Misericordia - Piccolo Teatro Grassi (Milano)

Scritto da  Sabato, 01 Febbraio 2020 

In scena al Piccolo Teatro Grassi fino al 16 febbraio “Misericordia”, il nuovo lavoro di Emma Dante che stupisce, emoziona, diverte, accoglie e colpisce dritto in pancia.

 

MISERICORDIA
scritto e diretto da Emma Dante
luci Cristian Zucaro
con (in ordine alfabetico) Italia Carroccio (Bettina), Manuela Lo Sicco (Nuzza), Leonarda Saffi (Anna), Simone Zambelli (Arturo)
coproduzione Piccolo Teatro di Milano - Teatro d’Europa, Atto Unico / Compagnia Sud Costa Occidentale, Teatro Biondo di Palermo

 

Una scenografia scarna, in cui tre donne sedute su tre sgabelli sferruzzano e bofonchiano circondate da cose vecchie, "munnezza" che andrebbe buttata e che invece loro tengono come fossero tutte reliquie. Mentre sferruzzano e bofonchiano generano suoni e ritmi che creano una sorta di nenia ancestrale sulla quale si dondola e balla una figura dal corpo di uomo ma dall'aspetto e dal comportamento di bambino. Così si apre “Misericordia”, lo spettacolo di cui sono protagoniste Anna, Nuzza e Bettina, che di giorno lavorano a maglia e di notte vendono il proprio corpo per prendersi cura dell'orfano menomato che vive con loro, il figlio di Lucia, loro collega ed amica morta proprio quando ha dato alla luce il bambino, morta perché picchiata fino allo sfinimento dall'uomo che in teoria l'amava.

Con questo spettacolo Emma Dante ritorna alle origini della sua ricerca teatrale fondata su quattro elementi: la scrittura scenica, il mistilinguismo tra dialetto e lingua, la famiglia come luogo di violenza, la recitazione che prende spunto da elementi rituali per poi esplodere in momenti di brutalità senza filtri (come la scena in cui le donne si trasformano in gorgoni della notte per lavorare come prostitute) alternati a passaggi di pura poesia, come nelle scene in cui le tre madri giocano con il "piccolo" o cercano di farlo dormire.

La misericordia evocata nel titolo non è solo quella delle madri adottive che accolgono questo figlio di nessuno nonostante la povertà e il disagio, ma è anche l'atto di misericordia del pubblico che accoglie e si prende cura di questo parto: l'intento è quello di coinvolgere lo spettatore, al quale viene chiesto di riflettere su quanto accade dentro quel «ventre oscuro che ha a che fare con qualcosa di terribile», dove le donne sono costrette a subire violenza, non solo fisica, ma anche psicologica.

 

Piccolo Teatro Grassi - Via Rovello 2 (M1 Cordusio), Milano
Per informazioni e prenotazioni: servizio telefonico 02/42411889, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orario spettacoli: martedì, giovedì e sabato, ore 19.30; mercoledì e venerdì, ore 20.30; domenica, ore 16; lunedì riposo (le recite del 18, 25 gennaio e 1, 8, 15 febbraio 2020 sono sopratitolate in inglese)
Biglietti: platea intero € 40, ridotto giovani e anziani (under 26 e over 65) € 23; balconata intero € 32, ridotto giovani e anziani (under 26 over 65) € 20
Durata spettacolo : un’ora, senza intervallo

Articolo di: Emanuela Mugliarisi
Grazie a: Valentina Cravino e Edoardo Peri, Ufficio stampa Piccolo Teatro di Milano
Sul web: www.piccoloteatro.org

TOP