Per sei dollari l’ora - Teatro Furio Camillo (Roma)

Scritto da  Giovedì, 18 Febbraio 2016 

All’interno della rassegna Labirinto, ideata dal Gruppo della Creta e portata in scena nei locali di quel gioiellino che è il Teatro Furio Camillo, si sono da poco concluse le repliche di "Per sei dollari l’ora", per la regia di Alessandro Di Murro. La giovanissima compagnia si confronta col genio di Bukowski per realizzare uno spettacolo che si pone all’interno del percorso Giovani Regie, pensato per dare spazio e vita alla creatività tutta in divenire di questi ragazzi.

 

PER SEI DOLLARI L’ORA
liberamente ispirato a scritti e pensieri di C. Bukowski
adattamento Silvio Bambagiotti
regia Alessandro Di Murro
con Laura Pannia, Alessio Esposito, Lorenzo Garufo, Bruna Sdao, Amedeo Monda, Jacopo Cinque
musiche originali Enea Chisci

 

Adattamento del romanzo “Pulp, una storia del XX secolo”, ultima opera di Bukowski pubblicata poco dopo la sua morte, "Per sei dollari l’ora" prende in prestito dallo scrittore statunitense l’atmosfera hollywoodiana di inizio anni ’90, il grottesco e il trash per portare in scena un romanzo (scelta già complessa a priori) pieno di simbolismi, cinismo e intrecci deliranti. Dal realismo autoreferenziale della maggior parte degli scritti di Bukowski, si passa qui a una sorta di iperrealtà assurda che è, però, magicamente riflesso di vita vera.

Il protagonista è Nick Belane (doppio cinico del Bogart di Casablanca), “l’investigatore più dritto di Los Angeles” a corto di clienti, al quale fa inaspettatamente visita la Signora Morte. La Signora è alla ricerca di Céline, sì, proprio Louis-Ferdinand Céline, quello del “Viaggio al termine della notte” morto, in teoria, trent’anni prima. Eppure sembra che Céline sia ancora vivo e che si nasconda fra le strade di Los Angeles. Il becero Belane accetta inaspettatamente l’incarico che lo porterà a incontri bizzarri se non paranormali con personaggi che potremmo definire Tarantiniani se non, a tratti, Felliniani. Sul limite perenne tra realtà e delirio, l’indagine di Belane si snoda tra indizi ambigui e improvvisi colpi di scena, baristi di fiducia e alieni affascinanti. La trama contiene al suo interno un’altra trama, e un’altra, e un’altra ancora, e quando ci sembra di aver risolto per lo meno un enigma, ci rendiamo conto di quanti ancora ne abbiamo in sospeso. La complessità tragicomica bukowskiana, tipicamente figlia della vita vera, quella di tutti i giorni, qui si esplicita in un racconto surreale e simbolico che però non si slega mai completamente dall’essere metafora di vita.

Laura Pannia, Alessio Esposito, Lorenzo Garufo, Bruna Sdao, Amedeo Monda e Jacopo Cinque portano in scena dei personaggi complessi, a volte sono addirittura portatori di più voci, e lo fanno con pulizia e disciplina, senza strafare, come degli ottimi alunni. Il Gruppo della Creta, in effetti, è nato l’anno scorso dall’unione di alcuni neodiplomati della Nuova Accademia Internazionale di Arte Drammatica del Teatro Quirinetta che hanno deciso non di fondare una Compagnia, quanto piuttosto di cercare insieme la propria strada per fare teatro, drammaturgia e spettacolo.

La “giovinezza” di questa messa in scena ha i suoi lati meno riusciti nella lunghezza dello spettacolo, che avrebbe potuto essere condensato, e nella, per così dire, ingenuità registica, drammaturgica e attoriale che però si perdona facilmente a un gruppo che sta ancora emettendo i primi vagiti nel mondo del teatro. Apprezzabile risulta in ogni caso la voglia di portare alla ribalta un autore tutt’altro che teatrale come Bukowski e di affrontare personaggi molto più che ambigui rappresentati comunque in maniera credibile.

 

Teatro Furio Camillo - via Camilla 44, Roma
Per informazioni e prenotazioni: telefono 06/9761 6026, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Biglietti: intero 15 euro, ridotto (con prenotazione) 13 euro, ridotto (under 25) 10 euro, ridotto bambini (under 8) - 5 euro

Programma del festival "Labirinto": Leggi qui

Articolo di: Lou Andrea Dell'Utri Vizzini
Grazie a: Ufficio Stampa Stefania D’Orazio
Sul web: www.gruppodellacreta.com - www.teatrofuriocamillo.it

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP