Romeo and Juliet - Limonaia, Villa La Pietra (Firenze)

Scritto da  Domenica, 05 Agosto 2018 

Nello scenario suggestivo con vista mozzafiato di Villa La Pietra, è di scena la XII edizione di “The writers’ season, la stagione degli scrittori”, che ha debuttato il 22 giugno con “Romeo and Juliet”, performance teatrale realizzata dalla Continuum Company, sotto la direzione di Jim Calder. La tragedia di Shakespeare è riletta al femminile in un continuo cambio di ruoli che le tre interpreti sostengono efficacemente: una visione nuova dell’eterno conflitto amoroso, tra leggi dello Stato e del cuore, una sorta di “Antigone” della coppia. Protagoniste l’ironia e la scelta originale di unire il recitato con canti armonizzati, inserimenti di canzoni e canzonette note, uno sguardo al musical. Interpretazione di grande profilo, recitato in inglese americano.

 

The Continuum Company presenta
ROMEO AND JULIET
con Rosa Gilmore, Keren Lugo e Carra Patterson
regia Jim Calder

 

La sede della New York University - una delle più grandi università private degli Stati Uniti con più di 40.000 studenti che frequentano 18 facoltà e college in cinque principali sedi a Manhattan ed all’estero in Africa, Asia, Europa, Australia e Sud America - con una lunga storia intrecciata a quella della città, dal 1400, è uno scenario sorprendente con una vista decisamente suggestiva sul Duomo e sulla città: qui si tiene la manifestazione “The Writer’s Season, La Stagione degli Scrittori” con un programma variegato.

L’esordio vede la partecipazione di Continuum Company, realizzata dalla Tisch Graduate Actiong Alumni, che ha presentato l’ennesima reinterpretazione del classico shakespeariano, capace ancora una volta di reinventarsi con un cast totalmente al femminile. Il lavoro è diretto da Jim Calder, direttore artistico della Continuum Company e del festival di teatro estivo di Villa La Pietra, oltre che a capo del Movimento della New York University per la Tisch School of the Arts Graduate Acting Program.

I costumi, in effetti accessori che vengono indossati in vario modo per caratterizzare i diversi personaggi, sono di Maggie Raywood e la stage manager è Caroline Englander. Il cast al femminile fa riflettere non tanto per l’interpretazione di personaggi maschili da parte di donne, ma per la caratterizzazione di Romeo con baffi e barba come a sottolineare il suo essere maschile che però non è totalmente travestito e abbraccia con baci saffici la protagonista, anche in una scena di intimità nella quale l’impressione, evidentemente voluta dal regista, è che si tratti di due donne. L’allusione resta solo accennata e il significato non diventa didascalico. L’interprete è Rosa Gilmore che gioca anche il ruolo di Sampson, Lady Capulet e Capulet; mentre Keren Lugo è Abraham, il principe, Servingman, la nutrice, Friar Lawrence, Mercuzio e Balthazar; infine, Carra Patterson è ora Gregory, ora Benvolio, Tybal o Giulietta.

Palcoscenico nudo, costumi quasi inesistenti, solo accessori usati come attrezzi di scena, essenziale il disegno delle luci, tutto si fonda su voci ed espressività del corpo, che gioca senza rete di protezione, né travestimenti o abbellimenti, nonché su canto e musica con Rosa Gilmore che suona il violino.

La cifra caratteristica è l’ironia, con una modernizzazione che stilizza e crea una sintesi del testo del Bardo, offrendo una grande leggerezza e un ritmo frizzante, senza però volgarizzare o banalizzare il senso. Recitato in un inglese “stretto” con coloriture americane, offre la sponda al musical senza però sposarne interamente la gaiezza, per cedere ad un cantato armonizzato a tratti raffinato che guarda alla tradizione storica e lasciare spazio alla canzone-canzonetta che lascia sorridere il pubblico. L’operazione è tutt’altro che banale e offre uno spazio nuovo per la regia dei grandi classici che lascia intravedere un lavoro meticoloso e articolato.

 

Limonaia, Villa La Pietra - Via Bolognese 120, 50139 Firenze
Per informazioni e prenotazioni: mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orario spettacolo: venerdì 22 giugno, ore 20 e 21.30

Articolo di: Ilaria Guidantoni
Grazie a: Ufficio stampa Davis & Co
Sul web: https://lapietra.nyu.edu

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP