaria Matilde Vigna, Giuliana Vigogna
drammaturghi Riccardo Baudino, Martina Folena, Matteo Luoni, Camilla Mattiuzzo, Francesca Merli, Silvia Rigon, Pablo Solari
drammaturghi al progetto Federico Bellini e Linda Dalisi
allestimento e costumi Graziella Pepe
musiche Franco Visioli
luci Tommaso Checcucci
duelli, movimenti e coreografie Francesco Manetti
progetto video Lucio Fiorentino
assistente al progetto Brunella Giolivo
produzione Emilia Romagna Teatro Fondazione
con il sostegno di Fondazione Cassa di Risparmio di Modena

 

Viviamo in un paese con un governo fantoccio; un paese che non investe sulla cultura e sulla scuola e quindi rischia di "formare" generazioni senza memoria; un paese in cui i padri hanno completamente perso la capacità di essere punti di riferimento per i figli, che pagano questa colpa diventando adulti viziati, senza bussola, senza obiettivi, senza personalità. Suona familiare? Era già scritto nei capolavori delle tragedie greche e in particolare in quelle che raccontano la saga degli Atridi: tutto ha inizio con una sfida agli dèi da parte di Tantalo pronto a sacrificare il proprio figlio Pelope e che con questo gesto determina una maledizione che perseguiterà tutta la discendenza, fino ad arrivare alla tragedia più conosciuta da tutti, l'uccisione di Clitemnestra da parte dei figli Oreste ed Elettra.

A chi afferma che le tragedie greche sono materiale vecchio che non ha ormai nulla più da dire, sarebbe fortemente consigliata una visione di questo maestoso lavoro di Latella che insieme ai drammaturghi Federico Bellini e Linda Dalisi ha saputo creare qualcosa di davvero speciale: i testi si rifanno prevalentemente ad Euripide e Sofocle - con incursioni in Eschilo e Seneca - ma negli spettacoli non mancano spunti da Pasolini e Beckett, Simone Weil e Angelopoulos; ma non c'è "solo" questo, in alcuni spettacoli addirittura la metrica greca si mescola alla tradizione del rap (“Agamennone”); in un altro, il racconto diventa una manifestazione onirica e lisergica dei propri mostri interiori con atmosfere lynchiane (“Eumenidi”); in altri casi il racconto è totalmente privo di parole sul palco ed è affidato a registrazioni e suoni provenienti da altrove (“Crisotemi”).

È un progetto in cui vengono esplorate tutte le tecniche possibili, in cui non esistono limiti alla fantasia e alle possibilità espressive degli attori, in cui lo spettatore è continuamente stimolato da spunti di riflessione importanti. La bellezza e la fascinazione che provocano questi spettacoli si devono alla perfetta combinazione delle geniali intuizioni del cast creativo e tecnico, così come all'energia e alla bravura di questi sedici attori sempre in scena, sempre autentici anche quando non recitano e stanno immobili: un gruppo che nasce da un corso dell'ERT di alta formazione per attori e che è diventato una performance ambiziosa, ben strutturata e completa.

Uno spettacolo da non perdere, sia per chi studia teatro o frequenta l'ambiente da addetto ai lavori (sarà un'esperienza davvero formativa e stimolante) ma anche per un semplice pubblico di spettatori: se avete modo di assistere alla maratona del 27 maggio, fatelo! I singoli spettacoli sono delle prove attorali eclatanti, immaginatevi che esperienza davvero estatica, totalizzante e catartica possa essere assistere alle maratone in cui vengono presentati quattro spettacoli insieme: un momento di sospensione dalla banalità della quotidianità per uscire dallo spettacolo con profondi spunti di riflessione su se stessi e sull'attualità.

 

Piccolo Teatro Studio Melato - Via Rivoli 6, 20100 Milano
Per informazioni e prenotazioni: da lunedì a sabato 9.45-18.45; domenica 10-17 servizio telefonico allo 02.42.41.18.89
Orario spettacoli: martedì, giovedì e sabato ore 19.30; mercoledì e venerdì ore 20.30; domenica ore 16; sabato 25 e domenica 26 maggio, ore 15 - Speciale ‘Rassegna Santa Estasi’
"Santa Estasi" è composto da 8 spettacoli indipendenti che possono essere visti singolarmente (da giovedì 17 a venerdì 25 maggio 2018) o in rassegna, accorpati in due giornate di 4 spettacoli ciascuna (sabato 26 e domenica 27 maggio 2018) e con particolari modalità di ingresso.
Biglietti: platea 33 euro, balconata 26 euro

Articolo di: Emanuela Mugliarisi
Grazie a: Valentina Cravino e Edoardo Peri, Ufficio stampa Piccolo Teatro di Milano
Sul web: www.piccoloteatro.org

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP