Roma Nero '39: Storia de 'na vita fa - Teatro Petrolini (Roma)

Scritto da  Venerdì, 18 Dicembre 2009 

Roma Nero '39Dal 18 al 20 Dicembre 2009. “Roma Nero ‘39” è fatto di scene di vita quotidiana, di semplicità e spensieratezza, lavori improvvisati, valori semplici ma indistruttibili. Due amici, i cui destini sono uniti, poi separati e poi di nuovo insieme. Lo spettacolo percorre quei pochi anni che separano il 1939 dalla fine della seconda guerra mondiale e la caduta del governo Mussolini.

 

 

 

Roma Nero '39: Storia de 'na vita fa

Teatro Petrolini (Roma)

Commedia musicale di Gabriele Carbotti

Musiche e canzoni originali del M° Paolo Gatti

Regia di Claudio Insegno

 

Dal 18 al 20 Dicembre 2009, ore 21:00

Biglietto € 14.00

 

Con (In ordine alfabetico): Alessandra Cosimato, Gabriele Carbotti, Fabrizio D’Alessio, Mario Farina, Giorgia Fini, Fernando Gatta, Gianfranco Mazzoni, Luca Paniconi, Annamaria Plini, Cristiano Priori, Elisa Torri

Scenografia e direzione di scena: Claudio Cianfoni- Luci e fonica: Livio Spataro - Costumi: Ilaria Fioravanti - Make up: Cecilia Di Luca - Ufficio Stampa: Enrica Quaranta e Carlo Dutto - Amministrazione: Ada Di Luca

 

 

Roma, fine anni ’30. All’orizzonte si stagliano i colori di un paesaggio bianco e nero, spento, come quegli anni lì. La guerra incombe, la povertà regna incontrastata nei quartieri della piccola roma, quella dei contadini, poco fuori dalle mura, ancora così lontana dall’urbanizzazione sfrenata degli anni ’60. Realtà fatta di piccoli agglomerati familiari, fatti di cose semplici, del mangiare con i vicini di casa, antiche tradizioni e valori che sembrano oggi così lontani.

Roma Nero ‘39”, inizia così, con scene di vita quotidiana, di semplicità e spensieratezza, lavori improvvisati, valori semplici ma indistruttibili. Due amici, i cui destini uniti, poi separati e di nuovo insieme. Lo spettacolo percorre quei pochi anni che separano il 1939 dalla fine della seconda guerra mondiale e la caduta del governo Mussolini.

Gabriele Carbotti scrive un testo dalle molte sfaccettature, a volte duro, a volte dolcissimo, ma la sua mano è forte e caratteristica e si ritrova facilmente in chi conosce la sua prosa, fatta di personaggi alla mano che raccontano grandi verità. Nella messa in scena, più che la tradizione della commedia musicale alla Garinei e Giovannini (a parte l’incipit manca completamente la spensieratezza e la sregolatezza di un “Rugantino”) riecheggia il Pasolini prima maniera, il cinema di Rossellini e De Sica (senior, ci mancherebbe!) e molto dei Taviani de “La notte di San Lorenzo”.  

L’aspetto politico, da non trascurarsi visto i temi trattati, non può non essere presente e l’occhio è quello di chi vede la storia da vincitore e non da vinto.

Le musiche, affidate alla mano di Paolo Gatti, sono qualcosa di meraviglioso e forse rappresentano l’aspetto migliore di questa bella commedia musicale. Arrangiata dal vivo solo alla chitarra, la musica di Gatti è capace di sottolineare ogni emozione, come fossero pagine di un libro da sfogliare, tanto che alla fine si sente quasi la voglia di sentirne di più, tanto il menestrello romano dimostra capacità di emozionare con le sue note. Il cantato è sempre piacevole, benché i testi potrebbero aver bisogno di un’ulteriore limatura. 

Gli aspetti negativi, pochi, sono da ascriversi solamente a difetti di produzione; forse per la prima commedia musicale Carbotti non ha voluto rischiare troppo. Certo è che forse è ora di spiegare le ali e volare oltre il “piccolo” teatro Petrolini. “Roma Nero ‘39” avrebbe giovato di un palco più grande, di arrangiamenti a più ampio respiro, di un aspetto coreografico completamente ignorato.

Detto questo lo spettacolo è piacevolissimo, grazie ad attori di primordine e momenti toccanti (bellissima la scena in cui Alessandra “Caterina” Cosimati legge la lettera del nonno, uno dei momenti più sentiti dello spettacolo e una delle attrici che viaggiano più alto) cresciuti in quella realtà e ormai maturi per interpretazioni di un certo calibro. La regia di Claudio Insegno è pulita, un po’ sopra le righe su certi personaggi, ma sempre veloce con cambi di luce e scena che ricordano tanto la mano dello stesso Carbotti.

Roma Nero ‘39” è uno spettacolo da vedere, messo in scena con coraggio e umiltà e non senza un briciolo di paura; uno spettacolo che premia le emozioni e i ricordi “amarcord”.

 

 

Roma Nero '39: Storia de 'na vita fa

TEATRO PETROLINI - ROMA

Le date per il pubblico sono il 18, 19 e 20; ore 21.00

costo del biglietto: 14 euro

 

 

Articolo di: Mario Fazio

Grazie a: Ufficio Stampa Enrica Quaranta

Sul web: www.teatropetrolini.com

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP