Now - Teatro degli Arcimboldi (Milano)

Scritto da  Sabato, 21 Marzo 2015 

Dopo Akram Khan con lo spettacolare Kaash, e Shen Wei, che ha presentato le sue due geniali coreografie Collective Measures e Folding, la grande danza al Teatro degli Arcimboldi si volge a frequentare dimensioni più europee, ma sempre con la ferma intenzione di esplorare il “nuovo” e i suoi linguaggi, qualsiasi sia l’influenza o eredità artistica a cui appartengono, regalando così al proprio pubblico uno sguardo d’eccellenza sull’arte coreutica contemporanea mondiale. In questo quadro si incastona lo spettacolo "Now" di Carolyn Carlson, andato in scena il 18 e 19 marzo. La Carolyn Carlson Company è un alveare, uno spazio di creatività e libertà all’interno del quale gesto e pensiero poetico si intrecciano.

 

I Pomeriggi Musicali
in collaborazione con Show Bees presentano
NOW
Pièce per sette danzatori
coreografia Carolyn Carlson
assistente alla coreografia Colette Malye
danzatori Constantine Baecher, Juha Marsalo, Céline Maufroid, Riccardo Meneghini, Yutaka Nakata, Sara Orselli, Sara Simeoni
musica René Aubry
luci Patrice Besombes
scenografia Maxime Ruiz (foto e video), Benoît Simon (fotomontaggio)
costumi Chrystel Zingiro con l'équipe del Théâtre National de Chaillot
consulenza artistica Claire de Zorzi
Produzione Théâtre national de Chaillot, in partnership con Carolyn Carlson Company
Coproduzione Ballet du Nord/Centre chorégraphique national de Roubaix Nord-Pas de Calais, L’Atelier à spectacle - Scène conventionnée de Dreux Agglomération con il sostegno di Crédit du Nord


Una casa, la sua proiezione, si staglia sul fondo. E’ notte e i corpi dei danzatori entrano uno ad uno con passo cadenzato e lento come nel più epico dei sogni. Inizia così questa favola. I protagonisti sono sette: tre donne e quattro uomini, e tutti insieme creano un viaggio incredibile che inizia con le istruzioni per costruire una casa. Si susseguono scene, quadri, ambientazioni e alla fine tutto si confonde in un mix incredibile di sequenze danzate, astrazioni poetiche di corpi in movimento che tanto spazio lasciano alla nostra fantasia. Lo spettatore è il primo protagonista di quest’opera perché è chiamato costantemente nel viaggio, a partecipare e approfondire, a sognare e immaginare insieme ai sette protagonisti.

Una voce narrante, uno dei danzatori, ha il compito di raccontare e intervenire vocalmente, ci conduce usando pochissime parole, quelle necessarie ed essenziali; di istante in istante fino a riportarci alla radice di noi stessi. “Quali alberi ci sono nel tuo paese?” domanda ad un certo punto. E a noi, lì seduti immobili, inizia a danzare la mente. I ricordi affiorano e di fronte a quella scenografia che diventa viva tra le mani dei danzatori, sentiamo il profumo degli alberi della nostra casa e ritorniamo ad avere otto anni.

Casa, alberi, radici, istante presente, movimento, astrazione, solo parole essenziali. Questo lavoro di Carolyn Carlson ha il sapore di un aiku e ne preserva la freschezza, la profondità e l’assoluta meraviglia.

Il video utilizzato in scena è sempre necessario, magistralmente concepito e allestito su pannelli che riportano anch’essi ad un gusto estetico orientale. Il Giappone chiama, così come ci arrivano souvenir dal lavoro della coreografa e danzatrice, forse la più celebre al mondo, Pina Bausch e anche dal documentario che Wim Wenders ha fatto su di lei.

Dei sette protagonisti non c’è molto da dire, se non: veri, intensi, generosi.

Questo “Now” fa pensare a qualcosa su cui si riflette molto oggi. Il bisogno di radici, a volte disperato, che abbiamo noi piccoli esseri umani, che si confronta con un mondo dove tutto è sempre più precario e mutevole. Senza certezze, senza passato, come e dove potersi sentire a casa? Dove trovare le radici? O dove mettere radici? Per citare Bob Dylan: “La risposta amici miei, è fiorire nel vento” e sembra essere proprio questo il messaggio dello spettacolo.

 

Teatro degli Arcimboldi - viale dell’Innovazione 20, 20126 Milano
Per informazioni e prenotazioni: telefono 02-641142212/214
Biglietteria: telefono 02 641142212/214, da lunedì a venerdì dalle 14.00 alle 18.00
Orario spettacoli: 18 e 19 marzo ore 21.00
Biglietti: da 20,00 € a 40,00 € + prevendita (disponibili riduzioni per giovani, gruppi e anziani)

Articolo di: Caterina Paolinelli
Foto di: Laurent Paillier
Grazie a: Alessio Ramerino, Ufficio stampa Teatro degli Arcimboldi
Sul web: www.teatroarcimboldi.it

TOP