Peter Pan Begins - Teatro Studio Uno (Roma)

Scritto da  Domenica, 21 Febbraio 2016 

La compagnia Cavalieri Mascherati presenta, al Teatro Studio Uno di Roma fino al 28 febbraio, il primo episodio del "Dittico dell’incerto", uno studio sul difficile processo di crescita dell’uomo metropolitano a cavallo tra i due millenni. "Peter Pan Begins" si concentra sulla crisi dei trentenni di oggi, in balìa di un futuro incerto in una società sempre più artificiosa, fondendo con intelligenza malinconia e comicità esplosiva.

 

Cavalieri Mascherati & Teatro Studio Uno - progetto residenze temporanee presentano
PETER PAN BEGINS
di e con Alessandro De Feo, Marco Foscari, Alessia Iacopetta, Angela Pepi, Gioele Rotini
aiuto regia Luisa Belviso

 

Personaggi e maschere si alternano e si calpestano con ritmo frenetico sulla scena, in quadri separati che straripano di contenuti, legati da un unico filo conduttore sempre riconoscibile, anche se velato dalla comicità incalzante: la nostalgia di una purezza perduta, per gli anni dell’infanzia, i suoi giochi, i suoi colori, la sua genuinità.

Peter Pan Begins ritrae il disagio generazionale dei trentenni di oggi, in bilico tra un presente “digitale”, fatto di incomunicabilità, apparenza e incertezza, e un passato “analogico”, gli anni della spontaneità, delle fotografie istantanee che sapevano cogliere l’essenza di uno sguardo.

Il trentenne di oggi non riesce a superare questa linea di confine, resta aggrappato a quei ricordi nostalgici perché non sa come affrontare il presente, apatico, incapace di identificare se stesso e i propri desideri. Questi due stadi dell’esistenza si alternano, si confondono tra citazioni letterarie e cinematografiche, in un susseguirsi di scene che pur conservando la loro comicità dirompente e mai banale invitano a profonde riflessioni sulla società odierna.

È esilarante la ridicolizzazione dei media e della loro azione manipolatrice: in un talk show televisivo si decide il futuro di una giovane trentenne, si compone la sua famiglia digitale, mentre due “opinionisti tuttologi” non fanno che urlarsi contro in un battibecco precedentemente studiato a tavolino.

La scenografia semplice, composta da pochi elementi essenziali, dà modo agli attori di immergersi in ruoli diversi, passando da situazioni grottesche ed esasperate a momenti di infantile tenerezza, dove il pubblico viene catapultato in un tempo perduto, sospeso. La frenesia, sempre presente, è qui immersa in un clima rarefatto: i bambini si scambiano le figurine, si chiamano dalle finestre per scendere in strada a giocare.

Il sapore autentico di queste scene coinvolge totalmente lo spettatore, non solo chi ha vissuto l’infanzia e la pre-adolescenza negli anni ’90, ma tutti coloro che hanno superato il critico passaggio all’età adulta: grazie a una regia entusiasta che sa gestire con precisione la molteplicità di elementi che mette in scena, Peter Pan Begins è un caleidoscopio di emozioni, di domande, di riflessioni che evocano nello spettatore l’atmosfera di un passato di cui si ha nostalgia, ma che vale la pena ricordare con un sorriso, senza dimenticare di vivere il presente.

 

Teatro Studio Uno (Sala Teatro) - Via Carlo Della Rocca 6, Roma (Torpignattara)
Per informazioni e prenotazioni: telefono 349/4356219, email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orario spettacoli: dal giovedì al sabato ore 21, domenica ore 18
Biglietti: posto unico 10€ (tessera associativa gratuita)

Articolo di: Chiara Bencivenga
Grazie a: Eleonora Turco, Ufficio stampa Teatro Studio Uno
Sul web: www.teatrostudiouno.com

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP