Raoul - Piccolo Teatro Strehler (Milano)

Scritto da  Domenica, 13 Ottobre 2019 

Magiche vibrazioni, creature fantastiche, lucciole, voli pindarici e desideri lontani si fanno spazio nei sogni e negli incubi di “Raoul”, il raffinato e fantastico spettacolo di James Thierrée, artista a tuttotondo, andato in scena al Piccolo Teatro di Milano dal 9 al 13 ottobre.

 

RAOUL
regia, scenografia e interprete James Thierrée
costumi e bestiario Victoria Thierrée
suono Thomas Delot
luci James Thierrée e Bastien Courthieu
produzione La Compagnie du Hanneton /Junebug
in collaborazione con ATER – Associazione Teatrale Emilia Romagna
la Compagnie du Hanneton è sostenuta dal Ministero della Cultura, DRAC Bourgogne Franche Comté

 

Salta nel pubblico verso uno scenario apocalittico da fine naufragio, l’artista, circondato da gonfie vele “piratesche”, all’interno di un regno onirico, immaginifico e sconosciuto, dove tutto sembra qualcos’altro ma potrebbe essere tutto il resto allo stesso modo.

Una nube di nuvole abbraccia il mondo animato di Raoul, curioso, a tratti temerario, esploratore a caccia di mistero chiuso in una torre, destinato a scoprire che, per liberarsi, non potrà contare sull’aiuto di nessuno, dovrà riuscirci da solo.

Tentativi, evasioni ed esperimenti esercitati in un habitat surreale che pare ancora in evoluzione tra oggetti canterini, bestie favolose, meduse danzanti ed elefanti fantasma - straordinarie creazioni di Victoria Chaplin - viandanti di un sogno alla ricerca del suo equilibrio. Raoul nuota in un mare in tempesta, vola, fluttua con agio in aria, di notte illuminando il grande buio che lo avvolge. Ruota a destra e poi a sinistra, si tuffa nel vuoto per divenire inafferrabile come quello che cerca.

Uno squisito intreccio di linguaggi espressivi e un gioco di suggestioni che delega tutta la comunicazione al corpo, qui al centro dell’indagine. Un corpo che pulsa, che vive e muore, sparisce davanti ad uno specchio, si perde dentro un barile di latta con la stessa intensità di chi cerca il suo modo migliore di stare al mondo.

Il corpo è la casa delle nostre esperienze” - dichiara durante un’intervista Thierrée, che in questo spettacolo combina con maestria danza, acrobatica, mimica, teatro, e circo, definito dall’artista “il suo nido”. Thierrée è infatti figlio di Victoria Chaplin e Jean-Baptiste Thierrée, tra gli artisti circensi più celebri e creativi, fondatori negli anni ‘70 del Cirque bonjour, divenuto poi Cirque imaginaire e successivamente Cirque invisible. E, come suggerito dal cognome della madre, anche nipote di Charlie Chaplin, colonna portante del cinema di tutti i tempi.

 

Piccolo Teatro Strehler - Largo Greppi 2, Milano
Per informazioni e prenotazioni: servizio telefonico 02/42411889, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orario spettacoli: mercoledì e venerdì, ore 20.30; giovedì e sabato, ore 19.30; domenica, ore 16
Biglietti: platea 40 euro, balconata 32 euro
Durata spettacolo: 1 ora e 40 minuti senza intervallo

Articolo di: Alessandra Quintavalla
Grazie a: Valentina Cravino e Edoardo Peri, Ufficio stampa Piccolo Teatro di Milano
Sul web: www.piccoloteatro.org

TOP