Peter Pan, il musical - Gran Teatro (Roma)

Scritto da  Sabato, 14 Febbraio 2009 
peter pan il musical

Dall’11 al 15 febbraio 2009. Si respira l’atmosfera magica delle fiabe al Gran Teatro di Roma, in uno spettacolo perfetto per i bambini e ancor di più per tutti quegli adulti che conservano dentro di sé il prezioso spirito dell’infanzia, cercando ancora la propria misteriosa Isola Che Non C’è. Le musiche coinvolgenti di Edoardo Bennato, scenografie sontuose e coloratissime, una regia impeccabile ed innumerevoli sorprese divertono lo spettatore lasciandolo letteralmente senza fiato.

 

Gran Teatro (Roma)

Dall’11 al 15 febbraio 2009

Teatro delle Erbe produzioni presenta

PETER PAN, IL MUSICAL

Con Massimiliano Pironti (Peter Pan), Nicolas Tenerani (Capitan Uncino), Marta Rossi (Wendy) e con la partecipazione straordinaria di Ugo Conti (Spugna)

Adattamento dell’opera di J.M.Barrie a cura di Maurizio Colombi, Giovanni Tallon, Arturo Brachetti e Fabrizio Carbon

Musiche: Edoardo Bennato

Regia: Maurizio Colombi

Direzione artistica: Arturo Brachetti, Luca Jurman

Direzione musicale e arrangiamenti: Stefano Pulga e Mauro Spina

Coreografie: Chiara Valli e Gillian Bruce

Progetto scenografico: Rinaldo Rinaldi e Maria Grazia Cernetti

Light designer: Raffaele Perin

Fly effects: Zxf flying Europe

Costumi: Marco Biesta

Assistente ai costumi: Marica D’Angelo

Coreografie aeree: Gabriella Crosignani

Aiuto Regia: Nino Giuliano

 

Dopo lo straordinario successo riscosso lo scorso anno in tutta Italia (aggiudicandosi tra l’altro il prestigioso riconoscimento del Biglietto d’Oro del Teatro 2008), ritorna in scena al Gran Teatro di Roma il musical dedicato ad uno dei protagonisti più amati del fatato mondo delle favole, il folletto Peter Pan protagonista dello storico romanzo di James Matthew Barrie. E con Peter Pan ritornano ovviamente anche Capitan Uncino, Wendy, i Bimbi Sperduti, il mozzo Spugna, la fatina Trilli e l’indiana Giglio Tigrato, ovvero tutti i personaggi che hanno reso questa storia rocambolesca, divertente, ironica e commovente, per svariate generazioni, parte dell’immaginario collettivo ed ultimo baluardo dell’infanzia.

Le loro vicende sono dunque ben note a noi tutti: Peter Pan conduce con sé la dolce e sensibile Wendy e i suoi due fratellini fino all’Isola Che Non C’è, dove imperversa nella foresta assieme ai suoi amici Bimbi Sperduti e agli indiani di Toro Seduto; il pericolo è però dietro l’angolo, poiché il perfido e maldestro Capitan Uncino e i suoi temibili pirati cercheranno in ogni modo di sbarazzarsi di lui, che è il loro più acerrimo nemico. Per fortuna ci penseranno un coccodrillo goloso e l’ammutinamento di questa ciurma alquanto sgangherata a salvare Peter Pan, fino a quando però non subentrerà la nostalgia di casa ed allora Wendy e i suoi fratelli decideranno di fare ritorno dai loro amati genitori, portando con loro anche i Bimbi Sperduti che così, da quel momento, potranno finalmente assaporare l’agognato calore familiare che avevano da sempre desiderato.

