Opera Panica (Cabaret tragico) - Teatro Studio Uno (Roma)

Scritto da  Domenica, 26 Aprile 2015 

La compagnia DoveComeQuando porta in scena al Teatro Studio Uno di Torpignattara la sua lettura circense dell’"Opera Panica" di Alejandro Jodorowski, un caleidoscopio di storie ai limiti dell’assurdo che traducono la complessità del vivere.

 

DoveComeQuando presenta
OPERA PANICA (CABARET TRAGICO)
di Alejandro Jodorowski
regia Pietro Dattola
con Letizia Barone Ricciardelli, Flavia G. De Lipsis, Carlo Disint, Alfonso Germanò, Alessandro Marrone, Adriano Missori, Andrea Onori, Maria Francesca Palli, Laura Toro
costumi Maria Francesca Palli
scene Alessandro Marrone
foto Novella Oliana

 

Un susseguirsi di numeri circensi: questa la chiave scelta dalla regia di Pietro Dattola per raccontare i quadri surreali dell’ "Opera Panica", drammaturgia di uno dei più importanti intellettuali del nostro tempo, il poliedrico Alejandro Jodorowski. Una sfida impegnativa: la scrittura di Jodorowski gioca con gli strumenti del teatro dell’assurdo senza mai rinunciare alla fruibilità e all’ironia, per scavare nelle complessità del nostro tempo.

Dietro fiori di plastica, fruste e parrucche si cela la tragedia dell’uomo contemporaneo. Il nome stesso dell’opera, “Panica”, si rivela un arguto calembour, alla cui radice vi è il “tutto”, il dio Pan, ispiratore dell’omonimo movimento artistico fondato da Jodorowski insieme a Fernando Arrabal e Roland Topor nel 1962.

Come da titolo, il testo offre un variegato catalogo di situazioni tanto surreali quanto umane che raccontano tra le righe i complessi temi dell’identità, del potere e del loro reciproco rapporto. Il tutto però condito da quella (insostenibile) leggerezza che conduce la narrazione in due direzioni: da un lato il contrasto comico rende ancor più tragico il sottotesto; dall’altro sembra suggerire l’inutilità di un approccio tragico a temi del genere, con i quali l’uomo dovrà sempre confrontarsi, benché nascosti in piena vista, il che rende superflua una narrazione greve.

Il piccolo palco del Teatro Studio Uno sembra contenere a stento la numerosa compagnia, rendendo ancor più claustrofobico il rapporto con un pubblico spesso chiamato in causa. L’ambientazione circense è funzionale, aiutata dalla scelta di musiche evocative e naturalmente da costumi a tema, sebbene la compagnia non si dimostri del tutto efficacemente assortita. Questa disomogeneità attoriale riesce però ad esser compensata dalla divisione in quadri, che assicura la giusta alternanza dei diversi gradi di intensità interpretativa.

 

Teatro Studio Uno - via Carlo della Rocca 6, Roma (zona Torpignattara)
Per informazioni: telefono 349/4356219 - 328/3546847, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orario spettacoli: dal giovedì a sabato ore 21, domenica ore 18
Biglietti: 10 euro intero; 7 euro ridotto (tessera gratuita)

Articolo di: Sabrina Fasanella
Grazie a: Eleonora Turco, Ufficio stampa Teatro Studio Uno
Sul web: www.dovecomequando.net - www.teatrostudiouno.com

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP