Oscar W. - Casa delle Culture (Roma)

Scritto da  Enrico Vulpiani Mercoledì, 06 Novembre 2013 

Il gruppo teatrale VirgolaTrePeriodico ha portato in scena a Roma lo spettacolo "Oscar W." presso la Casa delle Culture, martedì 15 ottobre e lunedì 4 novembre. Lo spettacolo sarà replicato dal 2 al 6 dicembre come matinée per le scuole superiori, all'interno di un progetto dedicato allo studio e all'approfondimento della figura di Oscar Wilde, che prevede anche un laboratorio teatrale pratico per gli studenti. Un'analisi approfondita della persona e del personaggio Wilde che descrive la sua parabola esistenziale ed artistica, attraverso vette di esaltazione e successi ed abissi di disperazione e disfatte. Un artista, un'attrice, un'anima che ne racconta un'altra, identificandosi e lasciandoci identificare, attraverso un susseguirsi di emozioni e ritmi diversi, lasciando che la magia del teatro trasformi esplorazioni mentali di una significativa vita passata in immagini urgenti che si insinuano irrinunciabilmente sotto la nostra pelle.

  

 

Compagnia VirgolaTrePeriodico presenta
OSCAR W.
liberamente ispirato alla vita e all'opera di Oscar Wilde
regia di Andrea Onori
con Mariagrazia Torbidoni

 

 

Le luci in sala si spengono, mettendo in risalto un annuncio, scritto a gesso sulla lavagna-quinta al centro della scenografia: “Vendesi carabattole inutili di un esteta”; intorno ad essa, tre lenzuoli bianchi nascondono quelle cose… quella vita… la cui eco inizia a defluire, nascosta da una poltrona, grazie ad una voce profonda che declama… calda e precisa… finchè, emergendo ironicamente come un piccolo sommergibile, si lascia scoprire, giocosa e…pop! Grazie ad un’intelligente e provocatoria maglia con su il logo “Barilla”.


Il Wilde svelato inizia così a scoprire, sotto quelle lenzuola, gli oggetti della sua vita, i suoi pensieri, le sue speranze, la sua intelligenza, il suo egocentrismo, la sua solitudine, improvvisa i vari personaggi che affollano la sua mente, ognuno caratterizzato, godibile e ben distinguibile, scarta ritmicamente dei Baci Perugina… sperando di trovare dei suoi aforismi nelle cartine autorali e rimanendone costantemente deluso.


La voce, il corpo e l’anima sono di Mariagrazia Torbidoni che mette in gioco tutta se stessa, bellissima nel suo costume ottocentesco con cui gioca sapientemente; splendidi i suoi cambi di registro fra il drammatico e l’ironico, il suo condurre il pubblico nelle pieghe più profonde del genio tormentato di Oscar Wilde.


Un ispirato Andrea Onori la impreziosisce e dirige con una regia attenta e brillante. Ottimi i cambi di luce che sottolineano i diversi momenti della narrazione; geniale Wilde quando esce dal proprio quadro, quando inscena il proprio processo, coinvolgendo il pubblico in un gioco dell’impiccato interattivo; ipnotico il quadro “marionetta” su luce verde, che dà sfogo a tutta la capacità mimica ed espressiva dell’interprete; furba la quinta versatile, con tre pannelli a triangolo che da lavagna si trasforma in specchio di Narciso o in semplice sfondo.


Wilde, alla fine, viene condannato, viene umiliato, esposto al pubblico ludibrio, ma chi non si espone a questo rischio non può dire d’aver davvero vissuto. Oscar ha ucciso il suo amore ma… chi è che non uccide ciò che ama? Il vile lo fa con un bacio, il prode con la spada… i bravi artisti, invece, si fanno amare e basta. Un lunghissimo applauso abbraccia meritatamente una Mariagrazia Torbidoni vibrante e commossa e, dietro le quinte, gli altri artefici di questo piccolo gioiello.

 

 

Casa delle Culture - via San Crisogono 45, Roma
Per informazioni e prenotazioni: telefono 06/58333253, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orario spettacoli: 15 ottobre/4 novembre ore 21.30 e dal 2 al 6 dicembre ore 11

 

 

Articolo di: Enrico Vulpiani
Grazie a: Ufficio stampa Casa delle Culture
Sul web: www.casadelleculture.net

 

 

TOP