Lo spettacolo nasce dalla sinergia di straordinari talenti che, collaborando con creatività e passione alla realizzazione di questo progetto, hanno prodotto un risultato davvero sorprendente. La supervisione artistica di due grandi nomi come Arturo Brachetti e Luca Jurman impreziosisce evidentemente la rappresentazione: il primo, celebre per il suo trasformismo e per i suoi coinvolgenti numeri di illusionismo e magia, dona tutto questo patrimonio di esperienza avvolgendo ogni singola scenda di un alone di fiabesco stupore e giocosità; il secondo, cantautore, vocal coach e musicista tra i più rinomati ed apprezzati nel panorama italiano, ha invece curato con estremo gusto ed attenzione l’aspetto musicale dello spettacolo arrivando a risultati sicuramente convincenti, in questo agevolato dalle intense musiche di Edoardo Bennato, che alternano momenti assolutamente spassosi ed esuberanti ad altri maggiormente malinconici, e dall’innegabile talento vocale degli interpreti in scena.

Protagonista di questa versione del musical è il giovane attore, ballerino e cantante Massimiliano Pironti che irrompe in scena volando letteralmente sul pubblico (tra lo stupore ammirato dei bambini che vedono il loro beniamino fluttuare nell’aria), danza, salta da una parte all’altra del palcoscenico e canta con energia e passione in maniera letteralmente instancabile, stupefacente davvero il talento di questa giovane promessa del teatro italiano. Non da meno sono poi anche gli altri protagonisti. Prima tra tutti Marta Rossi (proveniente, come d’altra parte anche Massimiliano, dalla fucina di talenti dello show televisivo Amici) che interpreta una graziosa, amorevole e delicata Wendy esibendo doti canore ed interpretative non comuni e rivelandosi una performer di tutto rispetto, brillante e con una perfetta padronanza del palcoscenico. Irresistibile poi il Capitan Uncino di Nicolas Tenerani, che coniuga sapientemente la tradizionale impostazione della fiaba con una veste maggiormente moderna, a metà strada tra Frank’n’Furter del Rocky Horror Picture Show ed il Capitano Jack Sparrow interpretato da Johnny Depp nella saga dei Pirati dei Caraibi, dando vita a un personaggio istrionico, spassoso, trascinante e simpaticissimo. Di tutto rispetto anche la degna ciurma di questo filibustiere (nella quale spicca il sensazionale mozzo Spugna di Ugo Conti), che regala al pubblico due scene di esilarante comicità dalla tolda della sua nave, con tanto di cannoni pronti a riversare la propria carica esplosiva direttamente sul pubblico! Infine come non menzionare una strepitosa indiana Giglio Tigrato, a cui presta la sua voce calda, potente ed espressiva ed una presenza scenica di grande impatto la giovane ed attraente Loredana Fadda, che, circondata dalla sua scatenata tribù, travolge il pubblico con una coreografia tra le meglio riuscite dell’intero spettacolo.

Infine è doveroso tributare un plauso alla sapiente regia di Maurizio Colombi, artefice di una perfetta orchestrazione tra ritmo cinematografico della narrazione, originalissimi effetti visivi e multimediali, coreografie, momenti recitati e brani musicali. Particolarmente curate e suggestive poi anche le scenografie, che ricreano alla perfezione le atmosfere del racconto fiabesco: dalla casa londinese di Wendy alla foresta dei Bimbi Sperduti, dalla tolda del bastimento di Capitan Uncino all’accampamento indiano di Toro Seduto e sua figlia Giglio Tigrato.

Sono quindi innumerevoli i motivi per non lasciarsi sfuggire l’opportunità di trascorrere due ore e mezza nel mondo della fantasia, dei sogni e dell’infanzia grazie a questo musical. Decisamente noi siamo tutti pronti a spiccare il volo assieme a Peter Pan!

 

Gran Teatro – viale di Tor di Quinto – 00195 Roma

Telefono 06/3336233

E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Orari: dal mercoledì al sabato ore 21.00, sabato anche ore 16.30, domenica ore 17.00

Biglietti: Poltronissima Gold (intero 40,25€, ridotto 36,80€), Poltrona (intero 34,50€, ridotto 31€), Seconda Poltrona (intero 28,50€, ridotto 25€)

 

Articolo di: Andrea Cova

Grazie a: Angela Iantosca, Ufficio Stampa

Sul web: www.peterpanilmusical.com - www.ilgranteatro.it


 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP