PRIMI! (dei non eletti) - Teatro Trastevere (Roma)

Scritto da  Mercoledì, 22 Novembre 2017 

Al Teatro Trastevere, dal 7 al 12 novembre, è andato in scena “PRIMI!(dei non eletti)”, scritto e diretto da Adriano Bennicelli. La pièce porta in scena quattro personaggi, quattro spaccati di esistenza sconfitta, eroi tragicomici diversissimi ma collegati e uniti insieme dal caso o dal destino, nei momenti più esilaranti e riflessivi, più intimi e surreali delle loro vite.

 

Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta
PRIMI! (dei non eletti)
scritto e diretto da Adriano Bennicelli
con Alessandro Di Somma, Ermenegildo Marciante, Giancarlo Porcari, Marco Zordan

 

Quando si è precari da una vita ci si sente inadeguati fino ai fianchi, le proprie competenze appaiono minusvalenze, soliloqui di lavoro, fra grugniti senza decoro, si resta gravidi di paghe improvvide, la soluzione? Una fiera disoccupazione! Lo sa bene il nostro precario (Giancarlo Porcari).

Una brutta malattia ogni vita porta via, va consumato bene e in fretta il rimasuglio che ci spetta, ci si affanna, ci si scanna, ma la gioia è a una spanna. E’ questa la sorte che il destino ha invece riservato al nostro uomo qualunque (Marco Zordan).

Ermenegildo (Ermenegildo Marciante) non avere paura di tirare un calcio di rigore… eccole le prove dell’esistenza a confronto con i propri modelli; quella più importante è però tutto il nostro percorso errante e i nostri miti, come la Luna, se ci ostiniamo a volerli raggiungere, da vicino non sono poi così affascinanti come abbiamo sempre immaginato.

In quale scaffale del supermercato vorreste vivere? In quale reparto, quale corridoio, quale banco frigo??? Come abituarsi alla luce del Sole quando ci han sempre cullato i neon? Quale campo fiorito potrà mai regalarti la fragranza delle certezze tagliate a mano? Le subisce subito o gliele incarto? Interrogativi che si affollano nella mente del nostro disadattato (Alessandro Di Somma), vittima di una particolare sindrome che lo costringe a girovagare in un supermercato senza poterne mai uscire.

Vite bizzarre come le nostre, celate dal nostro abitino di presunta normalità, celabile mitezza, sovrastata dalla follia dell'essere. Uno spettacolo piacevole, semplice, nel senso migliore della parola, ben costruito e ben recitato che riesce a mettere in luce, in modo profondamente leggero, intelligentemente ironico e mai noioso le nostre esistenze alla deriva, che però restiamo curiosi di vedere dove ci trascineranno.

Una scenografia ecosostenibile, intelligente e accattivante fornisce la giusta cornice. L’esempio di come sia possibile fare buon teatro con pochi mezzi quando sostenuti da buone idee e buoni interpreti.


Teatro Trastevere - Via Jacopa de'Settesoli 3, 00153 Roma
Per informazioni e prenotazioni: telefono 06/5814004 – 328/3546847, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orario spettacoli: dal martedì al sabato ore 21, domenica ore 17.30
Biglietti: 12 euro (tessera associativa 2€)

Articolo di: Enrico Vulpiani
Grazie a: Vania Lai, Ufficio stampa Teatro Trastevere
Sul web: www.teatrotrastevere.it

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP