Piccole Gonne - Teatro Martinitt (Milano)

Scritto da  Lunedì, 09 Marzo 2015 

Lo spettacolo "Piccole Gonne", andato in scena al Teatro Martinitt, è la rilettura tagliente ed attuale di un libro con cui sono cresciute intere generazioni di adolescenti: parliamo di "Piccole Donne", romanzo di Mary Alcott, scritto sul finire dell'800 e da sempre considerato un classico della letteratura infantile.

 

PICCOLE GONNE
una commedia scritta e diretta da Alessandro Fullin
con Alessandro Fullin (Mrs March, madre apprensiva), Sergio Cavallaro (Meg, cantante senza illusioni), Simone Faraon (Jo, futura scrittrice), Mario Contenti (Amy, pittrice con doti discutibili), Ivan Fornaro (Beth, cagionevole di salute), Tiziana Catalano (Zia March, sorella di Mrs March), Paolo Mazzini (nelle parti di John, Lauri Lawrence, Professor Baher)


"Piccole Gonne" è una rilettura divertente ed accattivante del noto romanzo "Piccole Donne". La storia è nota: Mrs March, madre assennata e in difficoltà economica, riesce a crescere le quattro figlie, nonostante la mancanza del padre, chiamato alle armi a causa della guerra.

La nostra commedia, più attuale che mai, mantiene integra la tradizione elisabettiana che vuole solo attori uomini sul palco, eccezion fatta per una sola donna, e mantiene integra la trama del romanzo, ma la catapulta e la mescola con la nostra attualità politica, sociale ed economica.

Ecco che in una situazione scenografica tipica dell'America dell'800 troviamo appeso alla parete un ritratto di Barack Obama. Ecco ancora che si passa da accenni alla Guerra di Secessione a quelli relativi all'invasione dell'Iraq. Mrs March desidera accasare le quattro figlie mantenendo alte le aspettative che nutre per il loro futuro. Spiega loro come essere delle buone mogli, ma anche come prevenire la nascita di un figlio.

Le quattro ragazze passano dall'atteggiamento puritano dell'America del XIX secolo a quello decisamente più emancipato dei nostri tempi moderni, ed in questa alternanza tra tradizione e rispetto del romanzo da un lato ed avanguardia e rilettura dall'altro, scorre veloce e divertente la serata teatrale. Bisogna saper cogliere la battuta ed apprezzare la bizzarria della rivisitazione per poterne godere appieno, altrimenti si rischia di non gradire una così originale miscellanea di secoli e atteggiamenti.

 

Teatro Martinitt - via Pitteri 58, 20134 Milano
Per informazioni e prenotazioni: telefono 02/36580010, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Biglietteria: da martedì a sabato ore 10-20, domenica ore 15-17.30; lunedì chiuso
Orario spettacoli: giovedì-venerdì ore 21, sabato ore 16.30 e 21, domenica ore 18
Biglietto unico: 20 euro - Abbonamenti a partire da 100 euro per 11 spettacoli


Articolo di: Monica Landro
Grazie a: Federica Zanini, Ufficio stampa Teatro Martinitt
Sul web: www.teatromartinitt.it

TOP