Pericolo di coppia - Teatro de’ Servi (Roma)

Scritto da  Venerdì, 22 Aprile 2011 
Pericolo di coppia

Dal 19 aprile all’8 maggio. “Cosa vuol dire essere coppia oggi? Vuol dire fare un sei al Superenalotto, avere la fortuna di trovare la combinazione vincente”. La pièce ironizza sul rapporto uomo-donna dall’età della pietra sino al giorno d’oggi. Uno psicologo, il versatile Renzo Pagliaroto, ci accompagna nell’universo di una moderna coppia di trentenni: Marco, il bravissimo autore e simpatico interprete Marco Cavallaro, e Donatella, interpretata da Donatella Barbagallo.

 

 

Teatro de' Servi – gestione La Bilancia Produzioni

presenta

PERICOLO DI COPPIA

di Marco Cavallaro

regia di Claudio Insegno

con Marco Cavallaro, Donatella Barbagallo, Renzo pagliaroto

produzione Esagera

vincitore del premio Charlot Giovani, oltre 400 repliche

 

“Pericolo di coppia” è uno spettacolo che diverte, in cui si ride per oltre novanta minuti. Tutti, a qualunque età, si riconoscono in Marco o Donatella, che sono alla ricerca di un equilibrio che in realtà non esiste. Uno spettacolo costruito solo su tre sedie, in cui fanno la loro comparsa:  uomini e donne dell’età della pietra, Romeo e Giulietta (splendida in questo frangente Donatella Barbagallo), Romeo e Giulietta in chiave moderna (e se Giulietta fosse stata meno romantica e Romeo meno....meno Romeo e basta?) e infine la nostra giovane coppia di trentenni. Le dinamiche dei rapporti di coppia sono uguali da millenni, l’essere coppia oggi vuol dire solo avere fortuna.

Pericolo di coppiaMa come nasce una coppia? Il primo incontro: bello, anche se Marco bello non lo era davvero;  indimenticabile, anche se il tempo ha modificato i ricordi; forse non romantico, se solo Donatella avesse ascoltato i pensieri di Marco, come abbiamo fatto noi del pubblico, forse non sarebbe andata via con lui; ma se Marco avesse ascoltato i pensieri di Donatella? Lei non è un angelo, sicuramente non un diavolo, è solo una donna molto “passionale”.

Le prime ore al telefono e le prime cene, in ristoranti scelti per conquistare una donna e per svuotare il portafoglio. Quando il ristorante chic ha assolto pienamente il suo compito, si opta per la pizzeria sotto casa e 17 euro diventano troppi per decidere di pagare il conto. Poi c’è la prima, poco timida, proposta di convivenza (impareggiabili le intrusioni di Renzo Pagliarolo) e infine la proposta di un figlio, l’esilarante commedia sulle dinamiche di questa vita a due prosegue.

Piccole incomprensioni e gelosie. Parte la musica di Colpo Grosso e Marco in Tv non guarda ballare Umberto Smaila; è fatica sprecata cercare di spiegare alla propria donna cos’hanno le ragazze Cin Cin più di lei e come avverte lo psicologo mai dire “tu sei un’altra cosa”, perchè ci si infila in un vicolo cieco.

-Io sono un’altra cosa? Cosa? Cosa ? Cosa?

La separazione tra i due sembra ormai imminente e forse questo è uno dei momenti in cui si ride di più. Il ritmo della narrazione non cala ed il testo funziona benissimo. Le luci si spengono sul solitario e a tratti indemoniato psicologo. Forse noi essere umani siamo troppo egoisti per pensare di poter dividere la vita con un’altra persona, ma quando rientriamo nel nostro appartamento, la libertà di sdraiarci con le scarpe sul divano (magari di pelle e pure bianco)  è irrisoria se siamo liberi ma ingabbiati nella solitudine.

Pericolo di coppiaMarco e Donatella riusciranno alla fine a trovare una soluzione e a salvare la loro coppia? Questo è uno spettacolo che non vive su grandi nomi di richiamo, ma sul passaparola e sulla capacità che ha di far ridere, emozionare e far riflettere, senza pretese, il pubblico. Non ci sono momenti di pausa, se non quello regolarmente previsto tra il primo ed il secondo atto (questa sarebbe stata una battuta di Marco, non mia). Lo spettacolo vede la regia di Claudio Insegno, che ha creduto in questo copione senza nemmeno leggerlo (come l’autore Cavallaro ha pienamente spiegato) e, considerando che questa commedia è arrivata alla quattrocentesima replica e che non hanno intenzione ancora di fermarsi, possiamo sicuramente dire che la fiducia nella creatività dell’autore non è stata mal riposta.

“Pericolo di Coppia”, inoltre, riserva un regalo ai suoi spettatori. Abbinato allo spettacolo è stato pensato un concorso: “Pericolo di Bacio…vinci un soggiorno per due persone. Nel foyer di ogni teatro verrà posizionata una sagoma di un triangolo (simbolo dello spettacolo) dove le coppie (senza limiti di età) si dovranno scambiare un bacio, verrà scattata una foto e fatta compilare una cartolina che sarà estratta la sera della chiusura delle repliche. Alla coppia vincitrice sarà regalato un cofanetto “Insolito fuori porta”, contenente la scelta tra duecento soggiorni per due persone gentilmente offerti dalla Smartbox, azienda leader nel mercato dei cofanetti regalo.

 

Teatro de’ Servi - via del Mortaro 22 (angolo via del Tritone), Roma

Per informazioni: telefono 06/6795130, sito internet www.teatroservi.it  

Prezzi dei biglietti: Platea Intero € 20 - Ridotto € 16 / Galleria Intero €17 – Ridotto € 14

Spettacoli dal martedì al venerdì ore 21 - Sabato ore 17.30 - 21.00 - Domenica 17.30 – Lunedì riposo

 

Articolo di: Romina Attianese

Grazie a: Ufficio stampa Carla Fabi & Barbara Ghinfanti

Sul web: www.teatroservi.it

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP